Connect with us

In evidenza

Covid, sono 6 milioni gli italiani non vaccinati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

  Sono oltre 6 milioni gli italiani che non hanno alcuna copertura contro il Covid. E’ quanto emerge dal report del governo sui vaccini, aggiornato a questa mattina, in base al quale ad oggi ci sono 6.103.160 persone che non hanno fatto la prima dose.In termini assoluti, il numero più alto di non vaccinati è tra i 40-49 anni (1.289.003) e in quella 50-59 anni (1.097.620); in percentuale è invece tra i 12-19enni che c’è la fetta più ampia: il 20,90%, che corrisponde a 967.264 persone su una platea di 4.627.514. “Siamo ancora in una fase non facile, questa nuova ondata di Covid sta toccando molto significativamente l’Europa e anche in Italia c’è una oggettiva crescita dei nuovi contagi, anche se siamo ancora uno dei Paesi con un quadro epidemiologico migliore, e ciò grazie alla campagna di vaccinazione che è la leva primaria.Dobbiamo avere fiducia nella scienza”.

Lo ha detto il ministro della salute, Roberto Speranza, intervenendo all’Assemblea nazionale della Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa (Cna), ricordando che ieri è stata superata la soglia dei 100 milioni di dosi somministrate.”Stamani è stato superato l’88% di persone over 12 vaccinate con la prima dose e l’85% che ha completato il ciclo vaccinale, e crescono negli ultimi giorni le prime dosi: dobbiamo insistere convincendo anche gli incerti e chiamando le persone per le terze dosi, per le quali abbiamo superato i 10 milioni di richiami fatti”, ha aggiunto  Speranza, rilevando che  “è il primo punto su cui investire; poi c’è una seconda leva: le misure precauzionali e le mascherine. Se insistiamo su vaccini e comportamento possiamo provare a gestire questa ondata molto seria e consistente”.    

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Economia e Finanza

“Emendamento Pittella”: rischio fallimenti a catena e Costituzione da salvare! L’intervista all’Avv. Angelo Lucarella

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

“Senza l’abrogazione immediata della norma che ha introdotto l’inammissibilità dei ricorsi tributari, in caso di estratti di ruolo, si rischia il collasso”

Cari lettori, vi sareste mai aspettati che in Italia, culla del diritto, patria di grandi giuristi, Paese rinomato per avere la Costituzione più bella al mondo, un bel giorno il Parlamento approvasse una norma (c.d. “emendamento Pittella” poiché proposto dal parlamentare in quota PD, già europarlamentare) di divieto sostanziale ai contribuenti-cittadini italiani di ricorrere e difendersi contro i famosi ruoli erariali e relative cartelle di pagamento?

Ebbene è proprio l’art. 1 della legge 215/2021 che lo afferma; articolo entrato in vigore dal 21 dicembre scorso. Cosa è successo e cosa succede sembrerebbe al limite del concepibile.

Leggendo la norma si può scorgere già dal titolo di modifica (l’art. 3 bis inserito nel D.L. 146/2021) che è in vigore la “Non impugnabilità dell’estratto di ruolo e limiti all’impugnabilità del ruolo”.
La cosa che lascia curiosi è che si prescrive: “Il ruolo e la cartella di pagamento che si assume invalidamente notificata sono suscettibili di diretta impugnazione nei soli casi in cui il debitore che agisce in giudizio dimostri che dall’iscrizione a ruolo possa derivargli un pregiudizio per la partecipazione a una procedura di appalto”.

Proprio per chi non mastica un po’ di diritto è stato necessario farci spiegare dall’Avv. Lucarella il tutto.

“Senza l’abrogazione immediata della norma che ha introdotto l’inammissibilità dei ricorsi tributari, in caso di estratti di ruolo, si rischia il collasso”.

L’avvocato Angelo Lucarella (a sinistra), esperto di contenzioso tributario e vice coordinatore della commissione giustizia del Mistero dello sviluppo economico

Questo il commento a caldo dell’Avv. Lucarella, esperto di contenzioso tributario e vice coordinatore della commissione giustizia del Mistero dello sviluppo economico, che L’Osservatore d’Italia ha raccolto nella giornata di luned’ 24 gennaio e che ha risposto alle nostre domande.

“Avv. Lucarella, insomma, che succede da quando è in vigore questa norma derivata dal famoso emendamento Pitella?”
“Succede che i primi giudici tributari italiani (Latina e Siracusa le prime commissioni) hanno applicato retroattivamente la norma licenziata dal Parlamento. È qualcosa che rischia di innescare a ripetizione (non credo rimarranno casi isolati) sentenze di rigetto nei confronti dei contribuenti per sopravvenuta norma peggiorativa del diritto di difesa dei cittadini.
Ma la nostra Costituzione enuncia il sacrosanto diritto di difesa all’art. 24 e lo Statuto del contribuente oltre alle preleggi del codice civile non ammettono la retroattività della legge.

“Significa che deve intervenire la Corte Costituzionale secondo lei?”
“Prima deve intervenire il Governo con un decreto d’urgenza se possibile. È assurda una norma che si pone in netto contrasto anche con lo spirito di una sentenza del 2018 della Corte Costituzionale (per la precisione la n. 114) con cui già fu abrogata parte della norma che sino all’epoca vietava le opposizioni all’esecuzioni esattoriali.
Ma che Paese siamo diventati?

“Avv. ci risponde con un’altra domanda, ma può spiegare ai lettori qual è il concreto rischio di mantenere in vigore la legge di cui parla?”
“Immaginate i contribuenti, cioè piccole e medie imprese, professionisti, autonomi o lavoratori dipendenti che ritengono di essere colpiti ingiustamente da atti della pubblica amministrazione esattoriale. Come si difenderanno? A chi si rivolgeranno? Dovrebbero assumersi il rischio di un’azione inammissibile per legge finché un giudice o un collegio giudicante non sollevi la questione di incostituzionalità alla Corte Costituzionale appunto.
Ma sapete quanto costa economicamente, emotivamente, psicologicamente difendersi sapendo di andare incontro alla sconfitta per legge?
Un disastro all’orizzonte.

“Che si può fare nell’immediato?”
“Ecco. Se uno Stato priva il cittadino della speranza nella Giustizia, allora, altro che inammissibilità dei ricorsi. La gente preferirà non difendersi essendo, tra l’altro, spogliata di ogni strumento legale. Con l’effetto di probabile insolvenza e di trovarsi sopraffatti da uno Stato impagabile rispetto alla singola capacità contributiva. Insomma vogliamo chiamarli fallimenti a catena? Questo è prevedibile.

Si ma cosa auspica come intervento? Ha già proposto o fatto qualcosa?”
“Abrogazione subito. Senza se.
Ho scritto al Ministero inviando osservazioni e proposte sulla questione. Spero nella sensibilità del Ministro Cartabia che si è caricata sulle spalle il grosso fardello della riforma della Giustizia (o meglio delle Giustizie). Ci vuole tempo. Non è facile.
Ma serve anche un Manifesto che parta dal basso; soprattutto d’iniziativa delle categorie professionali che sono l’argine vero contro le storture del sistema.
Se ci fosse la ricorribilità diretta o pregiudiziale del cittadino alla Corte Costituzionale (che ho proposto anche mesi fa) saremmo già molto avanti. In Italia siamo ad un paradosso: la Costituzione più bella al mondo e leggi come queste che aborrano”.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Bitcoin, ecco lo scenario mondiale e cosa sta succedendo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Dopo aver toccato i livelli più alti nel corso dei primi giorni del mese di novembre 2021, Bitcoin sta passando un momento molto delicato, con una diminuzione che ha raggiunto anche il 40%. Un balzo all’indietro che deve essere tenuto d’occhio con grande attenzione da quanti sono soliti investire su Bitcoin con la piattaforma Plus 500 e le tante altre disponibili online.

Al giorno d’oggi, investire su Bitcoin vuol dire anche affrontare delle vere e proprie montagne russe. Tra momenti in cui si registrano picchi veramente importanti e altri in cui le battute d’arresto non fanno altro che susseguirsi, è difficile capire come orientarsi e come valutare lo scenario complessivo.

A incidere, nel corso dell’ultimo periodo, troviamo anche la sfiducia che è stata data da determinati Governi nei confronti delle valute digitali. Se prima era stata la Cina a schierarsi apertamente contro Bitcoin, ora è il turno della Russia, che non sta facendo mistero di non amare affatto la ben nota criptovaluta.

Le tensioni geopolitiche attualmente in atto sono numerose, ma ad incidere sui continui colpi di scena sul Bitcoin sono anche le decisioni che sono state prese dalle banche centrali, così come la riduzione di cui è stato oggetto il Nasdaq.

Bitcoin in calo, e le altre criptovalute?

Il momento attraversato dal Bitcoin, come dicevamo in precedenza, non è certamente dei più facili. Il calo sta toccando il 7.50% attualmente, scendendo a quota 39 mila dollari. Nel giro di una sola giornata, la valuta digitale più popolare in tutto il mondo ha lasciato per strada la bellezza di circa 4 mila dollari in termini di valore. In confronto ai picchi che erano stati toccati in quell’inizio di novembre da favola, ora il trend negativo è arrivato a toccare il 40%.

Se il Bitcoin non se la sta passando molto bene, è chiaro che gli investitori si stanno chiedendo qual è lo scenario in relazione alle altre valute digitali. Ebbene, anche per le altre criptovalute il periodo non è proprio dei migliori. Giusto per fare un esempio, Ethereum ha subito una battuta d’arresta che sfiora il 9%, scendendo a quota 2880 dollari. In base alle statistiche che sono state diffuse da parte di CoinMarketCap, la grande caduta delle due criptovalute più importanti a livello mondiale, ha tolto complessivamente qualcosa come 140 miliardi di dollari di capitalizzazione.

Tenendo come punto di riferimento i picchi che erano stati toccati nel corso dei primi giorni del mese di novembre, quando Bitcoin andrà oltre quota 67 mila dollari, sono stati persi per strada qualcosa come oltre 1000 miliardi di dollari in termini di capitalizzazione sul mercato delle valute digitali.

Le scelte della Russia

Ad aggravare la riduzione e il momento negativo si è messa anche la Russia. In modo particolare, a far discutere sono le scelte che sono state prese da parte della banca centrale del paese sovietico, che ha comunicato in via ufficiale una bozza di proposta che, a quanto pare, andrebbe a mettere un freno definitivo a scambi che riguardano qualsiasi tipo di valuta digitale. Non solo, dal momento che il divieto verrebbe esteso anche sull’estrazione delle principali criptovalute, tra l’altro sul mercato russo che è uno di quelli più importanti in riferimento all’uso di tali strumenti.

Questi nuovi regolamenti previsti dalla Banca centrale russa andrebbero, di fatto, a mettere il veto su ogni tipo di emissione, ma anche di scambio legato alle criptovalute. Quindi, in attesa di una decisione definitiva e ufficiale, si possono notare già i primi suggerimenti disposti dalla Banca centrale russa alle banche della federazione, di tenere sotto controllo e, nel caso in cui fosse necessario, mettere i bastoni tra le ruote agli acquisti di valute digitali.

Continua a leggere

Castelli Romani

Storia d’Italia, i Vigili del Fuoco e l’operazione “Shingle”: l’ANVM propone una medaglia alla bandiera del Corpo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

“I vigili del fuoco salvarono la popolazione di Sermoneta e Colleferro dalle violenze dei coloniali francesi.”

Ricorre oggi, 22 gennaio, l’anniversario dello sbarco degli Alleati nel tratto di costa tra Anzio e Nettuno, avvenuto nel 1944 e conosciuto come Operazione “Shingle”.

Molto si è scritto su questo sbarco e sulle conseguenti operazioni militari, ma nessuno ha messo in rilievo il comportamento dei Vigili del Fuoco italiani e che una “colonna mobile” sbarcò al seguito delle truppe Alleate mentre i Vigili del Fuoco sfollati da Littoria – Latina a Sermoneta salvarono la popolazione civile dalle violenze delle truppe coloniali francesi.

1944 -Vigili del Fuoco a Latina (ex Littoria)

La storia è da raccontare. In prossimità dello sbarco, le autorità del Governo Militare Alleato ebbero la falsa notizia che i servizi antincendio nei territori controllati dai tedeschi fossero inefficienti e inattivi. Fu per questo motivo che il personale del 54° Corpo Vigili del Fuoco “Napoli” costituì un reparto speciale da impiegare al seguito delle armate angloamericane. Aggregati a reparti secondari della Quinta Armata, i pompieri italiani, al comando dell’Ingegner Sinigaglia, furono imbarcati su una tipica nave da carico classe “Liberty” e, in vista dell’avanzata verso Roma, sbarcati nel Maggio del 1944 dietro le linee di combattimento.

Giunti nella Capitale scoprirono che, malgrado le difficoltà e gli automezzi requisiti dai tedeschi in ritirata, il Corpo dei Vigili del Fuoco di Roma era perfettamente in grado di soccorrere la popolazione. Fu forse per questo motivo che la colonna mobile non si fermò a Roma ma proseguì, insieme ai reparti antincendio del Genio del Corpo Italiano di Liberazione, al seguito dei reparti inglesi ed americani fino a Bologna, nel corso della “Campagna d’Italia”.

Nel frattempo, i Vigili del Fuoco della RSI, il 30 gennaio 1944 ricevettero l’ordine di evacuare Littoria, oggi Latina. Il comando provinciale si trasferì nel comune di Sermoneta.  Gli alloggi dei vigili del fuoco erano situati nei sotterranei del Castello dei Caetani. Per le condizioni poco igieniche il vigile del fuoco De Angelis Nicola contrasse una malattia e a luglio dello stesso anno morì. Un altro vigile del fuoco, Femiano Antonio mentre si recava a Sermoneta fu fatto prigioniero dai tedeschi, che stazionavano presso l’abbazia di Valvisciolo, e mandato a Cassino. Dopo 15 giorni rientrò al Reparto.

La presenza dei Vigili del Fuoco a Sermoneta e Colleferro, fece da deterrente alle violenze dei coloniali francesi. Infatti, queste truppe si abbandonarono a centinaia di stupri e saccheggi nei comuni dei Lepini come Prossedi, Maenza, Roccagorga, Sezze, Bassiano, Norma e Cori. Un solo caso accertato di stupro fu registrato a Sermoneta, grazie alla presenza del Comando Provinciale dei Vigili del fuoco che stazionò a Sermoneta dal 30 gennaio 1944 alla fine di giugno 1944. Anche nel paese di Colleferro, la presenza dei Vigili del Fuoco salvò la popolazione.

L’Associazione Nazionale Vittime delle MarocchinateANVM, che da anni effettua ricerche storiche sulle violenze perpetrate dai magrebini inquadrati nell’Esercito Francese, lancia un appello affinché alla Bandiera del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco sia concessa una onorificenza per l’attività svolta in guerra dal suo personale.

Continua a leggere

I più letti