Connect with us

Salute

Covid, tasso di positività cala al 14,4%. Brusaferro: “La curva epidemica si è appiattita”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

In Italia ci sono 74.350 nuovi casi di coronavirus a fronte di 514.823 tamponi processati (mentre il giorno prima l’incremento era stato di 73.195 contagi con 486.813 test).

 Nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 154 decessi (contro i 159 di giovedì). Il tasso di positività si attesta al 14,4%, in calo rispetto al 15% del giorno precedente. In terapia intensiva ci sono 476 pazienti (+8) mentre nei reparti ordinari i ricoveri salgono a 9.981 (+83). I guariti sono 82.443.

I dati

 I ricoverati con sintomi, secondo il bollettino quotidiano del ministero della Salute, sono 9.981. Gli ingressi del giorno in terapia intensiva sono 47. In isolamento domiciliare ci sono 1.261.030 persone mentre gli attualmente positivi nel nostro Paese 1.271.487. I casi totali, dall’inizio dell’emergenza, salgono a 14.719.394. 

Brusaferro: “Curva epidemica appiattita”  

“Nell’ultimo periodo la curva epidemica si è appiattita, un dato confermato dall’incidenza in lieve calo. Lo scenario europeo conferma il trend, anche se in alcuni Paesi c’è ancora una crescita, in altri si iniziano a vedere delle decrescite”. Lo dice Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità. “Nelle fasce di età più giovani c’è un decremento dei nuovi casi, mentre in quelle più avanzate c’è ancora un lieve incremento”, afferma.

“Epidemia in evoluzione”

 L’epidemia di Covid, comunque, “è in evoluzione: la trasmissibilità continua a essere al di sopra della soglia epidemica ma si osserva una stabilizzazione dell’incidenza, e c’è un aumento dei ricoveri in area medica e terapia intensiva. Si raccomanda dunque di continuare a rispettare rigorosamente le misure comportamentali”, ha aggiunto Brusaferro.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Salute

Covid, variante Arturo: nessun allarme in Italia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

C’è una nuova variante COVID-19 che preoccupa l’Italia. Gli esperti l’hanno già battezzata Arturo (Arcturus), come la gigante rossa che è la stella più luminosa della costellazione del Boote, la quarta più brillante del cielo. E’ XBB.1.16, l’ultima variante ricombinante di Omicron.

I riflettori si sono accesi su di lei perché il nuovo picco di Covid che si sta registrando in India potrebbe essere imputabile alla sua presenza significativa rilevata. Il pediatra Vipin M. Vashishtha, ex coordinatore dell’Accademia indiana di pediatria e componente dell’iniziativa Vaccine Safety Net (Vsn) dell’Organizzazione mondiale della sanità, segnala in un tweet il primo caso intercettato in Cina e spiega che al momento il sottolignaggio è stato rilevato in 17 Paesi, compreso Canada e Singapore, per un totale di 474 isolamenti.

Per l’esperto va tenuta d’occhio la situazione indiana, per capire se questo mutante riesce a superare l’immunità di una popolazione che ha affrontato diverse varianti, da Centaurus a Kraken. L’attenzione nel Paese è alta dopo che per la prima volta nel 2023 si è arrivati a superare quota 1.100 casi giornalieri, anche se il trend di ricoveri e mortalità al momento non risulterebbe preoccupante secondo alcuni esperti locali.

Per quanto riguarda Arturo, il rapporto britannico spiega che “è un lignaggio con 3 mutazioni aggiuntive della Spike, trovato sia nel Regno Unito che a livello internazionale”, pur essendo “il numero totale di campioni” ancora basso. L’Oms ancora non cita XBB.1.16, almeno negli ultimi due aggiornamenti settimanali, ma segnala in generale l’elevato peso dei ricombinanti Omicron e della famiglia XBB, così come una quota crescente di sottolignaggi non assegnati. Per l’Italia quindi, al momento, nessun allarme.

Continua a leggere

Gallery

Droni per trasportare i campioni di sangue per le analisi: successo per il primo test di volo in Italia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Utilizzare i droni per superare le difficoltà logistiche del trasporto di campioni biologici nei laboratori analisi da oggi è una soluzione possibile

Pronti per un futuro in cui provette di sangue e altri campioni non testati dai punti prelievo raggiungono i centri di analisi consentendo a tutti i pazienti di qualunque località, anche remota, di usufruire dalla capacità analitica di grandi laboratori all’avanguardia.

Lunedì 27 febbraio, Cerba HealthCare Italia, realtà italiana impegnata nella diagnostica ambulatoriale e nelle analisi cliniche con 400 sedi sul territorio nazionale ha svolto i primi test sperimentali di mobilità aerea avanzata che hanno interessato varie sedi della struttura sanitaria nell’area della Città metropolitana di Milano, in particolare i centri prelievo Cerba HealthCare Italia di Opera e Rozzano.

I voli sono stati operati dalla società Nimbus che ha progettato e costruito il drone e il sistema di contenimento dei campioni, con la supervisione di D-Flight, la società del Gruppo ENAV che eroga i servizi per la gestione del traffico dei droni, e di ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile).

«Si tratta del primo trasporto aereo di campioni di sangue ancora da analizzare che viene testato in Italia tramite drone – spiega Michele De Chirico, Chief Operation Officer di Cerba HealthCare Italia – Siamo entusiasti dell’esito positivo dei test di oggi: il trasporto di materiali annoverati tra quelli “pericolosi – dangerous goods” dimostra la possibilità di avvicinare il paziente ad un servizio tempestivo e capillare. L’aspetto davvero innovativo del progetto è la possibilità di unire un Servizio Sanitario di Prossimità facilmente raggiungibile dal paziente, alla qualità clinica garantita dall’esecuzione delle analisi presso una grande piattaforma di laboratorio. Si tratta di accorciare i tempi tra l’esecuzione del prelievo e l’esito delle analisi, ma non solo, anche di migliorare l’assistenza ai pazienti in ambiti più remoti e meno facilmente raggiungibili con i mezzi di logistica tradizionali. È stato scelto di compiere il volo in modalità “BVLOS”, senza contatto visivo del pilota con il drone, rendendo l’esperimento quanto il più vicino possibile alle condizioni reali che caratterizzeranno questi voli in futuro. Il risultato dei test di oggi ci spinge a proseguire sulla strada dell’innovazione». Cerba HealthCare Italia punta infatti a portare, nei prossimi anni, questa possibilità su tutto il territorio nazionale diventando punto di riferimento per le comunità territoriali del Paese.

Approfondimento:

I voli si sono svolti nella giornata di lunedì 27 febbraio, in modalità automatica, con decollo e atterraggio in area recintata controllata (3×3 metri). Sono stati operati dalla società Nimbus con la supervisione di D-Flight, la società del Gruppo ENAV che eroga i servizi per la gestione del traffico dei droni. In virtù della complessità dei test, è stata coinvolta ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) per seguire la standardizzazione del sistema di contenimento dei dangerous goods.

Il drone (un esarotore con paracadute balistico, doppio canale di comunicazione e sistema di terminazione del volo verificato da EASA), che con il suo carico pesava circa 25 kg, è stato operato da un pilota in remoto. Proprio per rendere la sperimentazione ancora più realistica, sono state sviluppate procedure ad hoc per la gestione dei dangerous goods.

L’aeromobile si è alzato in volo e ha terminato l’operazione senza intoppi per i campioni da analizzare che hanno viaggiato in un box appositamente progettato e certificato a seguito di numerosi drop test. Le analisi eseguite all’arrivo hanno certificato l’integrità biologica dei campioni. Sono state adottate tutte le misure di sicurezza con il drone che si conferma quindi un alleato prezioso, nonché una soluzione sostenibile full electric, per evitare ritardi e impedimenti connessi al traffico cittadino su percorsi lunghi o particolarmente congestionati.

Cerba HealthCare Italia – Parte di un gruppo internazionale dedicato alla diagnostica ambulatoriale e alle analisi cliniche presente in 16 nazioni, Cerba HealthCare Italia è specializzata nei settori dei laboratori analisi, medicina dello sport, medicina del lavoro, radiologia, poliambulatori e service lab. Nel nostro Paese è presente in 16 regioni, più di 400 tra centri medici e di prelievo, 23 laboratori. Ogni anno esegue più di 25 milioni di esami e offre i suoi servizi a oltre 6 milioni di pazienti.

Continua a leggere

Cronaca

Sclerosi Multipla, a Cerveteri torna Aism con “Bentornata Gardensia”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print

Sabato 4 marzo punto solidale di raccolta fondi in Piazza Aldo Moro. Con una pianta di Gardenia o di Ortensia, oppure entrambe, sarà possibile sostenere le attività di Ricerca Scientifica sulla Sclerosi Multipla
 
 
Sabato 4 marzo in Piazza Aldo Moro a Cerveteri torna il tradizionale appuntamento con la solidarietà. AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla sarà presente con il proprio punto solidale con l’iniziativa “Bentornata Gardensia – Fermiamo la sclerosi multipla con un fiore, anzi due”, per raccogliere fondi a sostegno delle attività di Ricerca Scientifica sulla Sclerosi Multipla, una malattia che ad oggi, ancora non ha una cura.
 
Acquistando una pianta di Gardenia o di Ortensia, si potrà dare il proprio importante sostegno ad Aism, realtà che da oltre mezzo secolo rappresenta uno dei punti di riferimento a livello europeo nell’attività di raccolta fondi sulla Ricerca Scientifica. Presente al punto solidale, Adele Prosperi, volontaria storica di Aism e Consigliera comunale di Cerveteri.
 
“Come ogni anno, da Volontaria e da rappresentante delle Istituzioni sono felice di tornare in piazza con ‘Bentornata Gardensia’, un’iniziativa di raccolta fondi alla quale ogni anno la nostra città risponde con affetto, generosità e straordinaria sensibilità – ha dichiarato Adele Prosperi, Consigliera comunale di Cerveteri e Delegata alla promozione di attività a sostegno delle associazioni che promuovono la Ricerca Scientifica – così come accade con la campagna del Natale e con quella delle Erbe Aromatiche, tutte le iniziative di Aism a Cerveteri raccolgono sempre una cifra importantissima, a testimonianza di quanto la tematica sia sentita e a cuore di cittadini e commercianti che sempre sostengono queste iniziative”.
 
“Doppia la scelta che i cittadini troveranno al nostro punto solidale – prosegue Adele Prosperi – potranno scegliere se acquistare una Gardenia oppure un’Ortensia, o meglio ancora entrambe. Entrambe le piante sono bellissime, colorate ma soprattutto fondamentali per continuare a dare forza a tutte le attività di quei medici e ricercatori che ogni giorno lavorano e studiano per trovare finalmente una cura alla Sclerosi Multipla. Come sempre, al termine dell’iniziativa sui social e su tutti gli organi di stampa locale, sarà pubblicato il bonifico attestante la cifra raccolta e devoluta ad Aism”.
 
“Concludo rinnovando un appello a tutti i cittadini – dichiara la Delegata Prosperi – chi può, chi se la sente, chi ne ha la possibilità, sostenga la ricerca e le attività a loro sostegno. È importantissimo. Lo meritano i nostri ricercatori, vere eccellenze nel mondo, ne hanno bisogno tantissime persone”.
 
La manifestazione “Bentornata Gardensia” si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. I fondi raccolti con l’iniziativa andranno a sostenere la ricerca scientifica e permetteranno ad AISM di garantire le risposte di cura, di assistenza e di supporto per le persone con Sclerosi Multipla sul territorio, ora più che mai fondamentali.
 
La sclerosi multipla è una malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale. Può esordire ad ogni età della vita, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni. Nel mondo le persone con Sclerosi Multipla sono circa 2,8 milioni, di cui 1.200.000 in Europa e circa 133.000 in Italia. Il numero di donne con sclerosi multipla è quasi triplo rispetto agli uomini.
 
 



Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti