Connect with us

Politica

Crisi di Governo, si vota in Senato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Forza Italia dice no all’ipotesi di un accordo con Matteo Salvini che comporti una lista elettorale unica e nel vertice a Palazzo Grazioli con Berlusconi boccia una possibile intesa che cancelli dal voto il simbolo di Fi. “Il coordinamento di presidenza di Forza Italia – sottolinea una nota degli azzurri – in relazione all’ipotesi di un listone di centrodestra, si dichiara radicalmente contrario a questa ipotesi. Forza Italia, pur auspicando un accordo di coalizione con gli altri partiti di centro-destra, non è disposta a rinunciare alla propria storia, al proprio simbolo e alle proprie liste in vista delle prossime elezioni Politiche”.

Parole alle quali Matteo Salvini per il momento non replica in maniera ufficiale, anche se l’aver fatto saltare l’incontro con Berlusconi è già una risposta. Ma il vicepremier e ministro dell’Interno, dopo aver passato la mattinata al Viminale e ribadito la chiusura dei porti alle navi delle Ong con 500 migranti a bordo, deve sciogliere anche un altro nodo: decidere se ritirare o meno i sette ministri leghisti dal governo, una mossa che nelle sue intenzioni dovrebbe imprimere un’ulteriore accelerazione alla crisi, anche se il premier Conte sembrerebbe intenzionato a presentarsi comunque in Senato il 20. E’ probabile che la decisione di Salvini arriverà dopo il voto dell’Aula del Senato.

L’altra partita che si sta giocando è quella che ruota attorno all’ipotesi di un governo Pd-M5s

Una “truffa” e una “vergogna” secondo il vicepremier leghista. Il presidente dei Dem Paolo Gentiloni ha convocato per il 21 agosto la direzione del partito, proprio a ridosso delle decisioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che in quei giorni potrebbe iniziare le consultazioni per il nuovo esecutivo.

Che potrebbe essere un ‘governo di transizione’ per mettere in salvo i conti pubblici ed evitare l’aumento dell’Iva, come ha proposto Matteo Renzi che è tornato ad attaccare il premier Conte – “in questo anno è stato sostanzialmente inesistente” – o un ‘governo politico e di legislatura’, come avanzato da Goffredo Bettini. Proposta che Renzi non boccia – “non mi impicco a formule” – e che Franceschini appoggia. “Bettini indica un percorso difficile ma intelligente che credo valga la pena provare a percorrere.

Sarà pieno di insidie e potremo provarci solo con un patto interno al Pd: lavorare tutti come una squadra, unita intorno al segretario”. Zingaretti che non prende posizione ma torna a chiedere unità. “Il governo ha fallito. Ora è il momento della battaglia politica. E’ il momento dell’unità e dell’allargamento delle forze per farci trovare pronti ad ogni evenienza”.

E i cinquestelle?

Al momento la priorità di Luigi di Maio è portare a casa il taglio dei parlamentari prima del voto di sfiducia a Conte, “nella consapevolezza di stare dalla parte giusta della storia”. Oggi il leader dei cinquestelle è tornato alla carica annunciando di aver formalizzato la richiesta di anticipazione della discussione della legge per il taglio del numero dei parlamentari, poi si è spostato a palazzo Chigi per continuare a lavorare e poi è partito per Genova, tenendosi costantemente in contatto con sia con Beppe Grillo sia il presidente della Camera Roberto Fico.

Commenti

Politica

Regionali, Bonaccini verso la vittoria: crolla il M5s

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Stefano Bonaccini verso la vittoria su Lucia Borgonzoni nella corsa per la presidenza dell’Emilia Romagna, una sfida che ha assunto significati politici nazionali.

La seconda proiezione Rai dà il governatore Pd uscente, sostenuto dal centrosinistra, al 48,6%, la sua rivale leghista con il centrodestra al 45,5 per cento. Un distacco di tre punti che resta costante mentre procede lo spoglio delle schede e che porta sia Matteo Salvini che Giorgia Meloni ad intravedere la sconfitta. “Salvini ha perso, il governo esce rafforzato”, esulta Nicola Zingaretti. Ma l’implosione di M5S – con Simone Benini al 4% in Emilia Romagna – preoccupa l’alleanza a quattro che regge l’esecutivo.

Partita invece ampiamente chiusa a favore di Jole Santelli in Calabria: la candidata di Forza Italia per il centrodestra secondo l’ultima proiezione trionfa con il 50,9% e diventa la prima governatrice donna della regione. Pippo Callipo per il centrosinistra si ferma al 31,3%, Carlo Tansi (lista civica) registra il 10,6% e precede Francesco Aiello (M5S) al 7,2%. “Jole emblema del riscatto”, assicura Silvio Berlusconi, mentre la prossima presidente promette “una regione diversa”.

Gli occhi erano tutti sull’Emilia Romagna, che ha sorpreso per il boom dell’affluenza al (67,7%), di 30 punti superiore rispetto al 2014 (37,6%) e analoga a quella delle europee 2018

Continua a leggere

In evidenza

Regionali, raddoppiano i votanti in Emilia Romagna rispetto il 2014

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Raddoppiano le persone che si sono recate al voto in Emilia Romagna per le elezioni del Presidente e dell’Assemblea legislativa rispetto la precedente tornata elettorale del 2014, mentre in Calabria il dato di affluenza è pressoché simile a quello delle precedenti regionali.

Così alle 19 il dato registrato dal Ministero dell’Interno è del 58,82% di votanti per l’Emilia Romagna, rispetto il 30,89% delle scorse elezioni mentre in Calabria si è registrato un 35,52% contro il 34,80% della precedente tornata.

Continua a leggere

Politica

Elezioni regionali, Astorre (Pd) e Ciocchetti (FdI) fanno il punto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

In totale saranno otto le regioni chiamate alle urne: Emilia Romagna, Calabria, Veneto, Campania, Toscana, Liguria, Marche e Puglia.

Come avvenuto già per le regionali del 2019, non ci sarà però una data unica.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE L’INTERVISTA

La video intervista al Senatore Bruno Astorre Segretario del Pd Lazio e all’Onorevole Luciano Ciocchetti rappresentante di Fratelli d’Italia

In Emilia Romagna si voterà infatti il 26 gennaio, con anche la Calabria che alla fine si è unita per una sorta di election day.

Nelle altre sei regioni invece le elezioni ci saranno nella tarda primavera insieme al primo turno delle amministrative

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 23/01/2020

In totale in Emilia Romagna saranno sette i candidati in corsa

Il governatore uscente Stefano Bonaccini è nuovamente il candidato del centrosinistra, con i 5 Stelle che ci saranno e correranno per conto proprio puntando su Simone Benini. Il centrodestra invece ha scelto di puntare sulla senatrice leghista Lucia Borgonzoni.

In Calabria saranno quattro i candidati in corsa. Alla fine il governatore uscente Mario Oliverio non si è ripresentato, ricompattando così il centrosinistra con il PD che ha deciso di appoggiare l’imprenditore Pippo Callipo mentre la scelta del Movimento 5 Stelle è ricaduta sul docente universitario Francesco Aiello.

Nel centrodestra la scelta di Forza Italia di candidare la deputata Jole Santelli ha indispettito Mario Occhiuto, con il sindaco di Cosenza che dopo un appello di Silvio Berlusconi ha rinunciato a correre per conto proprio.

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it