Connect with us

Esteri

CUBA, BAGNO DI FOLLA PER IL PAPA. STRACOLMA PLAZA DE LA REVOLUCION

Clicca e condividi l'articolo

Bergoglio: "Lontano da ogni tipo di elitarismo, l'orizzonte di Gesu' non e' per pochi privilegiati"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Cuba – Dire bagno di folla è poco. Una folla stratosferica ha accolto Papa Francesco nella Plaza de la Revolucion, "Jose' Marti'", dove celebrera' la messa domenicale. Gia' in precedenza avevano presieduto le adunanze Eucaristiche Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Sui palazzi che limitano la piazza ci sono i volti di Che Guevara, Fidel, e una gigantografia del Signore misericordioso. Alle spalle dell'altare un manifesto raffigura Madre Teresa di Calcutta, la madre dei poveri e degli ultimi. La Piazza e' un luogo fortemente simbolico del Paese, e' stata teatro di grandi adunanze, e puo' contenere circa 600 mila persone. Jose' Marti', padre dell'indipendenza cubana, e' stato anche un grande poeta oltre che militante contro l'occupazione spagnola di Cuba. Qui Fidel diede al popolo cubano la notizia dell'uccisione del Che da parte dei militari della giunta di La Paz, che si erano fatti sicari della Cia in Bolivia l'8 ottobre 1967 (ma il corpo fu mostrato solo il giorno dopo, e l'immagine ricorda il Cristo del Mantegna).

"Lontano da ogni tipo di elitarismo, l'orizzonte di Gesu' non e' per pochi privilegiati". Papa Francesco lo ha voluto ricordare nella Plaza de la Revolucion. Alla domanda "Chi e' il piu' importante?" che i discepoli si rivolgevano nella liturgia di oggi, quella di Gesu' e' "una risposta semplice: 'se uno vuole essere il primo, sia l'ultimo di tutti e il servitore di tutti". Ma attenzione, ha ammonito il Pontefice "dobbiamo guardarci, dalla tentazione del 'servizio' che 'si serve'". "Esiste – infatti – una forma di esercizio del servizio che ha come interesse il beneficiare i 'miei', in nome del 'nostro'. Questo servizio lascia sempre fuori i "tuoi", generando una dinamica di esclusione. "La vita autentica – ha spiegato alla folla immensa dei fedeli – si vive nell'impegno concreto con il prossimo. Cosi' "Gesu' sconvolge la logica" dei discepoli di allora che "e' anche la nostra" di oggi.

Quello di Cuba, ha aggiunto il Pontefice, "e' un popolo che ha delle ferite, come ogni popolo, ma che sa stare con le braccia aperte, che cammina con speranza, perche' la sua vocazione e' di grandezza".

Riconciliazione con Usa sia da esempio al mondo – "Credo che oggi il mondo sia assetato di pace": Papa Francesco ha negli occhi "le guerre, i migranti, l'ondata migratoria di persone che fuggono dalle guerre, che fuggono dalla morte" mentre in aereo arriva a Cuba.

Prima di partire ha incontrato la famiglia dei profughi siriani ospiti nella parrocchia sant'Anna in Vaticano si e' "emozionato tanto: si vedeva il dolore nei loro volti", confida ai giornalisti. E "giustizia, pace, liberta' e riconciliazione" chiede al suo arrivo in risposta al benvenuto di Raul Castro, indicando questi valori come cardini di un futuro migliore per l'intero popolo cubano, ripetendo nel primo discorso del viaggio "l'ardente appello" che nel 1998 concluse quello di San Giovanni Paolo II, affinche' "Cuba si apra con tutte le sue magnifiche possibilita' al mondo e il mondo si apra a Cuba". Il Papa ha citato anche il padre dell'indipendenza cubana, Jose' Marti', per spiegare con le sue parole che la vittoria che la Santa Sede auspica per Cuba e' "sul sistema, morto per sempre, di dinastia e di gruppo". L'auspicio di Francesco e' che si realizzi un superamento delle chiusure di ogni tipo che penalizzano i cubani: quelle ideologiche e di apparato che hanno a lungo caratterizzato il regime comunista, e quelle economiche (ed ugualmente ideologiche) imposte dall'esterno con l'embargo.

"Abbiamo apprezzato il suo sostegno al dialogo tra gli Stati Uniti e Cuba", gli ha detto Raul Castro sottolinenando che "il ripristino delle relazioni diplomatiche è stato un primo passo nel processo verso la normalizzazione dei rapporti tra i due paesi che richiederanno la risoluzione dei problemi e riparazione delle ingiustizie". "L'ambargo – ha scandito – ha causato danni umani e le difficolta' per le famiglie cubane: e' crudele , immorale e illegale. E' necessario rimuoverlo".
  "Il territorio usurpato della Base Navale di Guantanamo deve essere restituito a Cuba", ha cntinuato il presidente, elencando le questioni aperte con gli Stati Uniti, a cominciare dall'embargo. "Queste giuste esigenze – ha spiegato – sono condivise dal popolo e la stragrande maggioranza dei governi del mondo".
  Da parte sua Francesco ha espresso, in risposta a Raul, "sentimenti di speciale considerazione e rispetto" per Fidel Castro da Papa Francesco, come primo atto della visita iniziata oggi. Il saluto al "lider maximo" affidato al presidente, chiedendo di trasmettere "a Suo fratello Fidel" questo attestato di stima. "Vorrei inoltre – ha aggiunto – che il mio saluto giungesse in modo particolare a tutte quelle persone che, per diversi motivi, non potro' incontrare e a tutti i cubani dispersi nel mondo". Quindi ha confidato la sua speranza che la distensione che ha contribuito ad avviare tra Cuba e gli Stati Uniti sia contagiosa. "Il mondo necessita di riconciliazione", ha detto ancora evocando la prospettiva di una terza guerra mondiale a pezzi". "Questo viaggio apostolico – ha poi ricordato il Papa – coincide con il primo Centenario della proclamazione della Vergine della Carita' del Cobre a patrona dell'Isola". E da quel momento la Vergine "ha accompagnato la storia del popolo cubano, sostenendo la speranza che custodisce la dignita' delle persone nelle situazioni piu' difficili e difendendo la promozione di tutto cio' che conferisce dignita' all'essere umano". "In questi giorni – ha concluso – avro' l'occasione di recarmi al Santuario del Cobre come figlio e pellegrino, a pregare nostra Madre per tutti i suoi figli cubani e per questa amata Nazione, perche' segua l'esempio dei veterani della guerra d'indipendenza, che "mossi da sentimenti di fede e di patriottismo, chiesero che la Vergine mambisa fosse la patrona di Cuba come Nazione libera e sovrana". L'accoglienza riservata a Francesco dai cubani e' stata straordinaria: decine di migliaia di persone affollavano i bordo dell'autostrada, lunga 18 chilometri che separa l'aeroporto internazionale "Jose' Marti'" dal centro dell'Avana. La fola saluta Francesco sventolando fazzoletti. Il Papa, in piedi, rispondeva con gesti della mano destra, tenendosi con l'altra al sedile. Il vento gli aveva tolto nuovamente la papalina bianca. Mano mano che la vettura si avvicinava al centro, aumentava considerevolmente la gente che se prima rappresentava una fila ininterrotta alla fine era una folla immensa che si assiepa. Papa Francesco sorrideva evidentemente impressionato dal numero dei cubani che e' in strada per salutarlo.

 

Esteri

Salvaguardia dell’ambiente e interdipendenza al centro della Biennale di Helsinki

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dal 12 giugno al 26 settembre 2021

 “The Same Sea” (”Lo stesso mare”) è il tema della prima Biennale di Helsinki, in programma (pandemia permettendo) dal 12 giugno al 26 settembre 2021 a Vallisaari, un’isola al largo di Helsinki nel Mar Baltico. Un progetto che trae spunto proprio dall’ambiente naturale che ospiterà l’evento per proporre ai visitatori una riflessione sulla salvaguardia dell’ambiente e sull’interdipendenza.

L’edizione della Biennale di Helsinki, rinviata lo scorso anno a causa della pandemia, riusnisce 40 artisti finlandesi e stranieri e presenta, per oltre il 75%, nuove commissioni e opere “site-specific” create appositamente per essere inserite all’interno del meraviglioso contesto marittimo che le accoglie. I curatori Pirkko Siitari e Taru Tappola, curatori del Museo d’Arte di Helsinki (HAM), invitano a un dialogo tra artisti e collettivi provenienti da Finlandia, Australia, Cambogia, Germania, India, Giappone, Kenya, Lettonia, Polonia, Corea del Sud, Tailandia, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.  Mario Rizzi è l’artista italiano che rappresenta il nostro Paese.

Accogliendo sia i cittadini finlandesi che i visitatori provenienti da ogni parte del mondo, questo importante momento della traiettoria culturale di Helsinki afferma la sua posizione di capitale artistica e culturale: “Arte e cultura costituiscono una parte essenziale della storia di Helsinki. Riconosciamo come l’investimento nelle arti contribuisca positivamente allo sviluppo della città, ma anche direttamente al benessere dei nostri cittadini. La Biennale di Helsinki, aperta gratuitamente a tutti, provocherà e ispirerà il pubblico, affrontando importanti tematiche globali. Inoltre, la sua collocazione su un’isola conferirà all’esposizione un’allure unica di continuo scambio fra l’arte e la natura circostante“, commenta il sindaco di Helsinki, Jan Vapaavuori.

Le nuove commissioni abbracciano temi diversi che vanno dalle relazioni, alla natura, ai confini, alle identità, alle tracce umane, al tempo e all’empatia. Come manifestazione fisica dell’interconnessione, la grande costruzione in legno Quay 6 di Jaakko Niemelä accoglie i visitatori che sbarcano al molo nord di Vallisaari. Facendo riferimento allo scioglimento della calotta glaciale settentrionale della Groenlandia, la costruzione raggiunge i sei metri di altezza, rispecchiando l’innalzamento del livello del mare nel caso in cui il ghiacciaio dovesse scomparire completamente.

Christine e Margaret Wertheim portano il loro progetto Crochet Coral Reef a Helsinki, The Helsinki Satellite Reef, uno dei più grandi progetti scientifici e artistici partecipativi al mondo. Realizzata in plastica riciclata, compresi i sacchetti di plastica in disuso, la barriera corallina fatta a mano viene creata con gli abitanti di Helsinki, richiamando l’attenzione sugli ammassi di rifiuti in plastica che minacciano gli oceani.

Anche altre commissioni hanno coinvolto le comunità locali di Helsinki, come la collaborazione fra Paweł Althamer e la vicina Suomenlinna Open Prison for Seven Prisoners; un documentario in due parti e un film VR che invita gli spettatori a unirsi a sette detenuti (tra cui lo stesso Althamer) per una fuga dalla prigione, attraverso acque aperte e paesaggi mutevoli.

Attraverso l’uso di materiali riciclati, il Faro di Vallisaari di Tadashi Kawamata diventa un punto di riferimento temporaneo costituito da materiale trovato su Vallisaari. Situato in cima ad un vano ascensore simile a un bunker e innalzato fino a raggiungere diversi metri di altezza, il faro può essere visto da vari punti di osservazione in mare, dalla vicina isola di Suomenlinna e dal lungomare di Helsinki. Anche l’opera di Marja Kanervo attinge alle infrastrutture esistenti sull’isola. Lavorando in loco su tre piani del blocco A della Pilot House, gli interventi di Kanervo – forme e segni impressi nello spazio – si fondono con le tracce degli ex residenti, in bilico tra vita reale e finzione.

Posizionata all’esterno della Alexander Battery – una delle principali sedi della biennale – la scultura in grande scala di Laura Könönen rappresenta un’esplosione di frammenti di roccia rotti. L’opera, che appare come se le strutture fossero a un certo punto un solido completo, ci costringe a rivisitare le nostre idee di stabilità e permanenza. La scultura fa parte dell’opera più grande No Heaven up in the Sky, che sarà esposta in modo permanente nel parco Hyväntoivonpuisto di Helsinki dopo il 2020. Il grande dipinto in situ di Katharina Grosse maschera le pareti esterne dell’ex edificio scolastico di Vallisaari, convergente con il paesaggio circostante. Più che un dipinto convenzionale, il risultato del processo pittorico di Grosse è più simile a una scultura che emerge da una posizione geografica.

Facendo eco all’impegno della Biennale di Helsinki di ispirare il dibattito pubblico sul rapporto tra umanità e natura, l’Unità di ricerca BIOS istituirà la Stazione di ricerca di Vallisaari all’interno dell’ex deposito antincendio dell’isola. Ospitando seminari e conferenze di scienziati in visita durante tutta la biennale, il progetto del BIOS si concentra in particolare sulla connessione perduta e spezzata tra l’ambiente e l’economia.

Unendo l’isola marittima alla città, la Biennale di Helsinki estende la sua presenza anche alla terraferma; le opere di EGS, Janet Echelman, Janet Echelman, Rirkrit Tiravanija & Antto Melasniemi e Zodiak, oltre a una mostra personale di Gustafsson&Haapoja all’HAM (3 aprile-16 agosto 2020), saranno integrate da una speciale collaborazione con il Dipartimento d’Arte di Facebook. Inoltre, per tutta l’estate un programma di mostre, eventi, workshop e attività didattiche si concretizzerà nell’Helsinki Biennial Inspired.

Presenza italiana

Mario Rizzi (1962), artista audiovisuale e multimediale, pugliese che vive a Berlino, affronta ampi fenomeni sociali attraverso i ricordi collettivi e le storie individuali di emarginati sociali, spesso dimenticati o non raccontati. I film dell’artista sono ritratti umani di persone che sono lasciate fuori dallo sguardo occidentale.

Marco Rizzi

La guerra in Bosnia nei primi anni ’90 fu il primo contatto di Mario Rizzi (1962) con la cultura islamica. Si interessò alle persone che venivano facilmente raggruppate in un unico gruppo uniforme e percepite come estranee in relazione alla cultura occidentale. Per vent’anni, Rizzi ha interpretato il mondo islamico e la sua trasformazione. I suoi film hanno affrontato i movimenti politici emersi in Medio Oriente e Nord Africa nel 2010. Negli ultimi quindici anni, ha vissuto a lungo in Turchia seguendo il suo cambiamento sociale. Rizzi affronta temi di migrazione, nozioni di confine, questioni di identità e appartenenza per ritrarre ampi fenomeni sociali.. Come artista e regista, Rizzi interpreta le persone con un approccio umano. La vera connessione è al centro di ciò che fa, e ha trascorso molto tempo con i suoi soggetti, nelle loro case, nei campi profughi o ovunque vivano. La trilogia cinematografica di Rizzi BAYT è stata ispirata dalle memorie di Anthony Shadid (1968-2012) House of Stone, dove medita sull’esilio e sul desiderio universale di casa, che è ritenuto sacro in Medio Oriente. Nel primo film, Al Intithar (The Waiting), la casa è ridotta a una tenda in un campo profughi nel mezzo di un deserto giordano. Il film segue sette settimane nella vita della sua protagonista principale, Ekhlas, una donna instancabile che è fuggita dalla guerra siriana insieme ai suoi tre figli. Le tragiche ramificazioni della guerra si fanno sentire profondamente nella vita quotidiana della famiglia di rifugiati.

La prima parte della trilogia sarà proiettata nel blocco D della Pilot House sull’isola di Vallisaari.

HAM ospiterà le proiezioni dell’intera trilogia di Rizzi (2013-2019): Al Intithar / The Waiting (2013), Kauther (2014) e The Little Lantern (2019).

Vedi: rizziart.com

Maija Tanninen-Mattila, è direttrice della Biennale di Helsinki dal 2013

Pirkko Siitari è la responsabile delle mostre alla HAM, Taru Tappola, è curatrice della Biennale di Helsinki 2020. La Biennale di Helsinki è sostenuta dalla Città di Helsinki e dalla Fondazione Jane e Aatos Erkko.

https://helsinkibiennaali.fi/en/

Tutti gli eventi qui: event calendar

Instagram, Facebook e Twitter: @helsinkibiennial

Continua a leggere

Esteri

Inghilterra, 12 morti a causa variante indiana nonostante doppia dose del vaccino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

42 sono le persone morte in Inghilterra, fino ad oggi, a causa della variante Delta del Covid-19 meglio nota come variante indiana. Di queste persone 12 avevano ricevuto la doppia dose di vaccino da almeno 14 giorni. Quanto agli altri, 23 non erano vaccinati e sette avevano ricevuto la prima dose da almeno 21 giorni.

I dati sono pubblicati da Public Health England (Phe) citati dal Guardian, che conferma anche che il 90% dei nuovi casi in Inghilterra sia dovuto alla mutazione Delta, che mostra un tasso di diffusione più elevato del 60% in ambito familiare rispetto alla variante Alfa. 

Continua a leggere

Cronaca

Chico Forti ancora aspetta l’estradizione: “Stremato”. Intervenga la ministra Cartabia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una vergogna l’attesa cui è ancora costretto un uomo che da oltre 20 anni è detenuto in carcere in America ingiustamente. A Natale sembrava cosa fatta, ma sono passati sei mesi e ancora nulla è successo. Psicologicamente è stremato e in attesa ogni giorno che si sblocchi l’iter”. E’ un nuovo appello al governo italiano quello lanciato da Gianni Forti, zio del produttore televisivo che da oltre 20 anni è detenuto negli Stati Uniti, condannato all’ergastolo per un omicidio al quale si è sempre dichiarato estraneo.

“L’ultima mail di Chico Forti è della settimana scorsa: si trova ancora in un carcere statale della Florida. Per l’estradizione in Italia deve essere prima trasferito in una prigione federale dal Dipartimento di giustizia americano” – spiega lo zio, che poi continua: “Se il governo italiano non sollecita gli americani, loro di certo non si fanno prendere dalla fretta”.

“La Farnesina – dice – ha fatto il suo lavoro, ora deve farlo il ministero della Giustizia. Se la prima lettera alle autorità americane non ha avuto risposta, spero che la ministra Cartabia ne invii un’altra. Ormai le mail di Chico arrivano a singhiozzo. Nell’ultima, a parte cose personali, ha scritto che ha piena fiducia che le istituzioni italiane accorceranno il più possibile la sua attesa. Ma si capisce che è una situazione atroce”.

Continua a leggere

I più letti