Connect with us

Calcio

Cynthialbalonga (calcio), la gioia di Barbarossa: “Che emozione il primo gol in serie D”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Genzano (Rm) – La Cynthialbalonga si è subito (ri)fermata. Dopo il bel successo esterno contro il Real Giulianova (2-0 con la squadra che è stata a lungo addirittura in nove uomini nel secondo tempo), gli azzurri del presidente Bruno Camerini avrebbero dovuto giocare domenica scorsa il big match contro il Città di Campobasso.

Nulla da fare, invece: il Covid ha creato problemi alla squadra avversaria e la sfida è stata rinviata a data da destinarsi. Sullo sfondo è rimasto il successo in terra abruzzese, caratterizzato dalle reti di Federico Cardella e del giovane Alessandro Barbarossa. Quest’ultimo ha segnato il suo primo gol in serie D e ovviamente conserverà a lungo questo ricordo: “E’ stata un’emozione forte anche perché è arrivata dopo un lungo stop da gare ufficiali per via della pandemia – spiega l’attaccante classe 2001 – Devo ringraziare Oggiano per l’assist e poi spero che sia il primo di una lunga serie, ma ciò che più conta è il successo che siamo riusciti ad ottenere su un campo non semplice”. Il giovane attaccante è arrivato alla Cynthialbalonga a gennaio di questo strano 2020 dopo aver “accarezzato” il calcio professionistico con le esperienze nelle giovanili alla Roma (fino agli Allievi nazionali), al Perugia (in Primavera) e alla Reggina (alla Berretti).

“Ma quando è capitata l’opportunità di venire qui, ho subito pensato che fosse un’ottima soluzione per me, tra l’altro vicino casa – dice Barbarossa – Da quando sono arrivato mister Venturi mi impiega sull’esterno: io per caratteristiche sono un attaccante centrale, ma mi sto adattando e cerco di dare il massimo quando vengo chiamato in causa. L’importante è farsi trovare pronti”. La concorrenza nel reparto avanzato è davvero agguerrita: “Non ci sono solo i “grandi”, ma abbiamo anche degli “under” molto bravi, pure in altri reparti. Sono felice di far parte di questo organico: dobbiamo fare un grande campionato”. Per domenica il calendario prevedeva il ritorno all’attività “regolare” e quindi per la Cynthialbalonga la delicata trasferta di Rieti, ma tutto è slittato di una settimana per disputare una serie di recuperi (ovviamente non quello dei castellani contro il Città di Campobasso): “Speriamo di poter giocare – dice Barbarossa – E’ difficile trovare il ritmo giusto in queste condizioni, ma il gruppo si è sempre allenato con grande impegno e ci faremo trovare pronti per i prossimi impegni”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Football Club Frascati, Marcelli: “Gli allenamenti della Scuola calcio sono tornati di un’ora e mezzo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Anno nuovo, vita “vecchia”. Il Football Club Frascati (che prima di Natale aveva pure celebrato un evento di solidarietà in piazza San Pietro con una raccolta alimentare) è tornato in campo già dopo l’Epifania, sempre nel rispetto dei protocolli federali che impongono a tutti gli allenamenti in forma individuale. “Quest’anno, per via dei molti giorni di “zona rossa” decisi a livello nazionale, siamo stati costretti a fermarci nel periodo delle festività natalizie che nelle scorse stagioni sfruttavamo per organizzare eventi in special modo per la Scuola calcio – sottolinea il responsabile del settore di base Lorenzo Marcelli – Ma appena finite le festività, abbiamo riaccolto i nostri piccoli calciatori nelle stesse modalità di allenamento già portate avanti fino a prima di Natale”. Il Football Club Frascati rimane in attesa degli eventi per organizzare il lavoro delle prossime settimane: “Dobbiamo cercare di capire le decisioni del governo e il “colore” che verrà assegnato alla nostra regione. E’ chiaro che, se fossero vietati gli spostamenti tra comuni, questo sarebbe un ulteriore ostacolo per i nostri tesserati. Ma comunque dopo le feste le famiglie hanno ripreso a portarci i loro ragazzi e questo ci spinge ad andare avanti nella nostra direzione. Le condizioni meteorologiche di questo periodo (freddo e pioggia, ndr) e l’impossibilità di fare le docce possono rappresentare un freno in più, ma la voglia del Football Club Frascati è quella di provare a dare ai nostri piccoli calciatori dei momenti di svago (all’aperto, ndr) e socialità attraverso lo sport”. La novità è che gli allenamenti dei più piccoli sono tornati di un’ora e mezzo: “E’ un modo per dare un segnale di ritorno alla normalità – dice Marcelli – E’ vero che le partitine non si possono fare, ma ci sono tanti utili esercizi da proporre ai ragazzi”. Secondo il responsabile del settore di base del club tuscolano questo periodo non presenta solo aspetti negativi: “E’ vero che non potere fare lavori collettivi limita abbastanza gli allenamenti, ma c’è comunque il vantaggio di andare a curare più nello specifico certi aspetti tecnici che magari non verrebbero approfonditi così tanto in periodi “normali” di stagione”.

Continua a leggere

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Di Cairano: “Notaresco? Tutte le partite sono fondamentali”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Genzano (Rm) – La Cynthialbalonga si appresta a vivere il suo secondo big match interno consecutivo dopo quello (finito in parità in modo beffardo) contro il Castelnuovo Vomano. Stavolta al “Bruno Abbatini” di Genzano l’avversario è il Notaresco che al momento occupa il primo posto in classifica assieme al Città di Campobasso con quattro punti in più (e una gara giocata in meno) rispetto agli azzurri. «Un match fondamentale? In realtà tutte le gare sono importanti e noi dobbiamo cercare di fare il massimo – dice il centrocampista classe 2000 Davide Di Cairano – Il mister Mauro Venturi ci ha già dato alcune indicazione sui prossimi avversari, ma sappiamo che si tratta di un’ottima squadra che tra l’altro recentemente ha battuto proprio il Castelnuovo, tra l’altro fuori casa». A proposito di rendimento esterno ed interno, la Cynthialbalonga si affida al fattore “Abbatini” dove finora ha sempre vinto tutte le partite, al di là di quella pareggiata in pieno recupero una settimana fa: «Motivi particolari non riesco a trovarne, ma se vogliamo essere protagonisti fino in fondo sappiamo di dover trovare una maggiore continuità di risultati anche in trasferta». Nell’ultima della serie la squadra del presidente Bruno Camerini ha pareggiato a reti bianche sul campo dell’Atletico Terme Fiuggi: «Noi scendiamo sempre in campo per vincere e chiaramente non siamo felici del pareggio, ma il risultato ci può stare. Nel primo tempo avremmo dovuto concretizzare le due occasioni nitide che abbiamo avuto, poi però abbiamo anche rischiato in qualche occasione e nella ripresa abbiamo “abbassato” troppo il nostro baricentro, forse per una questione mentale e anche fisica visto che si trattava della terza partita in una settimana». Di Cairano conclude parlando della sua stagione che finora l’ha visto sempre titolare, tranne in un’occasione in cui era fermo per squalifica: «Devo ringraziare la società e il mister per la fiducia che mi hanno sempre dimostrato. Ma sono convinto di poter riuscire a dare di più, anche ricordando quello che ho fatto nella passata stagione».

Continua a leggere

Calcio

Polisportiva Bellegra (calcio, Promozione) in lutto: è scomparso l’ex ds Rocco Sancamillo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Bellegra (Rm) – La Polisportiva Bellegra e tutto il mondo del calcio della zona è in lutto per la scomparsa, avvenuta stamattina all’età di 63 anni, dell’ex direttore sportivo e capitano Rocco Sancamillo. Bellegrano doc, riuscì a vincere la bellezza di sei campionati da calciatore, dimostrando un fortissimo attaccamento alla società di calcio di Bellegra, rimanendo sempre a vestire la stessa maglia dal 1973 per oltre vent’anni. Un rapporto intenso che è continuato anche a livello dirigenziale: Sancamillo fu anche direttore sportivo del Serpentara che vinse qualche anno fa il campionato di Promozione, ma in passato era stato anche per un anno l’allenatore della squadra bellegrana. A strapparlo ai suoi cari e agli amici è stato un male incurabile che l’ha portato via in pochi mesi, ma Sancamillo è stato comunque quasi sempre presente al campo a vedere la squadra del suo paese. L’ultimo saluto si celebrerà domani alle ore 11 presso la chiesa di San Sisto a Bellegra. La Polisportiva Bellegra esprime la sua forte vicinanza alla famiglia Sancamillo in questo momento di profondo sconforto.

Continua a leggere

I più letti