Connect with us

Costume e Società

Dallo sport ai social media: cosa fanno gli italiani nel tempo libero

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Ferie, vacanze, feste. Quando si hanno dei giorni di pausa è facile trovare delle attività ricreative o degli svaghi che difficilmente ci si può permettere nel quotidiano. Anche durante la vita ordinaria, però, possono capitare momenti o giornate intere in cui si vuole rilassare la mente sfruttando a dovere il proprio tempo libero. Da quando Internet si è espanso a livello globale è diventato molto più semplice e immediato trovare distrazioni sulla rete. Chi non ha mai passato una mezzoretta a cercare video su Youtube aprendo di volta in volta i video consigliati, magari in attesa della cena o di prendere sonno con la testa sul cuscino? Oggi è tutto digitale, i tempi morti quasi non esistono più. Gli italiani, così legati alle loro tradizioni, sono stati comunque in grado di conservare queste ultime trasportandole sugli schermi degli smartphone.

Si pensi ai giochi di carte, per esempio. Chi un tempo era abituato ad estenuanti partite a burraco sotto l’ombrellone ha scoperto la possibilità di continuare a sfidare gli amici della spiaggia nei casinò in versione live online. Da un lato l’offerta virtuale ha scoraggiato forse la partecipazione fisica dal vivo, eppure le sale di bingo e i circoli vari continuano a vantare una presenza massiccia sul territorio nazionale. Se si parla di Internet, va da sé che film e musica sono diventati infinitamente più fruibili. Sono passati i tempi in cui si era costretti ad andare a caccia di dischi introvabili tra tutti i negozi della città. Insomma, ingannare il tempo è più facile nel terzo millennio.

Internet viene considerato a tratti distraente, ma alcuni passatempi di 30 anni fa non sono affatto tramontati. Chi credeva che i giochi in scatola fossero scomparsi dalla circolazione si sbagliava: è vero che anche loro godono ormai di controparti virtuali, ma anche chi è nato dopo gli anni ’90 ha conosciuto il brivido di una partita al tradizionale “Monopoly”, a “Trivial Pursuit” o a “Indovina chi?”. Nella sfera dell’intrattenimento, però, a dominare sono puntualmente i videogiochi, che tra modalità multiplayer online e cloud gaming stanno sfruttando in ogni modo immaginabile le possibilità della rete. Le console portatili non servono quasi più se si dispone di uno smartphone: molti titoli recenti vengono convertiti infatti anche per cellulare e anche i must a 8 e 16 bit che hanno fatto la storia del videogioco continuano ad essere proposti comodamente sul telefonino.

E lo sport? Fantacalcio, schedine, servizi di streaming. Ormai esistono numerose attività collaterali a quelle principali dei tifosi, che non si limitano più a seguire le partite di calcio o di basket delle loro squadre del cuore. Anche le società sportive se ne sono rese conto e hanno iniziato a fornire servizi sempre più mirati, indicendo concorsi o andando loro stesse alla ricerca di potenziali gamer professionisti da assoldare per crearsi una posizione nella nuova dimensione degli eSports.

Appare dunque evidente che anche solo possedere un cellulare si rivela una soluzione utilissima per vincere la noia, di questi tempi. Il mondo è nel pieno di un processo di digitalizzazione del quale è praticamente impossibile prevedere la fine. Al giorno d’oggi esiste un’app per coltivare qualsiasi hobby: dalla filatelia all’allenamento sportivo, passando per il giardinaggio e la cucina. Per non parlare dei social network, dove in milioni curano di fatto la controparte virtuale della propria identità. Senza rendercene conto, non passa un solo giorno in cui non ci ritroviamo per qualsiasi motivo a girare tra i meandri del web. D’altro canto, che gli italiani fossero un popolo di navigatori era già stato detto…

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Costume e Società

Bigenitorialità, quando i minori sono in mezzo alla crisi familiare

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Milano – A poco meno di un anno dalla sua costituzione, il 3 luglio 2021, AletheiAssociati, Professioni per la Bigenitorialità, presenta la sua prima sezione territoriale il 22 giugno a Roma.

AletheiAssociati è una giovane realtà associativa nazionale che accoglie e permette l’interazione delle diverse competenze professionali che operano per la tutela e il supporto dei soggetti minorenni coinvolti nelle crisi familiari e nei relativi procedimenti giudiziari. Il suo scopo primario è quello di favorire la interdisciplinarietà tra i diversi ambiti professionali e contribuire alla strutturazione di buone prassi operative, nel rispetto del diritto del bambino a preservare rapporti continuativi con entrambi i genitori dopo la separazione, in tutti quei casi, ovviamente, in cui ciò non costituisca pregiudizio per i figli.

Tale diritto, inteso nella più corretta applicazione che favorisca la effettiva partecipazione di entrambi i genitori alla quotidianità del figlio, viene ancora oggi molto spesso sacrificato dai provvedimenti giudiziari – provvisori o definitivi che siano – in favore di una regolamentazione di affido che, pur sancendone il regime condiviso, appare più orientato a favorire la continuità con la madre.

La presentazione della prima sezione territoriale di AletheiAssociati sarà l’occasione per un confronto costruttivo fra tecnici e magistrati sul tema “Tutela del diritto del minore alla bigenitorialità alla luce della legge 206/2021”, che prevede, fra l’altro, l’introduzione di significative novità, non solo nella considerazione del soggetto minorenne quale parte del processo, ma anche nell’ambito degli strumenti alternativi di risoluzione delle controversie, come la previsione di accedere al percorso di mediazione familiare come risorsa per la gestione della conflittualità tra genitori in fase di separazione e divorzio.L’evento, in corso di accreditamento dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma, prevede il saluto degli Avvocati Sonia Ranieri e Daniela Folliero, rispettivamente Presidente e Vice Presidente della Sezione territoriale di Roma, nonché dell’Avv. Claudio Iovane, Presidente Nazionale di AletheiAssociati.Interverranno, inoltre, la Dott.ssa Marta Ienzi, Presidente della prima sezione civile – sezione Famiglia del Tribunale Ordinario di Roma; la Dott.ssa Francesca Salucci, Giudice onorario della prima sezione- sezione Famiglia del Tribunale ordinario di Velletri; l’Avv. Massimo Cesali, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Roma e presidente onorario di Movimento Forense; il Prof. Marino Maglietta, Ideatore e promotore della Legge n.54/2006, e le Dott.sse Rosj Guido e Annalisa De Luca, Psicologhe – Psicoterapeute e CTU del Tribunale di Velletri.“Aletheia” – afferma l’Avv. Claudio Iovane – “è un termine che deriva dal greco antico e che letteralmente significa “dischiudimento”, “rivelazione” di un concetto. E il concetto, per noi di Aletheia, è il diritto assoluto del minore alla bigenitorialità. Diritto che deve essere garantito fatte salve le debite eccezioni, che la legge pure prevede come rimedio residuale ed eccezionale. Riteniamo fondamentale che ciascun operatore, pur appartenendo a diverse competenze professionali, sempre centrate sulla tutela e supporto del minore, interagisca in maniera coordinata per una finalità comune: il concreto benessere psicofisico del soggetto minorenne nel riconoscimento del proprio diritto”.Il secondo Convegno Nazionale di AletheiAssociati si terrà a Brescia il prossimo 30 settembre 2022. Seguirà descrizione del programma e dettagliata comunicazione a riguardo.

Continua a leggere

Costume e Società

Cori, il tempio d’Ercole protagonista della nuova collezione Gucci

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

C’è il tempio d’Ercole di Cori tra i protagonisti dei pezzi unici che formano la nuova collezione di Alta Gioielleria firmata Gucci.  La celebre maison del lusso ha infatti svelato la sua terza collezione Hortus Deliciarum (“Giardino delle Delizie”) High Jewelry in una nuova campagna con protagonista l’attrice premio Oscar e produttrice cinematografica Jessica Chastain, immortalata indossando, tra gli altri, un set di collana con preziose gemme e un cameo micro-mosaico del 1800 del tempio d’Ercole Cori. Sede della presentazione le sale affrescate e ricche di capolavori di arte neoclassica di Villa Albani a Roma.

Il monumento romano parla del fascino del direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, per il mondo antico. Un cameo raffigurante il Tempio Romano di Ercole Cori prende il centro della scena tra una serie di pregiate gemme in un pezzo della collezione: pezzi unici di micro-mosaici realizzati tra il 1850 e il 1870 – in cui il Tempio di Ercole a Cori viene raffigurato insieme al Colosseo, Piazza San Pietro, il Pantheon com’era nell’Ottocento, i Fori Romani, il Tempio di Vesta, le Cascate di Tivoli, la Piramide Cestia – diventano pendenti di collane di diamanti, centrali di bracciali e anelli intrisi di un’estetica poetica e senza tempo.

Composta dunque da pezzi unici suddivisi in cinque temi, la nuova collezione è un inno creativo a specifiche epoche storiche e architettoniche sospese nel tempo e nello spazio. Seguendo e ispirandosi al Grand Tour (quel lungo viaggio che dal XVIII secolo viene intrapreso da aristocratici e intellettuali europei attraverso i Paesi del Vecchio continente, con meta d’obbligo l’Italia), Gucci interpreta luoghi ricchi di meraviglie tramite gioielli animati da un ethos romantico. Come un appassionato collezionista, Alessandro Michele scrive un’allegoria che racchiude sogni, esperienze, storie e segreti presentati come cinque capitoli di un diario di viaggio raccontati tramite “souvenir a forma di gioiello”.  

“È stata per noi una sorpresa e un motivo di vanto – commenta il sindaco di Cori, Mauro De Lillis – trovare il nostro tempio d’Ercole nella campagna della nuova collezione Gucci, sulle pagine patinate e sui media di tutto il mondo. Che un brand di tale prestigio abbia scelto uno dei nostri “gioielli” per realizzare i suoi testimonia della bellezza e del fascino senza tempo delle nostre vestigia. Essere su un gioiello di una delle case di moda più note a livello internazionale significa fare il giro del globo ed essere sotto gli occhi di tutti. Inutile dire che ne siamo orgogliosi”.

Continua a leggere

Costume e Società

Nepi, tutto pronto per la 26esima edizione del Palio dei Borgia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

NEPI (RM) – Tutto pronto a Nepi per l’evento più atteso dell’anno: il Palio dei Borgia. Domani si alzerà il sipario sull’edizione numero 26 della manifestazione che proseguirà, con tantissimi eventi, fino al 19 giugno.

Un calendario specifico è stato messo a punto dall’Ente palio, organizzatore dell’evento, per celebrare il “ritorno alla normalità”.

Tra i tantissimi appuntamenti spicca la riapertura delle taverne con la possibilità di cenare all’aperto in un’atmosfera ricca di suggestione.

Per il Palio dei Borgia, infatti, la cittadina di Nepi vive una sorta di tuffo nel passato. Un viaggio a ritroso nel tempo, ricondurrà lo splendido borgo alla fiorente epoca del Rinascimento, con protagoniste indiscusse la controversa figura di Lucrezia Borgia e l’antica rivalità, mai sopita,  fra le quattro Contrade di San Biagio, de La Rocca, di Santa Maria e di Santa Croce.


La manifestazione sarà ospitata in diverse location:  dal Forte dei Borgia al centro storico, dal palazzo Comunale al Duomo

Il via ufficiale sabato 28 Maggio alle 17

Nel Palazzo Comunale si terrà la cerimonia di inaugurazione e la consegna alle contrade, a cura della storica del costume Elisabetta Gnignera,  degli attestati di partecipazione al progetto “Ex Arce Nepesina”sui costumi realizzati per il corteo storico dei Borgia.   

Seguirà, alle 20.30 alla Rocca dei Borgia, la cena spettacolo Al desco dei Borgia”.

Durante la serata, la dottoressa Sandra Ianni consegnerà il premio per il concorso “Il dolce di Lucrezia”.

Domenica 29 Maggio alle 11.00, il direttore del museo Stefano Francocci condurrà la visita guidata “Sulle orme dei Farnese” nel centro storico e alla Rocca dei Borgia., centro storico).

Alle 18.00, nel Palazzo del Comune, conferenza a cura della dottoressa Sandra Ianni A tavola con Lucrezia”.

Continua a leggere

I più letti