Connect with us

Scienza e Tecnologia

Dead or Alive 6, si torna finalmente sul ring

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dopo 7 anni d’attesa Dead or Alive, il picchiaduro famoso per le lottatrici dalle forme generose, torna sulla scena con un sesto capitolo denso di scontri e con tanti personaggi tutti da giocare su Pc, Xbox One e Ps4. Con Dead or Alive 6 Tecmo Koei e il Team Ninja hanno deciso di rimettere il gameplay al centro di tutto anche alla luce del fatto che il genere ha assunto una nuova dignità con l’avvento degli eSports. Questo è il motivo per il quale, pur non volendo accantonare la sensualità delle lottatrici, i programmatori hanno cercato di andare incontro per quanto possibile alle esigenze dei giocatori più raffinati con una giocabilità più profonda. Ma andiamo a esaminare il titolo più da vicino. Una volta lanciato il gioco, il menù di Dead or Alive 6 propone di scegliere tra Story Mode, Combattimento rapido (con le relative modalità Scontro, Arcade. Sfida a tempo e Sopravvivenza), Missione DOA, Tutorial e Multiplayer. Il fulcro e cuore del gioco in single player risiede nella modalità Storia che, comunque, si caratterizza per i tratti folli e divertenti. Questa modalità si caratterizza, inoltre, per l’elevato grado di personalizzazione dei lottatori, riuscendo a superare notevolmente quanto di buono era stato fatto fino a DOA 5. Oltre alla modalità Storia sono presenti le sfide che rappresentano in realtà il tutorial di gioco. Queste ultime sono suddivise in 104 scenari differenti che però hanno il grosso difetto di essere troppo semplici ma hanno il pregio di fare apprezzare quasi tutto l’insieme dei vestiti collezionabili presenti in game. La storia di Dead or Alive 6 segue una struttura ramificata un po’ confusionaria ma in grado di occupare i giocatori per un tempo che rientra nella media dei picchiaduro. Insomma, La “campagna” si articola in un puzzle i cui pezzi vanno a sbloccarsi progressivamente su una griglia in cui le varie missioni sono separate in verticale per ordine cronologico e in orizzontale in base ai personaggi coinvolti.

La trama presente in questo nuovo capitolo del nuovo titolo targato Tecmo Koei riprende il discorso da dove si era interrotto nel precedente capitolo. Ancora una volta la trama vede contrapporsi la DOATEC “rinnovata” sotto la guida di Helena e la malvagia organizzazione M.I.S.T. con, ovviamente, il torneo Dead or Alive a fare da sfondo alle vicende. Sia dal modo in cui è strutturata la story-mode che dalla presenza di parti del suddetto mosaico proposte esclusivamente in forma di sequenze CGI, si evince la voglia dei ragazzi di Team Ninja di dare una maggiore importanza alla componente narrativa. Il tutto riesce effettivamente ad intrattenere con piacere ma non c’è da aspettarsi grande profondità in una sceneggiatura che, nel complesso, si manifesta attraverso brevi e simpatici sketch d’introduzione al combattimento. Per quanto riguarda le “Missioni DOA”. Si tratta di una lista di 96 missioni in ognuna delle quali è richiesto al giocatore di completare tre determinati obbiettivi rappresentati ciascuno da una stella. In sostanza, potrà essere richiesto di realizzare una particolare combo, infliggere un determinato danno, terminare l’incontro entro un tempo limite e così via. Il premio per il completamento delle quest è una quota variabile di Valuta In-Game, Parti dei Costumi e Titoli. A dir la verità, però, la vera ricompensa risiede nel miglioramento dell’abilità del giocatore: anche in questo caso, infatti, è proposto, di volta in volta, il tutorial specifico per la realizzazione delle mosse richieste. Inoltre, in questa modalità l’IA nemica è gestita in modo tale da incentivare l’utilizzo delle skill adatte alla sfida. Le atre modalità di gioco presenti in Dead or Alive 6 sono quelle presenti generalmente in tutti i picchiaduro, quindi: combattimento a scontro singolo contro l’IA, allenamento e battaglie online. Oltre a quanto detto, va sottolineate la presenza della, DOA CENTRAL, dove è possibile sbloccare ulteriori costumi per i lottatori, consultare i collezionabili ottenuti, riosservare i propri match (quelli salvati) o far da semplice spettatore a nuovi incontri, con tanto di modalità fotografica. Detto ciò ci teniamo a sottolineare che per quanto riguarda i combattimenti online, il net-code sembra non soffrire di particolari problemi: nei match non si riscontrano fenomeni di lag e quindi la fluidità in game è garantita. Per quanto riguarda la rosa dei lottatori, in Dead or Alive 6 ne sono presenti 26 in tutto, con alcune new entry degne di nota. Primo fra tutti c’è Diego, di origine nordamericana, che fa della forza fisica il suo cavallo di battaglia poi c’è NiCO, una scienziata che possiede una grande dimestichezza con la tecnologia e, soprattutto, possiede un set di mosse davvero sensazionale. Questi due personaggi si distaccano un po’ dal classico roster di DOA ma, alla fin fine, dimostrano di avere un loro perché, soprattutto alla luce di stili di combattimento estremamente peculiari e decisamente più moderni.

Per quanto riguarda il combat system di questo Dead or Alive 6, possiamo dire che i controlli sono semplicemente fantastici. I comandi tradizionali del gioco sono tornati in azione, accompagnati da alcune nuove funzionalità per mantenere il giocatore sempre coinvolto e attento a quel che succede sullo schermo. Prima di tutto, va detto che le contromosse sono fluide come sempre, pur non essendo del tutto fuori controllo come nei titoli precedenti della serie. Di per sé è un’ottima cosa, che lascia margine per pianificare una strategia che ribalti una combo a proprio favore. Inoltre, le prese sono ancora molto efficaci, poiché ci si può affidare anche a quelle molto semplici per togliere un po’ di energia all’avversario. Le combo sono poi ovviamente il piatto forte di tutto il sistema di combattimento, grazie alla loro versatilità e unicità a seconda del personaggio scelto, implacabili ma al tempo stesso controproducenti se non si punta sulla loro varietà. Dead or Alive 6 propone tuttavia una nuova meccanica che rende il gioco accessibile ai meno esperti e che, per i più irriducibili, potrebbe diventare un vero stimolo per giocare di più. Si tratta di mosse devastanti, legate all’indicatore di devastazione posto subito sotto la barra della vita e attivabili tramite la pressione di un singolo tasto, il dorsale destro per la precisione. Il bello però risiede nel fatto che se ne possono concatenare ben 4 di queste mosse, a patto di essere abbastanza veloci, attivando il così detto assalto fatale. Una volta che la combo è in atto, difficilmente potrà essere contrastata: nel momento in cui, poi, si scatena il cosiddetto Colpo Devastante non c’è escamotage che tenga. Si tratta di un grosso vantaggio in partita, capace di ribaltarne le sorti, ma anche di un’arma a doppio taglio se utilizzata nel momento meno opportuno. Parlando del lato estetico, come nelle precedenti edizioni, anche in Dead or Alive 6 è possibile gestire manualmente la telecamera e le battaglie scorrono via con pochi fronzoli ma con animazioni dei lottatori ben fatte. Per quanto riguarda l’aspetto puramente tecnico in relazione a quello grafico, il titolo non fa gridare al miracolo per quanto riguarda i lottatori, ma risulta comunque all’altezza della concorrenza. Rispetto al passato, poi, sono presenti alcune migliorie grafiche di secondo piano come ad esempio: danni ai vestiti, rottura di occhiali o dei lacci per i capelli, che rendono l’esperienza di gioco molto gradevole. Il design dei personaggi non è invece stato modificato più di tanto e i costumi succinti delle lottatrici rimangono un must con oltre 60 tipologie di modelli diversi. Fortunatamente tutti i personaggi vantano una buona espressività individuale che li rende unici nel panorama di Dead or Alive 6. A quanto detto fino a ora vanno aggiunte alcune chicche grafiche come la presenza del sudore sulla pelle, la polvere che si alza in alcuni stage di gioco, il fuoco che divampa in altri e, soprattutto, i repentini ed azzeccati cambi di inquadratura quando, ad esempio, un lottatore viene gettato da una roccia verso un dirupo e afferrato da qualche creatura. In merito al sonoro, i brani della soundtrack sono piuttosto vari e sostanzialmente funzionali all’azione di gioco. Presenti i sottotitoli in italiano, mentre per il parlato è preferibile utilizzare la lingua giapponese al posto di quella inglese, troppo prolissa e piuttosto buffa da sentire. Tirando le somme, questo Dead or Alive 6 è l’ennesima conferma di quanto il gameplay di questa serie riesca a essere incredibilmente divertente e appagante nonostante la spietata concorrenza dei titoli di questo genere. Quando si entra nel loop delle partite classificate online, o quando si gioca in locale è davvero difficile staccarsi dal gioco. Tuttavia, le novità aggiunte a quest’episodio non sono particolarmente sconvolgenti e non riescono ad alzare l’asticella rispetto al già ottimo Dead or Alive 5. Dopo tutti questi anni di attesa i fan della saga si aspettavano sicuramente qualcosina in più. Anche dal punto di vista grafico il salto rispetto al passato non è così sconvolgente. Per chi gioca per la prima volta a un titolo della serie, per quanto riguarda l’aspetto estetico, non ci sarà nulla da ridire, ma per i veterani della saga sicuramente, almeno da principio, ci sarà un piccolo senso di delusione. In ogni caso, il gioco di Tecmo Koei è un degno esponente del genere e riuscirà a tenere incollati gli appassionati per molte e molte ore. Se si è fan dei picchiaduro Dead or Alive 6 non deve sfuggirvi.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica 7,5

Sonoro: 8

Gameplay: 8

Longevità: 8,5

VOTO FINALE: 8

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scienza e Tecnologia

Assetto Corsa Competizione, si torna in pista

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dopo essere stato lanciato su PC più di un anno fa, Assetto Corsa Competizione sbarca finalmente su console. Da qualche giorno il videogioco di simulazione di guida tutto italiano è disponibile per l’acquisto su PS4 e Xbox One. Rispetto ad Assetto Corsa, sviluppato da Kunos Simulazioni e distribuito da 505 Games, ormai 4 anni fa, qui non si ha più l’impressione di perdere parte dell’esperienza del gioco offerta dalla versione PC. Assetto Cosa Competizione si è rivelato un titolo eccellente, capace di regalare ai videogiocatori da console un’esperienza simulativa di una fedeltà mai vista su queste piattaforme. Prima di iniziare il nostro approfondimento però c’è da sottolineare alcuni aspetti. In primis il prodotto non è un titolo adatto a tutti, e non è un giogo esente da piccoli difetti. Inoltre c’è da dire che Assetto Corsa Competizione esprime tutto il suo potenziale se si utilizza volante e pedaliera, infatti il solo utilizzo del pad non rende giustizia al grande potenziale del lavoro svolto dagli sviluppatori di Kunos. La novità più evidente rispetto al passato riguarda ovviamente la licenza Blancpain GT, una categoria forse ancora poco conosciuta ma dotata di grande fascino: doveroso dunque un piccolo riassunto per chi non sapesse di cosa si stia trattando. Parliamo di un campionato ideato dall’organizzazione del gentleman driver Stephane Ratel e supportato ufficialmente dalla FIA, che ne governa il regolamento tecnico. Sono ammesse le vetture Gran Turismo omologate secondo le specifiche GT3 e si dipana tra dieci storici tracciati europei, suddividendosi equamente in eventi Sprint ed Endurance. Nelle prime si disputano due gare, precedute dalle rispettive sessioni di qualifiche, della durata di un’ora ciascuna; le seconde invece si svolgono in 3 ore, ad eccezione di quella al Paul Ricard in Francia (6 ore) e della manifestazione regina del calendario, la 24 ore di Spa. Il gioco, ovviamente, permette la più ampia personalizzazione, quindi si potranno impostare periodi più brevi.

Ma veniamo adesso all’analisi vera e propria. Il titolo di Kunos mette a disposizione diverse modalità, tutte interessanti e ben realizzate. La più enfatizzata è ovviamente la Carriera, dove si inizia entrando nel programma talenti di Lamborghini che all’atto pratico funziona da tutorial. Dopo una presentazione di benvenuto fornita da Mirko Bortolotti, vincitore del campionato 2017, si dovranno completare tre sessioni di prove libere sulla pista brianzola: la prima in condizioni ottimali, la seconda sotto la pioggia e l’ultima in notturna. A seconda dei tempi ottenuti il computer suggerirà il livello di difficoltà e gli aiuti alla guida; si procede poi alla selezione di una delle macchine a disposizione e alla formazione del proprio team, il che richiede di creare anche un secondo e un terzo pilota. La Blancpain GT prevede infatti che ciascuna delle gare sprint venga disputata da due piloti, che si devono dare il cambio durante il pit-stop obbligatorio la cui finestra si apre trascorso circa metà tempo; nelle competizioni endurance tre piloti devono alternarsi, al termine di ogni ora di gara, alla guida del mezzo. Ottenendo piazzamenti di rilievo è quindi possibile suscitare l’interesse delle squadre più blasonate per poter arrivare infine a scrivere il proprio nome a fianco di quello di Mirko Bortolotti e di Raffaele Marciello, un’altra eccellenza del made in Italy nonché campione in carica della categoria. Oltre a questa modalità di gioco, completano il corredo dell’offerta per giocatore singolo la classica Pratica, la Gara Singola (in cui scegliere tracciato e sessioni a cui prendere parte) e cinque scenari preimpostati in cui cercare di superare gli obiettivi posti dai programmatori, sfidando il cronometro in hotlap, hotsint e Superpole. Chiunque abbia giocato ad Assetto Corsa prima d’ora, sa benissimo che uno dei punti di forza del titolo, oltre naturalmente al modello di guida, era il vasto parco auto rimpolpato nel corso del tempo attraverso DLC rilasciati con cadenza regolare. In Assetto Corsa Competizione la rosa è stata inevitabilmente ridotta alle Gran Turismo che hanno preso parte al campionato GT 2018: parliamo di 13 vetture in totale. I nomi che contano, però, ci sono tutti: Ferrari, Lamborghini, Porsche, Jaguar, Audi, BMW, Mercedes, Honda, Nissan, Lexus, McLaren, Bentley e Aston Martin. Anche i tracciati, pur essendo solo 10, sono tra i più iconici della storia del motorsport: Monza, Misano, Brands Hatch, Silverstone, Hungaroring, Zolder, Paul Ricard, Barcellona, Nurburgring e la già nominata Spa-Francorchamps, in assoluto la più amata nelle partite online. Assetto Corsa Competizione offre due server per il multiplayer: quello pubblico non presenta limitazioni e chiunque può ospitare una partita personalizzata o aggiungersi a una sessione in corso, naturalmente prima dello spegnimento delle luci rosse. Quello competitivo impedisce di aggregarsi nel caso le qualifiche siano già e iniziate e soprattutto richiede che il giocatore sia in possesso di una determinata valutazione, necessaria a mantenere elevato il livello della sfida. Questo permette di approfondire il profilo del pilota, il cui rating totale è fornito da sette categorie, come la conoscenza del tracciato, la costanza nell’ottenere giri sempre simili, la bravura nel non perdere il controllo nell’auto, la prudenza nell’evitare collisioni con le altre macchine. Tutti valori che sono aggiornati man mano che si corre, indipendentemente se contro la CPU o altre persone, dall’insindacabile giudizio del computer. Insomma, tanta roba.

A livello di giocabilità, Assetto Corsa Competizione gode di un modello di guida del tutto unico ed estremamente fedele alla realtà. È chiaro sin dal primo giro di pista con la Lamborghini Huracan Super Trofeo che Assetto Corsa Competizione si configuri come una vera e propria simulazione, in grado di mettere alla prova, con i giusti settaggi, anche i piloti professionisti. Il lavoro svolto dal motore fisico proprietario è eccellente e lo si nota sin dall’uscita dai box, quando si capisce che non si può essere troppo aggressivi sui cordoli perché gli pneumatici non sono ancora nella giusta finestra e solamente dopo uno o due giri di riscaldamento riescono a fornire la massima aderenza; allo stesso modo essere sempre troppo irruenti nelle staccate può portare ad un surriscaldamento dei freni con la necessità di alzare il piede per farli respirare prima di poter tornare a spingere. Ai box si possono mettere le mani su una quantità sterminata di parametri, come l’incidenza dell’ala posteriore o l’inclinazione dello spoiler anteriore; la rigidità delle molle, la campanatura delle gomme, la mappatura della centralina, la corsa degli ammortizzatori, verificando con la telemetria in che modo le modifiche incidano sull’usura degli pneumatici e sul tempo su giro. Solo i professionisti riusciranno a destreggiarsi con immediatezza, mentre i semplici appassionati potranno iniziare con delle modifiche più basilari per apprezzare come il minimo cambiamento si traduca con una sensibile variazione del comportamento della vettura. Assetto Corsa Competizione è un gioco pensato per PC e si inserisce in quell’albero genealogico dei simulatori di guida che negli ultimi anni, proprio su computer, ha messo le radici. Siamo inoltre alla fine della generazione in cui lo stacco tra console e PC ormai è molto più accentuato rispetto al passato. Queste circostanze non possono non essere prese in considerazione nell’approcciarsi a questa conversione di Assetto Corsa Competizione per PS4 e Xbox One. Dei sacrifici sono stati fatti nel passaggio da PC e console, su questo non c’è dubbio, principalmente il frame rate, nel tentativo di mettere al riparo l’esperienza complessiva di gioco preservando il cuore di Assetto Corsa Competizione, ovvero l’aspetto simulativo. Per questo nuovo capitolo, Kunos Simulazioni ha deciso di passare dal motore usato nel precedente capitolo all’Unreal Engine 4, particolarmente esigente in termini di risorse richieste. La differenza principale che salta subito all’occhio nel confrontare testa a testa le due versioni è quella del frame rate. Entrambe le versioni per PlayStation 4 e per Xbox One, da noi testata, funzionano infatti a 30 FPS sia nei modelli base che in quelli di fascia superiore. PS4 ha una risoluzione di 1080p che viene upscalata a 4K sulla versione Pro. Xbox One funziona a 900p, mentre quella del modello X è nativa a 4K. Sia PS4 Pro che Xbox One X possono contare su qualche miglioramento grafico rispetto alla versione base, come al draw distance, all’anti-aliasing, effetti di post processing aggiuntivi e effetti particellari. Tirando le somme, Assetto Corsa Competizione si propone al pubblico come un titolo non adatto a tutti, ma è indicato per chi ama davvero la guida e i motori. Se quello che si cerca è un titolo semplice, con un sistema di guida arcade e che “perdona” alcuni errori allora è meglio navigare verso altri lidi. Se quello che invece si desidera è un’esperienza realistica, simulativa ed estremamente impegnativa allora Assetto Corsa Competizione saprà regalare ore ed ore di emozioni forti.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8,5

Sonoro: 8,5

Gameplay: 8

Longevità: 9

VOTO FINALE: 8,5

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere

In evidenza

LG Velvet, lo smartphone 5G dal design innovativo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

LG decide di cambiare la linea estetica dei suoi smartphone e lo fa con Velvet, il primo device di fascia medio-alta capace di mostrarsi con un aspetto nuovo non solo esteticamente. E’ chiaro che LG con Velvet vuole abbandonare il susseguirsi della numerazione classica e soprattutto cambia il modo di esprimersi con un device da carattere e l’individualità a sé. Sarà il primo di una nuova serie che però prenderà nomi e caratteristiche differenti non portandosi dietro dunque la denominazione appunto di Velvet. L’azienda punta al mercato di fascia media ma quello più premium e lo si vede realizzando un Velvet con una struttura in vetro e alluminio e soprattutto con la certificazione IP68. Ma non sono perché il nome porta con sé anche una serie di colorazioni sgargianti che fanno parlare non appena le si osservano. Back cover luccicanti e curve che entrano nella cornice in alluminio lucida e che si incontrano in un tutt’uno con il display OLED doppiamente curvo. Gli smartphone di LG in passato non hanno mai davvero ottenuto il successo commerciale che avrebbero meritato. È un peccato, perché si tratta di dispositivi tecnicamente avanzati, “pensati” bene, con un buon design, ottimi display e con funzioni innovative e un po’ sperimentali. La colpa non è solo di un mercato che non li ha capiti, ovviamente, ma anche di una strategia di marketing globale un po’ debole. Con il nuovo Velvet la divisione smartphone dell’azienda coreana sembra voler fare le cose in maniera diversa. La cesura con i modelli V del passato (compreso l’ultimo V60 di poco tempo fa) è subito evidente nel design. Velvet abbandona il formato un po’ “massiccio” dei suoi predecessori in favore di linee snelle e leggere. Il risultato è un dispositivo ben bilanciato con un’ergonomia molto buona. Il prezzo di 649 euro al quale viene venduto mette in conto anche qualcosa di non premium come un display che non possiede refresh rate a 90Hz a differenza di molto contendenti di questa fascia di mercato ma anche una fotocamera che seppure tripla non si esalta rispetto alla concorrenza. Viene a mancare il sistema audio DAC che sembrava una prerogativa ormai di LG ma di fatto c’è il 5G grazie allo Snapdragon 765G che ormai conosciamo bene per efficienza ed efficacia. Acquistando lo smartphone entro il 31 luglio è possibile ricevere assieme allo smartphone anche una custodia protettiva trasparente in silicone ma anche le cuffie LG Tone Free Earbuds wireless che si auto sanificano non appena vengono poste nella confezione.

F.P.L.

Continua a leggere

Scienza e Tecnologia

Dungeons 3 torna in voga con la “Complete Collection”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dungeons 3 è arrivato su Pc e console in versione “Complete Collection” ed è pronto a tenere incollati sullo schermo per ore ed ore. Chi è appassionato di videogames e ha vissuto gli anni ‘90 ricorderà sicuramente Dungeon Keeper, un particolare titolo gestionale ideato dalla mente di Peter Molyneux ai tempi di Bullfrog. Nel titolo si vestivano i panni del Signore Oscuro, un genio del male che si dilettava nella costruzione di possenti dungeons attrezzati con un’ampia varietà di stanze e in grado di ospitare le più disparate tipologie di mostri e aberrazioni. Dunegons è un franchise che, sin dal suo debutto nel 2010, segue un po’ troppo da vicino le orme lasciate dal capolavoro a cui si ispira, ma che col tempo ha imparato a differenziarsi e a lasciarsi apprezzare anche per altre caratteristiche peculiari. Oggi analizziamo la sua terza incarnazione in versione “Complete Collection”, un titolo che miscela saggiamente meccaniche da gestionale con quelle da RTS e le condisce con una considerevole dose di umorismo, il tutto arricchito con i molti contenuti extra usciti negli ultimi anni. La storia prosegue direttamente quella del capitolo precedente: il Male Supremo ha vinto la sua battaglia contro il bene e ora si gode la dolce vittoria brindando con calici ottenuti dai teschi dei suoi nemici e pasteggiando lautamente con kebab di unicorno. La vittoria però lo annoia e così decide di espandere il proprio dominio oltremare, inviando nel nuovo continente un’ombra in grado di prendere possesso di un’anima facilmente corruttibile. La scelta ricade su Talya, un’elfa figlia adottiva del paladino Tanos, la quale già in precedenza aveva mostrato una naturale predisposizione a percorrere sentieri oscuri. L’ombra si insinua quindi nella mente dell’ignara elfa e la trasforma passo dopo passo, da docile e gentile fanciulla, in una macchina da guerra smaniosa di versare il sangue dei suoi nemici disgustosamente buoni.

Da qui si dipana l’intera avventura, costituita da un buon numero di missioni, in cui bisognerà affrontare il paladino e i suoi strampalati compagni, come Grimli, il nano alcolizzato, o Jaina Overproud una maga tanto buona quanto attenta ai conti correnti. Il taglio narrativo da commedia fantasy è volutamente lineare e non si sforza in alcun modo di proporre una storia con colpi di scena insospettabili. La sua forza risiede invece in una comicità del tutto riuscita, che arriva alle orecchie del giocatore tramite la voce dell’ottimo narratore, doppiato in italiano dall’azzeccatissimo Gianni Quillico. Dall’inizio alla fine c’è da sbellicarsi dalle risate, quasi ogni dialogo contiene una battuta, una freddura o un riferimento a qualche produzione di stampo “nerd” in grado di mettere di buon umore. Il gioco prende in giro e si prende in giro, spesso disintegrando la quarta parete senza farsi troppi problemi. Con questo terzo capitolo della saga, però, gli sviluppatori hanno voluto provare a fare un salto in avanti rispetto al passato, emancipandosi dal modello originale. La parte di costruzione e difesa del dungeon è rimasta, ma è stata ibridata con dei forti elementi da strategico in tempo reale. Quindi ora non ci si limita a gestire dei sotterranei bui e muffi in tutti i loro aspetti, ma bisogna conquistare anche ciò che c’è sopra di essi, affrontando faccia a faccia chi vuole impedire al giocatore di far prosperare il proprio impero del male. Parlando di contenuti il pacchetto completo di Dungeons 3 è davvero imponente. Considerate che attualmente offre la campagna principale, inclusa nel gioco base, più sei campagne extra, una per ogni DLC, più tre mappe sandbox di grandi dimensioni, aggiunte con il DLC finale. A tutto questo ben di una qualsiasi divinità che vi venga in mente, vanno aggiunte la modalità schermaglia e l’online, per una quantità d’ore di gioco che va oltre la cinquantina, senza naturalmente considerare l’alta rigiocabilità delle campagne e delle singole mappe, che possono essere affrontate a diversi livelli di difficoltà.

Per quanto riguarda la giocabilità, Dungeons 3 Complete Collection strizza l’occhio al passato ricordando le origini in stile Dungeon Keeper, ma poi si evolve in un mondo in superficie in stile Warcraft. All’inizio il compito del giocatore è quello di costruire un dungeon nel sottosuolo e popolarlo di orribili mostri, demoni e qualsivoglia altra creatura disposta a perseguire i nostri maligni intenti. Per farlo è necessario costruire molti tipi di stanze, ognuna utile a soddisfare esigenze diverse dei malvagi inquilini. Le più basilari sono i dormitori e gli allevamenti di tacchini, utili per dare vitto e alloggio a orchi e goblin, ma ne esistono moltissimi tipi diversi. Nel cimitero, ad esempio, vengono sotterrati gli stolti eroi che sono andati incontro alla morte invadendo il nostro sotterraneo, e dove torneranno in vita come fedeli zombie al servizio del giocatore. Se invece non si uccidono gli invasori si può decidere di sbatterli in prigione dove marciranno fino a trasformarsi in arcieri scheletrici, oppure è possibile rinchiuderli nella sala delle torture, dove le conturbanti succubi possono seviziarli fino a quando non decideranno di passare al lato oscuro. Grazie alla sala del fabbro si possono anche costruire trappole necessarie a rendere i nostri domini ancor più pericolosi e inospitali per le forze del bene. Dopo averli appresi, e aver fatto accumulare abbastanza mana ai propri demoni, ci si può anche avvalere di potenti incantesimi: dalle piogge di fuoco a barriere difensive passando per orde di non morti evocati e portali magici, la scelta è vasta. Dungeons 3 però, come detto in precedenza, non si limita ad offrire una parte gestionale ricca e variegata, ma le affianca anche un comparto da RTS votato esclusivamente al combattimento. Come ogni buon dungeon che si rispetti, anche quello creato dai giocatori ha uno (o diversi) ingressi da cui gli impavidi eroi possono entrare e le perfide creature uscire, seminando morte e distruzione in superficie. Fintanto che i soldati del giocatore rimangono nel ventre della terra non è possibile controllarli direttamente, ma solo spostarli da una stanza all’altra sperando che si dedichino all’attività che si desidera. Una volta emersi dalle buie gallerie invece possono essere gestiti nel dettaglio, sia per quanto riguarda gli spostamenti che le abilità speciali. Ogni creatura dispone di valori di attacco e difesa, che aumentano al salire di livello, e anche abilità uniche che le permettono di rivelarsi decisiva in determinate situazioni. Talya, l’antieroina protagonista della storia, può ad esempio scagliare palle di fuoco che infliggono pesanti danni ad area, mentre le Naghe possono rimettere in sesto i membri feriti del nostro esercito con flussi di energia curativa.

 Le sezioni a cielo aperto offrono sempre obiettivi specifici che contribuiscono a rinfrescare, almeno parzialmente, un’offerta ludica che altrimenti risulterebbe troppo stantia. Mancando infatti tutta la parte di creazione della base (poiché la produzione avviene nel sottosuolo) l’unica cosa su cui è necessario concentrarsi è creare un esercito dignitoso e guidarlo nelle varie situazioni proposte. Inizialmente ci si limita a radere al suolo accampamenti e uccidere qualsiasi cosa si muova, ma proseguendo con la campagna ci si ritrova a barcamenarsi in situazioni differenziate, come scortare un gigantesco demone in giro per la mappa mentre Talya se la vede con una maga nemica scagliando raggi dalla cima di una collina. Il titolo propone un grado sfida estremamente accessibile, soprattutto per chi è avvezzo a gestionali e strategici. Ogni missione ha comunque degli obiettivi secondari, a cui possiamo puntare se vogliamo completare tutto al cento per cento, e un livello di difficoltà aggiuntivo per i veterani che cercano una sfida più consistente. Ad ogni modo, se la lunga campagna dovesse risultare “troppo facile” ci si può dedicare a partite competitive in multigiocatore in cui confrontarsi contro altri esperti. A livello tecnico, la grafica del gioco, improntata allo stile umoristico, è semplice, colorata e divertente. Ovviamente non bisogna cercare il realismo in un gioco così perché si rischia di rimanere delusi, ma vi assicuriamo che il risultato complessivo è davvero di buon livello. Tirando le somme la cosa bella di Dungeons 3, nonostante proponga un gameplay piuttosto vecchiotto, è che funziona alla perfezione e, fatta l’abitudine al sistema di selezione delle unità, non chiarissimo da principio, e alle battute irriverenti della voce narrante, ci si trova a giocare senza sosta per ore e ore, macinando una mappa dopo l’altra. Sinceramente non avremmo mai sperato che la formula ibrida scelta per il gameplay funzionasse così bene, ma evidentemente i ragazzi di Realmforge Studios hanno talento da vendere. Compratelo senza indugio perché a nostro avviso di videogame che riescono a divertire così tanto in giro ce ne sono davvero pochi.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8

Sonoro: 9

Gameplay: 8

Longevità: 9

VOTO FINALE: 8,5

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere

I più letti