Connect with us

Roma

DECRETO SVUOTA CARCERI: L'APPELLO AL MINISTRO CANCELLIERI: BASTA A QUESTO SCEMPIO DI ONESTA'

Clicca e condividi l'articolo

"Molte testate giornalistiche preferiscono vivacchiare su temi triti e ritriti piuttosto che distinguersi con contenuti di rottura"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Gabriella Resse

Roma – In questi giorni, navigando per le strette ed interminabili vie di Facebook, mi sono imbattuta in un appello al ministro della Giustizia Cancellieri a firma di Maurizio Cudicio, fondatore del Movimento Poliziotti e Vice Segretario Nazionale del Sindacato di Polizia A.D.P. autonomi di Polizia.

Quello che colpisce, è l’estrema lucidità e durezza con le quali viene evidenziato che quest’azione di governo, se da una parte ridurrà sensibilmente il problema del sovraffollamento delle carceri, dall’altra potrebbe rivelarsi una sorta di “sversamento indifferenziato” di criminali nel nostro territorio.

Quando anche le forze dell’ordine ed in questo caso il vice segretario Nazionale di un sindacato di polizia si pone in posizione critica rispetto alle iniziative del governo e dei ministri riguardo ai temi della giustizia, c’è da porsi dei quesiti seri riguardo alla reale capacità di queste istituzioni di dare risposte concrete e confortanti ai bisogni primari dei cittadini e degli operatori del settore in materia di pubblica sicurezza . Altra diffusa lamentela intercettata sui post inseriti nella pagina Facebook del Movimento Poliziotti che ad oggi conta ben 20 mila simpatizzanti ,è che nonostante la capillare diffusione del comunicato ai Media ,questi ultimi si sono mostrati freddi e disinteressati a far emergere le dichiarazioni del vice segretario Cudicio che presumibilmente raccoglie anche le impressioni degli iscritti al sindacato. A questo proposito in una vecchia intervista a firma Massimo Martini che si informa circa il rapporto del sindacato con la stampa, Cudicio dichiara :” 

Non è interessata. Si preoccupa di noi solo quando c'è il morto, il ferito o lo scandalo. Il poliziotto “buono”, idealista che crede di svolgere una missione per la società non fa notizia “

A mio avviso, questo atteggiamento della stampa è incomprensibile e censorio e ancora una volta evidenzia la scarsa profondità professionale di molte testate giornalistiche che preferiscono vivacchiare su temi triti e ritriti piuttosto che distinguersi con contenuti di rottura che fotografino il reale e gli umori dei differenti strati della società nel nostro paese.

Prima della lettera aperta del segretario Cudicio, per dovere di cronaca e approfondimento, riporto una sintesi delle azioni di governo su questo tema e le precisazioni del ministro Cancelllieri : 

Approvato il decreto contro l’affollamento carcerario.

Il testo apre l’accesso ai lavori socialmente utili anche ai recidivi e blocca il fenomeno delle cosiddette “porte girevoli” (il transito nei penitenziari per pochi giorni). Il decreto “tocca aspetti normativi”. Il Guardasigilli ha inoltre spiegato che l’ampliamento del meccanismo per l’accesso dei detenuti ai lavori socialmente utili consentirà di scontare la pena lavorando e rientrando in carcere o al domicilio la sera. Questi provvedimenti non sono però ammessi in favore di chi ha compiuto reati gravi come l’associazione mafiosa e dai lavori socialmente utili, sono esclusi i condannati per stalking e maltrattamento di minori. Il provvedimento dovrebbe portare alla diminuzione della detenzione in carcere di circa 6mila persone nei prossimi due anni. Entro il 2016, nelle carceri italiane, dovrebbero esserci 10 mila posti letto in più, 5mila dei quali saranno realizzati entro il maggio del 2014.Si tratta della prima tappa del piano carceri finanziato con 400 milioni. Per il resto il ministero della Giustizia sta facendo degli studi per valutare una serie di “depenalizzazioni” possibili. Per quello che concerne invece una vera e propria amnistia, la Cancellieri non solo non la esclude, ma la vede come un “grosso aiuto” per risolvere l’emergenza carceri. Il ministro precisa comunque che si tratta di una scelta di competenza del Parlamento.

Vi siete fatti un’idea ? Bene !! Ecco allora di seguito quanto promesso. L’appello di Maurizio Cudicio, fondatore del Movimento Poliziotti e Vice Segretario Nazionale del Sindacato di Polizia A.D.P. autonomi di Polizia :

DECRETO SVUOTA CARCERI

Sig. Ministro Anna Maria Cancellieri, posso farle una domanda ? 

Io, da operatore delle forze dell’ordine, come devo interpretare questo decreto svuota carceri?

Lei, è stata informata, oltre che delle condizioni dei detenuti, di quelle dei cittadini italiani ONESTI? E di quelle degli operatori delle forze dell’ordine?

Come dovremmo sentirci noi poliziotti quando arrestiamo un delinquente e pochi minuti dopo lo ritroviamo in strada che ci sbeffeggia e prosegue le sue azioni criminose?

Lavori socialmente utili? Perché questi lavori non li facciamo fare ai cittadini onesti che pagano le tasse e che non ci pensano neanche, ad andare a rubare? 

Lei lo sa che in Italia si denuncia un reato ogni 10 secondi ? 

Ci spieghi allora come possiamo infondere fiducia ai cittadini, se poi chi comanda rema in senso contrario?

Noi lavoriamo per il cittadino e l’amministrazione della Polizia di Stato ci da modo di poter svolgere questo compito, ma il nostro è solo il primo atto e se poi il finale è questo dello svuota carceri, non ci resta altro che rassegnarci.

Nessun medico ordina alle persone di delinquere e quindi ognuno deve prendersi le proprie responsabilità. Chi sbaglia deve pagare e la pena deve essere certa. Le attenuanti sono previste dal nostro Codice Penale e nessuno le mette in discussione, ma non si possono perdonare persone che con i loro reati, anche se giudicati “minori”, spesso sono cause di vere e proprie tragedie famigliari.

Indulto? Amnistia? Svuota Carceri ? Noi operatori delle forze dell’ordine e prima di tutto cittadini italiani diciamo basta a questo scempio dell’onestà. Molti stranieri vengono in Italia a delinquere perché sanno benissimo che il nostro Sistema è molto soft e quasi sempre si può passarla liscia, magari con qualche “dolce” semilibertà o con un controllo “sereno” come ad esempio la libertà vigilata o ancora meglio con degli arresti domiciliari con permessi per tutte le ore, da quello per accompagnare il cane a fare un giro a quello per andare a casa di amici per un compleanno.

Sig. Ministro, ci auguriamo che le sue idee siano positive e la ragione stia dalla Sua parte, ma sappia che se anche uno solo di questi individui a cui avete permesso di uscire dalle carceri ritornerà a delinquere, magari ammazzando o stuprando qualche giovane, sappia che la responsabilità non sarà certo delle forze dell’ordine.

Vice Segretario Nazionale sindacato di Polizia A.D.P. e fondatore della pagina FB Movimento Poliziotti.

Cudicio Maurizio

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Monte Compatri, lite tra amici finisce a martellate: grave un 41enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Monte Compatri (Castelli Romani) – Un uomo di 41 anni è in gravi condizioni dopo essere stato ferito alla testa da un colpo di martello durante una lite con un amico. L’episodio è accaduto ieri a Montecompatri, Comune alle porte di Roma, e sulla vicenda indagano i carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Frascati. Secondo una prima ricostruzione, la vittima il giorno precedente – reduce da una serata di gioco e dopo aver perso – aveva chiesto ospitalità ad una coppia di amici e il mattino seguente aveva litigato con uno dei due, un 40enne, per cause da accertare. Dopo una segnalazione, i carabinieri sono intervenuti nell’abitazione trovando in terra sul pavimento l’uomo privo di sensi, che è stato poi trasportato dal 118 al Policlinico Umberto I di Roma, in prognosi riservata ed in pericolo di vita.
A rimanere ferito, lievemente alla testa, è stato anche il 40enne proprietario di casa. Illesa la compagna. La Procura di Velletri vaglierà l’ipotesi di tentato omicidio a carico del 40enne padrone di casa.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca di Papa, Parco astronomico: venerdì 23 agosto col naso all’insù

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il cielo del mese al Planetario al Parco astronomico di Rocca di Papa
„l cielo non avrà più segreti.

Venerdì 23 agosto i visitatori del Parco astronomico “Livio Gratton” di Rocca di Papa potranno scoprire tutte le sue meraviglie sotto la cupola del nuovo Planetario fisso e ai telescopi. L’evento rientra nel fitto calendario di Astroincontri al Parco astronomico promossi dall’Associazione Tuscolana di Astronomia (ATA) – APS per diffondere la cultura scientifica.

Sotto la cupola di 7 metri di diametro del nuovo Planetario del Parco astronomico, formidabile strumento di simulazione del cielo, in grado di ospitare fino a 50 persone, l’esperto operatore dell’Associazione Marco Tadini illustrerà al pubblico il cielo del mese con l’ausilio di foto spettacolari e di video immersivi a 360 gradi. Durante gli spettacoli multimediali, in programma alle ore 21:00 e alle ore 22:00, la scienza e il racconto dei miti legati agli oggetti celesti si fonderanno insieme per regalare al pubblico un’esperienza indimenticabile.

Agli spettacoli nel Planetario seguirà la consueta osservazione di tutti gli oggetti celesti visibili a occhio nudo e al telescopio sotto la guida degli operatori dell’ATA Pierluigi De Santi, Enrico Moy e Giuseppe Bongiorni. “Osservare il cielo, i pianeti e le costellazioni, anche attraverso telescopi che permettono di coglierne dettagli altrimenti invisibili sotto la guida di esperti è una grande opportunità che suscita sempre nel pubblico grande interesse ed entusiasmo”, dichiara il Presidente dell’Associazione Luca Orrù.

Su quali oggetti celesti potranno essere puntati gli occhi? Come spiega l’Unione Astrofili Italiani, possiamo ammirare Giove al culmine a sud durante le prime ore di oscurità. Visibile in condizioni ottimali per gran parte della notte anche il fascinoso Saturno, che culmina a sud nel corso delle prime ore di oscurità e a sud – ovest nelle ore centrali della notte. Osservabili, ma solo al telescopio, Urano e Nettuno, che si può scorgere a sud-est dopo il tramonto. Anche le costellazioni offrono uno spettacolo imperdibile: nelle prime ore della sera c’è ancora tempo per riconoscere le costellazioni della Bilancia e dello Scorpione che si avviano al tramonto verso occidente, a sud – est troviamo invece il Capricorno e l’Acquario, costellazioni relativamente grandi ma prive di stelle brillanti. A nord-ovest la brillante stella Arturo, nella costellazioni del Bootes, contende il primato di astro più luminoso a Vega, uno dei vertici del Triangolo Estivo, insieme a Deneb e Altair, che nella prima parte della notte si trova prossimo allo Zenit, proprio sopra le nostre teste.

Richiesta la prenotazione via mail a segreteria@ataonweb.it. Nel testo della mail occorre specificare il numero di partecipanti e il turno di preferenza: 21:00 oppure 22:00.“

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Civitavecchia, spacciava cocaina e hashish nel suo ristorante

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Spacciava cocaina e hashish nel suo ristorante a Civitavecchia e per questo era stato arrestato il 2 agosto scorso. Ora arriva il provvedimento di chiusura per 10 giorni del locale. Il Questore di Roma, Carmine Esposito, esaminata la proposta presentata dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Civitavecchia, ha infatti disposto la sospensione della licenza, per 10 giorni, nei confronti del titolare del ristorante.

Il provvedimento è stato adottato a seguito dell’ intervento effettuato lo scorso 2 agosto, quando gli agenti avevano arrestato, nella flagranza di reato per spaccio, il proprietario del locale trovato in possesso di 3 dosi di cocaina, già pronta per lo spaccio, nascosti nella tasca dei pantaloni. Ulteriori 8 grammi di hashish erano nascosti in un cassetto del registratore di cassa dell’esercizio commerciale, mentre, circa 1 kg di cocaina e materiale per il confezionamento, veniva sequestrato nella casa dell’uomo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Agosto: 2019
L M M G V S D
« Lug    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it