Connect with us

Primo piano

DELITTO GARLASCO, CHIARA POGGI: IL 22 SETTEMBRE LA CONSEGNA DI RICOSTRUZIONI E PROVE SCIENTIFICHE

Clicca e condividi l'articolo

Ci si chiede se, a sette anni dal delitto, l’analisi della bicicletta, o delle scarpe di Alberto, possano ancora fornire i risultati che sarebbe stato possibile raccogliere subito dopo il delitto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Simonetta D’Onofrio

Garlasco – Nuove prove per scoprire il colpevole dell’omicidio di Garlasco, che ha visto morire, nell’estate di sette anni fa (era il 13 agosto) Chiara Poggi. È quanto si spera di ricavare dall’analisi del DNA estratto dai residui organici prelevati sotto le unghie di Chiara.
In passato dalle mani della ragazza morta erano stati prelevati dei reperti dai quali non era stato possibile estrarre il DNA (si trattava di peli, che però erano privi del bulbo pilifero), mentre stavolta i risultati delle analisi hanno confermato per tre volte lo stesso dato, è stato rilevato un cromosoma Y, che identifica il sesso maschile. Questo significa che il materiale organico sotto le unghie appartiene a un uomo, presumibilmente l’assassino, e che Chiara ha provato a difendersi prima di rimanere esanime. Il giudice ha disposto il prelievo di materiale organico su Alberto Stasi, ex fidanzato della vittima e unico imputato nei due precedenti processi, avvenuto ieri mattina, lunedì 8 settembre.
Altro elemento che promette novità importanti, in vista del processo d’appello bis, è l’esame di due foto, scattate dai Carabinieri, che mostrano il braccio di Alberto, che appare graffiato. Proprio questi graffi, se è vero che Chiara si è difesa con le unghie, diventano un indizio (certamente da confermare con la prova del DNA) contro il ragazzo.
La Corte d’Appello ha disposto, oltre al test del DNA, altri due accertamenti, sulla camminata di Alberto (ricostruita al computer e confrontata col possibile percorso effettuato dall’assassino), e sulla bicicletta nera da donna, che era stata notata la mattina del delitto nei pressi della villetta dei Poggi, ma mai sequestrata perché era stata prelevata in sua vece una bici da uomo bordò.
Le ricostruzioni e le prove scientifiche devono essere consegnate alla Corte entro il 22 settembre, per poterle acquisire alla ripresa delle udienze.

Resta da capire come mai dopo sette anni il DNA dell’unico imputato non sia stato già acquisito agli atti (sebbene fosse stato effettuato un prelievo pochi giorni dopo il delitto), come mai le foto del braccio ferito non siano state prese in considerazione, come mai sia stata sequestrata la bicicletta sbagliata. Ci si chiede se, a sette anni dal delitto, l’analisi della bicicletta, o delle scarpe di Alberto, possano ancora fornire i risultati che sarebbe stato possibile raccogliere subito dopo il delitto.
Altro elemento ignorato nelle prime indagini è stato il contenuto del posacenere ritrovato a casa Poggi, Conteneva della cenere, ma non i mozziconi, come se qualcuno che stava fumando (né Chiara né tantomeno Alberto erano fumatori) avesse prelevato i mozziconi, poiché questi avrebbero potuto rappresentare una traccia per le indagini.
Si attende con grande attesa il risultato del DNA su Stasi, e gli altri accertamenti predisposti potranno fornire una prova quasi definitiva sulla sua innocenza o colpevolezza.
 

L’omicidio
Il 13 agosto del 2007 Alberto Stasi, studente di Economia e Commercio alla Bocconi, prova a prendere contatto telefonicamente la fidanzata Chiara Poggi, con la quale aveva trascorso la sera precedente, mangiando due pizze, prima di tornare a casa, perché in quel periodo Alberto stava preparando la tesi di laurea.
Verso le 13.30 si reca a casa della fidanzata, non ricevendo risposta al citofono decide di scavalcare il cancello. Arrivato sulla porta di casa, decide di entrare, e trova molto sangue a terra, seguendo le tracce verso la tavernetta trova il corpo di Chiara.
Chiama subito i soccorsi, e si reca nella vicina caserma dei Carabinieri, che distano pochi metri dalla villetta dei Poggi.
Chiara è morta per una decina di colpi violenti inferti con un’arma appuntita, che non sarà mai ritrovata, tra le 9 e le 12 di mattina (l’orario preciso non sarà mai stabilito). Nella villetta le uniche tracce presenti sono quelle di Chiara, dei suoi familiari, di Alberto e di un falegname che aveva fatto dei lavori pochi giorni prima della morte (oltre alle tracce dei soccorritori chiamati da Stasi).
Le indagini si concentrarono sull’ex fidanzato. Hanno destato sospetto l’atteggiamento dopo il ritrovamento del cadavere (sembra che il tono di voce di Stasi quando chiamò il 118 era troppo “rilassato”), le tracce del DNA di Chiara sulla bici di Alberto, la mancanza di sangue sotto le sue scarpe, nonostante il pavimento della casa fosse pieno.
Alberto Stasi venne arrestato il 24 settembre, ma la scarsità d’indizi certi convinse il GIP a scarcerarlo dopo quattro giorni. Nelle indagini successive (dicembre 2007) viene trovato nel computer di Stasi materiale pedopornografico, elemento che ha contribuito a minare l’immagine del fidanzato di Chiara nell’opinione pubblica. Il 3 novembre 2008 Alberto Stati viene rinviato a giudizio per l’omicidio di Chiara Poggi.
 

Il processo
Il 9 aprile 2009 nel Tribunale di Vigevano si apre il dibattimento, unico imputato Stasi. Per l’accusa Chiara aveva scoperto il materiale pornografico sul computer di lui, e per questo motivo i due hanno avuto una discussione. La mattina successiva Alberto è tornato per cercare di convincere Chiara a tornare sulle sue decisioni, e al rifiuto di lei ha perso la testa e l’ha colpita.
Il 30 aprile il Gup ha chiesto un rinvio disponendo quattro nuove perizie (depositate tra il mese di settembre e ottobre), che sostanzialmente smentiscono le tesi dell’accusa, per cui il 17 dicembre 2009 Stati viene assolto per insufficienza di prove.
L’8 novembre 2011 inizia il processo di appello. L’accusa chiede due nuove perizie, una su un capello trovato nelle mani di Chiara, ma dal quale non è stato possibile estrarre un DNA valido, e una sulla bicicletta presente nel garage di Stasi, che corrisponde alla descrizione fornita da una testimone su una bicicletta da donna presente la mattina dell’omicidio fuori dalla villetta dei Poggi.
Viene chiesto anche di rianalizzare il PC di Stasi, e le scarpe che l’imputato indossava il giorno della morte di Chiara. Le nuove accuse non convincono però la giuria, e il 6 dicembre viene pronunciata una nuova sentenza di assoluzione.
In seguito al ricorso dell’accusa il caso arriva in Cassazione, che nell’ottobre 2013 ha rinviato il processo alla Corte d’Appello, per un nuovo processo iniziato ad aprile 2014, e che è stato rinviato per le verifiche di cui abbiamo dato notizia al prossimo 22 settembre.

LEGGI ANCHE: 

 06/09/2014 CHIARA POGGI, DELITTO GARLASCO: TRACCE DI UN UOMO SOTTO LE UNGHIE DI CHIARA

 24/08/2014 CHIARA POGGI, DELITTO GARLASCO: SETTE ANNI DI INDAGINI, TRE PROCESSI E ANCORA NESSUN COLPEVOLE

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Grillo sospeso da e-bay: “Le attività sono un rischio per la community”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Beppe Grillo espulso da Ebay, la piattaforma di shopping on-line sui cui ieri «l’Elevato» aveva messo in vendita la sua pietra pomice per «smerigliare il cervello dalla stupidità umana». L’annuncio della sospensione permanente di tutti gli account correlati ad «elevatobeppegrillo» è stato notificato a Grillo da Ebay che ha anche rimosso il suo «articolo» in vendita.
«Gentile elevatobeppegrillo, dopo aver esaminato le attività correlate al tuo account abbiamo deciso di sospenderlo in quanto riteniamo che tali attività costituiscono un rischio per la community di eBay. Non abbiamo preso questa decisione con leggerezza. Ô tuttavia nostra priorità garantire un mercato affidabile in cui persone da tutto il mondo possano acquistare e vendere in sicurezza. Questa sospensione è permanente, per cui non potrai più prendere parte ad attività di acquisto o di vendita su eBay in futuro.

Qualsiasi altro account in tuo possesso o associato a questo account sarà inoltre sospeso» si legge nella comunicazione del sito di commercio che Grillo stesso pubblica sul suo profilo Fb. «Siamo spiacenti per il disappunto e il disagio che ciò potrà causarti, ma la nostra decisione è inappellabile» comunica ancora eBay che infine annuncia che l’oggetto «pietra pomice dell’elevato Beppe» verrà rimosso dall’elenco di quelli in vendita.
Alcuni giorni fa Beppe Grillo aveva postato un videomessaggio sui social mostrando la pietra pomice. Questo il testo: «Pietra pomice, firmata dall’Elevato. Serve a pulire, a grattare, a smerigliare il cervello della stupidità umana. In vendita su e-Bay a mille euro al pezzo, di meno non posso fare. Smerigliatevi, pulitevi, grattatevi l’anima con la pietra filosofale smerigliatrice dell’Elevato…».

Continua a leggere

Ambiente

Bracciano, passeggiata ecologica e di pulizia al “Fosso dei Quadri”: volontari rispondono all’appello del WWF e raccolgono quintali di rifiuti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Raccolti diversi quintali di materiale, tra carcasse di motocicli, elettrodomestici, materiali ingombranti e di risulta da ristrutturazioni edili, sparso in un ambiente talvolta caratterizzato da completa incuria e da vero spregio del territorio. Questo il risultato della passeggiata ecologica e di pulizia effettuata lungo alcuni tratti del territorio di Bracciano da parte di una ventina di volontari che hanno risposto all’appello rivolto dal Gruppo WWF Monti Sabatini.

L’iniziativa del Gruppo WWF era inserita nella più ampia manifestazione annuale “Urban Nature” prevista per il prossimo 4 ottobre in molte città che nel nostro paese, a vario titolo, studiano e divulgano l’importanza della biodiversità urbana e sono promotrici di esperienze civiche di gestione degli spazi verdi. In tale ambito, gli organizzatori si sono prefissi di procedere alla pulizia di alcune parti del Fosso dei Quadri, – importante canale che raccoglie le acque pluviali (chiare) provenienti, sia dalla parte alta di Bracciano (monte Cotognola), sia dal Fossato del centro storico cittadino -, che sfocia nel lago prima della spiaggia di Santo Celso.

Dalla fine degli anni ‘80 i paesi Sabatini, riuniti nel consorzio COBIS (Consorzio Bacino Idrico Sabatino) per la tutela della qualità delle acque del Lago di Bracciano, raccolgono e trattano i liquami prodotti prima della loro reimmissione nell’ambiente. Una ricognizione effettuata nei giorni precedenti all’operazione di bonifica, aveva evidenziato la presenza di numerosi rifiuti solidi ingombranti e altro materiale plastico e metallico, sia nelle immediate vicinanze, sia nell’alveo del Fosso che, se non raccolti, inevitabilmente con le piogge autunnali ed invernali si sarebbero riversati nel lago.

I volontari, dopo il raduno delle 9 in piazza Gen. Giardino (Pasqualetti), equipaggiati di pantaloni pesanti, camicie a maniche lunghe, scarponi e guanti da lavoro e “armati” di molle prendi oggetti, bastoni chiodati, pale ed attrezzi vari, i volenterosi hanno “pacificamente” invaso i tratti del fosso necessitanti degli interventi di pulizia pianificati, sotto la direzione del naturalista Luigi.

In condizioni ambientali di oggettiva difficoltà, tutto il ciarpame accumulato è stato selezionato, impacchettato per tipologia e poi trasportato all’isola ecologica comunale con il mezzo dei volontari di SalvaguardiAmo Bracciano.

L’iniziativa si è conclusa ben oltre le programmate ore 12:00, in un contesto di generale soddisfazione ed appagamento.

I partecipanti – donando parte del proprio tempo ed offrendo disinteressata disponibilità – hanno testimoniato il proprio genuino rispetto del territorio, serbando nel cuore la speranza di aver – con l’esempio – sensibilizzato le altre realtà civiche, e soprattutto quella parte della cittadinanza talvolta poco attenta, agli ideali di salvaguardia e cura del nostro paese ed in generale del nostro unico pianeta.

Gianni Palumbo

Continua a leggere

Politica

Elezioni regionali, Di Battista: “La più grande sconfitta della storia del M5s”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sostanziale pareggio tra centrodestra e centrosinistra alle ultime elezioni regionali dove i 5 Stelle escono sconfitti ovunque, in ritirata non strategica al Sud, praticamente assenti al Nord.

Elezioni finite con un 3 a 3 dove il centrodestra, rispetto al gennaio scorso (quando si votò in Emilia-Romagna e il dem Stefano Bonaccini sconfisse la Lega), aggiunge comunque una regione nel proprio Risiko politico. Oggi, quindi, il centrodestra conduce 15 regioni a 5 rispetto al centrosinistra.

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 24/09/2020

Un’evoluzione in cui l’Italia ha cambiato totalmente colore politico rispetto al 2014, quando lo strapotere dei governi “rossi” era di 16 a 4. Poi si è passati al 15 a 4 nel 2018, mentre il quadro è stato ribaltato nel 2019, quando il centrodestra ha rimontato, arrivando a condurre per 10 a 9 (non contando la Valle d’Aosta).

All’interno della coalizione di centrodestra sono iniziate subito le discussioni rispetto a un risultato che il leader della Lega, Matteo Salvini, aveva immaginato come molto più rotondo (“vinceremo 7-0”, aveva detto). Il leader della Lega ha però subito chiarito: “Nel centrodestra non ho competitor”. Secondo gli osservatori, questo risultato – unito a quello del referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari: dove ha vinto il sì, con quasi il 70 per cento – dà respiro al governo e quelle che dovevano essere le elezioni della potenziale spallata sono diventate, dunque, le elezioni della stabilità.

Continua a leggere

I più letti