Connect with us

Primo piano

"DIECI ANNI DI ORDINE PUBBLICO". IL CAPO DELLA POLIZIA PANSA: "SCROLLIAMOCI DALLE SPALLE IL PESO DEL 2001"

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 5 minuti Francesco Tagliente, già questore di Roma: "Necessari strumenti giuridici con effetti deterrenti"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

Il 27 ottobre, all'interno della sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei ministri di Via Santa Maria numero 37 a Roma, l'Associazione Nazionale dei Funzionari di Polizia ha presentato il volume “Dieci anni di ordine pubblico”.

Lo studio. Il volume, frutto del lavoro di Armando Forgione, direttore dell’Ufficio ordine pubblico del Ministero, di Roberto Massucci attuale Capo di Gabinetto del Questore di Roma, e da Nicola Ferrigni, Sociologo del Link Campus University, vuole offrire un'analisi socio-statistica degli ultimi 10 anni di gestione dell'ordine pubblico. L’obiettivo del lavoro, condotto con rigoroso approccio scientifico, è quello di contribuire alla riflessione sulla specifica missione affidata alle Forze di Polizia e sul ruolo che esse hanno nel mantenere e rafforzare il patto di fiducia stretto tra la società e le Istituzioni. In particolare, lo scopo perseguito – specie in virtù dell’esperienza maturata sul campo – è quello di partecipare anche attraverso spunti propositivi e critici, al dibattito sul ruolo della gestione dell’Ordine Pubblico nel più ampio concetto della sicurezza, al fine di garantire: “Il diritto di manifestare come quello di dare legalità e sicurezza a tutti gli altri cittadini”. Se il governo dell’ordine pubblico rappresenta la più complessa e articolata incombenza che la legge demanda all’Autorità di P.S., l’impegno quotidiano e il fruttuoso processo di democratizzazione interna, nel confermare la natura di Istituzione al “servizio della gente”, offrono, al contempo, la necessaria garanzia di tutela di quel contesto di legalità che costituisce un presupposto indefettibile per il godimento delle prerogative democratiche e dei diritti costituzionali.

Francesco Tagliente. In merito al servizio di ordine pubblico si è espresso l'ex Questore di Roma e già Prefetto di Pisa Francesco Tagliente, secondo cui per evitare l'intervento delle forze di Polizia scatenando le così dette “guerriglie urbane”, debbano essere attivati, con coesione istituzionale, strumenti giuridici con effetti deterrenti come Daspo con prescrizioni, denunce e arresti seguiti da condanne esemplari e misure carcerarie. Inoltre, Tagliente si era già pronunciato più volte in merito, delineando la migliore strategia da adottare nel contrasto della “guerriglia urbana”, sostenendo che : “Ai fini della deterrenza, possono essere più efficaci gli arresti e le denunce piuttosto delle cariche con manganelli e lacrimogeni, a condizione però che tutte le maglie della rete istituzionale siano coese e che l’identificazione e la denuncia degli autori dei fatti di violenza commessi nel corso di una pubblica manifestazione, in stato di arresto o di liberta, può risultare più efficace ai fini della deterrenza solo se tutte le maglie della rete sono resistenti agli urti”. Sulla migliore strategia per la gestione della “guerriglia urbana” da parte delle Forze di polizia Tagliente sostiene che: “Non esiste un dispositivo unico di gestione dell’ordine pubblico universalmente valido, ma esistono le norme, i regolamenti e le buone prassi frutto di anni di lavoro nella gestione della piazza, dello stadio o del corteo. Ciascun episodio è unico e come tale va trattato, nella cornice delineata dalle fonti normative. È chiaro- aggiunge Tagliente- che il diritto di manifestare le proprie opinioni e il proprio dissenso è e deve restare inviolabile non è solo una volontà costituzionale ma una convinzione intima di quanti sono chiamati, ciascuno nell’ambito della propria competenza, al mantenimento dell’ordine pubblico”. All’uso della forza nella gestione delle manifestazioni – considerata quale estrema ratio – Tagliente preferisce strumenti di intervento quali, ad esempio, l’istituto dell’arresto differito precisando che la possibilità del sopraggiungere improvviso di una criticità deve essere sempre considerata e che l’azione per smorzare eventuali focolai deve essere decisa e netta; comunque, sempre la meno lesiva ritenuta idonea per ripristinare l’ordine violato”. Tagliente ha più volte sottolineato come: “Parlamento, polizia, magistratura, istituzioni penitenziarie, cittadini, mass-media, agenzie di controllo sociale ecc. devono agire nella consapevolezza che la polizia non può essere considerata detentrice del monopolio, del controllo sociale e della gestione delle piazze; che la Polizia non può essere considerata la sola responsabile delle violenze di piazza e che la strategia di gestione della guerriglia urbana dipende dalla forza di tutte le maglie della rete istituzionale con la conseguenza se si rompe o viene meno anche una sola maglia, tutta la rete si sfilaccia”. Dunque, l'ex Questore insiste sul ruolo del parlamento affermando che: “Per ridurre le occasioni di scontri di piazza, servono nuovi strumenti giuridici per rafforzare l’apparato sanzionatorio destinato alla repressione delle condotte illecite poste in essere in occasione di manifestazioni pubbliche e che va nella giusta direzione quanto previsto nella bozza di un disegno di legge, annunciato alla stampa, che propone nuove norme per la sicurezza urbana e per la legalità e la sicurezza dei territori”. “E’ importante – continua Tagliente – che l’uso di mazze, bastoni, scudi, materiale imbrattante o inquinante, oggetti contundenti o atti ad offendere, di caschi protettivi o altri mezzi che rendono impossibile o difficile il riconoscimento, il lancio o l’utilizzo di razzi, bengala, fuochi artificiali, petardi siano considerarti delitti e che, per tali reati e per tutti gli altri per i quali è oggi previsto l’arresto obbligatorio o facoltativo, sia consentito l’arresto in flagranza differita. Ma questo non basta, per la sicurezza delle manifestazioni di piazza, sul piano sanzionatorio, il parlamento potrebbe intervenire anche per limitare la concessione delle misure alternative alla detenzione carceraria di quei soggetti che potrebbero reiterare azioni violente”. Ancora più incisiva sul piano preventivo la proposta di Tagliente: “Per evitare l’arrivo in massa, nella città dove si tiene la manifestazione ritenuta a rischio di incidenti, di soggetti violenti provenienti da altre province, si dovrebbero bloccare alla partenza fornendo alle Forze di Polizia gli strumenti giuridici per trattenere i violenti in analogia a quanto già previsto per le manifestazioni sportive. Sarebbe auspicabile introdurre una norma che consenta al Questore il potere di emettere un provvedimento di prescrizione per soggetti già denunciati e sottoposti a processo per fatti di violenza di piazza: per impedire la partenza- aggiunge l'ex Questore capitolino-, il giorno della manifestazione, il “daspato” dovrebbe firmare all’ufficio di polizia del luogo di residenza”. “Sarebbe inoltre auspicabile prevedere anche per il giudice l’applicazione, in sede di condanna per “reati tipici”, dell’obbligo di presentazione in un ufficio di polizia”.

La presentazione. Dopo i saluti del Capo della Polizia, Alessandro Pansa – che ha firmato la prefazione al Testo – il Presidente dell’Associazione Nazionale Funzionari di Polizia, Lorena La Spina, ha spiegato la relazione introduttiva dei lavori affidati alla moderazione di Paolo di Giannantonio. Oltre agli Autori della pubblicazione Forgione, Massucci e Ferrigni, prenderà la parola il sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione, Paolo Canevelli

 

L'intervento di Pansa "Dobbiamo scrollarci dalle spalle il peso del 2001: abbiamo studiato, analizzato, trovato soluzioni e oggi nella gestione dell'ordine pubblico siamo un'organizzazione completamente diversa rispetto al passato". Lo ha sottolineato il capo della polizia, Alessandro Pansa, facendo riferimento ai fatti del G8 di Genova nel suo intervento alla presentazione del volume "Dieci anni di ordine pubblico". Ordine pubblico che – ha premesso Pansa- "rappresenta il core business del nostro lavoro, l'elemento particolare che caratterizza quotidianamente la funzione della polizia e il lavoro dei suoi funzionari". "Oggi – ha ricordato il capo della polizia – nelle manifestazioni di piazza le forze dell'ordine hanno una consapevolezza totale del loro ruolo: consentire a tutti di esprimere, in modo corretto, il proprio pensiero e il proprio dissenso. Noi non stiamo a valutare le istanze di cui i manifestanti sono portatori ma solo a garantire che tutti possano manifestare nel rispetto delle regole democratiche. Siamo i primi difensori dei principi costituzionali: ci sono meccanismi ulteriormente da affinare, anche sul piano normativo, e il nuovo ddl sulla sicurezza urbana definisce regole e norme che possono rendere ancora piu' efficace la gestione dell'ordine pubblico ma piu' in generale dobbiamo anche spostare l'attenzione dal comportamento dei singoli alla tutela dei luoghi dove le manifestazioni avvengono, visto che le aree metropolitane presentano varieta' di situazioni molto diverse tra di loro". Per Pansa, e' necessario "affrontare la modernita', le novita' che si sviluppano nella societa', le dinamiche delle nuove tecnologie che rendono piu' complicata la gestione dell'ordine pubblico, ma sempre tenendo presente il nostro passato e la nostra storia: le manifestazioni di tanti anni fa in cui si sparava, in cui c'erano i morti, non vanno dimenticate, non sono un passato lontanissimo: ricordiamoci come si e' evoluto il tempo, ricordiamoci come sono cambiate le manifestazioni e certe espressioni di violenza". Cio' che va sempre tenuto presente – ha concluso Pansa – e' "il bilanciamento dei diritti in gioco, in modo da valutare qual e' il momento in cui tale bilanciamento richiede il nostro intervento. Se lo faremo, l'ordine pubblico sara' gestito sempre meglio e indipendentemente dalle polemiche che di volta in volta si creano e di cui non ci dobbiamo curare"

Castelli Romani

Storia d’Italia, i Vigili del Fuoco e l’operazione “Shingle”: l’ANVM propone una medaglia alla bandiera del Corpo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

“I vigili del fuoco salvarono la popolazione di Sermoneta e Colleferro dalle violenze dei coloniali francesi.”

Ricorre oggi, 22 gennaio, l’anniversario dello sbarco degli Alleati nel tratto di costa tra Anzio e Nettuno, avvenuto nel 1944 e conosciuto come Operazione “Shingle”.

Molto si è scritto su questo sbarco e sulle conseguenti operazioni militari, ma nessuno ha messo in rilievo il comportamento dei Vigili del Fuoco italiani e che una “colonna mobile” sbarcò al seguito delle truppe Alleate mentre i Vigili del Fuoco sfollati da Littoria – Latina a Sermoneta salvarono la popolazione civile dalle violenze delle truppe coloniali francesi.

1944 -Vigili del Fuoco a Latina (ex Littoria)

La storia è da raccontare. In prossimità dello sbarco, le autorità del Governo Militare Alleato ebbero la falsa notizia che i servizi antincendio nei territori controllati dai tedeschi fossero inefficienti e inattivi. Fu per questo motivo che il personale del 54° Corpo Vigili del Fuoco “Napoli” costituì un reparto speciale da impiegare al seguito delle armate angloamericane. Aggregati a reparti secondari della Quinta Armata, i pompieri italiani, al comando dell’Ingegner Sinigaglia, furono imbarcati su una tipica nave da carico classe “Liberty” e, in vista dell’avanzata verso Roma, sbarcati nel Maggio del 1944 dietro le linee di combattimento.

Giunti nella Capitale scoprirono che, malgrado le difficoltà e gli automezzi requisiti dai tedeschi in ritirata, il Corpo dei Vigili del Fuoco di Roma era perfettamente in grado di soccorrere la popolazione. Fu forse per questo motivo che la colonna mobile non si fermò a Roma ma proseguì, insieme ai reparti antincendio del Genio del Corpo Italiano di Liberazione, al seguito dei reparti inglesi ed americani fino a Bologna, nel corso della “Campagna d’Italia”.

Nel frattempo, i Vigili del Fuoco della RSI, il 30 gennaio 1944 ricevettero l’ordine di evacuare Littoria, oggi Latina. Il comando provinciale si trasferì nel comune di Sermoneta.  Gli alloggi dei vigili del fuoco erano situati nei sotterranei del Castello dei Caetani. Per le condizioni poco igieniche il vigile del fuoco De Angelis Nicola contrasse una malattia e a luglio dello stesso anno morì. Un altro vigile del fuoco, Femiano Antonio mentre si recava a Sermoneta fu fatto prigioniero dai tedeschi, che stazionavano presso l’abbazia di Valvisciolo, e mandato a Cassino. Dopo 15 giorni rientrò al Reparto.

La presenza dei Vigili del Fuoco a Sermoneta e Colleferro, fece da deterrente alle violenze dei coloniali francesi. Infatti, queste truppe si abbandonarono a centinaia di stupri e saccheggi nei comuni dei Lepini come Prossedi, Maenza, Roccagorga, Sezze, Bassiano, Norma e Cori. Un solo caso accertato di stupro fu registrato a Sermoneta, grazie alla presenza del Comando Provinciale dei Vigili del fuoco che stazionò a Sermoneta dal 30 gennaio 1944 alla fine di giugno 1944. Anche nel paese di Colleferro, la presenza dei Vigili del Fuoco salvò la popolazione.

L’Associazione Nazionale Vittime delle MarocchinateANVM, che da anni effettua ricerche storiche sulle violenze perpetrate dai magrebini inquadrati nell’Esercito Francese, lancia un appello affinché alla Bandiera del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco sia concessa una onorificenza per l’attività svolta in guerra dal suo personale.

Continua a leggere

Cronaca

Firmato DPCM anti covid: niente ritiro della pensione senza Green pass

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha firmato il Dpcm che indica le attività commerciali in cui dal primo febbraio sarà possibile continuare ad accedere senza Green pass. Non sarà possibile andare in un ufficio postale nemmeno per ritirare la pensione se non si ha il certificato verde. E’ saltata dunque la norma inserita nella bozza con la quale erano considerate “esigenze essenziali e primarie” quelle “indifferibili e urgenti connesse alla riscossione, presso gli sportelli di Poste italiane Spa e degli istituti di credito abilitati, di pensioni o emolumenti comunque denominati non soggetti ad obbligo di accredito”. 

Alimentari e salute, la faq del governo – Il decreto stabilisce, quindi, che non è richiesto il possesso della certificazione verde per “esigenze alimentari e di prima necessità”.Chi entra senza Green pass nei supermercati può acquistare tutti i prodotti li’ venduti, non solo beni di prima necessità, precisa una Faq del governo rispetto al dpcm Covid. “Coloro che accedono agli esercizi commerciali esenti dal cd. Green pass previsti
dall’allegato del decreto del presidente del Consiglio dei ministri 21 gennaio 2022 possono acquistare ogni tipo di merce in essi venduta”.

Niente obbligo anche per “esigenze di salute, per le quali è sempre consentito l’accesso per l’approvvigionamento di farmaci e dispositivi medici e, comunque, alle strutture sanitarie e sociosanitarie”, comprese “quelle veterinarie, per ogni finalità di prevenzione, diagnosi e cura, anche per gli accompagnatori (questi ultimi, però, per rimanere all’interno delle strutture residenziali, socio assistenziali, sociosanitarie e hospice dovranno aver fatto il booster oppure avere l’esito di un tampone negativo effettuato non oltre le 48 ore precedenti se hanno solo due dosi di vaccino o sono guariti dal virus), e “per l’accesso dei visitatori a strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice”.

Sicurezza – E’ consentito l’accesso agli uffici aperti al pubblico delle forze di polizia e delle polizie locali, allo scopo di assicurare lo svolgimento delle attività istituzionali indifferibili, nonché quelle di prevenzione e repressione degli illeciti.

Giustizia – Inoltre è consentito l’accesso senza certificazione agli uffici giudiziari e agli uffici dei servizi sociosanitari esclusivamente per la presentazione indifferibile e urgente di denunce da parte di soggetti vittime di reati o di richieste d’interventi giudiziari a tutela di persone minori di età o incapaci, nonché per consentire lo svolgimento di attività d’indagine o giurisdizionale per cui è necessaria la presenza della persona convocata.

Continua a leggere

In evidenza

Covid, nel Lazio arriva Novavax: il nuovo vaccino per convincere gli scettici

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Sarà disponibile a partire dal 15 febbraio in 15 diversi hub su tutto il territorio regionale

E’ pronto il piano Novavax nel Lazio. Il vaccino proteico, che si spera potrà convincere molti scettici, verrà somminsitrato in 15 hub in tutta la Regione di cui sette nella Capitale.

Il vaccino è l’ultimo autorizzato dall’Ema in Europa e dall’Aifa in Italia. Distribuito a partire dal 15 febbraio in 15 diversi hub su tutto il territorio regionale, è riservato a chi si trova a vaccinarsi per la prima volta contro il covid 19, proprio per convincere i no vax che si sono rifiutati in precedenza. 

Il Novavax, infatti, si distingue da tutti gli altri somministrati fino ad ora. I vaccini di Pfizer e di Moderna, infatti, sono a base di acido ribonucleico messaggero, più comunemente mRNA, mentre quelli di Astrazeneca e Johnson&Johnson utilizzano come vettore virale un adenovirus: il Novavax, invece, non presenta né l’uno né l’altro. Al suo interno, invece, contiene subunità di proteine ricombinanti che potrebbero convincere anche i meno convinti a vaccinarsi.

Le dosi di Novavax, che sono attese per febbraio, saranno riservate solo per le prime somministrazioni degli over 18. Il richiamo verrà effettuato dopo 21 giorni. 

Il vaccino Novavax è stato promosso dall’Agenzia europea del Farmaco (EMA), il Comitato per i medicinali a uso umano ne ha concesso autorizzazione al commercio condizionale dai 18 anni di età. È un vaccino a base di proteine e il quinto approvato in Ue contro Covid-19.

I risultati di due principali studi clinici esaminati dagli esperti del Chmp mostrano che Nuvaxovid, questo il nome del vaccino, si è dimostrato efficace nel prevenire Covid-19 nelle persone dai 18 anni di età. I trial hanno coinvolto in totale oltre 45.000 persone. Nel primo studio, circa due terzi dei partecipanti hanno ricevuto il vaccino e agli altri è stata somministrata un’iniezione di placebo mentre nell’altro, i partecipanti erano divisi a metà tra Nuvaxovid e placebo.

I dettagli sugli studi di Novavax

Il primo studio ha avuto luogo in Messico e negli Stati Uniti, dove i casi sintomatici si sono ridotti del 90,4% da sette giorni dopo la seconda dose. Dei 17.312 vaccinati sono stati 14 i casi di Covid-19, mentre sugli 8.140 con placebo ne sono stati rilevati 63. Il secondo studio è stato invece condotto nel Regno Unito con 10 casi su 7.020 vaccinati rispetto ai 96 casi sui 7.019 non vaccinati, confermando un’efficacia dell’89,7%. Durante i trial, come nel caso degli altri vaccini già approvati, i ceppi Alpha e Beta erano i più comuni in circolazione. Per ora i dati sull’efficacia con Delta e Omicron restano ancora limitati, per quanto in via di raccoglimento.

Come funziona

Nel vaccino è presente una versione prodotta in laboratorio della proteina Spike e una sostanza “adiuvante” che aiuta a rafforzare la risposta immunitaria al vaccino. Quando Nuvaxovid viene somministrato, il sistema immunitario identifica la proteina come estranea e produce difese naturali – anticorpi e cellule T – contro di essa. Se in seguito la persona vaccinata entra in contatto con il coronavirus Sars-CoV-2, il sistema immunitario riconoscerà la proteina Spike sul virus e sarà pronto ad attaccarla.

Gli effetti collaterali

Gli effetti indesiderati del prodotto Novavax sono stati lievi e moderati e scomparsi in due giorni dalla vaccinazione. I più comuni sono risultati sensibilità o dolore al sito di iniezione, stanchezza, dolori muscolari, mal di testa, sensazione generale di malessere, dolori articolari e nausea o vomito. La sicurezza e l’efficacia del vaccino continueranno a essere monitorate man mano che verrà utilizzato in tutta l’Ue, attraverso il sistema di farmacovigilanza dell’Unione e ulteriori studi da parte dell’azienda e delle autorità europee.

Continua a leggere

I più letti