Connect with us

Primo piano

DIETA: PERCHE' NON RIUSCIAMO A DIMAGRIRE?

Clicca e condividi l'articolo

Per recuperare uno buono stato di forma fisica, non basta sottoporsi ad un regime dietetico controllato da uno specialista, ma occorre un radicale cambiamento del nostro stile di vita

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

A cura della Dottoressa Monia D’Amico – Biologa Nutrizionista

Iniziare una dieta controllando adeguatamente ciò che mangiamo ogni giorno è molto più difficile di quanto si possa immaginare. Il più delle volte si inizia per un piccolo periodo di tempo, due o tre settimane, ma poi non si è in grado di proseguire e molto spesso, questo poco tempo non è sufficiente per apprezzare i primi progressi.
Gli insuccessi possono presentarsi per le più svariate cause: iniziamo senza avere alla base una motivazione abbastanza forte oppure anche avendo una buona motivazione, non riusciamo a proseguire per raggiungere il nostro ideale o ancora raggiungiamo il nostro peso forma ma appena smettiamo di controllarci riprendiamo tutto il peso perso. La cosa importante da sapere è che per dimagrire o per recuperare uno buono stato di forma fisica, non basta sottoporsi ad un regime dietetico controllato da uno specialista, ma occorre un radicale cambiamento del nostro stile di vita. Per cambiamento dello stile di vita si intendono tantissime cose e per primo essere fisicamente attivi per tutta la vita e non solo per iniziare a dimagrire; E poi altrettanto importante è scegliere di mangiare in modo sano, imparando ad esempio ad apprezzare i sapori semplici dei piatti e ad integrare sempre nella nostra alimentazione frutta e verdura locale e di stagione. Quindi è necessario non solo controllare la quantità di ciò che mangiamo ma soprattutto la qualità del cibo che mangiamo, rispettando la stagionalità e utilizzando in cucina soprattutto le eccellenze del nostro territorio o prodotti locali della nostra zona. Sarebbe necessario poi trovare il giusto metodo preparazione o di cottura per i cibi cercando di preservare tutte le proprietà benefiche degli alimenti. Questo fa parte dell’educazione alimentare che ogni persona dovrebbe acquisire già da bambino.

Quale è il motivo per cui non riusciamo a dimagrire?

Nonostante vorremmo raggiungere il nostro obiettivo opponiamo resistenza al cambiamento.
Siamo degli abitudinari cioè trasformiamo molti dei nostri comportamenti in abitudini e quindi troveremo molti ostacoli da parte di noi stessi al cambiamento per raggiungere il risultato che ci siamo prefissi. Viviamo nella nostra routine e ci pesa molto cambiare le nostre abitudini perché cambiarle comporterebbe adattarsi a nuove situazioni. Una volta che acquisiamo un abitudine tendiamo a mantenerla e pensiamo che sia immodificabile. Il blocco psicologico è dentro di noi e fin quando non lo superiamo, esternando la nostra volontà di cambiare veramente, non riusciremo mai a raggiungere il nostro obiettivo.
Spesso aggiriamo il problema cercando il modo che ci appare più semplice per dimagrire, perché nonostante desideriamo vederci diversi, allo stesso tempo vorremmo che accadesse senza modificare troppo la nostra vita. Il nutrizionista dovrebbe essere in grado di farci dimagrire senza troppi sforzi oppure siamo alla ricerca di una dieta miracolosa che ha fatto raggiungere risultati incredibili a qualche persona di nostra conoscenza senza apparentemente fare troppa fatica.
Non si ottengono risultati senza fatica e non esistono diete durature facili.
Un regime alimentare non sempre è restrittivo dal punto di vista calorico ma è difficile seguirlo perché in qualche modo va a cambiare le nostre abitudini.
Se vuoi dimagrire comincia a pensare che dovrai impegnarti molto per riuscirci

Come superare questo ostacolo al cambiamento?

Se abbiamo capito che siamo pronti a metterci in discussione per ottenere il nostro traguardo allora cerchiamo di capire come facciamo a trovare il coraggio di iniziare e di proseguire con costanza fino ad avere la situazione sotto controllo.
L’inizio è senza dubbio il più difficile poiché specialmente se siamo reduci di molti fallimenti in diete precedenti siamo convinti che anche stavolta, come sempre, non riusciremo ad ottenere il fisico che vogliamo. Inoltre c’è da considerare che il risultato non arriva subito appena iniziato il nostro cambiamento ma bisogna essere pazienti e perseverare per un po’ di tempo e questo ci fa paura.
Superare questa resistenza è difficile ma ci si può riuscire prendendo coraggio e pensando positivo senza arrendersi prima di aver cominciato. Pensare positivo ci aiuta a affrontare il problema, ci convince di potercela fare e primi risultati arriveranno. E’ il tuo atteggiamento mentale positivo che determinerà il tuo successo e quindi dovrai cercare di mantenerlo sempre: cerca di non pensare in negativo ma se qualche pensiero negativo ti verrà cerca di bilanciarlo con almeno due positivi.
Trasformando la teoria in pratica: costringiti ad iniziare facendo qualcosa che possa aiutarti.
Ad esempio elimina dalla dispensa ciò che ti può tentare e a questo punto poniti i primi obiettivi:

1) Seguire la dieta


2) Fare movimento ogni giorno


3) Non pesarti spesso

Gli obiettivi possono essere anche più piccoli e pian piano trasformarsi in più grandi: ad esempio se abitudinariamente saltiamo la colazione, cominciare a fare colazione la mattina può essere un obiettivo più importante che seguire da subito tutta la dieta; Oppure se sappiamo di essere abitudinari sul mangiare dolci o quant’altro, dopo cena o fuori pasto, dovremo lavorare per eliminare questo vizio.
Se facciamo un lavoro sedentario dovremmo lentamente introdurre pochi minuti di movimento tutti i giorni fino ad un’attività più consistente.
Per convincerti dei tuoi progressi puoi annotare ogni giorno i tuoi traguardi trascrivendo anche i tuoi pensieri positivi collegati; e se ci sono dei giorni in cui non riesci a portare a termine il tuo programma non ti devi deprimere e pensare negativo perché hai la forza e volontà di ricominciare. E’ vietato sbagliare senza imparare dai propri sbagli.

Dott.ssa Monia D’Amico
Biologa Nutrizionista
Cell: 3476003990

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Applausi per Mattarella e Zingaretti al centro vaccinale dell’EUR “Nuvola di Fuksas”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Visita in mattinata del presidente della Repubblica Sergio Mattarella al centro vaccinale allestito alla Nuvola di Fuksas all’Eur. Ad accompagnare il Capo dello Stato nella visita di circa mezz’ora è stato il governatore del Lazio Nicola Zingaretti. 

Mattarella ha visitato la sala d’attesa, la sala del Triage, quella per la somministrazione dei vaccini, per l’attesa post-vaccinale e, infine, lo spazio dedicato al rilascio del certificato vaccinale.

Presenti oltre a Zingaretti, a Fuksas e alla moglie Doriana, anche l’ad di Eur Spa Antonio Rosati, l’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato, il dg dell’As Rm2 Fori Degrassi. Il presidente Mattarella si è complimentato per l’organizzazione e l’efficienza del centro.

Mattarella, al termine della visita all’hub vaccinale, mentre si stavano effettuando alcune vaccinazioni è stato applaudito da lavoratori e cittadini presenti. Il capo dello Stato, a quanto riferisce chi era presente, ha rivolto diverse domande sul funzionamento della struttura e ha salutato da lontano i presenti rivolgendo un messaggio di speranza: “Teniamo duro, ce la faremo”.

“Oggi abbiamo accolto il Presidente Mattarella alla Nuvola di Fuksas che ospita uno dei più grandi centri per somministrare i vaccini anti Covid in Italia. Lo ringrazio per questo atto di sensibilità e vicinanza verso le operatrici e gli operatrici della sanità del Lazio impegnati nella grande campagna vaccinale in questo luogo simbolo dell’Italia, dove si può arrivare fino a 4 mila somministrazioni al giorno. Con gli altri centri vaccinali è una vera fabbrica della speranza”. Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

“Il Lazio è rimasto in zona gialla e questo è importante per la nostra economia, ma continuiamo a tenera alta la guardia e a rispettare le regole. La campagna vaccinale va avanti, liberiamo l’Italia dal Covid per tornare a vivere”. Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

Zingaretti questo pomeriggio inaugurerà un altro centro vaccinale con il ministro della Salute Roberto Speranza alla stazione Termini di Roma.

Scotti: ‘Solo 10 vaccini per medico a settimana. Ritardi regioni’  – Solo 10 dosi di vaccino anti-Covid a settimana: sono quelle al momento disponibili per ogni medico di famiglia nelle regioni in cui si è avviato il coinvolgimento dei camici bianchi nella campagna di vaccinazione. Lo spiega all’ANSA il segretario della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) Silvestro Scotti, precisando che sono ancora poche le regioni partite con la vaccinazione negli studi o asl sulla base di accordi territoriali. In questa prima settimana, “stimiamo in circa 100mila le dosi arrivate ai medici nelle regioni partite. Un numero ancora scarso, mentre va sottolineato il ritardo di varie regioni”, afferma.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Politica

Zingaretti ufficializza le dimissioni: “Per il Pd momento complicato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nicola Zingaretti ha rassegnato ufficialmente le dimissioni da segretario del Partito Democratico.

Dopo l’annuncio, oggi è arrivata anche la lettera con la quale Nicola Zingaretti mette nero su bianco le sue intenzioni. La missiva è stata inviata alla presidente del partito, Valentina Cuppi, a cui spetterà la gestione ordinaria fino all’Assemblea nazionale del 13 e 14 marzo. La presidente dovrà, quindi, modificare l’ordine del giorno, inserendo al primo punto le dimissioni del segretario. Non è nella disponibilità dei ‘mille’ respingere le dimissioni di Zingaretti. In linea assolutamente teorica, dal momento che in pratica il leader ha assicurato (almeno per ora) di non voler tornare sui suoi passi, per restare alla guida del Nazareno il segretario dimissionario dovrebbe non presentare formalmente le dimissioni, ritirarle prima di sabato 13 marzo o farsi rieleggere dall’assemblea. Se invece, come sembra, la sua avventura da leader dei “è finita”, è l’articolo 5 dello statuto a regolare la situazione: “Qualora il Segretario cessi dalla carica, prima del termine del suo mandato l’Assemblea può eleggere un nuovo Segretario per la parte restante del mandato ovvero determinare lo scioglimento anticipato dell’Assemblea stessa”, si legge al comma 4. Cuppi dovrebbe quindi dare un termine temporale per la presentazione di eventuali candidature e, nel caso fossero presenti, si procederebbe alla votazione. È quanto accaduto, ad esempio, nell’Assemblea Nazionale del 7 luglio 2018: il segretario reggente Maurizio Martina, con l’accordo di tutte le anime interne, si candidò come segretario e venne eletto con il compito di guidare la fase congressuale.

“Momento complicato”

“Per il Pd è un momento complicato, che spero aiuterà a fare chiarezza”. Lo ha detto Nicola Zingaretti tornando sulle sue dimissioni dalla segretaria del Partito Democratico prima dell’inaugurazione, in veste di presidente della Regione Lazio, del centro vaccinale presso la Stazione Termini di Roma.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Salute

Obesità-Covid 19: la dieta chetogenica aiuta a ridurre i rischi da Sars-Covid2

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma, 05 marzo 2021 – “L’obesità e le sue comorbidità sono strettamente legate alla prognosi più grave del COVID-19, e un aspetto poco considerato nell’affrontare l’emergenza è che una corretta consulenza nutrizionale costituisce una priorità per affrontare la pandemia di COVID-19, al fine di ridurre il rischio di infezione e le relative complicanze”. Lo afferma il prof. Massimiliano Caprio, responsabile dell’Unità Endocrinologia cardiovascolare dell’IRRCS San Raffaele Roma, coautore di un articolo pubblicato dalla rivista Journal of Translational Medicine, citato peraltro dal sito web americano “Eat This, Not That” (www.eatthis.com).

Le diete chetogeniche si sono dimostrate efficaci per una rapida riduzione della massa grassa e delle complicanze metaboliche dell’obesità, preservando la massa magra e fornendo uno stato nutrizionale adeguato. “Possono avere un ruolo importante nella modulazione dell’immunità innata e di quella adattativa, determinando effetti benefici sull’infiammazione cronica di basso grado, potendo prevenire il rischio di tempesta citochinica del COVID-19. Inoltre – prosegue il prof. Caprio – le diete chetogeniche potrebbero essere protettive durante l’infezione da Sars-COV2 grazie agli effetti antinfiammatori e immunomodulanti dei corpi chetonici. Questo è stato dimostrato in studi preclinici. Per questo motivo, diversi studi clinici sono attualmente in corso, utilizzando diete chetogeniche eucaloriche in pazienti con malattia COVID-19”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti