Connect with us

Cronaca

DIOCESI DI ROMA: SI PARTE IN TERRA SANTA

Clicca e condividi l'articolo

L'Opera Romana Pellegrinaggi organizza dal 17 al 24 novembre

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Roma – L’iniziativa è organizzata dall’Opera romana pellegrinaggi (Orp) in occasione dell’80° di fondazione e sarà presieduta dal cardinale vicario Agostino Vallini accompagnato dal vescovo ausiliare Lorenzo Leuzzi. A guidare i partecipanti da Nazareth a Gerusalemme sarà monsignor Liberio Andreatta, vicepresidente dell’Orp. Cuore pulsante del pellegrinaggio sarà il «Cammino internazionale di pace "Giovanni Paolo II”» che, fissato il 20 novembre, costituirà il “gesto profetico” dell’Orp per il 2014

Partirà lunedì 17 novembre 2014 il pellegrinaggio della diocesi di Roma in Terra Santa in occasione dell’80° anniversario di fondazione dell’Opera romana pellegrinaggi (Orp). A presiederlo, il cardinale vicario Agostino Vallini, che sarà accompagnato dal vescovo ausiliare Lorenzo Leuzzi, direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale universitaria. Otto giorni di preghiera e solidarietà che dalla Galilea, in particolare da Nazareth, proseguiranno verso il Lago di Tiberiade per arrivare a Betlemme e infine a Gerusalemme. Cuore pulsante dell’iniziativa, che si concluderà il 24 novembre, sarà il «Cammino internazionale di pace "Giovanni Paolo II”», da Betlemme a Gerusalemme, realizzato in collaborazione con l’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo. Previsto per il 20 novembre, sarà il “gesto profetico” dell’Orp per il 2014.

«L’iniziativa di pellegrinaggio e preghiera, nata dall’esperienza della Maratona della pace – spiegano dall’Orp -, vuole essere un vero e proprio cammino che coinvolge il maggior numero di uomini, donne, giovani, bambini e anziani, di diverse nazionalità». L’Opera romana pellegrinaggi in questi mesi non ha mai interrotto i viaggi in Terra Santa, «anzi si è spesa per prima affinché continuassero come sempre». Il Cammino è intitolato a san Giovanni Paolo II, testimone di pace per eccellenza nel mondo: «L’obiettivo è dare a tutti la possibilità di percorrere un tratto insieme ad altri “compagni di viaggio”, come accade in ogni tappa della vita di ciascuno di noi».

«Il cammino – spiega monsignor Liberio Andreatta, vicepresidente dell’Opera romana pellegrinaggi, che dirigerà il viaggio – è figura del pellegrinaggio: tempo e modo connaturale all’uomo, consente di approfondire la ricerca della risposta alla domanda di senso contemplando la natura con la quale si viene a contatto». Nel 1991 nacque all’Orp la tradizione di realizzare dei gesti simbolici come azioni significative volte a ricordare l’impegno di pace nel mondo e la validità del messaggio evangelico. «Abbiamo scelto la Terra Santa per il nostro gesto profetico di quest’anno viste le vicissitudini degli ultimi mesi – spiega monsignor Andreatta, che nel dicembre del 2013 si è recato in pellegrinaggio a Ur, terra di Abramo, con una delegazione di sacerdoti e giornalisti -. Al Cammino seguirà, come completamento, un breve pellegrinaggio a Gaza proprio per andare in aiuto di quelle popolazioni martoriate dai conflitti e che, come ho potuto constatare personalmente, vivono un dramma davvero disumano: non servono le parole, occorrono gesti concreti di amore e solidarietà».


 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti