Connect with us

Cronaca

Disastro ferroviario in puglia, i parenti delle vittime dopo due mesi: "Sono spariti tutti"

Clicca e condividi l'articolo

L'appello: non dobbiamo dimenticare queste 23 vittime. Vorremmo una targa con i nomi, in loro ricordo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Bari – Sono passati circa due mesi da quel terribile incidente ferroviario che ha fatto tremare la Puglia in data 12 luglio, sulla tratta Corato-Andria tra due mezzi che viaggiavano su un binario unico alla velocità di 100-110 chilometro orari. Uno scontro violentissimo, che ha frantumato vetri, piegato lamiere e distrutto 23 vite, 50 persone sono rimaste ferite. L’incidente si è verificato al chilometro 51, una linea gestita dalla società Ferrotramviaria e sin da subito la macchina investigativa si è mossa: è stato istituito un pool di magistrati per coordinare le indagini e sin da subito sono state riscontrate le prime anomalie: quel treno dalla stazione di Andria non doveva partire. Viene aperto un fascicolo per disastro ferroviario colposo e omicidio colposo plurimo e viene puntato il dito sui capistazione della società che erano in servizio ad Andria e Corato. Non si esclude nessuna pista, anche se quella dell’errore umano sembra la più attendibile. Dalle indagini sono emerse delle alterazioni ai registri di almeno una stazione in merito agli orari dei transito, in particolare un’annotazione a penna in modo evidente dell’orario di partenza del treno ET1021 che si è scontrato con il treno ET1016 proveniente da Corato. Un mese dopo il disastro ferroviario si è tenuta una conferenza stampa in merito allo stato delle indagini e tra i vari filoni seguiti dagli inquirenti vi è quello della sicurezza “Stiamo approfondendo il tema, poiché i cittadini non erano adeguatamente informati dell’esistenza di due legislazioni differenti relative alla sicurezza” ossia tra pubblico e privato. Ciò costituirebbe rilevanza penale e vi sono indagini in corso. Per la tratta Andria Corato veniva utilizzato il blocco telefonico, per le altre tratte invece il sistema Scmt. Non è stata ancora approvata l’unificazione delle norme sulle norme di sicurezza imposte dall’Unione Europea e ciò potrebbe costituire una concausa al disastro. Sono stati svolti inoltre due sopralluoghi da parte del Noif e dagli accertamenti sarebbe emerso che i macchinisti non si sarebbero accorti di ciò che stava per accadere loro e ciò è comprovato dalla mancanza di bruschi tentativi di rallentamento della corsa. E’ stata recuperata inoltre la telecamera a bordo del treno ET1021 proveniente da Andria, ma a causa di problemi tecnici i dati non sembrano allineati. Si sta indagando anche sulla tanto discussa questione dell’ampliamento della tratta e si sta cercando di capire dove siano finiti i soldi destinati ai lavori pubblici ed eventuali responsabilità penali. 
 
Noi de L’Osservatore D’Italia abbiamo seguito questa vicenda sin dall’inizio e pochi giorni dopo la strage abbiamo intervistato la Dottoressa Rossana Putignano che ha assistito le famiglie delle vittime, poi la Signora Daniela Castellano che ha perso il padre e successivamente la Signora Marita Schinzari, che in questo terribile incidente ferroviario ha perso il fratello Fulvio Schinzari, Vice Questore aggiunto 1 Dirigente a Bari. Oggi, a distanza di quasi due mesi da quel terribile incidente, abbiamo parlato nuovamente con Daniela Castellano e ci ha spiegato cosa è cambiato in questi lunghi e terribili giorni di dolore e sofferenza. 

– Sono passati quasi due mesi dall’incidente ferroviario avvenuto nel tratto Corato-Andria. Lei ci ha rilasciato un’intervista pochi giorni dopo quel terribile incidente che ha cagionato la vita a suo padre, raccontandoci quel momenti così dolorosi e intensi. Oggi, a distanza di quasi due mesi, com’è la vostra vita e come affrontate il dolore a seguito di una così grave perdita?
Quando perdi una persona cara in un incidente di questa gravità e la perdi in una maniera così violenta, viene strappata via dal tuo quotidiano, il dolore non riesci a gestirlo, non riesci a dargli un significato. Passi dei momenti di rabbia a dei momenti di forte dolore e ancora credo sia presto per poter iniziare a guardare al domani. 
 
– Sono stati compiuti lavori di miglioria sulla tratta ferroviaria Corato-Andria in questi mesi?
Non di sicurezza assolutamente. Ieri ho letto un articolo in cui la Ferrotramviaria ha rimesso a posto il binario che ha avuto credo dei danni dovuti allo scontro dei treni. So che la tratta è ancora sotto sequestro da parte della Procura di Trani ma riguardo a migliorie sulla sicurezza dell’intera tratta Bari-Barletta a me non risulta che sia stato fatto niente. Ferrotramviaria è uscita con un comunicato stampa in cui garantisce entro certe date la messa in sicurezza, però adesso di sicurezza non si può di certo parlare. 
 
– A che punto sono le indagini?
Non ti so dire assolutamente nulla perché non abbiamo avuto modo di sapere nulla al di là dell’incontro che c’è stato quasi un mese fa con la Procura di Trani e lo stesso Procuratore ha rilasciato una conferenza stampa che poi tutti hanno riportato sui quotidiani. Siamo fermi a quel giorno. 
 
– Come reputa il lavoro fatto dagli inquirenti in tutti questi mesi?
Io non so niente quindi non posso dare un giudizio ne reputare nulla perché al momento io non ho niente in mano, sono fermi ancora allo stesso numero di indagati quindi non saprei ora come si stiano muovendo. Io so solo che sono indagati due capistazione, il capotreno, la diligenza di Ferrotramviaria non so e non mi sembra che ci siano altri indagati. 
 
– Qual è stato il supporto oggettivo che avete ricevuto dalle istituzioni?
Nessuno, sono spariti tutti! Nessuno! Non ho notizie da nessuno. Io vado avanti con la mia piccola Associazione in ricordo delle ventitre vittime ma che io possa dire che abbia avuto un supporto dalle istituzioni no, ti dico per certo no perché io non ho sentito più nessuno. E’ vero che c’è stato purtroppo un terremoto che ha portato via da questa terra circa 300 persone. Questa cosa è sempre inerente a questa mancanza di sicurezza che c’è in questa maledettissima nazione gestita da una politica sbagliata secondo me.  

– Cosa invece non avete ricevuto e vi aspettavate dallo Stato?
Una presenza, anche riguardo alle dinamiche della ricerca della verità in supporto magari anche al pool di magistrati, di essere con noi nel dolore, di essere con noi quando gridiamo che vogliamo giustizia ma tutto questo non c’è stato, non c’è stato nulla. Per non parlare del nostro caro Renzi che non è venuto neanche ai funerali, niente, se non una corona di fiori. Che poi alla fine io stessa ho voluto dei funerali privati perché a me ha dato anche fastidio l’intervento di Renzi il giorno stesso della sciagura, arrivando col suo elicottero ma poi a conti fatti che cosa ha fatto per mettere in sicurezza quel binario? Niente. E non venissero a dire che Roma non era tenuta a fare tutto questo perché c’è un patto di stabilità che dice il contrario mi daranno poi, in futuro, una spiegazione della loro mancanza. 
 
– State ricevendo un supporto psicologico in questo delicatissimo periodo?
Si, dalla Protezione Civile. In questo sono stati molto attenti ad ognuno di noi e abbiamo avuto modo di essere seguiti da un’equipe di psicologi.
 
– Che messaggio vuole lanciare alle istituzioni in merito a quanto accaduto?
Vorrei che stessero attenti quando dicono “vi staremo vicini”. Vorrei far capire che per le persone che subiscono un trauma de genere un messaggio di questo tipo è importante, magari per loro sono solo parole ma per noi è importante, è una sicurezza di non essere abbandonati nella ricerca della verità, nel caso dei terremotati nella ricostruzione di intere città. Quindi di fare molta attenzione e di calibrare le parole perché per noi sono importanti, magari per loro sono solo dei copia-incolla. Io mi sono permessa ieri di scrivere al Sindaco di Bari, perché so che stanno cercando un nome per il nuovo ponte dell’asse Nord-Sud. E’ richiesto di prendere in considerazione magari, di dedicare alle 23 vittime il nome di questo ponte. Che possa essere il 12 di luglio o qualsiasi altra data, l’importante è che ci sia un modo per onorare queste vittime, un modo affinchè Bari e la Puglia non dimentichino mai quello che è successo. Su quella ferrovia non esistevano messi di sicurezza e sono morti per l’incuria della politica, che non si dimentichi questa cosa perché ci sono tante altre ferrovie in Puglia che peccano di questo, magari se non è la sicurezza sono i vagoni vecchi. Non dimentichiamo che noi abbiamo il diritto di tornare dai nostri familiari, questo c’è stato negato quel 12 di luglio. Facciamo in modo che non succeda più, ne qui ne altrove. Io combatterò con questa associazione per questo, per la sicurezza, che ci venga garantita la vita. Basta morti per l’incuria, basta. Io piangerò mio padre come la mia famiglia per sempre perché c’è stato portato via in maniera violenta. La morte deve avvenire in modo naturale e non per mano di uomini che non hanno saputo tutelarci. Vogliamo giustizia e la messa in sicurezza della tratta Bari-Barletta che è obbligatoria e io spero che la Regione di questo ne sia consapevole e che blocchi quella ferrovia e aiuti quei pendolari ad arrivare sui luoghi di lavoro sani. Quindi che non vengano strappate di nuovo vite. Un appello: non dobbiamo dimenticare queste 23 vittime. Noi vorremmo una targa con i nomi, in loro ricordo, al chilometro 51 della Bari-Barletta perché chiunque prenda quel treno non debba mai dimenticare quello che è successo. Il loro ricordo non deve essere dimenticato. Vorremmo che qualcuno ci dia delle indicazioni su come fare ad apporre una targa con l’elenco delle 23 vittime, anche io come associazione vorrei fare una raccolta fondi per la targa. E soprattutto vorrei che il Sindaco prenda in considerazione il mio appello e che possa dare un nome a quel ponte in onore delle vittime. La cosa sconcertante anche, quando c’è stata la partita Italia-Francia, gli Ultras di Bari avevano creato un cartellone con due date importanti: 12 luglio 2016 e 24 agosto 2016. Il 12 di luglio era in onore delle 23 vittime e nessuno della Rai ne ha parlato, eppure erano ospiti in Puglia ma nessuno ha dato voce a questi 23 angeli. 

Cronaca

Ponte sullo stretto, dagli Stati Generali dell’Export un si all’unanimità

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Oggi la terza e conclusiva giornata. A tirare le fila del dibattito sarà il ministro degli Esteri Luigi Di Maio

Tutti d’accordo per il Ponte sullo Stretto. Dagli Stati Generali dell’Export di Marsala, giunti alla seconda giornata, arriva un appello forte e unanime per realizzare una delle infrastrutture di cui si parla da decenni e che più hanno diviso la politica e l’opinione pubblica.

Dal sottosegretario al Mims Cancelleri al vice presidente della regione Siciliana Armao fino all’ad di Trenitalia Corradi, c’è un’intesa esplicita: il progetto del ponte fra Reggio Calabria e Messina deve essere realizzato nei tempi giusti e con le necessarie compatibilità, ma è necessario

“Il ponte è ineludibile – scandisce Gaetano Armao, che è anche assessore all’economia della giunta Musumeci – ne abbiamo parlato col ministro Giovannini e da questa scelta non si scappa. E’ una infrastruttura strategica, non solo logistica: fa parte del corridoio scandinavo-mediterraneo che uno degli assi previsti dal piano dei trasporti europeo”.

Annuisce e conferma il sottosegretario Giancarlo Cancelleri. Che poi insiste su un punto cruciale per la sfida dell’export: “Il governo deve ascoltare gli imprenditori che lavorano con i mercati esteri, con tavoli di confronto e occasioni di scambio. E se ora c’è l’occasione del Pnrr, è vero anche che non è solo più un tema di fondi o di finanziamenti da far arrivare, ma di come spendere bene questi soldi, con progetti virtuosi”.

“Il nostro sistema delle ferrovie è tra i migliori nel mondo – dice l’ad di Trenitalia Luigi Corradi – e ora con i nostri treni e il nostro know how siamo in Francia, Spagna, Grecia, Gran Bretagna. Portiamo all’estero un pezzo di Italia, anche a bordo del Frecciarossa che presto unirà Milano a Parigi: nelle carrozze ristorante si mangerà italiano!”

Il presidente di Aeroporti di Roma Claudio De Vincenti si sofferma sui giorni difficili di Alitalia-Ita: “Siamo impegnati per facilitare al massimo il passaggio alla nuova Ita, è una crisi difficilissima che si è trascinata per decenni e ora c’è una compagnia nuova, che deve partire nel miglior modo possibile a partire dal 15 ottobre”

“La gestione del dossier Alitalia è frutto di 40 anni di politiche sbagliate – dice Paolo Barletta, investitore e partner imprenditoriale di Chiara Ferragni – ma è una storia che ci fa capire come pubblico e privato devono poter lavorare insieme, per le porte e per l’accoglienza, è un punto fondamentale per un paese come il nostro a forte vocazione turistica”

“La dogana non è solo blocchi e controlli – sostiene il Direttore dell’ADM Marcello Minenna – ma è anche strumento per le aziende. Ad esempio attraverso lo sportello unico doganale o i nostri laboratori chimici: noi siamo una garanzia contro la contraffazione del Made in Italy

Il tema Brexit al centro del dibattito, dalle parole del presidente di Coldiretti Ettore Prandini al fondatore di Eataly Oscar Farinetti nonché nell’intervento del presidente dei Giovani di Confindustria Riccardo Di Stefano: “La nostra associazione svolge diverse attività di supporto alle imprese sulla Brexit: una formazione tecnico specialistica sulle tematiche doganali, per prepararsi ad affrontare tutte le procedure previste dal nuovo assetto delle relazioni fra Ue e Uk; e un vero e proprio “help desk” per le imprese, che finora ha processato oltre 250 richieste di supporto da aziende dei settori agroalimentare, macchinari, piastrelle ecc.”

“Abbiamo voluto lavorare sul tema del movimento, della mobilità di merci e persone – ha detto Lorenzo Zurino, presidente del Forum Italiano dell’Export e ideatore degli Stati Generali – e vogliamo ripetere alle istituzioni e alla politica che gli imprenditori che lavorano con i mercati esteri chiedono una cosa prima di altre: di essere ascoltati”.

Oggi la terza e conclusiva giornata degli Stati Generali dell’Export di Marsala. A tirare le fila del dibattito sarà il ministro degli Esteri Luigi Di Maio

Continua a leggere

Cronaca

Trinitapoli, rubano 7 quintali di uva: due fratelli in manette

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Stazione di Trinitapoli hanno dato esecuzione nella mattinata odierna alla misura cautelare della custodia in carcere a carico di C.V., classe ’94, pregiudicato e del fratello C.G., classe ’98, anch’egli pregiudicato. I due malviventi, entrambi residenti a Trinitapoli, sono ritenuti responsabili del reato di furto aggravato. L’articolata attività d’indagine dei militari dell’Arma ha permesso di ricostruire i fatti criminosi commessi dagli arrestati, che hanno poi consentito all’A.G. di emettere il provvedimento di custodia in carcere e agli arresti domiciliari.
I fatti sono riconducibili al mese di luglio scorso, allorquando i due fratelli, dopo essersi introdotti all’interno di un vigneto, in località “Coppa Malva Felice” del comune di Trinitapoli, asportavano sette quintali di uva, dal valore complessivo di euro 800,00 ca., per poi dileguarsi a bordo di un’autovettura risultata in uso ad uno dei malfattori.
Le immediate indagini consentivano di individuare nei due fratelli gli autori del furto nonché di accertare che l’autovettura usata dagli stessi per caricare la refurtiva ed allontanarsi fosse riconducibile ad uno di essi.
Così come disposto dall’Autorità Giudiziaria, C.V. è stato tradotto presso il Carcere di Foggia mentre C.G. è stato sottoposto agli arresti domiciliari.
L’attività investigativa dell’Arma, si inquadra in una più ampia attività di controllo del territorio e di contrasto al deplorevole fenomeno dei furti all’interno delle aziende e dei terreni agricoli.

Continua a leggere

Cronaca

Dipendenti pubblici, dal 15 ottobre si torna in presenza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La modalità ordinaria di lavoro nelle Pubbliche amministrazioni dal 15 ottobre torna ad essere quella in presenza. Lo prevede il Dpcm firmato dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi.

Le Pa assicureranno che il ritorno in presenza avvenga in condizioni di sicurezza, nel rispetto delle misure anti Covid-19.

 “Con la firma del presidente del Consiglio decreto che fa cessare il lavoro agile come modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa nella Pubblica amministrazione, sottolinea, – afferma il ministro della Pubblica Amministrazione – si apre l’era di una nuova normalità e si completa il quadro avviato con l’estensione dell’obbligo di green pass a tutto il mondo del lavoro: dal 15 ottobre i dipendenti pubblici torneranno in presenza, e in sicurezza”.

“Con successivo decreto ministeriale, aggiunge, fornirò apposite indicazioni operative affinché il rientro negli uffici sia rispettoso delle misure di contrasto al Covid-19 e coerente con la sostenibilità del sistema dei trasporti. Nel frattempo, sono in corso le trattative per i rinnovi dei contratti pubblici, che garantiranno, una volta concluse, una regolazione puntuale dello smart working.

Non pregiudicare i servizi, avere strumenti tecnologici per comunicazioni sicure tra amministrazione e dipendenti come “una piattaforma digitale o un cloud” e piano per lo smaltimento degli arretrati. Sono alcune delle condizioni che saranno indicate nel decreto per il rientro graduale dei dipendenti pubblici in ufficio che sta preparando il ministro Renato Brunetta. Per il ricorso dello smart working nella pubblica amministrazione a partire dal 15 ottobre – e finché non arriveranno le regole con il rinnovo del contratto – si tornerà agli accordi individuali. 

Entro il 31 gennaio 2022, inoltre, ogni amministrazione dovrà presentare il Piano integrato di attività e organizzazione, all’interno del quale confluirà il Pola per il lavoro agile”. Con le regole e con l’organizzazione, conclude – “potrà finalmente decollare uno smart working vero, strutturato, ancorato a obiettivi e monitoraggio dei risultati, che faccia tesoro degli aspetti migliori dell’esperienza emergenziale e che assicuri l’efficienza dei servizi, essenziale per sostenere la ripresa del Paese, e la soddisfazione dei cittadini e delle imprese: il mio faro”. 

Su 3,2 milioni di dipendenti pubblici, 320mila, dunque il 10% dell’intera platea, non sarebbero ancora vaccinati. E’ la stima del governo contenuta nella relazione illustrativa che accompagna il Dpcm. 

Continua a leggere

I più letti