Connect with us

Esteri

Donald Trump sotto impeachment: vogliono annullare il voto. Ecco le accuse

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Accusato di “abuso di potere” e “ostruzione del Congresso”. Sono questi i due articoli d’accusa per l’impeachment annunciati in conferenza stampa dai democratici. Il presidente americano è accusato di abuso di potere per aver anteposto le sue preoccupazioni politiche agli interessi nazionali e di ostruzione del Congresso per aver cercato d’intralciare le indagini.

Agognava di finir nei libri di scuola come un presidente migliore di Abramo Lincoln. Invece Donald Trump e’ entrato nella storia indossando gli umilianti panni del terzo presidente Usa messo in stato d’accusa con la procedura di impeachment.

Prima di lui sono finiti a giudizio solo Andrew Johnson nel lontano 1868 e Bill Clinton nel 1998. Entrambi sono stati assolti in Senato, come succederà con ogni probabilità in gennaio anche al tycoon, che conta sulla granitica maggioranza repubblicana nella camera alta del parlamento. Richard Nixon invece si dimise nel 1974 prima di essere imputato. Due i capi di imputazione: abuso di potere per le pressioni su Kiev per far indagare il suo principale rivale nella corsa alla Casa Bianca Joe Biden e ostruzione del Congresso per aver bloccato testimoni e documenti. Il voto della Camera e’ arrivato dopo settimane di aspre polemiche e dopo un lungo, a tratti velenoso dibattito in un ramo del Congresso saldamente controllato dai democratici.

Alcuni repubblicani sono arrivati a paragonare l’indagine di impeachment all’attacco di Pearl Harbor o alla crocefissione di Cristo, sostenendo che Ponzio Pilato si e’ comportato meglio con Gesù. Alla fine i due articoli sono stati approvati rispettivamente con 230 e 229 voti, tutti dem tranne tre contrari. Compatto invece il no del Grand Old Party. Ma ora si apre un nuovo fronte di guerra: dopo il voto la speaker della Camera Nancy Pelosi ha annunciato che i due articoli non saranno inviati al Senato finche’ non ci saranno garanzie di un processo giusto in quel ramo del Congresso, finora negate a suo avviso dalle mossa del leader dei senatori Mitch McConnell, che e’ andato alla Casa Bianca per coordinare le strategie e affermato che non sarà un giudice imparziale.

Nel giorno più buio della sua presidenza, il tycoon ha aspettato la votazione prima twittando nel bunker della Casa Bianca e poi tenendo un comizio in Michigan, Stato cruciale per la sua rielezione. E’ li che ha saputo la notizia ma ha reagito come sempre attaccando, osannato dalla folla che gridava “altri quattro anni”. «Non abbiamo fatto nulla di sbagliato. Abbiamo l’appoggio del partito repubblicano”, ha esordito. “Dopo tre anni di caccia alle streghe, bufale, vergogne, truffe, i democratici stasera stanno cercando di annullare il voto di decine di milioni di patrioti americani”, ha denunciato, accusando l’opposizione di “abuso di potere”. “Questo è il primo impeachment dove non c’è un reato”, ha incalzato, convinto che sara’ un “suicidio politico” per i dem. E ha vantato l’unita’ del partito: “non abbiamo perso neanche un voto dei repubblicani e tre democratici hanno votato con noi”. La sua bestia nera resta Nancy Pelosi, cui alla vigilia del voto aveva inviato un’infuocata lettera di sei pagine accusandola di aver “dichiarato guerra aperta alla democrazia americana” con la “crociata” di un impeachment che è “un fazioso e illegale colpo di stato”. Una lettera “ridicola” e “triste”, ha replicato la Pelosi, ammonendo che “se consentiamo ad un presidente, qualsiasi presidente, di proseguire su questa strada, diremo addio alla repubblica e buongiorno al presidente re”. La speaker democratica ha rincarato la dose aprendo il dibattito alla Camera. “Trump non ci ha dato altra scelta.

Il presidente ha violato la costituzione e resta una costante minaccia per la sicurezza del nostro Paese e l’integrità delle nostre elezioni”, ha denunciato, dopo aver letto accanto ad un tricolore americano il Pledge of Allegiance, il giuramento di fedeltà alla bandiera degli Stati Uniti. Nel frattempo davanti a Capitol Hill centinaia di attivisti manifestavano a sostegno dell’impeachment, dopo gli oltre 600 tra raduni e marce in varie città di tutti i 50 Stati Usa, a partire da New York. “Che atroci bugie. Questo è un assalto all’America e al partito repubblicano”, le ha risposto su Twitter il tycoon, che mira a galvanizzare la sua base e a trasformare l’impeachment in un boomerang politico contro i democratici. I sondaggi mostrano un Paese spaccato a metà sulla messa in stato d’accusa ma nel frattempo il gradimento del presidente sembra salire, stando all’ultimo sondaggio di Gallup: dal 39% di quando è iniziata l’indagine all’attuale 45%.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Esteri

Tensioni USA – Iran: Trump pronto ad attaccare

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Trump ha promesso una risposta degli Usa “di grandezza mille volte maggiore” a qualsiasi attacco dell’Iran, dopo informazioni di stampa su un presunto piano di Teheran per assassinare un diplomatico statunitense.

Il ministro degli Esteri americano Pompeo ha detto che sta prendendo “seriamente” tali informazioni, tacciate invece come “infondate” da Teheran.

Secondo il sito d’informazione Politico, che cita due funzionari statunitensi in condizione di anonimato, i servizi di intelligence Usa ritengono che il governo iraniano stia prendendo in considerazione il tentativo di assassinare l’ambasciatrice statunitense in Sudafrica, Lana Marks, vicina al presidente Donald Trump. Teheran intenderebbe vendicare la morte del suo potente generale Soleimani, ucciso a gennaio da un attacco americano su ordine di Trump.

Continua a leggere

Esteri

La Finlandia reintroduce restrizioni ai visitatori dall’Italia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Alla luce del nuovo aggiornamento della lista di Paesi in base al tasso nazionale di incidenza del virus, dal 19 settembre 2020 la Finlandia reintrodurrà misure restrittive anche nei confronti dell’Italia.

In pratica, dall’Italia saranno consentiti solo ingressi per lavoro, per “motivi essenziali” e il ritorno dei residenti in Finlandia, con raccomandazione di autoisolamento fiduciario di 14 giorni, mentre non saranno consentiti ingressi per turismo.

Maria Ohisalo, ministra dell’Interno

Nel sistema a semaforo, praticamente l’Italia passa dalla lista dei paesi a luce verde a quella a luce arancione. Il Governo finlandese ha infatti stabilito che dal 19 settembre, ogni Paese che abbia registrato negli ultimi 14 giorni una quota superiore a 25 contagi su 100mila abitanti verrà considerato “a rischio” e, pertanto, per coloro che provengano dallo stesso, verranno introdotte restrizioni al libero ingresso in Finlandia; inoltre, le Autorità finlandesi considerano viaggiatori provenienti dai Paesi “a rischio” anche coloro che vi transitano per mero scalo aeroportuale, oltre che sulla base di nazionalità e luogo di residenza del passeggero. In base a tale decisione, dal 19 settembre la Finlandia garantirà libertà di circolazione unicamente da Germania, Svezia, Polonia, Bulgaria, Norvegia, Slovacchia, Lituania, Estonia, Islanda, Cipro, Lettonia e Liechtenstein. Al di fuori dello spazio UE/Schengen, libertà di circolazione sarà garantita ai cittadini di Australia, Canada, Giappone, Georgia, Nuova Zelanda, Ruanda, Corea del Sud, Tailandia, Tunisia e Uruguay, qualora provenienti da quei Paesi. Tale decisione dovrebbe restare in vigore fino al 18 ottobre, con aggiornamenti della lista dei Paesi “a rischio” a cadenza settimanale.

Il consentire l’accesso a visitatori da Germania, Norvegia e Svezia, viene in qualche modo incontro alle lamentele degli operatori turistici della Lapponia, che sono tra quelli che più stanno soffrendo danni economici per la drastica riduzione da bacini esteri tradizionalmente fornitori di turismo.

Intanto, il Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni ha inviato per commenti una proposta di emendamento alla Legge sui Servizi di Trasporto che si propone di aggiungere nuove disposizioni alla legge in caso di esiti negativi dei test di malattia infettiva e sulla presentazione di un certificato, se la situazione della malattia infettiva lo richiedesse. L’obbligo si applicherebbe ad una situazione in cui l’Istituto finlandese per la salute e il benessere (THL) ha proposto che sono necessarie misure per limitare la diffusione di una malattia trasmissibile generalmente pericolosa in Finlandia.

L’Agenzia Finlandese per i Trasporti e le Comunicazioni (Traficom) deciderà, sulla base di una proposta del THL, a quali regioni, da cui partono o transitano i servizi di trasporto, si applicherebbe l’obbligo. Secondo la proposta, il fornitore di servizi di trasporto sarebbe tenuto a verificare che un passeggero nel traffico transfrontaliero possa presentare un esito negativo del test del coronavirus. Il passeggero sarebbe tenuto a ottenere un certificato di risultato negativo del test per una malattia infettiva prima del viaggio ed a presentarlo al fornitore di servizi di trasporto prima di entrare nel mezzo di trasporto.

Timo Harakka, ministro dei trasporti

Il Ministro Timo Harakka ha dichiarato che il governo si sta preparando per una nuova ondata di pandemia con una serie di misure e le modifiche legislative sono uno dei mezzi a disposizione. Ritiene che la proposta di richiedere i test nel paese di partenza sia una delle questioni più urgenti poiché si vuole prevenire la diffusione di una malattia infettiva, ma anche aumentare la fiducia dei passeggeri nella sicurezza del viaggio. Il suo dicastero sta inoltre preparando altri emendamenti legislativi per aumentare i poteri delle autorità dei trasporti per garantire la sicurezza sanitaria. Secondo la bozza di proposta, l’obbligo di presentare un certificato dipenderà dalla situazione della malattia in ciascuna regione. La valutazione dei bisogni sarebbe sempre effettuata dall’autorità sanitaria sulla base delle informazioni disponibili sull’incidenza della malattia. L’obiettivo è che la legge entri in vigore nel corso dell’autunno 2020 per rimanere in vigore fino al 31 dicembre 2021.

Continua a leggere

Esteri

Finlandia, partito Espoo Ciné International Film Festival con i film italiani

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Partito oggi il 31° Espoo Ciné International Film Festival che proseguirà fino al prossimo 6 settembre ad Espoo, Finlandia.

Espoo Ciné è tra i maggiori festival cinematografici finlandesi e negli anni è diventato un importante promotore del nuovo cinema europeo in Finlandia. Il festival presenta film di nuova produzione tra i più interessanti sia di maestri affermati che di talenti emergenti. Quest’anno il programma del festival include due film italiani, Tornare (Cristina Comencini, 2020) e Vivere (Francesca Archibugi, 2019). A chiudere il festival la co-produzione tra Italia, Francia, Germania e Brasile Il traditore, diretto da Marco Bellocchio.

Tornare (Feel Your Memories)

Italia, 2020

Regia: Cristina Comencini

Sceneggiatura: Ilaria Macchia, Giulia Calenda & Cristina Comencini

Cast: Giovanna Mezzogiorno, Vincenzo Amato, Beatrice Grannò, Clelia Rossi Marcelli, Marco Valerio Montesano

Durata: 107′

Lingua: italiano, sottotitolato in inglese

Proiezioni:

Giovedì 3.9. ore 17:00, Omena 6 (Piispansilta 11, Espoo)

Sabato 5.9. ore 16:00, Sello 5 (Ratsukatu 3, Espoo)

Domenica 6.9. ore 14:45, Omena 4 (Piispansilta 11, Espoo)

 Vivere

Italia, 2019

Regia: Francesca Archibugi

Sceneggiatura: Francesca Archibugi, Francesco Piccolo & Paolo Virzì

Cast: Micaela Ramazzotti, Adriano Giannini, Roisin O’Donovan, Massimo Ghini, Marcello Fonte

Durata: 110’

Lingua: italiano, sottotitolato in inglese

 Proiezioni:

Giovedì 3.9. ore 19:30, Omena 6 (Piispansilta 11, Espoo)

Sabato 5.9. ore 18:30, Sello 5 (Ratsukatu 3, Espoo)

Domenica 6.9. ore 15:00, Sello 4 (Ratsukatu 3, Espoo)

 Il traditore (The Traitor)

Italia, Francia, Germania, Brasile 2019

Regia: Marco Bellocchio

Sceneggiatura: Marco Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella & Francesco Piccolo

Cast: Pierfrancesco Favino, Maria Fernanda Candido, Fabrizio Ferracane, Luigi Lo Cascio, Fausto Russo Alesi, Nicola Calì

Durata: 150’

Lingua: italiano, siciliano, portoghese, inglese. Sottotitolato in inglese.

 Proiezioni:

Domenica 6.9. ore 20:00, Kino Tapiola (Mäntyviita 2, Espoo)

 Informazioni

Data: da merc. 2 set 2020 a dom. 6 set. 2020, organizzato da: Espoo Ciné in collaborazione con Istituto Italiano di Cultura, Helsinki.  Ingresso: a pagamento

Controllare il sito del festival per l’acquisto dei biglietti e per eventuali cambiamenti di programma: https://www.espoocine.fi/2020/en/.

Continua a leggere

I più letti