1

Droga, asse Napoli-Palermo: in manette un fedelissimo di Messina Denaro

 

di Paolino Canzoneri


PALERMO – Carabinieri dell'Arma hanno posto agli arresti 6 persone nell'ambito di una indagine chiamata "Panta Rei" che nello scorso dicembre aveva portato all'arresto di 38 persone ritenute vicine al clan di Porta Nuova e Villabate-Bagheria. Il provvedimento è stato eseguito dal giudice per le indagini preliminari Lorenzo Janelli su richiesta della procura di Palermo.
 
Tra Palermo e Napoli le sei persone coinvolte negli arresti sono: i palermitani Antonino Marino di 38 anni,  Matteo Cracolici di 50 anni, Francesco Failla di 42 anni e Antonino Marino di 38 anni mentre i napoletani sono: Francesco Battinelli di 53 anni, Giuliano Marano di 44 anni e Francesco Greco di 63 anni. E' in corso la ricerca di una settima persona. L'accusa per tutti è di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti. Le indagini coordinate dal procuratore aggiunto Leo Agueci e dai sostituti Caterina Malagoli e Francesca Mazzocco hanno portato alla luce un canale di approvvigionamento di Hashish tra Napoli e Palermo utile a coprire lo spaccio nelle piazze delle due città.
 
Da Napoli fidati corrieri portavano in auto la droga fino al capolugo siciliano formando cosi un asse Sicilia-Campania coadiuvato dal pregiudicato Matteo Cracolici fra gli arrestati di questa notte dai carabinieri del nucleo investigativo di Palermo e ritenuto favoreggiatore del superlatitante Matteo Messina Danaro.
 
Matteo Cracolici è un nome ben noto agli inquirenti sin dalla metà degli anni 90 quando finì in carcere per aver fornito la sua carta d'identità a Cosa nostra nell'estate delle bombe di Roma, Milano e Firenze del 1993 e quando a seguito di intercettazioni fu sorpreso ad organizzare smercio di sostanze stupefacenti il cui carico di 130 kg dal valore di oltre mezzo milione di euro fu sequestrato dai Carabinieri del comando provinciale su ordine del colonnello Antonio Di Stasio. Come se non bastasse il 7 febbraio del 2011 i boss di Brancaccio Cesare Lupo e Giuseppe Arduino giunsero in un summit di tutte le famiglie palermitane tenutosi a Villa Pensabene a bordo di uno scooter di proprietà di Cracolici che risulta pure cugino della moglie di Francesco Nangano, boss ucciso nel 2014 a Brancaccio per questioni di droga.