Connect with us

Primo piano

ELENA CESTE: AVVISTATA IN UN OSPEDALE SPAGNOLO

Clicca e condividi l'articolo

Di fatto il cadavere di Elena ceste non è ancora stato ritrovato, quindi l'allontanamento da casa è una pista possibile

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Simonetta D'Onofrio

Viva e vegeta, avvistata in un ospedale spagnolo. È quanto afferma una cittadina che ha contattato la trasmissione “Quarto Grado”, andata in onda venerdì scorso, 12 settembre.

La telespettatrice, che afferma di aver riconosciuto la donna, per aver visto le sue foto, in quanto segue in particolare il programma condotto da Ganluigi Nuzzi, ha scattato una foto nella sala d’aspetto dell’ospedale di Candelaria, una località nel nord dell’isola di Tenerife, nei primi giorni del mese di agosto, mentre si trovava lì per assistere il compagno ricoverato.

Nella sua testimonianza afferma che la signora fotografata era in disparte, non aveva nessuno vicino, non l’ha sentita parlare, ma la forma del viso, i capelli e i suoi movimenti, se confrontati con quelli dei video amatoriali girati prima che la mamma di Cotignola d’Asti sparisse il 24 gennaio scorso, le hanno dato l’impressione di trovarsi effettivamente davanti a lei. “Non sono sicura – continua la signora Luciana – che la persona che ho fotografato fosse sicuramente lei, però mi sono detta, per il momento la fotografo, poi quando torno in Italia provo a mettermi in contatto con la famiglia, cosa che però non sono riuscita a fare”.

La signora apparsa in foto, così come ha osservato anche il conduttore in studio, è “un po’ più in carne della scomparsa”, ma una certa somiglianza esiste, e la segnalazione non può certo essere ignorata.
Certo, l’unica osservazione che possiamo fare, se effettivamente la signora Luciana fosse stata sicura che la persona incontrata nell’ospedale spagnolo potesse corrispondere a Elena, sarebbe stato più utile informare immediatamente le autorità, che produrre questa segnalazione a circa un mese e mezzo dall’avvenuto, quando l’eventuale Elena avrebbe di nuovo potuto far perdere le proprie tracce. Ma a volte la voglia di “scoop” è troppo accattivante per perdere la possibilità di far sentire a tutti la propria voce.

Di fatto il cadavere di Elena ceste non è ancora stato ritrovato, quindi l'allontanamento da casa è una pista possibile soprattutto alla luce delle sue paure e dei rapporti tra le quattro mura di casa che la donna intrattenenva con il marito.

LEGGI ANCHE: 

 11/09/2014 ELENA CESTE: I VESTITI DELLA DONNA RISULTANO "SENZA TRACCE"

 24/08/2014 ELENA CESTE COME ROBERTA RAGUSA: DUE MAMME SPARITE NEL NULLA

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Applausi per Mattarella e Zingaretti al centro vaccinale dell’EUR “Nuvola di Fuksas”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Visita in mattinata del presidente della Repubblica Sergio Mattarella al centro vaccinale allestito alla Nuvola di Fuksas all’Eur. Ad accompagnare il Capo dello Stato nella visita di circa mezz’ora è stato il governatore del Lazio Nicola Zingaretti. 

Mattarella ha visitato la sala d’attesa, la sala del Triage, quella per la somministrazione dei vaccini, per l’attesa post-vaccinale e, infine, lo spazio dedicato al rilascio del certificato vaccinale.

Presenti oltre a Zingaretti, a Fuksas e alla moglie Doriana, anche l’ad di Eur Spa Antonio Rosati, l’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato, il dg dell’As Rm2 Fori Degrassi. Il presidente Mattarella si è complimentato per l’organizzazione e l’efficienza del centro.

Mattarella, al termine della visita all’hub vaccinale, mentre si stavano effettuando alcune vaccinazioni è stato applaudito da lavoratori e cittadini presenti. Il capo dello Stato, a quanto riferisce chi era presente, ha rivolto diverse domande sul funzionamento della struttura e ha salutato da lontano i presenti rivolgendo un messaggio di speranza: “Teniamo duro, ce la faremo”.

“Oggi abbiamo accolto il Presidente Mattarella alla Nuvola di Fuksas che ospita uno dei più grandi centri per somministrare i vaccini anti Covid in Italia. Lo ringrazio per questo atto di sensibilità e vicinanza verso le operatrici e gli operatrici della sanità del Lazio impegnati nella grande campagna vaccinale in questo luogo simbolo dell’Italia, dove si può arrivare fino a 4 mila somministrazioni al giorno. Con gli altri centri vaccinali è una vera fabbrica della speranza”. Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

“Il Lazio è rimasto in zona gialla e questo è importante per la nostra economia, ma continuiamo a tenera alta la guardia e a rispettare le regole. La campagna vaccinale va avanti, liberiamo l’Italia dal Covid per tornare a vivere”. Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

Zingaretti questo pomeriggio inaugurerà un altro centro vaccinale con il ministro della Salute Roberto Speranza alla stazione Termini di Roma.

Scotti: ‘Solo 10 vaccini per medico a settimana. Ritardi regioni’  – Solo 10 dosi di vaccino anti-Covid a settimana: sono quelle al momento disponibili per ogni medico di famiglia nelle regioni in cui si è avviato il coinvolgimento dei camici bianchi nella campagna di vaccinazione. Lo spiega all’ANSA il segretario della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) Silvestro Scotti, precisando che sono ancora poche le regioni partite con la vaccinazione negli studi o asl sulla base di accordi territoriali. In questa prima settimana, “stimiamo in circa 100mila le dosi arrivate ai medici nelle regioni partite. Un numero ancora scarso, mentre va sottolineato il ritardo di varie regioni”, afferma.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Politica

Zingaretti ufficializza le dimissioni: “Per il Pd momento complicato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Nicola Zingaretti ha rassegnato ufficialmente le dimissioni da segretario del Partito Democratico.

Dopo l’annuncio, oggi è arrivata anche la lettera con la quale Nicola Zingaretti mette nero su bianco le sue intenzioni. La missiva è stata inviata alla presidente del partito, Valentina Cuppi, a cui spetterà la gestione ordinaria fino all’Assemblea nazionale del 13 e 14 marzo. La presidente dovrà, quindi, modificare l’ordine del giorno, inserendo al primo punto le dimissioni del segretario. Non è nella disponibilità dei ‘mille’ respingere le dimissioni di Zingaretti. In linea assolutamente teorica, dal momento che in pratica il leader ha assicurato (almeno per ora) di non voler tornare sui suoi passi, per restare alla guida del Nazareno il segretario dimissionario dovrebbe non presentare formalmente le dimissioni, ritirarle prima di sabato 13 marzo o farsi rieleggere dall’assemblea. Se invece, come sembra, la sua avventura da leader dei “è finita”, è l’articolo 5 dello statuto a regolare la situazione: “Qualora il Segretario cessi dalla carica, prima del termine del suo mandato l’Assemblea può eleggere un nuovo Segretario per la parte restante del mandato ovvero determinare lo scioglimento anticipato dell’Assemblea stessa”, si legge al comma 4. Cuppi dovrebbe quindi dare un termine temporale per la presentazione di eventuali candidature e, nel caso fossero presenti, si procederebbe alla votazione. È quanto accaduto, ad esempio, nell’Assemblea Nazionale del 7 luglio 2018: il segretario reggente Maurizio Martina, con l’accordo di tutte le anime interne, si candidò come segretario e venne eletto con il compito di guidare la fase congressuale.

“Momento complicato”

“Per il Pd è un momento complicato, che spero aiuterà a fare chiarezza”. Lo ha detto Nicola Zingaretti tornando sulle sue dimissioni dalla segretaria del Partito Democratico prima dell’inaugurazione, in veste di presidente della Regione Lazio, del centro vaccinale presso la Stazione Termini di Roma.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Salute

Obesità-Covid 19: la dieta chetogenica aiuta a ridurre i rischi da Sars-Covid2

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma, 05 marzo 2021 – “L’obesità e le sue comorbidità sono strettamente legate alla prognosi più grave del COVID-19, e un aspetto poco considerato nell’affrontare l’emergenza è che una corretta consulenza nutrizionale costituisce una priorità per affrontare la pandemia di COVID-19, al fine di ridurre il rischio di infezione e le relative complicanze”. Lo afferma il prof. Massimiliano Caprio, responsabile dell’Unità Endocrinologia cardiovascolare dell’IRRCS San Raffaele Roma, coautore di un articolo pubblicato dalla rivista Journal of Translational Medicine, citato peraltro dal sito web americano “Eat This, Not That” (www.eatthis.com).

Le diete chetogeniche si sono dimostrate efficaci per una rapida riduzione della massa grassa e delle complicanze metaboliche dell’obesità, preservando la massa magra e fornendo uno stato nutrizionale adeguato. “Possono avere un ruolo importante nella modulazione dell’immunità innata e di quella adattativa, determinando effetti benefici sull’infiammazione cronica di basso grado, potendo prevenire il rischio di tempesta citochinica del COVID-19. Inoltre – prosegue il prof. Caprio – le diete chetogeniche potrebbero essere protettive durante l’infezione da Sars-COV2 grazie agli effetti antinfiammatori e immunomodulanti dei corpi chetonici. Questo è stato dimostrato in studi preclinici. Per questo motivo, diversi studi clinici sono attualmente in corso, utilizzando diete chetogeniche eucaloriche in pazienti con malattia COVID-19”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti