Connect with us

Esteri

EMERGENZA IMMIGRATI SENZA FINE: MURO SUL CONFINE TRA UNGHERIA E CROAZIA

Clicca e condividi l'articolo

Chiusi i valichi di frontiera con la Serbia. Mercoledì summit del Consiglio europeo. Migrante fulminato all'Eurotunnel. Bimba muore in naufragio

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Sono terminati i lavori di costruzione della barriera al confine tra Ungheria e Croazia. Lo ha annunciato il premier ungherese Viktor Orban. I lavori sono cominciati nella notte e Orban ha assicurato che in tempi rapidi la barriera coprirà tutti i 41 chilometri di confine tra i due Paesi non attraversati dal fiume. Al lavoro 600 soldati ne arriveranno altri 500, ai quali se ne aggiungeranno altri 700 nel fine settimana. Intanto Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha organizzato un summit straordinario sull'emergenza migranti per mercoledì prossimo. "Siamo pronti ad aiutar migliaia di rifugiati – ha affermato il premier Sobotka – ma i numeri non hanno senso. Speriamo che il summit venga incentrato sulla sostanza, cioè a dire su quello che sta succedendo nei quartieri dell'Europa

La Croazia chiude i valichi La Croazia ha chiuso tutti e otto i valichi di frontiera con la Serbia per impedire il passaggio dei rifugiati. Le autorità di Zagabria hanno ufficialmente annunciato la chiusura di 7 valichi di frontiera su otto "fino a ulteriori comunicazioni". Ma i migranti stanno entrando in Croazia dalla località serba di Sid, nonostante la chisura di tutti i valichi di frontiera, annunciata dal governo di Zagabria. Un reporter della Retuters ha accertato che i rifugiati attraversano i campi intorno al punto di confine, controllati dalla polizia croata.

La Slovenia ha deciso di fermare il traffico ferroviario dalla Croazia. La decisione è scattata dopo il fermo di 150 migranti a Dobova, provenienti dalla Croazia. "Al momento – afferma la polizia slovena – il traffico passeggeri non è operativo".

La Repubblica Ceca, invece, si dice pronta ad aiutare i rifugiati ma conferma la sua contrarietà al piano di distribuzione dei migranti nell'Ue secondo quote obbigatorie, come proposto dalla Commissione europea. Lo ha detto il primo ministro Bohuslav Sobotka al quotidiano economico Hospodarske Noviny in edicola oggi. "Ci sarà una pausa durante l'inverno – ha osservato Sobotka – ma poi partirà una nuova ondata" di rifugiati verso l'Ue. "Centinaia di migliaia di rifugiati sono in moto e una delle ragioni per cui abbiamo rifiutato le quote – ha spiegato – è che non si finisca con l'approvazione di una soluzione burocratica per poi dire che è stato tutto risolto".

Bimba siriana muore in un naufragio Appena due settimane dopo la tragedia del piccolo Aylan Kurdi, profugo siriano morto insieme alla madre e al fratellino in un naufragio al largo della Turchia, le autorità turche hanno ritrovato su una spiaggia nella provincia occidentale di Izmir il corpo di una bambina di circa quattro anni, anche lei vittima di un naufragio. Secondo l'agenzia locale Anadolu, la bimba deve essere ancora identificata. Gli attivisti della Rete siriana per i diritti umani riportano invece che si tratta della piccola Hanan Al Jarwan, di quattro anni, morta in un naufragio nella notte. Il suo corpo si è spiaggiato questa mattina ad Altinkoy, distretto di Cesme. Secondo le prime ricostruzioni, si trovava su un barcone diretto verso un'isola greca. Quattordici naufraghi, tra i quali otto bambini, sono stati messi in salvo dalla Guardia costiera turca. La
bimba potrebbe essere l'unica vittima

 

Migrante muore all'Eurotunnel Una tragedia nell'enorme emergenza degli immigrati che tentano disperatamente di raggiungere l'inghilterra da Calais: un migrante, probabilmente si nazionalità siriana, è morto fulminato nei pressi dell'imbocco del tunnel della Manica, mentre cercava di salire sul tetto di un treno merci diretto in Inghilterra. Lo riferisce la polizia francese. I fatti sono avvenuti poco prima della mezzanotte. Sale così a 10 il numero dei migranti morti da giugno nel tentativo di raggiungere la Gran Bretagna attraverso l'eurotunnel.

Print Friendly, PDF & Email

Commenti

Esteri

Terrore a Pearl Harbour: un militare uccide due persone e ne ferisce una

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Paura a Pearl Harbour, la storica base navale a 13 chilometri da Honolulu, nelle Hawaii, che ospita la flotta statunitense nel Pacifico. Nel primo pomeriggio un militare ha aperto improvvisamente il fuoco uccidendo due persone e ferendone una terza prima di togliersi la vita sparandosi alla testa.

Si sa ancora poco della dinamica e del movente dell'episodio, che cade tre giorni prima del 78/mo anniversario dell'attacco aereo giapponese alla base: quel 7 dicembre 1941 in cui morirono oltre 2.300 americani e che segnò l'ingresso degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. Proprio in queste ore, come ogni anno, erano già in corso i preparativi per le celebrazioni che coinvolgono gran parte delle migliaia di militari e civili che operano e vivono nella base con le loro famiglie.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

A Tirana la terra continua a tremare

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TIRANA, 30 NOV – Una nuova forte scossa di assestamento di magnitudo 4.5 della scala Richter, è stata registrata pochi minuti fa in Albania. L’epicentro è stato individuato, secondo l’istituto sismologico albanese, pochi chilometri a nord di Durazzo. La scossa è stata avvertita anche a Tirana. Al momento non si hanno notizie di vittime o danni.
Intanto la presidente eletta della Commissione Ue, Ursula von der Leyen ha parlato con il primo ministro dell’Albania Edi Rama. “Ho grande rispetto del popolo albanese, che è rimasto calmo nonostante le circostanze – ha twittato -. Voglio che sappiano che l’Ue è al loro fianco con compassione e con azioni”. Mercoledì il commissario europeo per la gestione delle crisi, Janez Lenarcic, sarà in missione in Albania. “L’Ue è pronta a dare ulteriore assistenza”, ha twittato a sua volta il commissario.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

Malta, omicidio Caruana Galizia: è la resa dei conti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

LA VALLETTA, 30 NOV – E’ scattata l’ora della resa dei conti, a Malta. Mentre il premier Joseph Muscat dovrebbe lasciare al più tardi il 18 gennaio, per l’imprenditore Yorgen Fenech è arrivata l’incriminazione formale per l’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia. Sono tre i principali capi di accusa che la polizia maltese ha contestato formalmente davanti al Tribunale della Valletta all’ imprenditore Yorgen Fenech per l’omicidio di Daphne Caruana Galizia: cospirazione per commettere un assassinio da lui organizzato e finanziato, complicità nell’omicidio materiale, complicità nell’acquisto degli esplosivi. L’udienza si è conclusa in appena 20 minuti.
L’imprenditore, arrivato sotto la scorta di otto poliziotti, è uscito dal retro a bordo di un camioncino della polizia, dopo essersi dichiarato non colpevole.

Fenech, tuttavia, vuole ottenere la grazia presidenziale in cambio di informazioni sul crimine. Avrebbe detto agli investigatori di avere informazioni incriminanti sull’ex capo di gabinetto del primo ministro, Keith Schembri agli arresti, e ha anche affermato che Schembri gli stava trasmettendo messaggi mentre era in custodia lo scorso fine settimana, attraverso un medico che conosce entrambi gli uomini. Anche il medico, Adrian Vella, è in arresto. Ieri oltre a Schembri si è dimesso il ministro del Turismo Konrad Mizzi, mentre il ministro dell’Economia Chris Cardona di è “sospeso” dalle funzioni.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Dicembre: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it