Connect with us

Calcio

Europei 2020, il trofeo torna in Italia dopo oltre 50 anni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

L’Italia è campione d’Europa, battendo 4-3 l’Inghilterra ai rigori nella finale di Wembley. La partita si è messa subito bene per gli inglesi, con Shaw in gol al 2′.

L’Italia, non brillante come nelle precedenti partite, ha sofferto l’atteggiamento della squadra di Southgate, molto coperta, e solo un’azione personale di Chiesa ha messo qualche brivido a Pickford, praticamente inoperoso.

Nella ripresa, Mancini ha richiamato Barella e Immobile inserendo Cristante e Berardi. Al 22′ è arrivato il pareggio azzurro: su calcio d’angolo è scaturita una mischia in area e Bonucci ha infilato in rete da due passi. L’1-1 è rimasto inchiodato sia al 90′ sia ai supplementari, nonostante i tanti cambi dalle due parti, e sono stati necessari i rigori, con Donnarumma ancora una volta decisivo.

Questa la sequenza dei rigori nella finale di Euro 2020 a Wembley tra Italia e Inghilterra, finita 4-3 (1-1 dopo i tempi regolamentari ed i supplementari). Berardi gol (2-1) Kane gol (2-2) Belotti parato (2-2) Maguire gol (2-3) Bonucci gol (3-3) Rushford sbagliato (3-3) Bernardeschi gol (4-3) Sancho parato (4-3) Jorginho parato (4-3) Saka parato (4-3)

Roberto Mancini e Gianluca Vialli si abbracciano in lacrime dopo il trionfo dell’Italia ai rigori contro l’Inghilterra a Wembley. Un’esplosione di emozioni per il ct dopo tanta sofferenza e tensione vissuti fino all’ultimo. “Non so cosa dire, questi ragazzi sono stati meravigliosi. Stasera siamo felici, è importante per tutta la gente, per tutti i tifosi. Spero che festeggino”. E’ un Roberto Mancini commosso, che non riesce quasi a parlare per le lacrime agli occhi, quello che ai microfoni della Rai ha commentato il titolo di Campione d’Europa, conquistato dall’Italia con il 4-3 ai rigori sull’Inghilterra.

“Gli italiani celebrano il successo della nazionale ai campionati europei di calcio. Gli azzurri, guidati dal commissario tecnico Roberto Mancini, hanno mostrato insieme a grandi individualità un gioco e uno spirito di squadra straordinari. Il trofeo torna in Italia dopo più di 50 anni.” E’ quanto dichiara il premier Mario Draghi. Il Presidente del Consiglio riceverà nella giornata di lunedì la squadra e lo staff tecnico a Palazzo Chigi per ringraziarli a nome di tutto il Governo.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Colleferro (calcio, Eccellenza), Baiocco: “Non dobbiamo nasconderci: vogliamo provare a vincere”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – E’ ufficialmente iniziata l’avventura del Colleferro nella nuova stagione d’Eccellenza. Il gruppo rossonero, affidato da qualche settimana a mister Enrico Baiocco dopo la separazione da Gian Luigi Staffa, ha cominciato la preparazione pre-campionato nella storica tana del “Caslini”. Per Baiocco sono state indubbiamente ore particolari in cui è sicuramente affiorato qualche ricordo degli splendidi anni trascorsi a Colleferro in cui riuscì a centrare una storica “accoppiata” con i successi nella Coppa Italia di Promozione e in quella di Eccellenza tra il 2011 e il 2013. “Rispetto ad allora siamo cambiati un po’ tutti com’è normale che sia: abbiamo dato il giusto spazio all’amarcord, ma ora dobbiamo guardare avanti – dice l’allenatore – Questo è l’anno zero e si ricomincia con altre prospettive, ho accolto con piacere la proposta del presidente Giorgio Coviello e sono pronto a dare il massimo per questo club che è speciale per me. C’era stato un contatto anche l’anno passato, ma non me la sono sentita. Colgo l’occasione per fare i complimenti a mister Staffa che ha preso una brutta gatta da pelare e ne è uscito alla grande ottenendo la salvezza”. Baiocco parla dell’impatto con il “nuovo” Colleferro: “Sono stato colpito dall’organizzazione e dallo staff numeroso e di qualità di questa società. I dirigenti non mi hanno dettato alcun tipo di regola, ma è chiaro che noi vogliamo provare a vincere senza nasconderci: c’è la giusta ambizione, anche se ovviamente partiamo alla pari con altre quattro o cinque squadre molto forti”. Il tecnico di Roviano conclude parlando del tipo di lavoro che porterà avanti in questi giorni di preparazione pre-campionato: “Credo molto nella tecnica individuale e tra l’altro ho anche una scuola apposita che porto avanti da tempo, ma tutto questo dev’essere inserito in un contesto di squadra. Lavoreremo molto su questo aspetto, poi la prestazione la fa da padrone per valutare il comportamento di una squadra”.



Continua a leggere

Calcio

Ssd Colonna (calcio) ne annuncia otto: ci sono pure Nicholas Muzzi e Artistico per un attacco super

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print

Colonna (Rm) – Il Colonna non vuole farsi trovare impreparato. In attesa di avere l’ufficialità del ripescaggio in Promozione (il club castellano è molto fiducioso del salto di categoria considerando il terzo posto nella classifica delle ripescabili stilata dal comitato regionale), sono ben otto i colpi in entrata che arricchiscono la rosa a disposizione del confermatissimo mister Dino Di Julio. I movimenti più “rumorosi” sono nel reparto d’attacco: è ufficiale l’accordo sia con il classe 1996 Nicholas Muzzi (ex punta della Lupa Frascati che ha appena vinto il campionato d’Eccellenza) che con il talentuoso Mario Artistico (classe 1985 proveniente dalla Pro Roma e con importanti trascorsi anche tra i professionisti essendo arrivato fino alla serie B). Due innesti di grandissima qualità in un reparto d’attacco completamente rivoluzionato che vedrà anche la presenza di un altro ottimo attaccante come il classe 1995 Simone Tiberi (ex Vivace Grottaferrata) e il giovane classe 2003 Lorenzo Passeri (anche lui proveniente dalla Pro Roma). Un rinforzo di esperienza anche per la difesa che conterà sulla corsa infaticabile di Luca Patrizi, esterno classe 1990 proveniente dall’Atletico Torrenova. Nel reparto arretrato ci sarà pure Edoardo Mazzon, classe 1999 proveniente dalla Vivace Grottaferrata e dunque già conscio delle difficoltà della Promozione. Tra i pali è ufficiale l’arrivo di Lorenzo Fresilli, classe 2002 anche lui proveniente dalla vicina Grottaferrata, mentre per la linea mediana è stato preso Giorgio Scarpecci, classe 1999 che in passato ha giocato con la Roma VIII.
La chiosa finale è del direttore sportivo Gianluca Cippitelli: “Se il ripescaggio sarà confermato, per la prima volta questa società affronterà un campionato di Promozione. Sicuramente sarà impegnativo, difficile, ma cercheremo di fare il nostro meglio per guadagnarci la continuità nella categoria e la considerazione delle persone che ci seguono. Colgo l’occasione per ringraziare tutto il gruppo della passata stagione per il comportamento esemplare avuto e testimoniato anche dalla conquista della Coppa Disciplina, abbinata ad un importante secondo posto finale nel girone”.



Continua a leggere

Calcio

L’Amatrice Calcio annuncia l’acquisto del difensore centrale Manuel Santarelli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

AMATRICE (RI) – Il difensore centrale Manuel Santarelli è un giocatore dell’Amatrice Calcio. Classe 2002, ha avuto esperienze con L’Aquila (due promozioni e campionato di Promozione) e con il Montorio, dove è arrivato a disputare la finale playoff sempre nel campionato di Promozione. “Sono entusiasta per questa nuova avventura in una società così ambiziosa -spiega Santarelli- sin da subito mi è stato chiaro l’importanza del progetto che si vuole portare avanti ed accettare di farne parte è stato facile oltre che un onore”. 

Continua a leggere

I più letti