Connect with us

Editoriali

EXPO 2015: "UNA VERGOGNA ITALIANA" PER LA STAMPA ESTERA

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Christian Montagna

Che l’Expo sia una grande occasione per l’Italia è certo ma qualcuno ha provato a metterlo in dubbio. A contribuire alla messa in discussione dell’utilità di Expo sono stati sicuramente gli scandali che hanno anticipato la sua inaugurazione uniti agli scontri di Milano del primo Maggio. Ma si sa, queste sono classiche cose all’ italiana che altrove, comunque accadono. Mentre da una parte la soddisfazione delle istituzioni italiane è alle stelle, dall’ altra ci siamo chiesti cosa gli stranieri stessero pensando di questa Esposizione Universale.

Sono perciò andato a cercare se l’ottimismo e la gioia della stampa italiana fossero allo stesso modo ritratti nelle news estere. Vi preannuncio però una grande delusione in seguito alle ricerche effettuate. Poche, pochissime pagine dedicate a quello che l’Italia ha chiamato l’evento mondiale per eccellenza; pochi gli tabella volti ad elogiare il momento e tanta tanta cronaca sugli avvenimenti “neri” che hanno macchiato di sangue e corruzione Expo 2015. In fondo, cosa aspettarsi? La madre degli invidiosi è sempre incinta…

Con pareri totalmente differenti, da alcuni addirittura ignorati, ecco come si è comportata la stampa estera: a cominciare dal New York Time che ha pubblicato a Gennaio un video nella rubrica “36 hours” in cui si descrivevano le bellezze della città manzoniana senza però aver fatto la stessa cosa in seguito all’apertura di Expo. Pareri positivi solo sulla città sono giunti da Lonely Planet che l’ ha posta come “top city” da visitare assolutamente ma, anche qui, nessun accenno ad Expo. Riferimenti all' Esposizione Universale sono stati intravisti nell’Huffington Post che ha consigliato come impiegare il tempo libero a Milano tra un evento e l’altro di Expo.

Il mondo intero si pronuncia poco, a stento, quasi a voler far finta di nulla. In Francia ad esempio, per voler sminuire senza dubbio la manifestazione è stato pubblicato un elenco di tutte le grandi Esposizioni Universali innescando naturalmente un meccanismo di paragoni che porta a classificare quello di Expo come un evento non proprio eccezionale. Il quotidiano francesce “Le Monde”, con un non celato senso ironico ha voluto così raccontare di Expo definendolo “Un cantiere all’italiana”. Critiche sono state mosse inoltre ai lavori, all’organizzazione e perfino alla scelta dei siti.

La nostra esposizione dunque non ha fatto breccia sulla stampa internazionale al punto da essere preferiti ad altre notizie sicuramente di minore importanza: nel Regno Unito ad esempio l’attesa della Royal Baby ha conquistato le prime pagine declassando e archiviando l’apertura di Expo 2015; in Francia invece Expo è stato battuto dallo scontro fra Le Pen e Femen, ritenuto, alla pari di una sit com, molto più importante; in Germania ha vinto la vicenda di spionaggio e l’attentato sventato alla corsa ciclistica di Francoforte e infine anche in Spagna hanno trionfato le dimissioni di Podemos.

Ma perché questo atteggiamento snob nei nostri confronti?

Eppure, a leggere quanto è stato scritto dopo, non pare che sia passato nell’ indifferenza totale questo evento.Come mai il primo Maggio, durante gli scontri dei Black Block, l’intero pianeta si affacciava sull’I talia? Perché dal Financial Times, al Guardian, da Le Monde a Der Spiegel, dal Pais alla Bbc, tutti hanno parlato della "guerriglia" di Milano? Forse un intento c’era e di sicuro non era quello di fare cronaca.

Per ultimo e con grande amarezza, riporto l’insulto più grande giunto dal quotidiano di Francoforte, “Frankfurter Allgemeine Zeitung” che ha definito Expo come “Un’orgia di spreco di materiali organizzata in dimensione epocale nella quale le piantine del riso, le macchine per l’agricoltura, i chicchi del caffè vengono esposti come i pezzi migliori della fiera in una montagna di acciaio drammaticamente modellato e parametricamente distorto, di legno e di vetro ricoperto di plastica”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Editoriali

Fatta a pezzi, la storia di Pamela Mastropietro [seconda puntata]: il Tribunale aveva ordinato l’espulsione di Oseghale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il tragico omicidio di Pamela Mastropietro, con tutta probabilità, poteva essere evitato se nel 2017 si fosse dato corso a quanto stabilito nella sentenza emessa dal Tribunale di Macerata. Una sentenza, quella del 22 giugno del 2017, che vedeva condannato l’assassino di Pamela Mastropietro, il nigeriano Innocent Oseghale, alla pena di 4 mesi di reclusione e al pagamento di una multa di mille euro per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Il Giudice nella stessa sentenza decreta peraltro l’espulsione dal territorio italiano, a pena espiata, di Innocent Oseghale oggi condannato alla pena dell’ergastolo per aver stuprato e fatto scempio del corpo di Pamela Mastropietro.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE

L’avvocato Marco Valerio Verni, zio di Pamela Mastropietro commenta la sentenza del 2017 che ordinava l’espulsione dall’Italia di Innocent Oseghale. Espulsione che sarebbe dovuta avvenire dopo che Oseghale avesse terminato di scontare la pena. Ma il nigeriano è ricorso in appello e il fato ha voluto che proprio in quel lasso di tempo sia tornato a delinquere macchiandosi dell’atroce omicidio di Pamela.

“Oseghale aveva chiesto e ottenuto il rito abbreviato” commenta l’Avvocato Marco Valerio Verni zio di Pamela Mastropietro “Il pubblico ministero – prosegue Verni – aveva chiesto due anni e otto mesi, il giudice lo condanna a 4 mesi, quindi già qui un pm che chiede due anni e otto mesi e un magistrato giudicante che gli dà 4 mesi già questo mi pone inquietudine come cittadino perché sebbene come avvocato sia abituato a vedere queste cose c’è però troppo divario tra quello che viene chiesto e quello che viene dato. Allora lo ha chiesto troppo il pubblico ministero oppure è stato troppo generoso il giudicante e questo purtroppo accade spesso.”

Le particolarità della sentenza

L’avvocato Verni entra poi nel merito della sentenza concessa a Innocent Oseghale, spiegando quelle che sono le particolarità della stessa:

“Oseghale viene condannato a 4 mesi – spiega l’avvocato Verni – il giudice sospende la pena, come si è soliti fare purtroppo, ormai con un automatismo che spesse volte diventa poi criminale come in questo caso e mi assumo la responsabilità naturalmente di quello che dico e facendo affidamento sull’effetto dissuasivo che questa condanna avrebbe avuto su Oseghale, cioè il giudice dice io sono sicuro che Oseghale a seguito di questa condanna non commetterà più reati. E infatti si è poi visto il 30 gennaio 2018, qualche mese dopo, che cosa ha fatto Oseghale.”

Verni: “Una sentenza schizofrenica”

“La schizofrenia di questa sentenza – prosegue Verni – è che mentre il giudice prima dice sono sicuro che Oseghale non commetterà più reati qualche rigo dopo lo stesso giudice dice vista la pericolosità sociale riconosciuta del soggetto se ne dispone l’espulsione appena espiata la pena di quattro mesi.”

L’avvocato Verni spiega di aver pensato quindi ad un possibile refuso in quanto non è possibile che sulla stessa sentenza vengano scritte due cose direttamente contrastanti. E infatti, a proposito del passaggio della sentenza dove il giudice scrive “…l’imputato si asterrà dalla consumazione di nuovi reati” concedendogli la sospensione condizionale della pena per poi scrivere ancora “Si ritiene da ultimo, che nel caso di specie debba anche essere applicata la misura dell’espulsione” motivando la decisione con il fatto che “risulta sussistere in concreto la pericolosità sociale dell’imputato”. Insomma prima si concede il beneficio della sospensione condizionale della pena asserendo che l’imputato si asterrà dal commettere altri reati, poi si ordina l’espulsione perché Oseghale è pericoloso socialmente.

“Nel caso di Pamela – commenta ancora l’avvocato Verni – tra l’altro, ci sarebbe da dire, riguardo la lentezza dei Tribunali, che Oseghale aveva fatto domanda di protezione internazionale che era stata rigettata in tutti i gradi dalla Commissione territoriale fino alla Corte d’Appello se non sbaglio siamo fine del 2016. La Corte d’Appello di Ancona nel 2018 o fine del 2017 non aveva ancora trasmesso gli atti nuovamente indietro alla commissione territoriale perché a quel punto Oseghale avrebbe potuto subire il provvedimento di espulsione e quindi teoricamente lui a gennaio del 2018 non sarebbe più dovuto stare sul territorio italiano.”
Quindi la lentezza dei Tribunali ha creato un’altra vittima, così come accaduto a Torino, dove sempre un africano che non doveva più stare in Italia, sempre per una questione di ritardo nella comunicazione tra Tribunali, poi compì gli atroci atti ai danni di una ragazza.
“La sospensione condizionale della pena – commenta ancora Verni – dovrebbe in qualche modo responsabilizzare i magistrati, perché in un caso come questo dove il magistrato si è preso la responsabilità, perché è discrezionale l’applicazione della sospensione condizionale della pena che il magistrato fa su tutta una serie di elementi. Ma alla fine è discrezionale. Poteva anche non concederla. L’ha concessa. Bene, in questo come in altri casi io credo che i magistrati dove palesemente si è sbagliato dovrebbero essere chiamati a rispondere di questi loro errori.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Editoriali

Fatta a pezzi, la storia di Pamela Mastropietro [Prima puntata]

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La vicenda

Pamela Mastropietro lascia al mattino la comunità pars di Corridonia dove è ricoverata da ottobre.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio che ricostruisce gli ultimi momenti di vita di Pamela Mastropietro trasmesso a Officina Stampa del 10/10/2019

Lungo il cammino incontra un uomo che le dà un passaggio, i due trascorrono del tempo insieme lui le offre qualche decina di euro e la lascia in stazione a Mogliano. In partenza c’è un treno per Macerata. Pamela sale a bordo del convoglio e arriva in città 20 minuti dopo. In stazione chiede informazioni per tornare a Roma, vuole tornare a casa ma incontra un altro uomo e i due lasciano la stazione e trascorrono del tempo insieme. Pamela è di nuovo in stazione a Macerata. Cerca ancora di tornare a Roma. Lungo i binari incontra Vincent è un ragazzo di colore a cui Pamela chiede droga. Vincent chiama al telefono a un certo Innocent Oseghale. Pamela lo raggiunge in taxi ai giardini Diaz.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio su Innocent Oseghale trasmesso a Officina Stampa del 10/10/2019

Pamela incontra Oseghale i due chiacchierano e lasciano i giardini Diaz per recarsi in via Spalato entrano in una farmacia dove Pamela acquista una siringa poi fanno ingresso nella casa di Oseghale al civico 124. Innocent Oseghale è a casa con Pamela. Chiama Desmond Lucky, forse per chiedergli l’eroina. Tra loro avvengono 17 contatti telefonici fino alle 13:42

Secondo l’accusa Pamela viene uccisa e fatta a pezzi tra le 12 e le 19 di martedì 30 gennaio. Le celle telefoniche individuano Innocent Oseghale, Desmond Lucky e Lucky Awelima nella casa di via Spalato. Lucky accompagna Innocent Oseghale a comprare la candeggina poi Oseghale chiama un taxi carica due trolley contenenti il corpo di Pamela smembrato e si fa accompagnare a Casette Verdini dove abbandona le due valigie. Il tassista lo riaccompagna a casa, ma colto dal sospetto torna indietro e apre i trolley facendo la macabra scoperta.

Da sinistra: Fabrizio Mignacca (Psicologo – psicoterapeuta), Federica Nobilio (Fratelli d’Italia), Marco Valerio Verni (Avvocato e zio di Pamela Mastropietro) ospiti a Officina Stampa commentano la vicenda di Pamela Mastropietro

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Editoriali

Mafia nigeriana, tra le più pericolose organizzazioni criminali presenti in Italia [seconda puntata]: la degenerazione delle confraternite in organizzazioni criminali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Proseguiamo il viaggio sulla mafia nigeriana dopo aver visto, nel corso della puntata precedente, quelle che sono le radici, che si affondano nella religione Voodoo tutt’oggi ancora diffusissima tra le popolazioni di quel tratto di costa africana che si affaccia sul Golfo di Guinea, meglio noto con il nome di “Costa degli Schiavi”.

Tradizioni, usanze e riti, in particolar modo legati al Voodoo, presi a prestito dalle varie organizzazioni criminali nigeriane per iniziare i nuovi adepti.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 10/1’/2019

Organizzazioni la cui origine va ricercata in quella che rappresenta una vera e propria degenerazione delle confraternite (cults), che fin dagli anni 50 erano state fondate, sul modello di quelle americane, nelle università della regione del Delta del fiume Niger il cui scopo iniziale era quello di diffondere messaggi di pace e di rispetto, condannando qualsiasi azione e forma di razzismo e di apartheid. Ma in tempi molto brevi queste confraternite si sono trasformate in veri e propri clan criminali che si sono espansi anche al di fuori dei confini delle stesse Università.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO

Da sinistra: Fabrizio Mignacca (Psicologo-psicoterapeuta), Federica Nobilio (Fratelli d’Italia) e Marco Valerio Verni (Avvocato e zio di Pamela Mastropietro) ospiti nella trasmissione Officina Stampa del 10/10/2019 per commentare il fenomeno della mafia nigeriana

La prima confraternita censita fu quella che prese il nome di PYRATES, poi a seguito di scissioni nacquero i SEA DOGS e i BUCCANEERS che a loro volta diedero vita al NEO BLACK MOVIMENT OF AFRICA trasformatosi a sua volta in BLACK AXE CONFRATERNITY. E poi a seguito di altre scissioni prese origine la EIYE CONFRATERNITY. E in questo microcosmo di confraternite ricordiamo anche la SUPREME VIKINGS CONFRATERNITY fondata nel 1984 da un ex-membro della confraternita dei BUCCANEERS.

Con il passare del tempo le confraternite uscirono dal mondo universitario acquisendo sempre maggior forza e potere imponendo le proprie regole anche con l’uso della violenza, riuscendo, in breve tempo, anche ad infiltrare il mondo economico, politico e sociale del Paese.

Acquisita ormai una vera e propria connotazione criminale, le varie confraternite hanno dimostrato sin da subito la capacità di fare affari con altre consorterie al di fuori della Nigeria, espandendosi all’estero, in quasi tutti i Paesi europei, in Italia, nel Nord e nel Sud America, in Giappone e in Sud Africa.

La criminalità nigeriana si è dunque sviluppata al di fuori dei propri confini, sfruttando i flussi migratori. La documentazione giudiziaria ed informativa degli ultimi anni evidenzia gli ampi margini di operatività dei
sodalizi nigeriani attivi in Italia, dal traffico internazionale e lo spaccio al minuto di sostanze stupefacenti alle estorsioni soprattutto in danno di cittadini africani gestori di attività commerciali, all’induzione ed allo sfruttamento della prostituzione, al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, alla falsificazione di documenti, alla contraffazione monetaria, alla tratta di esseri umani e riduzione in schiavitù, alle truffe e frodi informatiche, ai reati contro la persona e contro il patrimonio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it