Connect with us

Cronaca

Fabrizio Corona, lite fuori una discoteca: Ecco cosa è successo…

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MILANO – Si torna a parlare dell’indiscusso ex re dei paparazzi Fabrizio Corona. La vicenda di cui tanto si parla ha avuto luogo a Milano, nei pressi di una discoteca in zona Garibaldi. Erano circa le 20.30 di mercoledì e Corona stava rientrando a casa perché può stare fuori tra le 7 e le 20.30. L’ex re dei paparazzi sarebbe stato provocato da un uomo che dopo l’arresto del 2016 gli avrebbe “rubato un Rolex da 15-20 mila euro ed è stato denunciato per questo”, ha riferito l’Avvocato Chiesa a MilanoToday. Le immagini mostrano Fabrizio Corona che urla “ti vengo a prendere a costo di tornare in galera”, poco dopo attraversa la strada, raggiunge l’ingresso del locale e si rivolge al destinatario del messaggio dicendo “devi chiedermi scusa in ginocchio, pezzo di m…” . L’Avvocato Chiesa ha spiegato che Fabrizio sarebbe stato provocato dall’uomo e secondo quanto ha riferito Corona, lui “ha visto l’ex collaboratore fuori da quel locale verso le 20, c’è stato un alterco tra i due che non si vede in quel filmato, Fabrizio ha reagito col suo carattere e gliene ha dette di tutti i colori“ e ha precisato che non vi è stata alcuna aggressione fisica. La versione dell’Avvocato Federico Costa Angeli, legale rappresentante dell’uomo con cui Corona ha avuto l’alterco, è diversa: “il mio assistito è stata parte puramente passiva degli accadimenti avvenuti la scorsa notte dopo le 20.30“ e aggiunge che l’uomo è stato “aggredito, ingiuriato e minacciato” mentre svolgeva il proprio lavoro “senza aver provocato in alcun modo le azioni” di Fabrizio Corona.

Questa vicenda avrà ripercussioni su Fabrizio Corona e sull’affidamento concessogli dal giudice ai primi di marzo? Rischia la revoca dell’affidamento?

Ricordiamo che l’indiscusso ex re dei paparazzi, che era tornato in carcere nell’ottobre del 2016, era stato formalmente diffidato dal giudice ad attenersi alle prescrizioni da lui violate, ovvero a quella di non usare i social, di non diffondere proprie immagini o video. Il 21 febbraio scorso è avvenuta la scarcerazione. Successivamente è stato diffuso un video di pochi secondi che mostrava la sua uscita dal carcere di San Vittore e concitati abbracci con la sua fidanzata Silvia Provvedi e un servizio fotografico che lo ritraeva a passeggio proprio con la fidanzata. La Procura generale di Milano aveva chiesto la revoca dell’affidamento terapeutico e il pg Lamanna, dunque, aveva chiesto che tornasse in carcere. La richiesta è stata però respinta dal giudice della Sorveglianza di Milano Simone Luerti.

Il 9 marzo scorso l’Avvocato Ivano Chiesa, legale di Fabrizio Corona ci ha rilasciato una lunga intervista.

L’intervista all’avvocato di Fabrizio Corona: ecco perchè l’ex re dei paparazzi non tornerà in carcere

Tra i tanti argomenti affrontanti, abbiamo chiesto qual è nello specifico la diffida a cui è stato sottoposto il suo assistito e soprattutto cosa impone e ci ha risposto:

“Non può rilasciare interviste, non può parlare di fatto. E’ l’unico italiano a cui è stata tolta la parola. Queste sono quelle particolari per lui, le altre sono le prescrizioni classiche che hanno tutti gli affidati, cioè non possono lasciare il territorio della Lombardia (nel caso di specie), devono rientrare ad una certa ora, non possono frequentare pregiudicati, devono rispettare le prescrizioni. Corona ha delle prescrizioni ad Hoc legate alla sua figura, alla sua immagine, al suo mestiere. Capisco la prudenza del magistrato  e capisco che lui abbia voluto usare prudenza perché ha preso in mano una patata bollente però, è meglio non dimenticare mai che Corona non è tornato in carcere e non ha perso l’affidamento che era in corso perché ha violato le prescrizioni, ma è tornato in carcere perché gli hanno trovato dei soldi nel controsoffitto e per quelli è stato assolto. Tutto questo mi suona abbastanza surreale”.

Angelo Barraco

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cronaca

Punto dalla vedova nera mentre lavora in giardino: salvato in extremis

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Paura a Barletta, dove sabato un cinquantenne è stato punto da una ‘malmignatta’, un genere italiano di ragno appartenente alla famiglia della famigerata specie della ‘vedova nera’.

L’uomo, che stava lavorando in un giardino in campagna, è finito in ospedale dopo essere stato punto alla gamba dall’insetto. La puntura gli ha provocato sudore, convulsioni, dolori articolari, muscolari e all’addome, aggravando ora dopo ora la situazione, fino a quando il 50enne è finito in una situazione definita “critica”.

Accertati i sintomi, l’ospedale di Barletta si è rivolto al Centro nazionale Antiveleni ‘Maugeri’ di Pavia, che dopo una diagnosi per avvelenamento, in una frenetica corsa contro il tempo, ha inviato il siero specifico ‘anti-vedova nera’. In poche ore l’antidoto è giunto da Milano a Barletta con un volo di linea e, dopo 40 minuti dall’assunzione, il paziente è stato stabilizzato.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Vittoria, cuginetti travolti da suv in pieno centro: morto anche il secondo bambino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VITTORIA (RG) – E’ morto l’altro bambino, 12 anni, investito da un Suv lanciato a grande velocità in una stradina del centro storico di Vittoria.

Lo rendono noto fonti investigative di Messina. Da venerdì mattina il piccolo, che aveva perso le gambe, quasi del tutto tranciate nel terribile impatto, era ricoverato al Policlinico di Messina dove era stato trasferito con in elisoccorso. Stamattina sono stati celebrati a Vittoria i funerali dal cuginetto morto anche lui dopo essere stato investito mentre giocava davanti casa. Il bambino era ricoverato nel reparto di terapia intensiva neonatale del policlinico di Messina. “Al suo arrivo avevamo già giudicato le sue condizioni gravissime. Abbiamo tentato in tutti i modi di salvarlo, ma ogni terapia non è bastata a farlo rimanere in vita. Siamo rammaricati”, afferma Eloise Gitto, direttrice del reparto.

Era stato arrestato dalla polizia per omicidio stradale aggravato l’uomo che alla guida di un suv ha travolto i due cuginetti di 11 e 12 anni nel centro storico di Vittoria. Il più piccolo è morto sul colpo.
L’investitore è un 34nne, Rosario Greco, risultato positivo all’assunzione di droga e alcol. La Squadra mobile gli contesta anche la detenzione di oggetti atti a offendere: nel suv c’erano uno sfollagente telescopico e una mazza da baseball.

I passeggeri che erano con lui, e che come l’autista sono fuggiti a piedi dopo l’incidente, si sono presentati volontariamente in Questura spiegando di essere scappati per paura di essere aggrediti. Sono stati denunciati per omissione di soccorso. Due di loro hanno precedenti penali. Uno è Angelo Ventura, figlio del capomafia di Vittoria, Giambattista, l’altro è Alfredo Sortino con vari precedenti penali, il terzo è Rosario Fiore. I tre che accompagnavano in auto, inizialmente hanno tentato di favorire l’autore dell’omicidio stradale, ma poi hanno deciso di fornire un’esatta dinamica di quanto accaduto addebitando ogni responsabilità al conducente. Sono stati denunciati per favoreggiamento. Nelle indagini della Polizia sono state utili le immagini di alcuni impianti di videosorveglianza che hanno ripreso le fasi del sinistro stradale.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Ciampino, si costituisce il pirata dell’incidente in cui è morto Stefano Branco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Si è consegnato alla Polizia stradale l’uomo coinvolto nel tremendo incidente il 6 luglio scorso sul Grande Raccordo Anulare in cui è morto il 25enne Stefano Branco. Il ragazzo era alla guida della Smart rossa. La mamma della vittima, Laura Magnani, un’insegnante di Ciampino, aveva lanciato un appello nei giorni scorsi: “Il mio angelo non c’è più, aiutatemi vi prego a fare chiarezza”.

La Stradale, forte di una sequenza di frammenti acquisiti da una telecamera dell’Anas, aveva chiaramente indicato una “Fiat Punto che subito dopo l’impatto si era fermata nella corsia centrale, per poi ripartire e fare perdere ogni traccia”.
Lo schianto era avvenuto intorno alle 16, sulla carreggiata esterna, nei pressi dello svincolo per la via del Mare. La Smart si era ribaltata.

Quel colpo è stato fatale per Stefano, un ragazzo perbene e dai sani principi che lavorava come guardia giurata e si era trasferito da poco a Marino.
Il conducente della Punto chiara, riconoscendosi nella persona ricercata, ha deciso di presentarsi spontaneamente negli uffici della Polstrada in via Magnasco, a Tor Sapienza. Oggi sarà ascoltato dal pm Vincenzo Barba. Per l’uomo si profila l’iscrizione nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio stradale a cui potrebbe essere sommata quella di omissione di soccorso, un atto comunque dovuto per permettere anche ai suoi periti di fiducia di prendere parte alle indagini tecniche.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Luglio: 2019
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it