Connect with us

Primo piano

L’intervista all’avvocato di Fabrizio Corona: ecco perchè l’ex re dei paparazzi non tornerà in carcere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Non dovrà tornare in carcere Fabrizio Corona. L’indiscusso ex re dei paparazzi, che era tornato in carcere nell’ottobre del 2016, è stato formalmente diffidato dal giudice ad attenersi alle prescrizioni da lui violate, ovvero a quella di non usare i social, di non diffondere proprie immagini o video. Il motivo di cotanta agitazione tra i maggiori sostenitori di Fabrizio risale al 21 febbraio scorso, giorno in cui è avvenuta la tanto attesa scarcerazione. Un momento che l’ex re dei paparazzi pensava di poter vivere nella gioia e nella spensieratezza dell’abbraccio di un amore solido e vivo. Ma alla luce della  diffusione di un video di pochi minuti che mostrava la sua uscita dal carcere di San Vittore e concitati abbracci con la sua fidanzata Silvia Provvedi e della pubblicazione di un servizio fotografico che lo ritraeva a passeggio con la fidanzata, la Procura generale di Milano aveva chiesto la revoca dell’affidamento terapeutico e il pg Lamanna, dunque, aveva chiesto che tornasse in carcere. La richiesta è stata però respinta dal giudice della Sorveglianza di Milano Simone Luerti, quindi Corona non dovrà tornare in carcere.  Il giudice Luerti, nella diffida ha specificato che l’ex re dei paparazzi non dovrà divulgare proprie immagini o video sui social e non potrà nemmeno dare mandato ad altri per la divulgazione. Nel divieto si evidenzia inoltre che non possono essere diffuse immagini che riguardano la misura detentiva.

Ne abbiamo parlato con l’Avvocato Ivano Chiesa, legale di Fabrizio Corona che ha chiarito alcuni importanti punti della vicenda.

– E’ stata respinta la richiesta di revoca dell’affidamento terapeutico concesso a Fabrizio Corona. Come avete accolto questa notizia?

Davo per scontato perché la richiesta era un’esagerazione. L’ho già dichiarato anche in TV stamattina. Era palesemente un’esagerazione perché la richiesta di revoca di affidamento per un selfie o per un filmato, insomma…si revoca l’affidamento quando c’è una violazione gravissima. Nel caso di Fabrizio sarebbe stare in giro di notte o rilasciare un’intervista dove aggredisce la magistratura o critica l’esecuzione della pena. Quella non era certamente una cosa da revoca della misura, anzi, secondo me non era neanche da ammonimento però adesso ne parleremo col magistrato e cercheremo di capire cosa si può fare e cosa non si può fare. Perché va bene eseguire l’affidamento e rispettarlo, ci mancherebbe altro, ma Corona non può neanche scomparire.

– Avvocato mi scusi, ma il fatto  che nel corso della sua carcerazione apparissero sue immagini e adesso non possono comparire, non risulta un contraddittorio?

Il fatto che comparissero video e immagini di Fabrizio, ovviamente di repertorio, quando era in carcere era pacifico, adesso che è uscito non può. Allora ci stiamo chiedendo e lo chiederemo al magistrato, ma noi abbiamo inteso e intendiamo che il divieto di utilizzare i social è legato al fatto che non può rilasciare interviste quindi utilizzare i social non può essere per aggirare l’ostacolo. Per cui se tu fai immagini riguardanti esecuzione della pena, ti fai un filmato oppure fai un’intervista questo non va bene, ma non è che tutto non va bene. Quello era un filmato di immagini di repertorio collazionate da altri, entusiasti perché Fabrizio era uscito. Se questo scatena una reazione come quella di chiedere addirittura la revoca allora uno ci pensa e dice “non so più che cosa posso fare e cosa non posso fare”. La preoccupazione è tale che io ho detto a Fabrizio di non salutare più a nessuno per strada, non rispondere più ai saluti.

 – Qual è, nello specifico, la diffida a cui è stato sottoposto Corona e cosa impone?

Non può rilasciare interviste, non può parlare di fatto. E’ l’unico italiano a cui è stata tolta la parola. Queste sono quelle particolari per lui, le altre sono le prescrizioni classiche che hanno tutti gli affidati, cioè non possono lasciare il territorio della Lombardia (nel caso di specie), devono rientrare ad una certa ora, non possono frequentare pregiudicati, devono rispettare le prescrizioni. Corona ha delle prescrizioni ad Hoc legate alla sua figura, alla sua immagine, al suo mestiere. Capisco la prudenza del magistrato  e capisco che lui abbia voluto usare prudenza perché ha preso in mano una patata bollente però, è meglio non dimenticare mai che Corona non è tornato in carcere e non ha perso l’affidamento che era in corso perché ha violato le prescrizioni, ma è tornato in carcere perché gli hanno trovato dei soldi nel controsoffitto e per quelli è stato assolto. Tutto questo mi suona abbastanza surreale.

– Nel momento in cui la Procura generale di Milano ha chiesto la revoca dell’affidamento terapeutico, come ha reagito il suo assistito?

Non glielo dico sennò poi dicono che Fabrizio rilascia interviste tramite me.

– Oggi, come sta Fabrizio Corona? Come sta vivendo questo momento?

Bene, lo vive con la serenità data da chi non ha fatto niente di male. Si rende conto che qualunque minima violazione viene sanzionata o viene chiesta una sanzione pesante e quindi ha la preoccupazione di non sbagliare. La misura ha una logica se la si contiene in un limite di ragionevolezza, sennò diventa illogica e diventa una limitazione grave di diritti fondamentali della persona. Fabrizio dovrà lavorare prima o poi, non è che vive d’aria. Gli hanno sequestrato milioni di euro, gli vogliono portare via la casa, lo hanno tenuto sedici mesi in galera per cui è stato assolto, magari è il caso che ricominci a lavorare. Ma non è che fa l’ortolano di mestiere o il dentista, ma è un personaggio pubblico; allora lo avete mai visto un personaggio pubblico che non ha immagini? E’ una contraddizione in termini. Corona che non parla, che non può pubblicare immagini, che non può fare niente non è più Corona, è un’altra persona.

– Pensa che questa restrizione possa avere una durata momentanea?

Ci proviamo, cercheremo di farla modificare o di farla precisare perché così c’è qualcosa che non va. Sennò scelgano loro il mestiere che Corona deve fare, lo scelgano loro. Cosa deve fare Corona? In verità, il vero problema è sempre lo stesso, quello che ho detto nei processi, quello che ho detto sulla stampa e quello che continuerò a dire fino a che avrò fiato e cioè il problema è etico. Il mestiere di Corona è immorale, e allora? Facciamo anche che sia immorale, e allora? Il problema è se è illecito. Se tu mi dici “Corona non può prendere i soldi in nero sennò non paga le tasse” io dico hai ragione, Corona non può commettere dei reati, ci mancherebbe altro, sono perfettamente d’accordo, ma che tu mi dica che Fabrizio Corona non può condurre un programma televisivo, comparire in televisione, rilasciare un’intervista, io questo, giuro, non lo capirò mai.

– Immagino che il suo assistito viva male questa situazione…

L’ha sempre vissuto male questo atteggiamento psicologico nei suoi confronti. Anche l’ultima richiesta di condanna, quando lo hanno infamato, trattato come un criminale, Fabrizio era sconvolto…

Angelo Barraco

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Politica

Lega, russiopoli: Savoini non risponde ai Pm

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

E’ terminato ed ha avuto breve durata l’interrogatorio di Gianluca Savoini, il leghista presidente dell’associazione LombardiaRussia indagato per corruzione internazionale nell’inchiesta su presunti fondi russi alla Lega attraverso una compravendita di petrolio a prezzo scontato. Savoini ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere davanti ai pm di Milano.

“Io conosco brave persone. Fino a prova contraria, almeno che non si dimostri che qualcuno ha fatto qualcosa fuori posto io ho fiducia nelle persone. Se c’è uno stato di diritto liberale e democratico si è innocenti a meno che non si venga dimostrati colpevoli”: così Matteo Salvini a “Quarta Repubblica”, in onda questa sera, rispondendo a chi gli chiedeva se non dubitasse di aver dato troppa fiducia a persone, come Savoini e D’Amico.

Questa mattina c’è stato un lungo vertice tra pm nell’ufficio del procuratore aggiunto di Milano Fabio De Pasquale per fare il punto sull’inchiesta per corruzione internazionale sulla presunta compravendita di petrolio per far arrivare fondi russi alla Lega. L’indagine è nata dall’audio di un incontro all’hotel Metropol di Mosca.
Savoini, assieme ad altri due italiani e a tre russi, era presente all’hotel di Mosca per la presunta trattativa per far arrivare 65 milioni di dollari al Carroccio.
“Perchè no?”. Così il premier Giuseppe Conte, fuori da Palazzo Chigi, risponde ai cronisti se ritenga che il vicepremier Matteo Salvini debba riferire alle camere sulla vicenda dei rubli alla Lega. “Noi crediamo nella trasparenza nei confronti dei cittadini in ogni sede, in tutte le occasioni, in primis in Parlamento, le sedi giuste per onorare questa linea guida”.

“Non abbiamo chiesto, né visto né preso un euro di finanziamento dall’estero. Mi occupo di vita reale e non di spionaggio. Punto. Mi sono stufato di ripeterlo”. Lo ha detto Salvini rispondendo ad una domanda sulla vicenda dei fondi russi. “Non intendo più parlare di soldi che non ho mai visto né chiesto”, ha risposto ad un’altra domanda sulla stessa questione. “Non commento le non notizie. Chi puntava su questo per metterci in difficoltà sono smentiti dai sondaggi, anche oggi”.

Nessun contatto finora tra il presidente del Consiglio e il ministro dell’Interno. A quanto spiegano diverse fonti di governo, tra il premier e il leader della Lega non ci sarebbero stati contatti diretti nel fine settimana e neanche stamane. Conte questa mattina, rispondendo a una domanda dei cronisti, ha spiegato di aver provveduto comunque ad informare Salvini, “anche” attraverso la portavoce del ministro, della dichiarazione ufficiale di precisazione sull’invito di Savoini al forum Italia-Russia.

“Da qualche giorno non si sta parlando di Ong. Lo show dell’immigrazione dove tutti recitano la loro parte costringendo gli africani al ruolo di comparsa, per qualche ora si è fermato. Oltretutto Salvini il bugiardo è impegnato a mentire (la sua difesa sul caso Russia-Savoini è ridicola). Fino a quando il diritto ad emigrare verrà considerato più importante del diritto a non emigrare l’impero mediatico-finanziario-liberista trionferà. E morirà l’Africa”. Lo scrive Di Battista in un post su Fb in cui cita anche il caso dei fondi russi alla Lega.

Il M5S ha pronta la proposta di legge per istituire la commissione di inchiesta sui finanziamenti a tutti i partiti che, secondo quanto previsto dal contratto, sarà sottoposta dal nostro capogruppo alla Camera alla firma del capogruppo della Lega. Lo annunciano fonti M5s.

“Sì, mi sono sentito con il collega Molinari della Lega. Domani mattina ci incontreremo per vedere insieme il testo della pdl che istituisce la commissione d’inchiesta sui finanziamenti ai partiti. Questa commissione è un importante passo verso una doverosa trasparenza che la politica deve avere nei confronti dei cittadini”. Lo dice Francesco D’Uva, capogruppo M5S alla Camera, contattato dall’ANSA.

Oggi alle 19 la presidente del Senato Elisabetta Casellati incontrerà il segretario del Pd Nicola Zingaretti ed il capogruppo Andrea Marcucci. È quanto si apprende da fonti del Pd. I dem anche ieri hanno chiesto con insistenza la presenza in Aula del ministro Salvini sul caso dei fondi in Russia. Inoltre a Palazzo Madama, sottolineano, persiste il problema di tre interrogazioni sulla Lega, bloccate dalla presidente del Senato.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Economia e Finanza

Alitalia, Atlantia partner di Delta Airlines

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il cda di Fs, valutate le conferme di interesse pervenute, ha individuato Atlantia quale partner da affiancare a Delta airlines e al Mef per l’operazione Alitalia. Lo fa sapere Ferrovie dello Stato.

Fs Italiane – si legge nella nota del Gruppo – inizierà a lavorare quanto prima con i partners individuati per condividere un Piano industriale e gli altri elementi dell’eventuale offerta.

La scelta del consiglio di amministrazione di Fs, che ha individuato Atlantia quale partner per l’operazione Alitalia, esclude di fatto le altre tre offerte pervenute ieri, ovvero quelle del Gruppo Toto, di Claudio Lotito e del patron Avianca German Efremovich.

“Sia chiara una cosa però: niente e nessuno cancellerà i 43 morti del Ponte Morandi. Niente e nessuno cancellerà il dolore delle loro famiglie. Sulla revoca della concessione ad Autostrade non indietreggiamo di un solo centimetro! Andiamo avanti. Meno parole, più fatti!”. Lo scrive il vicepremier Luigi Di Maio su Facebook, in merito al fatto che il consiglio di amministrazione di Fs abbia scelto Atlantia per andare avanti nell’operazione Alitalia.

“Nessun pregiudizio, già lo avevo detto, anche perché lo Stato continuerà ad avere la maggioranza assoluta dell’azienda e quindi anche il controllo della newco. Era questo l’obiettivo che si era fissato il governo”. Lo scrive il vicepremier Luigi Di Maio in un post su Facebook, in merito alla scelta fatta dal cda di Fs sul partner per l’operazione Alitalia: “Il consiglio di amministrazione di Ferrovie dello Stato, che è autonomo, ha scelto Atlantia come quarto partner del consorzio della nuova Alitalia. Erano arrivate altre offerte, ma hanno scelto Atlantia”, scrive.

“Un grande risultato raggiunto dopo settimane di lavoro intenso. Mentre qualcuno oggi si prendeva un caffè al tavolo e recitava la solita parte, qui abbiamo fatto la differenza”: lo sottolinea su Fb Di Maio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Palermo, 19 luglio 1992: una delle più meste giornate della storia della nostra Repubblica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Ricorre quest’anno il 27° anniversario di una delle più meste giornate della storia della nostra Repubblica: la strage di Via D’Amelio, Palermo 19 luglio 1992. Oltre ad essere un esemplare magistrato, Paolo Borsellino era un fermo promotore dell’educazione alla legalità.  Sosteneva che solo una rivoluzione culturale potesse sconfiggere il male mafioso e, forse non a caso, tra le sue ultime parole v’è una missiva rivolta ad una scuola come a volerle “passare il testimone” della lotta alla mafia.

Scriveva infatti di essere ottimista nel vedere che “verso di essa i giovani, siciliani e no, hanno oggi un’attenzione ben diversa da quella di colpevole indifferenza che io mantenni sino ai quarant’anni. Quando questi giovani saranno adulti avranno più forza di reagire di quanto io e la mia generazione ne abbiamo avuta”.

La sua visione si fece realtà sin da subito

I funerali vennero trasmessi in tantissime scuole italiane e i quarantenni di oggi ricordano con nitidezza lo sgomento provato nel vedere le immagini della Via D’Amelio in fumo, dei palazzi sventrati, le auto carbonizzate e le bare che, a distanza di meno di due mesi, tornavano alla vista di preadolescenti del tutto ignari delle amarezze di una terra tanto armoniosa e bella.

Fu così che quella che ai più sembrava una leggenda si fece d’improvviso materia, dolore, disgusto.

Il Coordinamento Nazionale dei docenti dei diritti umani da anni prosegue nella “staffetta” e mantiene vive le parole di Borsellino nelle aule di tutta Italia raccontando di un impavido servitore dello Stato che, assieme ad un gruppo di amici come gli  piaceva definirli, ci ha insegnato che lo Stato siamo noi, che la mafia esiste anche se non si sente e non è un fenomeno territoriale, che per debellarla occorre una sinergia tra tutte le istituzioni dello Stato e la società civile e che la legalità non è solo rispetto della legge ma ligio rigore morale.

L’educazione alla legalità non prescinde dall’insegnamento del diritto o dell’educazione civica in tutte le scuole, quest’ultima purché affidata ai docenti delle discipline giuridiche ed economiche (classe di concorso A046 – discipline giuridiche ed economiche).  Sono questi, infatti, i docenti da tenere in massima considerazione per l’attuazione della rivoluzione culturale e morale promossa da Paolo Borsellino e gli unici idonei ad assicurare un approccio approfondito alla tematica, anche attraverso l’interpretazione dei codici e delle leggi.

 Tuttavia, in controtendenza all’aumento degli indici di criminalità diffusa, non si registra ancora alcun incremento della didattica in tal senso e la classe di concorso A046 continua ad essere in esubero nazionale, con un sostanziale stallo delle mobilità e delle immissioni in ruolo.

Nell’ottica di potenziare l’effettiva educazione alla legalità, il CNDDU rinnova la proposta di introdurre l’insegnamento del diritto e/o dell’educazione educazione civica in tutte le scuole secondarie del primo e secondo ciclo affidandone l’insegnamento ai docenti delle discipline giuridiche ed economiche, accompagnata da una più appropriata regolamentazione della classe di concorso e la valorizzazione delle migliaia di docenti italiani che si sono formati, o si stanno formando, per accedere al ruolo della classe di concorso A046.

Quel pomeriggio di luglio, assieme a Paolo Borsellino, entrarono nell’eterna memoria degli italiani anche i componenti della sua scorta

Gli agenti Catalano, Cosina, Loi, Traina e Li Muli. Tra di loro una donna, Emanuela Loi, la prima poliziotta a prendere parte ad una scorta e la prima a morire in servizio. Fu una ragazza esemplare per coraggio e dedizione al lavoro che, nonostante la sua giovane età, divenne ispiratrice di una nuova coscienza di genere per un ruolo attivo delle donne nella pubblica sicurezza e nella lotta alla mafia.

Il CNDDU propone l’ingresso delle associazioni impegnate nella lotta alla mafia e delle forze dell’ordine nella “Rete di Polo” affinché nelle scuole si possa approfondire la conoscenza della vita degli agenti della scorta che, al pari del magistrato protetto, si sono impegnati in prima linea nella concreta lotta alla criminalità.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Luglio: 2019
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it