1

Facebook, WhatsApp e Instagram: verso un’unica chat

Facebook, WhatsApp e Instagram verso un nuovo futuro? Tutte le piattaforme riunite in un’unica “superchat” con miliardi di utenti.

Il progetto di Zuckerberg che era stato annunciato circa un anno fa, sta finalmente prendendo forma: le tre piattaforme consentiranno agli utenti di chattare fra di loro tramite un’unica chat anche se appartenenti a social network differenti.

I tempi sembrano essersi velocizzati in seguito al lockdown che ha mostrato la voglia delle persone di stare in contatto con gli altri. A dimostrazione di ciò ci sono le “Stanze” di Facebook, le “Messenger Rooms”, che permettono di conversare con diverse persone in contemporanea sulla stessa piattaforma, anche chi non ha un account. In pratica è il trailer ad una chat unica che riunisca i principali social. A rendere quasi ufficiale l’esistenza del super-progetto messo in atto da Zuckerberg è stato WABetaInfo, il sito specializzato nell’analisi del codice delle versioni beta delle varie applicazioni per smartphone con l’intento di scoprire le funzioni future ancora non attivate. 

Ci sarebbero infatti alcune stringhe che fanno riferimento alla creazione di un database all’interno dell’app, che serve alla piattaforma per sapere se un contatto è bloccato, se una chat è archiviata ed altri aspetti. E magari, chissà, in futuro, quando verranno integrati i sistemi di pagamento tramite app, già in fase sperimentale in Brasile, ci si potrà scambiare denaro tramite piattaforme social differenti. In tutta questa baraonda di interazioni tra utenti di diverse piattaforme ci sono però dei problemi da risolvere. Uno su tutti la privacy. Ad ora non si sa cosa abbia intenzione di fare Zuckerberg, anche perchè in Italia il Garante per la protezione dei dati, già nel 2018 aveva stabilito il divieto di cessione dati da parte di WhatsApp verso Facebook. Le cose sono destinate a cambiare oppure le tre piattaforme sono destinate a restare così vicine ma lontane fra loro? Solo il tempo potrà darci una risposta.

F.P.L.