Connect with us

Scienza e Tecnologia

Fallout 76, la grande scommessa di Bethesda

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Recensire un videogame sviluppato da Bethesda Softworks non è mai cosa semplice. Se poi questo titolo fa parte della saga di Fallout l’impresa diventa ancora più ardua. Ma se il gioco in questione è un prodotto che non è stato apprezzato da gran parte della critica, l’operazione diventa adir poco titanica. Abbiamo deciso di recensire Fallout 76 dopo averlo esaminato con molta attenzione, dopo aver testato pro e contro, dopo aver cercato di capire come sarebbe dovuto essere interpretato dal grande pubblico e, a distanza di quasi un mese dal lancio possiamo finalmente esprimere il nostro giudizio. Questa premessa era doverosa in quanto ciò che stiamo per raccontare è il nostro modesto punto di vista riguardo a una produzione che ha un grandissimo potenziale, ma che non è stata capita dall’utenza. Bethesda era stata chiara fin dall’inizio, Fallout 76 non è ne sarà mai Fallout 5, il motore grafico sarà lo stesso di Fallout 4, ma soprattutto questo nuovo capitolo della serie è un gioco sostanzialmente differente da quanto visto finora. Ovviamente sembra che in molti non abbiano letto o ascoltato quello che la software house aveva ripetuto nel periodo pre lancio e quindi, a nostro avviso il titolo è stato interpretato male dagli appassionati. Capiamoci bene, non stiamo assolutamente dicendo che Fallout 76 sia un gioco perfetto e privo di difetti, ma sosteniamo che non si possa dare un giudizio estremamente negativo a un prodotto che ha un numero enorme di luoghi da visitare e di cose da fare, offre la possibilità di passare centinaia di ore di gioco in compagnia degli amici, ma che soprattutto ha il coraggio di rompere uno schema che da diversi anni distingue la serie e che a lungo andare sarebbe potuto diventare monotono e ripetitivo. Ma veniamo all’analisi del gioco: Fallout 76 utilizza la sua infrastruttura da MMO e la mette completamente al servizio di una storia che in pochi riusciranno a seguire, vista la grandissima molte di cose da fare, ma che presenta alcuni spunti così interessanti da poter essere a volte paragonati a quelli del quarto capitolo. Nel gioco si vestiranno i panni di uno dei sopravvissuti del vault 76 che, a venticinque anni dall’olocausto nucleare, è chiamato ad uscire in superficie per iniziare a far tornare in vita la civiltà e tornare, quanto più possibile, alla normalità del passato prebellico. Ci si trova quindi di fronte ad un prequel dell’universo di Fallout: si tratta infatti di un titolo ambientato svariate decine di anni prima degli altri episodi della serie. Nessun Vault è ancora stato aperto sul territorio americano e quindi ci si trova ad essere i pionieri di quello che è a tutti gli effetti un nuovo mondo.

Dopo un editor praticamente identico a quello del quarto capitolo, e un breve tutorial di base in giro per il vault quasi completamente deserto, ciò che aspetta i giocatori all’esterno del rifugio nucleare è un mondo devastato, ben lontano dalla bellezza che precedeva il conflitto eabitato da aberrazioni, mutanti e creature infette, irradiate e profondamente ostili. Il compito del protagonista è quindi seguire le tracce del sovraintendente e del suo viaggio per tutto il territorio dell’Appalachia, allaricerca della verità su cosa abbia sterminato ciò che restava della vita umana in superficie. La campagna di Fallout 76 si snoda quindi tramite una serie dimissioni principali che si suddividono a loro volta in un numero enorme disotto quest, ognuna delle quali richiederà di compiere una specifica azione richiesta dal sovraintendente o da uno dei robot e terminali che si possono incontrare sul proprio cammino. E qui veniamo incontro a uno dei difetti maggiori di questo gioco, infatti, in Fallout 76 non sono presenti personaggi con cui dialogare e da cui ottenere missioni. Quest’aspetto può essere giustificato dal fatto che essendo il primo vault ad essere aperto non c’èaltra traccia della razza umana, ma comunque trattandosi di un videogame edessendo abituati a quanto visto in passato, la totale assenza degli NPC potrebbe far storcere il naso a molti. Proprio per tale motivo e per la qualità della caratterizzazione dei robot, i quali nel tempo hanno ovviato allamancanza della specie dominante replicandone comportamenti e coscienze, la prosecuzione nella campagna non nasconde un sottotesto narrativo piuttosto interessante, arrivando a sfociare nella riscoperta di quella tecnologiaatomica che è stata proprio la causa della quasi totale estinzione della razza umana. E’ innegabile un certo livello di ripetitività della gestione degliobiettivi, scritti in maniera tale da permettere al giocatore di visitare buona parte della mappa dell’Appalachia, un territorio enorme e caratterizza totalmente bene da poter essere considerato il migliore fra quelli già vistinella serie di Bethesda. Se è vero che Fallout 76 è un titolo divertente eappassionante quando viene giocato in compagnia, è altrettanto vero chel’infinita quantità di “olonastri” da ascoltare e documenti da leggere rende difficoltoso gestire la comunicazione con il proprio gruppo, portando spesso il giocatore singolo a isolarsi per poter restare in ascolto o leggere. Sottoquesto punto di vista, Bethesda non è riuscita a trovare un compromesso tale darendere l’esperienza sufficientemente fruibile sotto ogni aspetto, con la conseguenza che, si potrebbe avvertire una certa stanchezza se si sceglie diavventurarsi in Appalachia da soli, e una mancanza di approfondimento dell’universo quando si affronta il titolo in gruppo. Detto questo però èassolutamente innegabile che la trama di Fallout 76 è ben scritta e rappresenta un buon passo avanti rispetto al poco mordente di quella vista nel quarto capitolo, regalando un certo quantitativo di brividi e sorprese col passare delle ore e soprattutto per tutta l’ultima fase. Se si deciderà di approfondire il mondo di gioco, le sue premesse e ciò che porterà con il tempo all’universodi Fallout che tutti gli appassionati conoscono, il gioco riuscirà ad appassionare ed emozionare come pochi altri. Anche le missioni secondarie, divise tra semplici compiti di poco conto e vere e proprie digressioni e approfondimenti del mondo post bellico in cui ci si trova, nascondono non pochi momenti in grado di far riflettere e approfondire tutti quegli elementi chehanno spinto l’uomo a combattere contro se stesso, fino alla propria autoeliminazione. Fallout 76, proprio per la sua natura di prequel, riesce adare voce a tutta quella voglia di conoscere le origini di un universo ancorapoco esplorato, mettendo i giocatori nei panni di quegli individui che diverranno i progenitori delle personalità che sono destinati a esistere neiprecedenti titoli della serie. Al netto quindi di una problematica insita nellastruttura di gioco, la campagna e la narrazione di Fallout 76 rappresentano senzaombra di dubbio l’elemento migliore della produzione Bethesda.

Per quanto concerne il gameplay, diversamente da quantoavviene per la storia, il titolo non è assolutamente esente da problematiche.Senza dover necessariamente rimarcare ciò che abbiamo già detto, il titolo mette il giocatore nei panni di un sopravvissuto, tornato in superficie dopoventincinque anni di reclusione in un paradiso sotterraneo nel quale la vita,con tutti i limiti del caso, scorreva facile e senza troppi impedimenti. Il mondo reale invece è brutto, sporco, cattivo e tutt’altro che amichevole. Uccidere bestie mutanti, ghoul, animali radioattivi e ogni tipologia dimostruosità nata a seguito dell’olocausto nucleare, si fonda come la base perpoter sopravvivere. Per farlo ci saranno a disposizione un arsenale di armisostanzialmente infinito, che va dalle pistole costruite con materiali discarto ai fucili a pompa, quelli di assalto, le armi contundenti, armi da fuocoautomatiche, esplosive, granate e mine e persino armi basate sull’utilizzo dilaser. Insomma, per quanto riguarda gli strumenti con cui difendersi eattaccare ce n’è davvero per tutti i gusti. Diverso il discorso per quanto riguarda il feeling che queste armi regalano, la mira fa i capricci, la lentezza neimovimenti non aiuta e la quasi totale inutilità del famoso sistema S.P.A.V.(invero scelta obbligata data la sua natura totalmente online), delineano uncomparto sparatutto che non riesce neanche lontanamente a consegnare nelle manidel giocatore una risposta ai comandi fluida e divertente. Come se non bastasse, l’usura delle armi, a volte esageratamente rapida, provoca un certosenso di noia in tutti quei giocatori che non hanno intenzione di aumentare adismisura una singola specifica solo per vedere aumentare il proprio pesotrasportabile. Per quanto riguarda le armature, in Fallout 76 la gestione è generalmente simile a quella delle armi, con una miriade di possibilità evarianti, aiutate anche dai pezzi unici che si portano in dote specifici perk, ma che soffrono sempre di un’usura a volte frustrante. Questo aspetto sarebbefacile da sopperire, grazie alla possibilità di utilizzare banchi da lavoro eil proprio accampamento per lavorare su modifiche e riparazione, se non fosseche, andando avanti e sbloccando pezzi pregiati, i materiali da spendere persistemare tali pezzi diventano talmente rari da spingere il giocatore adequipaggiare parti meno performanti, piuttosto che ritrovarsi a vagare perdecine di minuti in cerca di quel componente che si nasconde chissà dove. Proprio il crafting, croce e delizia di Fallout, amplificato enormemente conl’uscita del quarto capitolo e riproposto in maniera molto simile in questo Fallout76, rappresenta uno degli aspetti emblematici della situazione attuale di Bethesda. Da un team dalle potenzialità enormi e dalle risorse pressoché infinite, risulta quantomeno anacronistico ritrovare un sistema così datato epoco congeniale. Anche la gestione delle costruzioni, ripreso anch’esso dalquarto capitolo della saga, non convince totalmente, spingendo difficilmente alla costruzione di una propria base, portando molti giocatori a piazzare queipochi elementi utili alla gestione del proprio inventario e lasciando il resto nella“scatola dei progetti”. Per quanto riguarda il sistema di crescita del personaggio, quello presente in Fallout 76 vive di una duplice natura. Se èvero che l’aumento di livello genera i classici punti abilità da spendere suuna delle famose caratteristiche S.P.E.C.I.A.L. è con le carte, veri e propri perk, che si matura la propria build. All’aumentare di livello il gioco vi regalala possibilità di aprire un pacchetto di quattro carte. All’interno si possono trovare abilità di ogni genere, ognuna legata ad una specifica caratteristica.Ogni carta ha un suo costo in base al proprio livello che va ad intaccare ipunti spesi con l’avanzamento. Ciò significa che se si sarà aumentata la”forza” al livello 5, si avranno cinque punti da spendere con lecarte in quella specifica categoria. È possibile anche fondere le carte doppione così da farle salire di livello, aumentando però di conseguenza il loro costo di schieramento. Tutto questo sistema funziona piuttosto bene, lecarte sono un’infinità e la loro interscambiabilità permette creazioni di build sempre diverse in pochi secondi. Ciò che però dà veramente fastidio è la totalemancanza di possibilità di ridistribuire i propri punti caratteristica spesi. Quindi,una volta che si sarà raggiunto il level cap, raggiunto il livello 50, sicontinuerà ad aumentare il grado e a prendere carte, ma si perderà lapossibilità di aumentare ulteriormente una delle statistiche. Pollice verso anche per quanto riguarda l’aspetto survival di Fallout 76, limitato alla necessita di bere o mangiare, che resta quindi troppo semplice e poco profondo.Per quello che concerne le attività, esse non sono un problema per il titolo, in termini di quantità.

A livello di longevità, la campagna principale si attesta infattisulla trentina di ore di gioco, e le attività secondarie sono talmente tanteche completarle tutte richiederà un lasso di tempo a dir poco enorme. Queste sono suddivise in compiti specifici, sotto quest, missioni varie ed eventi. Completare gli incarichi garantirà un buon numero di punti esperienza e tappi (la valuta di gioco), oltre che tutta una serie di oggetti unici. Lo spostamento sulla mappa è rapido, una volta scoperta una determinata zona, previo pagamento in tappi. Ciò che però denota la mancanza di esperienza delteam in un gioco del genere, è l’impossibilità di condividere le quest. Questo aspetto, anche a distanza di quasi dieci giorni, risulta l’elemento menocomprensibile del titolo di Bethesda, costringendo giocatori nella stessasquadra a proseguire costantemente insieme, pena la necessità di compiereognuno la propria quest attiva. Discorso diverso per quanto riguarda eventipubblici e raid i quali, per la loro natura pubblica, possono essere giocati datutti e trenta i partecipanti della “stanza” di gioco. Proprio i raid,generabili dopo il ritrovamento dei codici di lancio delle armi nucleari e delloro dispiegamento sulla mappa, rappresentano per definizione le attività più impegnative. Sganciare un ordigno atomico su una fenditura, luogo già di per sepiuttosto proibitivo, genererà un evento a tempo durante il quale saràrichiesto di uccidere un obiettivo particolarmente duro da abbattere, mentre cisi occupa anche di tutte le creature di contorno. Queste, ovviamente sono leattività più remunerative e in grado di permettere di ottenere l’equipaggiamento migliore. In attesa dell’inserimento delle fazioni e di nuovi contenuti endgame, Fallout 76 rappresenta comunque già oggi un titolo estremamente divertente in gruppo, che è poi esattamente ciò che vuole essere. In Fallout 76i giocatori che si trovano nella stanza possono decidere anche di combattere fra loro, ma è evidente che Bethesda non ha alcuna intenzione di incentrare il proprio titolo sullo scontro tra giocatori, ma anzi vuole spingerli alla collaborazione, per tenere fede all’obiettivo della spedizione in superficie. Anche la gestione di questa meccanica risulta piuttosto particolare. Sia per quanto riguarda l’impossibilità di attaccare gli altri giocatori, che se nonrispondono al fuoco non ricevono praticamente danno, sia per la totaleinutilità dell’uccisione degli stessi. Anche in questo, Fallout 76 è un titoloatipico. Morire non comporterà altro che la perdita dei propri materiali, senzamalus particolari, rendendo poco interessanti gli scontri fra giocatori. Bethesda ha però già specificato che eventi totalmente dedicati al PVParriveranno nelle prossime settimane, quindi per gli amanti del pvp non restaaltro che aspettare. Ma veniamo alla vera nota dolente della produzione Bethesda, il motore grafico. Così come già Fallout 4 risultava vecchio e scarnotre anni fa, 76 non fa che esasperare questa sensazione, al punto da renderloquasi difficile da accettare nell’ambito dei titoli tripla A. Le texture sono scarne,la qualità delle ombre è a dir poco “antica”, le animazioni piuttosto legnose etutti questi elementi mal si sposano a scelte artistiche molto interessanti.Come se non bastasse, la quantità di glitch e bug che il gioco propone sono adir poco innumerevoli, e anche dopo la corposissima patch rilasciata qualchegiorno dopo il lancio, essi continuano ad affliggere il titolo, sia su Pc chesu Ps4 e Xbox One. Tirando le somme, dopo un mese di gioco, in tutta onestà nonci sentiamo di dire che Fallout 76 è un brutto gioco o un prodotto ingiocabile. Contrariamente alla grandissima moltitudine di haters, youtubers e giocatoridelusi, noi non riteniamo giusto schierarci contro una produzione che ha unpotenziale enorme e che nel tempo può solo che migliorare. Certo, moltissimidei difetti presenti in game potevano essere risolti, magari anche ritardandoil lancio del gioco, ma comunque il titolo nel complesso è comunque un prodottoche riesce a divertire e, se si riesce ad andare oltre i bug e i glitch, a dareanche grandi soddisfazioni. Se siete disposti a sopportare tutto questo, asperare che nei prossimi mesi Bethesda corra ai ripari, ma soprattutto se sietedisposti a passare ore ed ore in Appalachia per ricostruire il genere umano siada soli che in compagnia, allora Fallout 76 è un gioco che non dovete ignorare.Se invece vi aspettate un gioco perfetto, avete poca pazienza e non sopportatela presenza di elementi che possono far storcere il naso allora è meglio navigare verso altri lidi.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 7

Sonoro: 8

Gameplay: 7

Longevità: 8

VOTO FINALE: 7,5

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scienza e Tecnologia

Dirt 5, le corse folli off-road approdano anche sulla Next Gen

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Dirt 5 è arrivato giusto alla vigilia della nascita della nuova generazione di console, Codemasters è infatti scesa in campo con uno dei suoi franchise più noti in una nuova ed inedita esperienza off-road sia per le console old-gen che per Xbox Series X/S e Ps5.

Per chi non conoscesse la saga, possiamo dire che dopo i primi capitoli con ambizioni spiccatamente simulative, il brand si è aperto progressivamente a una formula più leggera e scanzonata, percorrendo i tracciati all’insegna dell’adrenalina, dell’accessibilità e di circostanze al limite dell’esilarante. Ebbene, dopo un quarto capitolo ancora legato parzialmente alle logiche simulative, e capace di offrire nuovamente un certo equilibrio nella formula di guida, Dirt torna a parlare un linguaggio spiccatamente arcade, per dare seguito all’arguta scelta di ampliare le prospettive delle corse off-road e strizzare l’occhio al divertimento puro.

Gli amanti del realismo estremo, della riproduzione minuziosa della fisica e della disciplina canonica sono avvisati: troveranno ben poco pane per i loro denti in Dirt 5. Ad attenderli, tuttavia, ci saranno ore galvanizzanti, spensierate e molto, molto fango. Come prevedibile, è la Carriera a porsi come centro nevralgico dell’esperienza di gioco di Dirt 5. In tale tipologia di gioco, si è chiamati a guidare nelle specialità più estreme come: Cross, Land Rush, Icebreaker e Stampede con l’obiettivo di farsi conoscere all’interno del circuito di queste strampalate corse con macchine derivate dalla produzione di serie ma adattate al contesto molto selettivo dei percorsi.

La Carriera è divisa in blocchi il cui nome si riferisce anche alle fasi della meccanica: non poteva quindi che essere Ignition la prima fase che serve a introdurre i giocatori al mondo delle corse. Una volta innescata l’iniezione non si può che accelerare, ed è infatti questo il nome della seconda fase della carriera in cui si affrontano gare via via più difficoltose e selettive per poi passare all’ulteriore fase che è la Velocità. Un tocco di classe dei ragazzi di Codemasters che contestualizza in maniera frizzante l’esperienza di gioco. Per passare da una fase all’altra, e quindi progredire nella carriera, non è indispensabile vincere ma ottenere un buon piazzamento aiuta ad avere ricompense che permettono di acquistare auto adatte per poter partecipare nelle varie gare, rappresentate da un percorso a tappe che tocca Sudafrica, Grecia, Italia, Norvegia, Brasile, Cina, New York e Arizona.

Ad ogni competizione conclusa si ottengono ricompense proporzionate alla posizione finale, divise tra punti esperienza, reputazione, DIRT Dollars e ricompense degli sponsor. Ognuna di queste ricompense permette, rispettivamente, di accedere a nuove e diverse auto e personalizzazioni, prendere nuovi e più importanti sponsor ed acquistare auto, livree e stickers. I circuiti di Dirt 5 sono inseriti in località spettacolari dal punto di vista visivo, e caratterizzate da peculiarità specifiche quali la superficie di gara, la tipologia di circuito o le condizioni metereologiche di base.

La diversità di superfici e vetture comporta stili di guida diversi per poter vincere e guadagnare punti, e proseguire quindi nella carriera. Al crescere della reputazione si potrà essere invitati a sfide contro nomi famosi delle varie specialità, in sfide dirette su un circuito e specialità di loro scelta. Sono presenti i più grandi marchi che si cimentano in queste tipologie di gare: dalla Volkswagen all’Audi, dalla Citroen alla Porsche e non mancano mezzi esotici che sono però indispensabili per affrontare alcune prove come, ad esempio, la modalità Pathfinder che si può tradurre in: “arrampicata con auto”.

In Dirt 5, ci teniamo a sottolineare, non è possibile incidere sulle prestazioni dei singoli bolidi, dal momento che manca la possibilità di installare nuove componenti. La personalizzazione, quindi, è solo estetica, e sebbene le possibilità in tal senso siano discretamente ampie, anche grazie alla possibilità di creare da zero le proprie verniciature, questa mancanza potrebbe rappresentare una piccola delusione per i giocatori più esigenti, anche a causa di una caratterizzazione delle auto tutt’altro che marcata, specie fra esponenti della medesima classe.

Buona invece l’idea di poter scegliere uno sponsor fra diverse proposte, che ricompenserà i piloti con un bonus di crediti in base al grado reputazione e agli obiettivi carriera raggiunti. La carne al fuoco è molta, in quanto le gare sono oltre il centinaio, e in generale la modalità Carriera riesce a compensare una congenita carenza nell’avanzamento con una buona dose di eventi, che apre la strada a una varietà e a un livello di sfida sempre più stimolante. Detto ciò però è bene tenere a mente che Dirt 5 è tutto meno che un gioco difficile. Tuttavia, la sensazione di estrema facilità nel posizionarsi davanti a tutti (anche a un grado di difficoltà medio) si stempera progressivamente con il passare delle ore, portando il giocatore ad accrescere il livello di attenzione già dopo il primo terzo di gioco.

Il buon lavoro svolto nella caratterizzazione dei tracciati, infatti, emerge più sulle lunghe distanze, dato che sarà necessario progredire un po’ per rendersi davvero conto di quanti tracciati ci siano e delle insidie lungo il percorso. La novità più incisiva di questo Dirt 5 sul fronte contenutistico è la modalità Playground. Si tratta di un editor di tracciati che consente di creare piste ed esperienze sulla base di tre tipologie di eventi: il succitato Gymkhana; il Gate Crasher, ovvero una sorta di Time Attack a cancelli che richiede di ottenere il miglior tempo; e infine Smash Attack, una corsa ad ostacoli contraddistinta da un alto tasso di spettacolarità e adrenalina. Le creazioni, naturalmente, possono essere condivise in rete e offerte in pasto alla community. Questa modalità rappresenta un’aggiunta senz’altro interessante e in grado di carpire l’attenzione dei gamers più creativi. L’offerta contenutistica include anche le immancabili modalità Gioco Libero e Time Attack, nelle quali poter correre anche in compagnia (il titolo supporta il multigiocatore locale in split screen fino a 4 giocatori). Inoltre, è possibile alterare tutta una serie di parametri come il numero di avversari e i giri di pista, settare momento della giornata e condizioni climatiche, oltre che selezionare tra uno degli oltre 35 tracciati disponibili, numero che va raddoppiato tenendo conto delle varianti inverse che ciascuno possiede.

Sul versante multiplayer online, Dirt 5 sa far felici sia gli amanti dei vecchi capitoli del franchise, sia chi desidera correre fra gli scenari dei 10 Paesi che fanno da teatro ai tracciati della Carriera. Torna la Modalità Party, con arene esclusive e modalità peculiari, votate alla competizione arcade; Vampire, la modalità di caccia, mette un pilota nei panni di un “vampiro” all’inseguimento, mentre gli altri pilori dovranno scappare facendo sfoggio di tutte le abilità di guida acquisite; King spinge invece ad adottare uno stile di guida più pulito e ad evitare le collisioni con gli altri giocatori per conservare la corona; Transporter, infine, permette al pilota di accumulare punti recuperando uno specifico oggetto e portandolo al sicuro in un determinato luogo. Insomma, per quanto riguarda i contenuti c’è davvero un’ottima mole di attività.

La nostra prova di Dirt 5 su Xbox Series X ha messo in luce un impatto visivo un po’ troppo trattenuto: la modellazione degli elementi a bordo pista non è proprio colma di dettagli poligonali, alcuni tratti dei tracciati sembrano leggermente vuoti, ed in generale il team sembra aver puntato di più sull’ottimizzazione che sulla ricchezza e sulla densità visiva.

Bisogna in ogni caso ribadire che Codemasters ha lavorato su tracciati completamente inediti, cercando di dare il massimo sul fronte della varietà e puntando alla massima fluidità e risoluzione. A tal proposito, su Series X il titolo gira a 60 fps granitici, nello splendore della risoluzione nativa 4K, e anzi riesce persino a spingersi oltre. Avendo poi a disposizione una TV con HDMI 2.1 è possibile impostare l’uscita video della nuova console Microsoft a 120fps, sbloccando quindi l’omonima modalità di rendering. In questo caso si avverte una differenza piuttosto netta in termini di fluidità, percepibile soprattutto se si utilizzano le visuali interne o comunque quelle “in prima persona”. Detto ciò, tirando le somme, Dirt 5 è a tutti gli effetti un gioco di guida di assoluto livello, sebbene molto diverso dal solito gioco di rally che ci si aspetterebbe di vedere.

Il titolo ha personalità da vendere e cattura chiunque in una dinamica di gioco nella quale si fa una gara dopo l’altra, uno scenario dopo l’altro, senza mai stancarsi. Il tutto poi è esaltato dall’hardware next-gen (al quale ricordiamo il gioco viene upgradato gratuitamente ed automaticamente), ma non disdegna le attuali console sulle quali continua a mostrare tutte le sue qualità. Le modalità di gioco sono variegate e la disponibilità di un editor permette agli appassionati di costruire percorsi che continuano ad alimentare il sistema di gioco. Codemasters si conferma una garanzia per quanto riguarda i giochi di guida. Insomma, se avete voglia di velocità, fango, divertimento è un pizzico di follia, allora Dirt 5 è quanto di meglio possiate desiderare.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8,5

Sonoro: 8,5

Gameplay: 8,5

Longevità: 9

VOTO FINALE: 8,5

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere

In evidenza

iPhone si danneggia con l’acqua, l’Antitrust multa Apple

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

iPhone resistente all’acqua? Sembra proprio di no. Quindi non fatelo. La pubblicità della Apple che vantava la resistenza dei suoi smartphone all’acqua è stata giudicata ingannevole dall’Antitrust che ha deciso una sanzione al gruppo della mela, che si è anche rifiutata di prestare assistenza per gli smartphone danneggiati, di 10 milioni di euro.

L’autorità ha ritenuto pratiche commerciali scorrette la la diffusione di messaggi promozionali di diversi modelli di iPhone in cui veniva esaltata la caratteristica di risultare resistenti all’acqua per una profondità massima variabile tra 4 metri e 1 metro a seconda dei modelli e fino a 30 minuti.

Secondo l’Autorità, però, nei messaggi non si chiariva che questa proprietà è riscontrabile solo in presenza di specifiche condizioni, per esempio durante specifici e controllati test di laboratorio con utilizzo di acqua statica e pura, e non nelle normali condizioni d’uso dei dispositivi da parte dei consumatori. I modelli pubblicizzati sono iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone XR, iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone 11, iPhone 11pro e iPhone 11 pro Max. Per l’Antitrust, come descritto in una nota, inoltre, la contestuale indicazione del disclaimer “La garanzia non copre i danni provocati da liquidi”, dati gli enfatici vanti pubblicitari di resistenza all’acqua, è stata ritenuta idonea a ingannare i consumatori non chiarendo a quale tipo di garanzia si riferisse (garanzia convenzionale o garanzia legale), né è stata ritenuta in grado di contestualizzare in maniera adeguata le condizioni e le limitazioni dei claim assertivi di resistenza all’acqua.

L’Antitrust ha poi ritenuto idoneo a integrare una pratica commerciale aggressiva il rifiuto da parte di Apple, nella fase post-vendita, di prestare assistenza in garanzia quando quei modelli di iPhone risultavano danneggiati a causa dell’introduzione di acqua o di altri liquidi, ostacolando in tal modo l’esercizio dei diritti ad essi riconosciuti dalla legge in materia di garanzia ossia dal Codice del Consumo. Al momento Apple, a cui è stata richiesta la pubblicazione del provvedimento dell’Autorità sul sito internet italiano, non ha commentato la sentenza.

F.P.L.

Continua a leggere

Scienza e Tecnologia

Devil May Cry V Special Edition, Vergil superstar della Next-Gen

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Devil May Cry V Special Edition arriva sulle piattaforme di nuova generazione targate Microsoft e Sony e offre un pacchetto completo che, oltre ai contenuti già visti nell’edizione base (qui la nostra recensione) della ormai “Old-Gen”, andrà a integrare una serie di novità realizzate appositamente per l’architettura dei nuovi hardware, ma anche per rispondere alle innumerevoli richieste da parte di una community più vogliosa di sfide che mai.

Devil May Cry 5 torna dunque su Xbox Series X/S e Ps5 con una riedizione a al costo di 39.99 euro che, oltre ad aggiungere la possibilità di rigiocare la campagna originale nei panni di Vergil, include una manciata di cut-scene inedite che ci mostrano gli eventi dal punto di vista del fratello di Dante.

Si tratta, però, di brevi filmati che falliscono nel tentativo di fornire una prospettiva più completa sulla sceneggiatura del quinto episodio, che avrebbe certamente giovato di un’analisi più approfondita dalla prospettiva di Vergil, visto l’enorme interesse attorno alla sua figura da parte dei fan di lunga data.

L’ingresso del fratello di Dante nel cast di DMC5, in tal senso, deve essere visto solo come la volontà di accontentare i fan che, da tempo ormai, invocavano l’aggiunta di Vergil tra i personaggi giocabili, e sotto un profilo di mero gameplay, il ritorno del secondo figlio del demone Sparda non delude di certo. La flessibilità e varietà del combat system di Vergil si fa apprezzare soprattutto spendendo in modo oculato le gemme rosse per andare a sbloccare alcune tra le mosse più interessanti che il gemello del protagonista può vantare nel suo moveset. Yamato, Beowulf, Mirage Blade e Mirage Edge offrono quattro stili di lotta molto differenti tra loro e complementari, che sommati alle incredibili capacità di Vergil di muoversi negli spazi in breve tempo, rompendo il contatto visivo e sbucando in faccia al nemico in men che non si dica, fanno sì che il personaggio possa avere la meglio anche in situazioni più complesse, quando il numero di avversari comincia a farsi particolarmente elevato. Situazione, peraltro, che non sarà rara, specialmente nel caso in cui si decida di attivare una delle nuovissime modalità introdotte dal team di sviluppo per l’occasione: la Turbo. Si tratta di una variazione che ha effetto sul gameplay e che va ad aumentare artificialmente la velocità dell’azione (incrementata di 1.2 volte), riducendo di conseguenza in modo percettibile il tempo di reazione da parte del giocatore agli attacchi avversari. Un aspetto che, nelle missioni più avanzate della storia o in presenza di particolari boss, può alzare in modo netto il tasso di sfida. L’altra novità offerta da questo Devil May Cry V Special Edition è il livello di difficoltà aggiuntivo chiamato “Il mitico cavaliere oscuro” che aumenta considerevolmente il numero di nemici su schermo. Si tratta di un incremento tale da trasformare la formula di Devil May Cry 5: Special Edition da uno “Stylish Action Game” a quello che per certi versi è più simile a un titolo come Dinasty Warriors, ossia con una quantità di demoni e avversari da abbattere davvero incredibile. Divertente, per carità, ma forse in alcuni casi eccessiva, sebbene come ho avuto modo di approfondire in sede di anteprima sia per certi versi molto più semplice, con tutti questi nemici, alternare le mosse di Vergil (o di Dante, Nero e V, visto che la modalità funziona anche con i personaggi appartenenti al cast originale) e ottenere un punteggio più “stiloso” diventa semplice. È vero, però, che alcune combinazioni di nemici sembrano totalmente affidate al caso e rendono forse un po’ imprevedibile ciascuna missione. Per fortuna, ogni personaggio ha dalla sua un numero sufficiente di mosse per respingere tutte queste minacce, e Vergil non fa certo eccezione.

Un capitolo a se di questa recensione non può non essere dedicato alle migliorie svolte da Capcom a livello tecnico, dalla succitata presenza di un numero sensibilmente maggiore di nemici (che mostra, qualora se ne avvertisse il bisogno, come Xbox Series X e Ps5 siano capaci di gestire un numero ben maggiore di elementi su schermo senza sacrificare la fluidità) che si manifestano nella modalità Il mitico cavaliere oscuro, fino alla possibilità di giocare in Ray Tracing o di sbloccare un frame-rate superiore su console. Dopo aver testato il gioco in Ray-Tracing e provato che genere d’impatto grafico l’engine di Capcom sia in grado di offrire privilegiando la qualità grafica e ancorando il frame-rate a 30 fps, abbiamo notato che rinunciando a qualche orpello grafico è possibile godere di una fluidità totale impostando la modalità a 60 fotogrammi per secondo. Con tali impostazioni, Devil May Cry V Special Edition 5 si gioca che è un vero piacere e si conferma un ottimo gioco d’azione, nonostante questa riedizione non vada in nessun modo a correggere tutti quei difettucci che erano emersi nell’analisi originale. Tirando le somme, la Special Edition di Devil May Cry 5 racchiude in un singolo pacchetto tutti i contenuti del gioco già visto nei mesi scorsi su console di “Old-Gen”, con una serie di bonus interessanti come Vergil, ora finalmente giocabile, la modalità Turbo e un nuovo livello di difficoltà che aumenta esponenzialmente il numero di nemici su schermo. Discrete le migliorie apportate a livello estetico, con una buona applicazione del Ray Tracing e una modalità che farà la gioia di coloro che amano le esperienze frenetiche. Il titolo vale la pena di essere acquistato sia da chi ha giocato la versione precedente, in quanto è ricco di contenuti aggiuntivi, sia da chi lo ha perso qualche mese fa, in quanto Devil May Cry V Special Edition è il massimo che si possa desiderare per provare l’esperienza definitiva del gioco di Capcom.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 9,5

Sonoro: 9,5

Gameplay: 10

Longevità: 9

VOTO FINALE: 9,5

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere

I più letti