Connect with us

Scienza e Tecnologia

Far Cry New Dawn, la saga diventa post nucleare

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Far Cry New Dawn, nuovo capitolo della saga targata Ubisoft per Pc, Xbox One e Ps4, ha inizio 17 anni dopo l’apocalisse nucleare e la dittatura religiosa dello pseudo messia Joseph Seed vista in Far Cry 5 (qui la nostra recensione). In questo contesto post atomico un nuovo motivo di speranza di tornare alla vita ha bisogno di crescere tra le neonate comunità che stanno provando a ripopolare la superficie del pianeta, ma la rinascita è lenta e pericolosa. La natura ha già compiuto il suo rapido decorso dalla distruzione, per diventare rigogliosa e rifiorita. Attorno a Kim Rye e Tom Rush, la base Prosperity accoglie il punto di partenza per la rinascita, ma anche per la strenua opposizione al dominio militare delle perfide gemelle, a capo dei perfidi “Guerrieri della Strada”. Tra loro vige la legge del più forte in cui ognuno può giocare due parti: quella del piantagrane, o quella di chi risolve i problemi. Ai primi è riservata la morte, agli altri, invece, un’opportunistica sopravvivenza. Il giocatore vestirà i panni del braccio destro di Rush, a scelta uomo o donna con un minimo di personalizzazione estetica, e sarà suo compito guidare la rivincita di Prosperity e dell’intera Hope County. La storia e le avventure, svolgendosi nella stessa mappa del quinto capitolo, sono strettamente legate a personaggi e luoghi già visti nel precedente capitolo, ma mutati dal disastro nucleare. Riferimenti, in parte anche i personaggi, sono presi proprio da lì e chi l’ha giocato avrà una maggior soddisfazione nel percorrerne gli eventi. L’avventura si svolge per un totale di 22 missioni principali e circa una dozzina di ore per il completamento del titolo qualora ci si dedichi esclusivamente alla campagna. Detto ciò è bene precisare che il numero di ore che Far Cry New Dawn offre, volendo completare tutte le sfide, le sottoquest e trovando tutti i collezionabili, aumenta di molto.

Svolgere tutte queste attività ovviamente sbloccherà tutta una serie di vantaggi che renderanno il proprio alter ego virtuale sempre più forte e pronto ad affrontare la minaccia dei Guerrieri della Strada con maggior possibilità di sopravvivenza. Una volta iniziata l’avventura e aver affrontato una breve introduzione ci si troverà nella città di Prosperity. Il villaggio Diviso in diverse aree fungerà da hub centrale dove è comodo trovare conforto dopo ogni missione impegnativa, sia per rifocillarsi e rifornirsi di munizioni, sia per spendere le risorse accumulate durante l’azione. Da subito quindi Far Cry New Dawn pone il giocatore di fronte al nuovo sistema di gestione della fazione: tutto, da Prosperity, alle armi, passando per veicoli e nemici, si divide in quattro livelli di rarità e forza. Recuperare oggetti utili dalle macerie dell’apocalisse, altro elemento immancabile in questo filone, servirà per assemblare l’arsenale sempre più potente, anche se la moneta più preziosa nel mondo Far Cry New Dawn è l’etanolo. Questo elemento è ottenibile sottraendolo ai cattivi di turno che lo conservano negli Avamposti, marchio di fabbrica della serie, che vanno ripuliti e riconquistati. Aperti i cancelli di Prosperity, quello che una volta era il regno di Joseph Seed si mostra in tutta la sua maestosità. La natura, come detto, ha preso il sopravvento e pervade tutto il territorio di gioco in modo ancor più spettacolare che in precedenza. Le strade sterrate che connettono i vari punti di interesse sono circondate da fitti boschi e lunghi corsi d’acqua, portando su schermo una grossa mole di dettagli. La mappa di gioco, che anche stavolta richiede la sola esplorazione per essere scoperta, stupisce più per densità e qualità che per dimensioni, ma comunque resta un territorio abbastanza vasto da scoprire e soprattutto offre tantissimi luoghi e segreti da scoprire. In Far Cry New Dawn il crafting e la raccolta di risorse sono i principali cambiamenti di questo capitolo, assieme all’introduzione di alcuni elementi GdR sulla falsa riga di quanto visto negli ultimi capitoli di Assassin’s Creed. Sotto questo aspetto l’ultimo capitolo della saga di Ubisoft diverte e coinvolge, soprattutto grazie al bilanciamento dei livelli armi/nemici che permettono uccisioni immediate. Di pari passo c’è anche la progressione del personaggio, che grazie all’ottenimento di “Punti Tratto” può sviluppare diverse abilità, alcune anche cumulabili, che concorrono a rendere il gioco più accessibile anche nel momento in cui la difficoltà s’impenna, soprattutto per chi si prefissa fin da subito di esplorare tutta la mappa. Questi punti “esperienza” si ottengono principalmente completando le sfide del gioco, ma anche correndo al salvataggio dei civili caduti nelle grinfie dei Guerrieri della Strada e risolvendo gli enigmi legati alla scoperta di alcuni tesori sparsi ovunque in Hope County.

 Nella sua semplicità, questo approccio che strizza l’occhio ai GdR funziona bene lungo corso dell’avventura, ma non porta alcuna grande innovazione. Purtroppo infatti la sensazione generale che si ha è quella di un qualcosa che sa di già visto e pur rinvigorendo quella struttura comprovata da anni all’interno della serie, è molto facile raggiungerne l’apice. In questo aiutano gli Avamposti e le Spedizioni, soggetti a loro volta alla progressione per livelli. Entrambi hanno l’utile funzione di far guadagnare risorse in gran quantità e ogni volta che sono completati saliranno di grado, aumentando la difficoltà in virtù di un successivo ritorno. La completa libertà di approccio permette al giocatore di affrontare le situazioni come meglio preferisce e, tirando le somme, risultano essere molto più coinvolgenti degli eventi principali. Detto ciò, è innegabile che Far Cry New Dawn sia un buon gioco, abbastanza lungo da godere e che offre un buon livello di sfida. Purtroppo però, se si è appassionati della serie, la sensazione che si avverte è quella di star giocando a qualcosa di già visto. Infatti, nonostante le novità sopracitate, il gioco risulta essere un clone migliorato dei suoi predecessori. Discorso diverso invece va fatto se non si è mai giocato ai titoli precedenti della serie, ma visto il successo di quest’ultima, è davvero difficile pensare che qualcuno non abbia mai affrontato uno dei tanti titoli del franchise. A livello narrativo il gioco si attesta su un buon livello, però, al di là di chiudere quanto lasciato in sospeso nel quinto capitolo e presentare un paio di momenti interessanti, la scrittura non raggiunge gli ottimi livelli visti nel capitolo precedente. Essere il sequel di Far Cry 5 pone New Dawn in un confronto diretto, che viene però perso su quasi tutti i fronti. Il carisma oscuro di John Seed e dei due fratelli, motivato dai deliri di onnipotenza, vince a mani basse rispetto alla cattiveria fine a sé stessa delle gemelle Lou e Mickey, mosse dalla semplice volontà di comandare e arricchirsi quanto più possibile in questo nuovo mondo, che quasi faticano a trovare ragioni per schierarsi contro gli abitanti di Prosperity.

Ubisoft avrebbe potuto far leva sull’ottima reinterpretazione dello scenario post-apocalittico per renderlo innovativo, diverso da tante altre opere, ma si perde tra l’ambientazione semplicemente rivisitata e una fazione nemica vista e rivista in tanti altri videogame del genere “dopo bomba”. Dopo cinque capitoli principali, due spin off, e molti DLC, si ha la sensazione che Far Cry abbia bisogno di crescere e rinnovarsi per portarsi su un nuovo livello, proprio come ha fatto la saga di Assassin’s Creed. A livello tecnico Far Cry New Dawn poggia le sue basi sullo stesso motore che un anno fa ha spinto il quinto capitolo canonico della serie. Rispetto a quanto visto in passato, la sensazione che si ha è che i programmatori abbiano preferito sacrificare un po’ di dettaglio generale, tra modelli e texture, in cambio di una maggiore solidità e di un lavoro sull’ambientazione di alto livello. La rifioritura è sostenuta da una vegetazione decisamente più rigogliosa, da filtri cromatici accattivanti e da particellari più puliti. Gli effetti sonori sono presi in larghissima parte dal predecessore, ma un ottimo lavoro è stato svolto sulla scelta dei brani, davvero azzeccata in molte occasioni, con tracce famose incastrate nel momento giusto al posto giusto. Tirando le somme, questo Far Cry New Dawn, nonostante non lasci a bocca aperta per quanto riguarda le novità, è un titolo di tutto rispetto, ambientato in un universo molto ben caratterizzato e che garantisce la possibilità di divertirsi per un buon numero di ore. Il titolo è perfettamente godibile sia da chi è fan sfegatato della serie, sia da chi si avvicina al franchise di Ubisoft per la prima volta. La grande giocabilità, l’intuitività dei comandi e un mondo vivo e reattivo sono le qualità che rendono il software un videogame nel complesso solido seppur non perfetto. Alla luce di quanto detto, se si è alla ricerca di uno shooter che sposa, anche se in minima parte, alcune meccaniche da Gdr, Far Cry New Dawn è sicuramente un’esperienza da provare.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8,5

Sonoro: 8,5

Gameplay: 7,5

Longevità: 7,5

VOTO FINALE: 8

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

In evidenza

Crash Team Racing torna in grande spolvero

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Con Crash Team Racing Nitro Fueled Activision riporta sulle console di attuale generazione uno dei titoli più amati ai tempi della primissima Playstation, nel lontano 1999. Ma veniamo al dunque, il gioco propone in chiave moderna il Ctr originale, quello più amato e iconico, dotandolo di una grafica in stile cartoon moderna, ma mantenendo sempre il gameplay virtualmente identico al gioco originale, se non per qualche piccola miglioria e un paio di aggiunte per arricchire l’offerta. I poco dettagliati e pixellosi mondi del gioco originale lasciano così spazio a rivisitazioni fedeli nel design ma molto più ricche di colori, varietà e dettagli che regalano nuova linfa vitale a piste che negli anni ’90 risultavano essere spoglie e poco movimentate. Crash Team Racing Nitro-Fueled è assolutamente all’altezza dei prodotti contemporanei, sia come resa grafica, sia come fluidità in game, e il salto qualitativo di 3 generazioni di console, nonché 20 anni di evoluzione tecnica si fanno sentire davvero poco. Per giustificare maggiormente il comunque economico prezzo di 39,99 Euro, il team di Beenox ha inoltre pensato di aumentare ulteriormente il valore del prodotto aggiungendo, tra le altre cose, numerose piste dai sequel di CTR, nonché moltissime opzioni di personalizzazione e un multiplayer online appassionante e spassoso. L’idea di base del titolo originale era ovviamente quella di creare un degno avversario del famosissimo Mario Kart, e così fu. Adesso con questo remake il titolo offre quanto visto in passato ma elevato all’ennesima potenza, qundi: gare di pochi giri all’interno di spettacolari piste in scenari coloratissimi e folli in giro per il mondo, da castelli fino a deserti, dove 8 piloti del roster si affrontano su kart veloci e che possono guadagnare ulteriore velocità con i boost offerti dalla corretta gestione di derapate, partenze e salti. Il sistema di derapate, nello specifico, è molto diverso da quanto visto in giochi simili e vede i giocatori attivare il turbo a più riprese col giusto tempismo ad ogni derapata per sfruttarne al meglio l’effetto. Ovviamente non mancano i famosissimi power-up, componente imprescindibile di questo genere che contribuisce a rendere questi giochi titoli molto divertenti in compagnia: bombe, missili, pozioni trappola, scatole di TNT, scosse elettriche e turbo permettono ai giocatori di rimontare nei confronti di chi si trova davanti, portando spesso a photo-finish a sorpresa dove un giocatore che è stato per buona parte al comando può essere fermato all’ultimo momento da qualcuno che passa ad alta velocità con qualche folle power-up o che lo manda in testa coda con un bel missile. Questo modo di giocare rende Crash Team Racing Nitro Fueled un party game capace di dar vita a divertentissime sessioni tra amici sia in locale che online.

In ogni caso, se non si ha mai avuto l’occasione di provare il titolo originale, il miglior metodo per prendere familiarità con le dinamiche di gioco resta la “campagna”. Tale modalità di gioco è strutturata in maniera molto diversa da quanto visto in altri titoli del genere: qui Crash o il personaggio che si selezione deve affrontare diverse isole che fungono da hub, ognuna delle quali presenta varie piste in cui arrivare vincitori per poi battere i boss dell’area in una letale battaglia uno contro uno. Finito questo, è possibile affrontare sfide aggiuntive sui livelli già affrontati, come sfide a tempo dove bisogna cercare di fermare il cronometro il più spesso possibile raccogliendo casse con secondi bonus o le sfide CTR, dove bisogna battere la CPU raccogliendo le lettere C, T ed R nascoste in giro per i livelli. Queste sfide portano il giocatore a trovare le scorciatoie rischiose ma efficaci di ciascuna pista, preparandoli al meglio per le sfide competitive del multiplayer locale e online. La campagna di Crash Team Racing Nitro Fueled è davvero lunga se si decide di completare ogni sfida secondaria, ma come detto è un ottimo modo per conoscere al meglio ogni pista, diventa quindi molto consigliata a chi ha intenzione di puntare a competere. Per chi ha tali ambizioni, c’è l’ormai noto split screen fino a 4 giocatori in qualunque pista o modalità, ma soprattutto un supporto online abbastanza basilare ma incredibilmente spassoso e molto gradito, considerando che CTR non ha mai avuto ufficialmente una componente online. Anche questa componente è giocabile in split screen, permettendo ai giocatori di portare anche la propria squadra online. Insomma, il videogame ripropone fedelmente gameplay, campagna e opzioni multiplayer (ma con diverse novità) del gioco originale, il tutto con un’ottima resa grafica e tanti piccoli miglioramenti. Possiamo affermare senza timore di essere smentiti che questo gioco è la versione definitiva di uno dei kart racer più spassosi di sempre, capace quasi di rendere obsoleto e l’originale. Per chi si avvicina per la prima volta a Crash Team Racing, il titolo può sembrare come un banale clone di Mario Kart senza nessuna differenza degna di nota. Ma non è così, soprattutto per il modello di guida che riesce a combinare in maniera egregia una maneggevolezza arcade a un impressionante elemento tecnico di bravura. Il fulcro sta nel riuscire a concatenare derapate cercando di azionare nel momento giusto il boost generato da queste, per arrivare a passare praticamente tutto il giro sotto l’effetto del nitro. Anche Mario Kart e compagnia hanno un sistema di derapate turbo, ma le tante curve a gomito, i dislivelli e gli ostacoli di CTR uniti a questo sistema più complesso rendono il racer game di Crash e soci decisamente più tecnico, dove ogni giocatore può costantemente migliorarsi ed aumentare in abilità partita dopo partita. E vi assicuriamo che se si vuole dominare sarà necessario un duro allenamento, visto che per completare la storia al 100% o per avere una chance di vincere contro gli agguerriti avversari online bisognerà essere davvero a proprio agio con il meccanismo di derapate. Attenzione però, come già sottolineato più volte, Crash Team Racing Nitro Fueled non è però solamente una copia dell’originale CTR, poiché aggiunge anche diversi elementi dai sequel meno riusciti del gioco portandoli però nella struttura e nel gameplay pluripremiato del primo episodio. Spuntano così piste da Crash Nitro Kart e Crash Tag Team Racing, diversi nuovi personaggi, un’abbondanza di elementi cosmetici abbastanza numerosa ma anche e soprattutto il multiplayer online. La quasi totalità di questa saga si è giocata su console che nemmeno avevano una porta Ethernet, figuriamoci funzionalità online degne di questo nome. Bene, adesso grazie alle nuove tecnologie il gioco permette a giocatori di tutto il mondo di sfidarsi in qualunque pista del gioco. C’è ovviamente anche il multiplayer locale per divertenti sessioni casalinghe tra amici, ma il gameplay estremamente tecnico e caotico del titolo lo rende un’esperienza multiplayer online decisamente esilarante. Per chi non ha intenzione di mettere le mani sul comparto multiplayer e desidera godersi solo l’esperienza “classica” di CTR non c’è da preoccuparsi, visto che ogni oggetto di personalizzazione è sbloccabile anche in locale e non ci sono obiettivi esclusivi per la modalità online.

A livello di modalità di gioco, Crash Team Racing Nitro Fueled ne offre davvero tante. La modalità Arcade Locale è quindi quella che racchiude al suo interno la maggior parte dei contenuti del gioco e li offre sin da subito senza ulteriori attese. Gli unici elementi bloccati riguardano i piloti aggiuntivi, un totale di 25, tra cui i boss da sbloccare nell’Avventura, e le personalizzazioni dei kart, queste ultime puramente estetiche. All’interno della sezione arcade si potrà disputare una Gara Singola – scegliendo il numero di giocatori, di giri, il livello di difficoltà e se affrontarla in versione standard o speculare -, oppure ci si potrà cimentare in una delle 7 coppe presenti in “Gara di Coppa”, prendere parte alla modalità Battaglia, partecipare alle Prove a Tempo, gareggiare nella Corsa delle Reliquie, nella Sfida CTR o nella Sfida dei Cristalli. Chi ha giocato al capitolo del ’99 riconoscerà ogni singola modalità e si renderà subito conto di come l’offerta di Crash Team Racing Nitro-Fueled sia assolutamente completa e in linea con l’originale. Per chi invece si stesse avvicinando al titolo solo ora, ricordiamo che la modalità Battaglia consente di combattere in una delle 12 piste/arene disponibili esclusivamente in questa sezione. Qui si può scegliere se gareggiare a punti, colpendo gli avversari con le armi a disposizione, in una versione alternativa del “ruba bandiera”, collezionando il maggior numero di cristalli e così via. Insomma, la modalità Battaglia è a sua volta un gioco nel gioco ed è particolarmente adatta a tutte quelle sezioni multi player in stile party game senza dover badare alla qualità della guida. La Sfida delle Reliquie è invece una variazione della Prova a Tempo, dove si potranno migliorare i propri risultati aprendo le casse bonus in grado di congelare il cronometro. La Sfida CTR invece è una semplice gara nella quale, come già detto, bisognerà raccogliere le lettere C, T e R sparse per il tracciato, mentre nella Sfida dei Cristalli bisognerà raccogliere i cristalli viola sparsi nelle arene della modalità Battaglia. Ricordiamo che tutto ciò potrà essere giocato in multi player locale a schermo diviso sino a 4 giocatori, mentre la modalità online consente la partecipazione fino a 8 giocatori. Per quanto riguarda il comparto audio, i puristi potranno infatti scegliere se utilizzare la colonna sonora remixata o quella classica, inoltre, a livello di gioco potranno affrontare la campagna in modalità “classica” o Nitro-Fueled, potranno persino scegliere i modelli poligonali originali per i kart e i personaggi principali, rinunciando a qualsiasi orpello estetico che possa alterare l’esperienza. A questo grande richiamo al passato si contrappone l’aggiunta di personaggi del tutto inediti, fra cui alcuni che arriveranno nei prossimi mesi, per il titolo, una nuova schermata di personalizzazione del kart e persino un negozio giornaliero dove spendere le monete accumulate con le gare per poter acquistare skin, personaggi e pacchetti bundle.

Dal punto di vista tecnico i ragazzi di Beenox sono stati in grado di effettuare un lavoro di ricostruzione di livello altissimo. Questo significa che ogni pista, ogni arma e ogni personaggio sono delle copie 1:1 di ciò che era presente nel capitolo per PlayStation del 1999, ovviamente reinterpretati e restaurati in chiave moderna. I tracciati ripropongono lo stesso feeling degli originali, con curve e dossi ricostruiti con precisione millimetrica, quindi se si era già degli assi di Crash Team Racing ai suoi tempi, basteranno pochi minuti per ritrovare le stesse sensazioni dell’epoca e se la memoria non inganna si potranno anche sfruttare sin da subito tutte le scorciatoie presenti nelle mappe. Tirando le somme Activision e Beenox con questo Crash Team Racing Nitro Fueled hanno ridato vita a uno dei videogame più divertenti di sempre dove competizione, divertimento e adrenalina sono sempre presenti in ogni metro della pista. Insomma, come avrete dedotto leggendo il nostro articolo, se siete alla ricerca di un gioco da fare con gli amici, ma che offra una componente di sfida degna di questo nome, tante modalità e una grandissima varietà di tracciati, questo remake del classico CTR è proprio ciò che fa per voi.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8,5

Sonoro: 8,5

Gameplay: 8

Longevità: 9

VOTO FINALE: 8,5

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Scienza e Tecnologia

Warhammer Chaosbane, è guerra fra il bene e il male

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Amanti del genere Fantasy è ora di rispolverare spade, archi e libri di magia. Bigben Interactive ha infatti lanciato su pc, Xbox One e PS4, Warhammer Chaosbane, action-RPG isometrico che unisce il gameplay alla Diablo al mondo delle miniature targate Games Workshop. Il titolo è ambientato circa 500 anni prima le vicende descritte in Vermintide I e II, nel bel mezzo della grande guerra contro il Caos. I giocatori si ritrovano quindi proiettati in questo contesto ben poco felice dalla parte dei buoni, schiacciati su più fronti dalle forze del male. La storia è scritta da Mike Lee, già autore di vari romanzi legati proprio all’universo di Warhammer. Più precisamente ci si troverà nelle battute finali del conflitto che ha visto l’alleanza di umani, elfi e nani fronteggiare la minaccia delle orde guidate da Asavar Kul, il campione degli dei caotici morto per mano di Magnus il Pio durante l’assedio della città di Kislev. In seguito alla vittoria sulle forze d’invasione, ormai in rotta e pronte a rientrare nel freddo nord, Magnus e la sua scorta fanno ritorno nella città di Nuln, ma solo per cadere vittime di una controffensiva degli adoratori del Caos sferrata proprio nel cuore dell’Impero. Ed è proprio qui che inizia l’avventura. Dopo aver selezionato uno tra i quattro personaggi giocabili: il soldato Konrad Vollen, Elontir il mago, il nano Bragi e la ranger elfica Elessa, al giocatore spetta il compito di respingere i nemici dalla cittadella imperiale e salvare colui che di lì a poco sarebbe poi diventato imperatore dalla stretta mortale di una potentissima incantatrice del Caos, la quale durante la confusione successiva all’assalto è riuscita a lanciare un terribile maleficio che rischia di consumare l’essenza vitale del povero Magnus von Bildhofen. Per spezzare l’incantesimo sarà necessario affrontare orde infinite di nemici negli angoli più disparati del Vecchio Mondo: dai vicoli e le fogne di Nuln alle strade devastate della città di Praag, arrivando persino nelle glaciali rovine elfiche di Norsca, senza dimenticare una scampagnata nel reame della divinità caotica Tzeentch.

 Parlando delle dinamiche di gestione del personaggio Warhammer Chaosbane è davvero ben fatto, infatti è bene sottolineare che Il titolo si basa su un’interessante meccanica per la gestione delle abilità. Ogni personaggio può portarne con sé 6 attive e varie passive, ma il tutto dipende da una somma matematica. Di fatto ogni abilità ha associato un certo punteggio, e la somma dei punteggi di tutte le abilità utilizzate non deve superare un determinato totale. Quando si crea la build del proprio personaggio si deve quindi tenere conto di vari fattori. Ogni abilità ha una sua forma base e due varianti potenziate. A seconda della loro utilità si potrà decidere se utilizzare quindi le loro forme potenziate, che ovviamente, tra i vantaggi, comportano un maggior danno, o se usare forme depotenziate meno costose che magari hanno effetti situazionali, come allontanare i nemici o teletrasportarsi via dall’azione. Oltre alle abilità classiche c’è un altro albero da gestire, quello delle abilità divine. Raggiunto un determinato livello si potranno convertire dei particolari frammenti scovati in battaglia in punti da distribuire su questo albero che, segue dei percorsi ben delimitati. Da qui, oltre a potenziare salute, danni e altre caratteristiche con snodi “semplici”, si potranno a sbloccare anche le abilità divine. Si tratta di poteri caratterizzati solitamente da tempi di recupero molto alti, da utilizzare quindi in situazioni particolarmente concitate. Il bello di Warhammer Chaosbane però è che può essere giocato anche in multiplayer per un massimo di 4 giocatori online e in locale. Ci sono alcune abilità, sia attive che passive, che danno il loro meglio se utilizzate in combinazione con altri giocatori. Ad esempio il mago quando consuma energia può curare sé stesso e i compagni vicini. Quindi sì, ci sono delle sinergie da sfruttare in multigiocatore. Le build poi come già detto ci sono e grazie alla loro formazione si possono realizzare anche combinazioni piuttosto interessanti quando si gioca insieme ad altri players. Chiunque avesse giocato al citato Diablo, non potrà fare a meno di notare che il menu inventario e abilità personaggio di Warhammer: Chaosbane è molto simile, e data la sua funzionalità la cosa non è negativa. Qui sarà possibile visionare l’aspetto del personaggio e selezionare gli slot attraverso i quali equipaggiarlo con le armi ed armature rinvenute sui campi di battaglia, selezionandole in base ai loro diversi valori di attacco/difesa.

In realtà tutta la produzione ricalca molto da vicino il capolavoro Blizzard: menu di gioco molto simile, ambientazione fantasy, un mare di nemici da affrontare ed una struttura di livelli suddivisa in capitoli, 4 nel caso specifico. Da un certo punti di vista la cosa non è negativa; emulare il primo della classe può portare a buoni risultati, e nel complesso l’esperienza di gioco è infatti molto buona. Altro aspetto importantissimo di questo Warhammer Chaosbane è il loot system. Quindi per tutto ciò che concerne l’equipaggiamento col quale potenziare e personalizzare il proprio alter ego, i singoli componenti vengono suddivisi in categorie in base alla loro rarità, questi oggetti possono venire reperiti nei classici scrigni sparsi per le mappe di gioco, o “droppati” dai nemici più coriacei. Manca purtroppo una modalità di crafting attraverso la quale forgiare i propri strumenti di distruzione, ma per contro nel corso del gioco si accede alla possibilità di benedire quelle in possesso, rendendole più potenti attraverso l’uso di speciali cristalli. La trama del titolo di Bigben Interactive si dipana in diversi atti che portano il protagonista in varie location. Dobbiamo ammettere in tal senso che i dungeon e in generale le ambientazioni sono talvolta ripetitive. Ci sono varie tipologie di luoghi in cui si dovranno affrontare le missioni, non si dovrà quindi restare sempre al chiuso in sotterranei angusti o in fogne da esplorare, ma manca la varietà dimostrata da altri esponenti del genere. Il bestiario può contare su oltre 70 nemici, ovviamente collegati alle varie divinità del Caos che caratterizzano la cornice fantasy, più i vari boss. Tra le creature più potenti e temibili spiccano ovviamente le incarnazioni delle divinità del Caos. Questi combattimenti che pongono fine ai vari atti necessitano come un discreto studio del terreno di gioco per evitare i pattern di fuoco, un giusto timing delle pozioni e così via.

Per quanto riguarda l’endgame, Warhammer Chaosbane presenta svariati livelli di difficoltà, che vanno anche ad aumentare esperienza, oro e rarità degli oggetti guadagnati, le così dette boss rush, dungeon infiniti e ovviamente la possibilità di affrontare il tutto in multigiocatore. Eko Software ha già promesso aggiornamenti regolari che dovrebbero aumentare ulteriormente la longevità. Considerate che una singola run a livello medio di difficoltà ha una durata che si aggira fra le 8 e le 10 ore, quindi prima di finire il titolo con un personaggio al livello più alto di difficoltà serviranno molte più ore e tanta pazienza. A livello grafico il comparto tecnico si difende bene: grande fluidità nei combattimenti e resa delle location sono infatti uno degli aspetti più apprezzabili della produzione. Gli effetti delle magie, le esplosioni e il comparto sonoro in generale poi completano il quadro donando una credibilità generale alla produzione. Tirando le somme possiamo serenamente affermare che Warhamme: Chaosbane è un classico hack and slash che per forza di cose strizza l’occhio ai fan del celebre gioco di miniature di casa Games Workshop. Anche gli appassionati del genere che non masticano molto l’argomento riusciranno a trovare pane per i loro denti. La costruzione delle build è originale, seppur non troppo complicata, e l’endgame e la possibilità di giocare online possono convincere anche gli indecisi. La produzione Eko Software e Bigben Interactive è più che degna di nota, quindi proprio per tale ragione crediamo che ogni amante del genere fantasy, ma soprattutto dell’universo di Games Workshop dovrebbe giocarlo.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8

Sonoro: 8

Gameplay: 7,5

Longevità: 8,5

VOTO FINALE: 8

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Nuovo iPhone con 3 cam, tutti i rumors aspettando il lancio ufficiale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Manca ancora qualche mese al lancio ufficiale dei nuovi iPhone, ma come di consueto è già iniziato il tam tam delle indiscrezioni in rete più o meno affidabili. Secondo il rumor riasciato dal produttore di accessori Olixar, la futura linea di smartphone del colosso di Cuertino sarà caratterizzata da un design quasi identico alla generazione precedente, ad accezione della parte posteriore. Il comparto fotografico, infatti, avrà tre fotocamere e sarà posizionato all’interno di un piccolo quadrante. Una scelta stilistica evidente che potrà far parlare, come accadde inizialmente con la tacca sul display introdotta per la prima volta sull’iPhone X nel 2017 e poi copiata da altri produttori. Come se non bastasse arrivano anche le indiscrezioni per l’iPhone del 2020. Secondo l’analista Ming-Chi Kuo ci saranno due modelli di smartphone Apple: uno con connettività 5G e uno con Lte. Per quanto rigusarda quindi tutti i futuri smartphone della “Mela morsicata” potrebbero essere caratterizzati dal display Oled. Ci dovrebbe essere sempre una differenziazione nelle dimensioni. Il modello più piccolo scenderebbe a 5.4 pollici rispetto agli attuali 5.8 e il modello “Max” salirebbe da 6.5 a 6,7 pollici. Il successore dell’attuale iPhone XR invece dovrebbe essere quello da 6.1 pollici, con diagonale invariata. In ogni caso, come al solito, per saperne di più, ma soprattutto per avere notizie più succose è necessario aspettare dopo l’estate. Nel frattempo, prima di settembre, sarà come al solito un susseguirsi di notizie più o meno attendibili, assurde, incredibili e talvolta stupefacenti. L’universo Apple del resto è fatto anche di queste cose. Quindi, chiunque sia interessato ai nuovi modelli di iPhone che come ormai è consuetudine dovrebbero essere lanciati a inizio autunno, dovrà aspettare ancora qualche mese intrattenendosi con le voci di corridoio che caratterizzano il periodo di pre lancio.

F.P.L.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Luglio: 2019
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it