Connect with us

Sport

FEDERLEAGUE (RUGBY A XIII), IL CT STERRY SUL RADUNO DI VINCI: «HO AVUTO OTTIME INDICAZIONI»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Roma – Il maltempo non ha guastato la festa. La Nazionale italiana di rugby a 13 si è radunata presso il centro sportivo comunale di Vinci, cittadina della Toscana che aveva già ospitato un’altra tre-giorni di allenamento degli azzurri anche lo scorso giugno. Dei forti acquazzoni hanno costretto il commissario tecnico Ty Sterry a due sedute-video in più rispetto ai programmati allenamenti di campo, ma questo non ha impedito allo staff azzurro di trarre preziose indicazioni sugli atleti presenti. «Sta nascendo una Nazionale di buon livello – assicura Sterry – che sarà competitiva per gli impegni internazionali che ci attendono nel 2015, a cominciare da quello a fine aprile. Sono stati tre giorni di lavoro molto utili che ci hanno fatto capire gli aspetti principali su cui lavorare, vale a dire le skills e la gestualità. Sono stati presenti atleti da tutta Italia e questo significa che il movimento del rugby a 13 coordinato dalla Firfl (Federazione Italiana Rugby Football League, ndr) sta crescendo e sta guadagnando rispetto e considerazione. Inoltre ho avuto un’ottima impressione da parte dei dieci giovani “under 21” che abbiamo volutamente aggregato al gruppo della prima squadra: questo vuol dire che anche la base sta migliorando in maniera sensibile». Sterry tornerà in Italia probabilmente per il primo appuntamento ufficiale della stagione 2015, vale a dire la disputa della Coppa Italia a fine febbraio o in ogni caso osserverà da vicino le gesta degli atleti impegnati in quella competizione attraverso i video delle varie partite. Oltre al commissario tecnico e ai vertici istituzionali, erano presenti al raduno di Vinci Gareth Haterley-Hurford (allenatore della difesa), Sebastian Velazquez (responsabile nazionali giovanili), Luciano Gorla (preparatore atletico) e Giuseppe Moncada (altro team manager). Tra gli atleti hanno partecipato questi 18 “grandi”: Attilio Bonnici e Concetto D’Aquila (Spartans Catania), Gianni De Pasquale (Rex Albinea), Cristiano Lavini, Alessandro Corbucci, Giovanni Magi, Matteo Lombardi, Giacomo Franzoni, Massimo Boncoddo, Carlo Donadio, Alessandro Ippoliti, Patrizio Bozza (Gladiators), Jobel De Castro, Simone Bianco (Magnifici), Giuseppe Carotti, Ginofernando Giordani, Jacopo Canulli, Francesco Giorgini (Arieti Rieti). Oltre a loro, c’erano aggregati nel gruppo azzurro dieci tra i migliori under 21 del panorama del rugby league e cioè Federico Gugole, Andrea Rossi e Gabriele Mercuri (Gladiators Roma), Alessandro De Luca e Jacob Laird (Gladiators Santa Maria Capua Vetere), Raffaele D’Istria (Gladiators Torre del Greco), Alessio Di Prima (Spartans), Giorgio Carapia e Pietro Paciosi (Rieti) e Tomas Bilanceri (Magnifici).
 

Calcio

Colleferro (calcio, Eccellenza), Di Cori: “La salvezza così? E’ stato come vincere il campionato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – Il Colleferro festeggerà sabato in piazza Gobetti (con una festa aperta a tutti i tifosi e gli amici del club rossonero) la chiusura della stagione 2021-22 che ha riservato proprio in extremis il verdetto più atteso, quello della permanenza della prima squadra in Eccellenza. Un evento, presentato dal giornalista colleferrino Stefano Raucci, in cui ci sarà musica dal vivo e ovviamente non mancheranno momenti di gioia e convivialità. “La salvezza in questo modo è stato come vincere un campionato – dice il direttore sportivo Pino Di Cori – Non dobbiamo mai dimenticare che questo per il nostro staff era il primo anno di Eccellenza e che siamo stati ripescati il 2 agosto, partendo da una vasta base della squadra che veniva dalla Promozione. Inoltre ci siamo ritrovati in un girone con tante squadre blasonate e piazze importanti, confrontandoci con una formula molto complicata che doveva riportare il campionato a due gironi. Abbiamo lasciato alcuni punti per strada e alla fine ci è toccato questo play out da giocare fuori casa. Ci siamo trovati sotto e in inferiorità numerica, ma i ragazzi sono stati bravissimi a non buttarsi giù e a portare a casa una grande vittoria. L’entusiasmo a fine gara era alle stelle perché questo era un passaggio fondamentale per il progetto del presidente Giorgio Coviello: i ragazzi e mister Staffa hanno fatto un regalo alla società, ma il merito va condiviso con tutti, anche con mister Battistelli e il suo staff che hanno lavorato in precedenza. Un ringraziamento sentito va anche ai tifosi, accorsi in massa nell’ultima gara: per tutta la stagione sono stati veramente quello che si dice “il dodicesimo uomo” in campo. Posso dire loro che il presidente Coviello, che è stato sempre presente nonostante l’altro gravoso impegno sportivo col Seregno e quelli con la sua azienda, vuole regalare qualcosa di importante a questa piazza e questo entusiasmo non può che alimentare la sua ambizione”. Per il Colleferro e per il confermatissimo Di Cori è già tempo di pensare al futuro: “Ci stiamo già muovendo sui giovani e speriamo che anche la nostra Under 19 possa conquistare l’Elite, sarebbe una bella vetrina per la società. Al momento non posso dire molto sul Colleferro che verrà, ma di certo non faremo un campionato “di sofferenza” come quello appena archiviato…”.

Continua a leggere

Calcio

Rocca Priora RDP (calcio, Promozione), Scacchetti: “Eravamo la squadra più forte, che peccato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Rocca Priora (Rm) – Il Rocca Priora RDP ha alzato bandiera bianca. Con due turni d’anticipo (anche se ci sarebbe ancora la matematica possibilità di arrivare al primo posto) i castellani sono usciti dalla lotta al vertice. Domenica scorsa è stato fatale il k.o. casalingo contro l’Atletico Morena che si è imposto al “Montefiore” per 1-0 al termine di una gara non fortunata per i padroni di casa come conferma l’attaccante classe 1988 Gianmarco Scacchetti: “Nel primo tempo abbiamo giocato bene e prodotto tante occasioni, ma non siamo riusciti a sbloccare il risultato. Poco prima dell’intervallo è arrivato un rosso diretto ad Amico che ha condizionato la sfida: in questa stagione abbiamo subito davvero tante espulsioni e non credo che questa sia una squadra cattiva, è stata un’annata molto “particolare” a livello arbitrale. In avvio di ripresa i capitolini sono passati in vantaggio, ma come accaduto quasi sempre abbiamo provato comunque a reagire: è la caratteristica migliore di un gruppo che non molla mai. Purtroppo non siamo riusciti a raggiungere il pareggio che avremmo meritato”. Scacchetti ha stretto i denti nell’ultimo periodo: “Sono stato fuori per circa un mese e mezzo a causa di una brutta distorsione alla caviglia, ma volevo provare a dare un contributo alla squadra in questo finale di campionato”. Il Rocca Priora RDP chiuderà l’annata con le sfide sul campo della Polisportiva De Rossi e in casa col Valmontone: “A mio parere abbiamo comunque fatto un grosso campionato, siamo stati tanti mesi al comando della classifica nonostante i numerosi infortuni che non ci hanno permesso di giocare mai al completo. Questa squadra poteva vincere il campionato, a mio parere eravamo i più forti, poi il campo ha dato un altro verdetto e bisogna accettarlo e fare i complimenti a chi arriverà davanti”. In attesa di capire se sarà in campo nelle ultime due gare, Scacchetti traccia anche un bilancio personale: “Ho segnato 15 gol in campionato e tre in Coppa, competizione a cui tenevamo tantissimo. Per me è stato il primo anno in Promozione e ho trovato un campionato tosto e credo che lo sarà ancor di più l’anno prossimo col ritorno ai quattro gironi invece di cinque. Il mio futuro? Sto per diventare papà e dovrò valutare bene con la mia famiglia quale sarà la soluzione migliore. Il Rocca Priora RDP si è dimostrata una società vogliosa e organizzata in cui ovviamente ci sono margini per crescere ancora, ma dove c’è alla base una grandissima passione verso il calcio”.

Continua a leggere

Calcio

Atletico Roma VI (calcio, Under 15), Canali: “Ci attendono quattro partite toste, ma siamo pronti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – L’Under 15 provinciale dell’Atletico Roma VI è pronta per la volata conclusiva. La formazione capitolina ha vinto in modo larghissimo nell’ultimo match sul campo del malcapitato Almas fanalino di cosa, battuto per 13-0. Tra i protagonisti della sfida c’è stato Simone Canale, attaccante esterno classe 2007 che gioca “a piede invertito” e si è saputo far apprezzare per la qualità tecnica. “Ho realizzato una tripletta e sicuramente sono contento anche per questo, visto che di solito sono più propenso a fare assist che gol. La partita comunque è stata senza storia sin dalle prime battute, ma noi siamo stati bravi a scendere in campo con la concentrazione giusta e a non concedere nulla all’avversario”. Per Canali (ritratto nella foto di Massimiliano Cervera) il bottino personale parla di 14 reti stagionali finora: “E’ il mio primo anno qui e mi trovo molto bene. L’anno scorso ho giocato nella prima parte di stagione con l’Under 14 Elite dell’Atletico Torrenova e poi mi sono fermato per vari motivi. Ma all’inizio di quest’annata, il richiamo del campo è stato troppo forte e ho scelto l’Atletico Roma VI anche per la presenza del mister Gianluca Lancia. Una scelta che è stata azzeccata: qui ho trovato una società organizzatissima e si vede anche dalla qualità dei gruppi che ha allestito in tutte le categorie”. L’Under 15 provinciale, ora allenata da Gianluca Balletti, è al terzo posto e attende la supersfida di martedì prossimo contro i Canadesi Sporting Club secondi con tre punti di vantaggio: “All’andata abbiamo perso, ma a mio parere ci penalizzò molto il campo piccolo. Sono convinto che abbiamo tutte le possibilità di vincere, sarebbe importante rimanere in scia alla capolista Sporting San Cesareo che tra l’altro sarà una delle successive tre avversarie”. Il gruppo l’Under 15 può contare anche sul contributo di Hryniv Bohuslav, ragazzo ucraino che è stato tesserato ufficialmente ieri dalla società del presidente Luigi Paoletti che è da sempre molto attenta al sociale, ancor di più a vicende così drammatiche come sta vivendo quella popolazione.
Nel week-end appena messo alle spalle, l’Atletico Roma VI ha fatto en plein e ha pure mantenuto la porta inviolata con tutte le squadre: l’Under 17 ha vinto con un largo 8-0 sul campo della Pro Calcio Castel Madama (doppietta per Mastropietro e un gol a testa per Pitocco, Trombì, Cara, Tirocchi, Sounni e Di Benedetto) e l’Under 16 ha fatto anche meglio, ottenendo la 19esima vittoria in altrettante gare di campionato grazie al 10-0 sul campo del Futbol Talenti (tris di Nuccitelli, doppiette per Colasanti e Palombi e gol di Buccella, Paoletti e Froio).

Continua a leggere

I più letti