Connect with us

Frosinone

FERENTINO: MIGLIAIA DI VISITATORI PER “FERENTINO È …”

Clicca e condividi l'articolo

Il sindaco Antonio Pompeo: “Grande partecipazione popolare ed un ottima riuscita della festa”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Ferentino (FR) – Ampiamente soddisfatto il sindaco di Ferentino Antonio Pompeo in merito all'evento "Ferentino è …" che ha visto la partecipazione di migliaia di visitatori nel centro storico della città. "La nostra città – dichiara Pompeo – in questi giorni è apparsa straordinariamente pronta ad accogliere migliaia di visitatori nel centro storico, ben curato e ospitale. Abbiamo avuto molti attestati di approvazione per questa rassegna, Ferentino è una grande e bella festa, che ha visto un valido lavoro di preparazione e una cura minuziosa. Questi attestati da parte mia e dell’intera Amministrazione sono rivolti a tutti coloro che si sono impegnati e hanno collaborato perché Ferentino fosse preparata a dovere. Dalle Ditte operanti nei servizi e alle manutenzioni, ai dipendenti comunali, ai tanti soci e volontari delle Associazioni, in primis la Pro Loco, che fino all’ultimo si sono adoperati per qualificare ancora più la rassegna. E’ loro il merito della riuscita di questo importante evento, omaggio alla nostra Città e alla generosità dei suoi abitanti, ormai da anni seguita con molta attenzione e favorevole interesse in ambito regionale. Un successo certamente meritato per l’organizzazione, per l’attività di programmazione e lungimiranza di instancabili collaboratori per permettere ai tanti appassionati di avere la possibilità di scoprire eventi particolarmente graditi: musica etnica, orchestre in costume d’epoca, cover band affermate, DJ all’avanguardia nel settore della techno-trance. Ed ancora musica popolare e tradizionale, esibizioni di giovani emergenti, raffinati cantautori e cultori della canzone napoletana. A fianco di artisti, che hanno calamitato il pubblico per eleganza e raffinatezza, la coppia Raimondo Todaro e Francesca Tocca, la madrina Zaira Montico. Ancora, la rassegna FerentinoFotofestival, il convegno sui lavori di recupero del Teatro Romano, la proiezione del film La rete di Santini, le iniziative dell’associazione il Cartello e dei Giovani del FAI, la presentazione del significativo libro del dottor Antonio Bruscoli, volontario per Emergency, gli appuntamenti curati dal Gruppo Volsco, presso Villa Gasbarra. Oltre a lodevoli iniziative di privati che hanno offerto nuovi spazi di aggregazione e intrattenimento, novità come il BEER FEST, dedicata soprattutto ai giovani. E in chiusura, partecipatissimo, il Palio in onore di Celestino V con lo sfarzoso corteo storico, che ha visto sfilare, accanto a gradite Contrade di Città limitrofe, Anagni Alatri Paliano, nuovi gruppi di figuranti delle Scuole, musici e personaggi in costumi, curati in ogni dettaglio, coordinati dalla professoressa Olga Zagorovskaia, giovanissimi sbandieratori, organizzati dall’Associazione il Castello delle Vigne. Diversi i momenti di condivisione e di ritrovarsi insieme, allietati da eventi accolti con piacere ed entusiasmo trascinante, come in Piazza Mazzini, con i ritmi della Pizzica, protagonisti Antonio Amato e Ariacorte, che hanno voluto sul palco il maestro Giuliano Gabriele, ormai riconosciuto tra i più bravi della nuova generazione di virtuosi dell’organetto. A tutti va il mio personale grazie e uno speciale riconoscimento ai residenti del Quartiere di Santa Lucia per la disponibilità e solerzia nel realizzare una vera atmosfera d’altri tempi. Queste sono le manifestazioni che fanno onore a Ferentino."


Soddisfatto anche il Presidente della Pro Loco, Luigi Sonni che ha dichiarato: "Quella della scorsa settimana è stata decisamente una festa ben riuscita e ben organizzata, curata nei minimi dettagli in sinergia tra l’amministrazione comunale e la nostra Associazione, sostenuta dall’impegno e dalle fatiche di molti volontari che si sono uniti a noi nella gestione dell’evento. Grazie anche alla Protezione Civile e alla Croce Rossa. Un saluto, infine alla Delegazione di Rockford; per alcuni componenti, il soggiorno è stata occasione per conoscere il luogo d’origine delle loro famiglie, prima di trasferirsi in America, ed è commovente riscontrare quanto sentimento nutrono per la nostra Ferentino. Vogliamo salutarli ancora una volta con un fraterno abbraccio, augurandoci di essere stati in grado di dimostrare tutto il nostro affetto verso la comunità di emigrati che vogliamo continuare a sentire integralmente concittadini: Jim e Anna Drog, Gino Reali e Palma Cantagallo, Dina Marie Tartaglia e Steve Getty, Evan Henson, Holly Lazzerini e Jay Mathur, Katherine, Lisa e Mark Seck, i coniugi Isabelli. In segno di fratellanza ha donato alla nostra Comunità un simbolico albero della Pace."

 

Cronaca

Cassino, detenzione, porto abusivo di armi e estorsione: fermato un 20enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CASSINO (FR) – All’alba di questa mattina gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Frosinone e del Commissariato di P.S. di Cassino hanno eseguito il fermo di indiziato di delitto a carico di un ventenne residente a Cervaro (Fr) ed effettuato una serie di perquisizioni a carico degli altri soggetti che hanno partecipato alla “spedizione punitiva” culminata nell’esplosione di sei colpi d’arma da fuoco all’indirizzo di un veicolo.

I fatti risalgono alla notte dell’8 maggio scorso, quando il quartetto si determinava nel compiere il gesto ai danni di un giovane di Cassino, che aveva acquistato da uno di loro una partita di sostanza stupefacente, senza saldare il debito. Attraverso una minuziosa ricostruzione dei fatti operata dagli investigatori della Polizia di Stato è stato accertato che i quattro avevano maturato l’idea di compiere il gesto eclatante a scopo intimidatorio, al fine di ottenere il denaro reclamato. I poliziotti, grazie ad attività tecniche, pedinamenti, appostamenti ed alla visione dei filmati registrati dalle telecamere pubbliche e private posizionate lungo il tragitto, hanno potuto ricostruire momento per momento tutto l’accaduto, fino all’esplosione dei colpi all’indirizzo dell’auto in uso alla vittima, identificando tutte le persone a bordo del mezzo dal quale sono partiti i proiettili.

All’esito della scrupolosa indagine, durante la quale sono state rinvenute e sequestrate anche due pistole con matricola abrasa, è stato emesso dal Sostituto Procuratore della Repubblica dr. Bulgarini Nomi, che ha coordinato le attività investigative, il fermo di indiziato di delitto a carico del materiale esecutore degli spari al quale sono stati contestati il reato di detenzione e porto abusivo d’arma da fuoco ed il reato di estorsione, mentre per gli altri è scattata la denuncia per i medesimi capi d’accusa.

Continua a leggere

Cronaca

Cassino, aggredisce brutalmente il nonno poi gli spacca tutti i mobili e l’autovettura perchè non gli consegna i soldi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CASSINO (FR) – 81enne viene aggredito brutalmente dal nipote 32enne a calci e pugni e anche con un coltello dopo il rifiuto, da parte dell’anziano, di consegnare al nipote ulteriori somme di denaro per l’acquisto, verosimilmente, di sostanze stimolanti per lo sviluppo muscolare nell’attività sportiva di body building, di cui il 32enne è un grande appassionato.  

Il nipote, al fine di indurlo a consegnargli quanto richiesto, oltre alle continue minacce di morte, danneggiava anche diversi mobili e suppellettili dell’abitazione, nonché l’autovettura di proprietà dell’anziano.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Cassino che hanno arrestato il nipote, già censito per reati commessi in ambito familiare, lesioni personali, violenza e minaccia, per “tentato omicidio e resistenza al Pubblico Ufficiale”.

All’arrivo dei militari, successivamente supportarti dai Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia e dai Poliziotti del locale Commissariato, nonché dal personale del 118 immediatamente intervenuti, l’aggressore in evidente stato di alterazione psico-fisica (noto per essere gravato da problemi di natura psichiatrica che già in passato ne hanno richiesto il supporto specialistico del Centro di Igiene Mentale di Cassino), si scagliava minacciosamente anche contro gli stessi, desistendo dall’azione solo dopo ripetute intimazioni.

Alla vittima, trasportata presso il locale nosocomio, veniva diagnosticata una “contusione dell’arcata orbitaria sx, escoriazione gomito sx e contusione spalla dx” con una prognosi di gg.7 s.c..  Le armi da taglio utilizzate, consistenti in 2 coltelli da cucina della lunghezza complessiva di circa 35 e 20 centimetri, venivano sottoposte a sequestro.

Il 32enne è stato quindi portato nelle camere di sicurezza della Stazione Carabinieri in attesa delle decisioni della competente Autorità giudiziaria.

Continua a leggere

Castelli Romani

Centro sud, pericolo caduta frammenti razzo spaziale cinese. Il consiglio della Protezione Civile: state al chiuso e ai piani bassi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Ci sono “porzioni” di 9 regioni del centro-sud che potrebbero essere interessate dalla caduta di frammenti del razzo spaziale cinese ‘Lunga marcia 5B’: Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. La previsione di rientro sulla terra è fissata per le ore 2:24 del 9 maggio, con una finestra temporale di incertezza di ± 6 ore.

Le indicazioni arrivano dal Comitato Operativo della Protezione Civile convocato dal capo Dipartimento, Fabrizio Curcio. Il consiglio è di stare al chiuso e non in luoghi aperti dal momento che “è poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici”. Il rientro in atmosfera previsto per la notte tra sabato e domenica.

Le previsioni di rientro, rileva la Protezione civile, saranno soggette a continui aggiornamenti perché legate al comportamento dello stesso razzo e agli effetti che la densità atmosferica imprime agli oggetti in caduta, nonché a quelli legati all’attività solare.

Nell’intervallo temporale considerato sono tre le traiettorie che potrebbero coinvolgere l’Italia

Il tavolo tecnico – composto da Asi, (Agenzia Spaziale Italiana), da un membro dell’ufficio del Consigliere militare della Presidenza del Consiglio, rappresentati del ministero dell’Interno – Dipartimento dei Vigili del Fuoco, della Difesa – Coi, dell’Aeronautica Militare – Isoc e degli Esteri, Enac, Enav, Ispra e la Commissione Speciale di Protezione civile della Conferenza delle Regioni – continuerà, insieme ai rappresentanti delle Regioni potenzialmente coinvolte, a seguire tutte le operazioni del rientro, fornendo analisi e aggiornamenti sull’evoluzione delle operazioni.

“Sulla scorta delle informazioni attualmente rese disponibili dalla comunità scientifica – sottolinea la Protezione civile – è possibile fornire alcune indicazioni utili alla popolazione affinché adotti responsabilmente comportamenti di auto protezione: è poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici, che pertanto sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti”. Si consiglia, comunque, indica il Dipartimento, “di stare lontani dalle finestre e porte vetrate; i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, così determinando anche pericolo per le persone: pertanto, non disponendo di informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono più sicuri i piani più bassi degli edifici.

All’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri dove posizionarsi nel corso dell’eventuale impatto sono, per gli edifici in muratura, sotto le volte dei piani inferiori e nei vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi), per gli edifici in cemento armato, in vicinanza delle colonne e, comunque, in vicinanza delle pareti; è poco probabile che i frammenti più piccoli siano visibili da terra prima dell’impatto; alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero resistere all’impatto. Si consiglia, in linea generale, che chiunque avvistasse un frammento, di non toccarlo, mantenendosi a una distanza di almeno 20 metri, e dovrà segnalarlo immediatamente alle autorità competenti”.

Continua a leggere

I più letti