Connect with us

Cultura e Spettacoli

FESTIVAL DI SANREMO: ECCO COSA E' ACCADUTO DURANTE LA FINALE.

Clicca e condividi l'articolo

Una sfida a suon di televoto che premia i giovani ragazzi de "Il Volo"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Christian Montagna
Una finale magistralmente condotta dal super abbronzato Carlo Conti ha avuto inizio alle 20.45 in diretta dall'Ariston di Sanremo. In tema con la giornata di San Valentino, i primi a salire sul palco sono stati i ballerini, i cantanti e gli attori di "Romeo e Giulietta", il Musical che più di ogni altro sta riscuotendo enorme successo in Italia e all'estero. Conti appare come un gladiatore in un arena sazio dei suoi ascolti record e delle soddisfazioni di Giancarlo Leone direttore di Rai 1. Saluta la schiera di privilegiati in platea e passa a presentare anche i ragazzi della fiction "Braccialetti Rossi 2" record di ascolti. Ma gli ospiti non finiscono perchè arriva il momento della Pfm con la banda dell'Esercito Italiano che nel ricordare i cento anni dalla prima guerra mondiale, si esibiscono in una rivisitata versione del Nabucco. E' il momento poi dei big, primo a cantare Masini. Un attimo prima dell'esibizione però Carlo annuncia un messaggio di incoraggiamento da parte di amici vip. Da Pieraccioni, a Fiorella Mannoia, J- Ax, Alessandra Amoroso, Marco Bocci, Rossana Casale, in tantissimi hanno recato il loro in bocca al lupo ai campioni in gara. Tra un big e un altro Conti presenta le sue vallette, ospita la coppia di anziani coniugi sposati da oltre sessanta cinque anni, ride e scherza fino a quando non comincia a diventare serio e annuncia la super ospite: Gianna Nannini. Visibilmente emozionata e di bianco vestita Gianna canta "Immensità" dal suo ultimo album "Hitalia" e ripropone "Sei nell'anima", sua canzone di enorme successo. Nonostante qualche piccola anticipazione sul tempo di Gianna rispetto alle coriste, il pubblico in platea apprezza molto l'esibizione lodandola con una standing ovation di almeno tre minuti. Improvvisamente arriva vestito come un albero di Natale, l'imitatore per eccellenza, Giorgio Panariello. Divertente più che mai in un monologo affronta numerose problematiche attuali, dalla politica di Renzi, alla cattura del boss Matteo Denaro, al processo di Schettino. In seguito altri ospiti: Ed Sheeran, famosissimo cantante in Italia e nel resto del mondo con le sue note canzoni ha sbancato le classifiche italiane; i Boiler divertenti come sempre intervengono dalla platea con simpaticissime gag che mettono in imbarazzo perfino il duro Carlo; Will Smith che canta "Nel blu dipinto di blu" con la sua simpatia innata e accompagnato dalla bellissima Margot, sua partner in un film che a breve uscirà in Italia; i comici Marta e Gianluca più simpatici che mai ed Enrico Ruggieri che sponsorizza l'AIRC e canta l'ultimo brano scritto. Non sono mancati i riferimenti di Conti ai problemi degli italiani: breve momento per ricordare i lavoratori dell' Ilva di Taranto da mesi senza stipendio; i malati di Sla e i malati di tumore. Il palco però tutto d'un tratto si tinge di serio. Dopo le esibizioni dei sedici big soltanto i primi tre in classifica si sfideranno per la finalissima. Problemi tecnici durante la grafica della classifica che posiziona Nek prima al nono posto e in seguito ai fischi del pubblico sul podio lasciano quell'ombra di dubbio sfociata in insulti e disapprovazioni sul web. Tra i primi tre rientrano Il Volo, Nek e Malika Ayane. Una sfida a suon di televoto che premia i giovani ragazzi de Il Volo. Coriandoli, urla di gioia ed emozioni per la fine di questo sessantacinquesimo Festival di Sanremo.
 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cultura e Spettacoli

Al via la 3 edizione di Pompeii Thetrum Mundi: l’appuntamento con la drammaturgia sul palcoscenico risalente al II sec. a.C.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Al via l’attesissima rassegna di drammaturgia antica ‘Pompeii Theatrum  Mundi’ al Teatro Grande di Pompei giunta alla terza edizione fino al 13 luglio ed è promossa da Teatro stabile di Napoli-Teatro Nazionale e Parco Archeologico di Pompei, in coproduzione con Fondazione Campania dei Festival- Napoli Teatro Festival 2019, Teatro Nazionale di Genova, Teatro di Roma-Teatro Nazionale, Fondazione Matera Basilicata 2019.

L’appuntamento con la drammaturgia sul palcoscenico risalente al II sec. a.C. è divenuto fra le manifestazioni di punta dell’estate a livello nazionale ed offre ai viaggiatori ben tre prime assolute, la rassegna apre con “La Tempesta” di William Shakespeare con la regia di Luca De Fusco dal 20 al 22 giugno; Edipo a Colono regia di Rimas Tuminas e scrittura di Ruggero Cappuccio dal 27 al 29 giugno; Satyricon, dal 4 al 6 luglio di Francesco Piccolo ispirato a Petronio con la regia di Andrea De Rosa; Il paradiso perduto. Leela, dal 11 al 13 luglio nuova creazione di Noa Wertheim di Vertigo Dance Company (Isralele).

Il progetto di Pompeii Thetrum Mundi è quadriennale che prevede una continuità per il 2020 ed è immaginato per il Teatro Grande del più imponente sito archeologico a livello globale e si inserisce nel programma di promozione del Parco archeologico di Pompei dando la possibilità ai visitatori di vivere appieno la grande suggestione dei viaggiatori del passato, nella suggestiva atmosfera degli scavi, e quest’anno sono promossi anche nell’ambito della sezione Progetti speciali della dodicesima edizione del Napoli Teatro Festival Italia diretto da Ruggero Cappuccio. Alla conferenza è avvenuta il 17 giugno al Teatro Mercadante di Napoli ed hanno partecipato il Sindaco di Pompei, Pietro Amitrano, il Direttore generale del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna, l’assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Nino Daniele, il Regista Luca De Fusco, il regista Andrea De Rosa ed il regista Rimas Tuminas. return a.toFixe

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

D-Istanti: il nuovo singolo di Raissa ufficialmente in tutti gli stores digitali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

D-ISTANTI è una nuova produzione per Raissa con la firma del rapper e produttore salentino Cristian Iacobazzi in arte MAD DOPA.

L’unione tra i due artisti nasce esattamente un anno fa con l’uscita di un singolo dal titolo “Luci nella città”
-non si pensava di continuare- dice Raissa – e invece suoniamo talmente bene insieme che sarà un disco intero  a portare la firma e la produzione di MAD DOPA.

Un singolo fresco, estivo ma non banale. L’importanza dei testi infatti per i due artisti è fondamentale.
Lanciare un messaggio, una delle tante ambizioni dell’arte.
“Non sempre ci si riesce ma questo è quello in cui speriamo”.

D-ISTANTI ha un significato importante ed ambivalente ovvero la condizione contrastante d’amore e difficoltà che spesso le coppie vivono, soprattutto al giorno d’oggi dove ognuno afferma in primo piano la sua personalità.

Spesso le donne tendono a concludere in anticipo e ad idealizzare molto prima un sentimento, riescono a materializzarlo, a guardarlo anche con gli occhi del futuro.
L’uomo difficilmente invece tende a sbilanciarsi se non è proprio sicuro di ciò che sta provando.


D-ISTANTI parla di distanze appunto e istanti da vivere. Racconta la rivelazione dell’amore e la sua grande semplicità ma svela anche l’immensa fatica che si fa a raccontarselo.
D-ISTANTI risuona l’importanza della comunicazione, di quanto sarebbe davvero più facile “parlare” con la verità piuttosto che lasciarsi convincere dall’orgoglio che è più semplice scappare che tenere insieme un sentimento.

Un singolo che poi ritroveremo in un intero concept-album che ha il solo scopo di raccontare l’amore e i sentimenti, quelli puri, quotidiani, quelli ai quali molto spesso non crediamo perdendo gli istanti migliori che la vita possa offrirci.

Questo è D-ISTANTI , dal 14 Giugno on-line e su tutti i digital stores!

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Castel Gandolfo: riaprono al pubblico i Ninfei Dorico e Bergantino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La Soprintendenza, in occasione delle Giornate dell’archeologia in Europa che si terranno dal 14 al 16 giugno, organizza delle visite guidate a cura dei funzionari della Soprintendenza nei Ninfei Dorico e Bergantino a Castel Gandolfo, nel pomeriggio di sabato 15 giugno.

Monumenti che si collegano agli importanti impianti residenziali di epoca repubblicana e imperiale dell’area dei Castelli Romani, i Ninfei caratterizzano il paesaggio attorno al lago di Castel Gandolfo. Il Ninfeo Dorico prende il nome dalla trabeazione in stile dorico che si accompagna ad una architettura di grande qualità, mentre il Bergantino, dall’imbarcazione “Il Brigantino” che il papa Alessandro VII soleva riporvi nel XVII secolo; ma la sua storia si lega a quella della fastosa residenza dell’imperatore Domiziano, di cui era un annesso di grande fascino, richiamando nello stile una grotta naturale e ornato com’era da un ciclo statuario mitologico.

Le visite guidate porteranno i visitatori alla scoperta di un passato ricco di cultura e storia.

Informazioni e prenotazioni

Luogo di ritrovo: incrocio tra via A. Gramsci e via dei Pescatori (sul Lago, davanti al Ninfeo Dorico). Le visite partiranno dal Dorico e proseguiranno al Bergantino in due turni: ore 16.00 e ore 17.30.

È necessario prenotarsi alla e-mail: simona.carosi@beniculturali.it 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Giugno: 2019
L M M G V S D
« Mag    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it