Connect with us

Roma

FIAMME GIALLE FRASCATI, SEQUESTRATI IMMOBILI PER 10 MILIONI DI EURO

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Il piano dei soci dell’”Autocentro Montecarlo” di Frascati era chiaro: l’attivo patrimoniale doveva essere dirottato altrove, mentre i debiti, ormai superiori ai dieci milioni di euro, dovevano essere gestiti da un nuovo amministratore.  

Per attuare il loro proposito, i due soci avevano, quindi, costituito due nuove società, inizialmente sottocapitalizzate. Con poche manovre, avevano, quindi, trasferito a queste “newco” tutto ciò che di buono era rimasto nell’”Autocentro Montecarlo”, facendo in modo, con un complesso gioco di “scatole cinesi”, che la titolarità delle relative quote figurasse in capo ad una società di diritto svizzero.

La concessionaria, a quel punto svuotata dell’attivo, era, quindi, stata affidata ad un nuovo amministratore, un prestanome ultraottantenne già conosciuto per fatti di bancarotta e con incarichi di responsabilità in oltre trecento società. 

Prima, però, che il Tribunale di Velletri decretasse l’insolvenza della società, i Finanzieri del Comando Provinciale di Roma avevano rinvenuto, nelle celeri ed azzardate operazioni di cessione e trasformazione, un chiaro indice della volontà dei due di portare a bancarotta l’”Autocentro Montecarlo” e ripartire da zero con le due nuove società, chiaramente riconducibili a loro nonostante il complesso filtro elvetico. La tempestiva azione della Fiamme Gialle del Gruppo di Frascati ha, quindi, permesso di limitare il danno che avrebbero sofferto i dipendenti ed i creditori sociali.

In questi giorni gli sviluppi: i militari, coordinati dal pool di magistrati che si occupa di criminalità economica – recentemente istituito dal Procuratore Capo della Procura di Velletri – Dr. S. Piro -, hanno eseguito numerose perquisizioni locali e sottoposto a sequestro preventivo – disposto dal G.I.P. del Tribunale di Velletri – due immobili commerciali aventi un valore complessivo di oltre dieci milioni di euro.  

Dall’esame della documentazione bancaria, sarebbe emersa anche una condotta fraudolenta ai danni di alcuni creditori ed a vantaggio di un noto istituto di Credito che sarebbe stato privilegiato attraverso il rafforzamento del suo credito con un’ipoteca su uno degli immobili della fallita.  

Bancarotta fraudolenta e bancarotta privilegiata dono le ipotesi di reato contestate agli otto soggetti indagati, fra cui i soci della fallita, gli amministratori, due “teste di legno” e due professionisti che avrebbero “pilotato” la realizzazione del piano. Gli inquirenti stanno ora vagliando la documentazione sequestrata presso l’istituto di credito privilegiato nel soddisfacimento del credito, da cui potrebbero derivare altre sorprese.

Commenti

Metropoli

Bracciano, minore aggredito da gruppo di bulli: arresti e denunce

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO – Pochi giorni fa, un gruppo di cinque “bulli” (tra i 19 e 24 anni di età), per futili motivi ha preso di mira un ragazzo minorenne all’interno del parco comunale di Piazza degli Ulivi. Dapprima, lo hanno circondato e percosso ripetutamente, assicurandosi di non essere visti da eventuali testimoni; successivamente, si sono appropriati del suo giubbotto e della felpa, per poi scappare via.
A seguito delle ferite, la vittima è stata medicata presso l’Ospedale di Bracciano e dimessa con alcuni giorni di prognosi.

In data odierna, a conclusione delle indagini volte identificare gli ignoti aggressori e coordinate dalla Procura di Civitavecchia, i Carabinieri del NORM e della Stazione di Bracciano hanno eseguito un’Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dall’omonimo Tribunale nei confronti di 5 giovani, responsabili dell’accaduto.
In particolare, due 21enni italiani e pregiudicati, sono stati tratti in arresto, mentre altri 3 ragazzi sono stati sottoposti alla misura cautelare dell’Obbligo di Dimora.
Nel corso delle perquisizioni presso le abitazioni degli indagati, è stato ritrovato il giubbotto asportato alla vittima.
Altresì, lo scorso mese di dicembre, uno dei rei era stato già denunciato dai Carabinieri a Trevignano Romano, per aver pesantemente danneggiato le luminarie natalizie installate nel locale giardino comunale.

Attualmente, sono in corso accertamenti per verificare se altri ragazzi abbiano subito simili vessazioni dal gruppo.

Gli arrestati sono stati sottoposti agli Arresti Domiciliari.

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, guadagni d’oro con lo spaccio di droga: due arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

VELLETRI (RM) – I Carabinieri della Stazione di Velletri hanno arrestato un 52enne e un 24enne del posto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, i militari hanno controllato il 24enne per strada, constatando che lo stesso appariva piuttosto nervoso e agitato. Ciò posto, decidevano di estendere le verifiche ad un’abitazione in uso allo stesso, collocata in un limitrofo condominio, ove appuravano la presenza del 52enne e rinvenivano, al termine di un’accurata perquisizione, nascosto all’interno di una piccola cassaforte, un vero e proprio “kit dello spaccio”, costituito da 51,00 grammi di cocaina, bilancini di precisione, materiale per confezionamento e 170,00 euro in contanti.

Gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, Cuccioletta (Fdi) su Consiglio comunale impianto Roncigliano: “Speriamo che non sia troppo tardi per impedire riapertura”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roberto Cuccioletta, coordinatore di FDI di Albano: “Con estremo piacere e soddisfazione prendiamo atto che nel prossimo consiglio comunale, convocato lunedì 3 alle 17 in prima convocazione e alle 18 in seconda, è in discussione all’ordine del giorno un punto sull’impianto TMB di Roncigliano. E’ di pochi giorni fa, infatti, l’appello del nostro capogruppo Federica Nobilio, a nome di tutto il gruppo consiliare Massimo Ferrarini, Marco Silvestroni ed Edmondo Segrella, di riferire in Aula sul destino dell’impianto. Prendiamo atto che solamente oggi si decida di farlo, atteso che il PD era a conoscenza dei fatti già dal mese di luglio del 2019, come da loro stesso dichiarato. Nella speranza che non sia troppo tardi per impedire la riapertura del sito, sarà l’occasione lunedì per fare chiarezza sui fatti e sulle prospettive future. Invitiamo tutti i cittadini interessati a partecipare alla seduta di lunedì. La politica del territorio è, soprattutto, partecipazione

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Gennaio: 2020
L M M G V S D
« Dic    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it