Connect with us

Metropoli

Fiano Romano, Fratelli d’Italia commissariata a sorpresa. Simona Bossi: “Spianata la strada per un accordo elettorale”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

In una nota Simona Bossi, antropologa ed esponente di Fratelli d’Italia di Fiano Romano racconta cosa è successo in ambito locale nel partito di Giorgia Meloni. Ecco la nota:

“Col commissariamento del territorio per mano di Marco Silvestroni, che nomina, lo scorso 27 aprile,
Federico Palla come unico titolare di pieni poteri, è stata cancellata con un colpo di spugna tutta la
comunità di militanti presenti a Fiano Romano da cinque anni, probabilmente con l’intento di sostituirla con persone “diverse”: questo gesto pare sia stato formalmente consentito dalla mancata registrazione dei moduli di tesseramento consegnati al partito lo scorso novembre, insieme alle quote previste, stando a quanto affermato da Palla durante una telefonata a viva voce intercorsa tra lui e il portavoce della locale “presunta” sezione lo scorso 27 aprile, quando siamo stati informati del commissariamento CONTESTUALMENTE al comunicato stampa inoltrato dalla Provincia di Roma.

I fatti

Nel novembre 2020 vengono consegnati i moduli del tesseramento 2021, con le relative quote in
denaro, da Massimo Baldarelli, portavoce del locale gruppo FDI, a Marco Vis conti, delegato all’ambiente
FDI al comune di Roma. Successivamente diversi e vari sono stati i tentativi di interloquire con i vertici del partito riguardo la gestione dei rapporti con le altre forze politiche di centro destra sul territorio, ma a nulla è servito, fino a quando lo scorso 27 aprile Marco Silvestroni ha commissariato Fiano Romano a favore di Federico Palla, che al telefono giustificava tale scelta affermando che nulla, né tesserati né circolo, risultava al partito.
Questo commissariamento è avvenuto a sfregio della LEALTA’, della COERENZA, dell’ONESTA’ di un gruppo coeso che nel tempo è stato protagonista di molte iniziative sul territorio, volte alla “crescita e al
radicamento del partito a Fiano Romano” , nonché alla promozione di candidati regionali e nazionali, poi eletti e tutt’ora in carica; su tutti cito l’evento del 18 novembre 2016 (di cui allego foto del volantino) svolto alla presenza dell’ On. Fabio Rampelli che, in quell’occasione, presenziò anche all’inaugurazione ufficiale della sede FDI locale, tutt’ora attiva a spese, ovviamente, della sottoscritta.
Ora ci chiediamo che fine abbiano fatto le nostre quote d’iscrizione, però sappiamo bene perché tutto ciò è avvenuto: si tratta dell’ultimo atto di un progetto che fonda le proprie radici nello scorso anno e volto a spianare la strada ad un accordo elettorale che, a Fiano Romano, “qualcuno” aveva deciso che si realizzasse con Lega e Forza Italia, ma che il nostro gruppo non vedeva di buon occhio, data la palese inconciliabilità di valori, provenienze politiche, obiettivi programmatici, nonché data la mancanza di stima reciproca fra le persone componenti i diversi schieramenti locali; adesso dobbiamo prendere atto che i valori che tutt’ora ci muovono, gli obiettivi, che per quanto ci riguarda sono esclusivamente volti al bene della comunità, NON coincidono con quelli del nostro, ormai, ex partito.
E adesso si spiega perché già lo scorso settembre stava per essere dato alla stampa un manifesto, di cui
alleghiamo foto con data certa, che dava già per scontato ciò che noi non avevamo assolutamente avallato (incluso il nome del candidato sindaco), fatto questo che, alla luce degli ultimi fatti, sarebbe facilmente riconducibile a un “disegno progettuale” già ben definito.
Non possiamo non desumere, corroborati dal silenzio assordante, degli ultimi 3 mesi e mezzo, dei vertici di FDI alle nostre richieste di contatti e chiarimenti, che interessi più grandi di quanto potessimo immaginare abbiano guidato queste scelte, interessi che, evidentemente, avvantaggiano qualcuno a danno di chi, per cinque anni, ha prestato il proprio tempo e il proprio denaro solo per promuovere le battaglie in cui crede, gli Ideali, i Valori, ma mai gli interessi personali, a partire da quando il partito non raggiungeva ancora il 5% dei consensi accompagnandolo fino al raggiungimento dell’attuale 18%.

Stiamo valutando un’azione legale affinché vengano svolte accurate indagini sulla gestione dei fondi
raccolti attraverso le quote di tesseramento. Considerato lo sfoggio delle battaglie di Onestà e Legalità, e contro gli “inciuci”, promosse dal leader di FDI Giorgia Meloni, scoprire del torbido proprio qui è stata davvero un’amara sorpresa”.
Simona Bossi

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In evidenza

Concorsopoli, clamorosi “salti” nella graduatoria di Allumiere: due “idonei” mai chiamati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Prosegue l’analisi degli atti che riguardano il famoso concorsone di Allumiere che ha visto una infornata di portaborse, parenti di politici e amici di… essere assunti a tempo indeterminato alla Pisana. Nonostante gli annunci ancora non risulta pubblicato alcun annullamento in autotutela del concorso indetto dal Comune di Allumiere da cui hanno pescato nomi eccellenti sia i comuni della provincia romana, sia la Pisana. Questo giornale ha verificato un fatto molto importante: alcune persone risultate idonee e presenti nella graduatoria non sono state mai chiamate.

A Guidonia è stato assunto Marco Cirilli che risulta al 66° posto della graduatoria provvisoria mentre non sono mai state chiamate da nessun Comune le signore Marianna Sardoni e Alice Bruschi, rispettivamente al 13° e 14° posto della graduatoria provvisoria di merito.

Qualcuno dovrà spiegare le motivazioni per le quali il Comune di Allumiere non ha comunicato ai Comuni che ne hanno fatto richiesta i nominativi di queste due persone.

Questa ulteriore grave rilevanza si somma al fatto che Andrea Mori, presidente della commissione del concorsone di Allumiere risulta il solo ad aver firmato il verbale del 16 luglio 2020 che riguarda la composizione della prima fortunatissima batteria di nomi che sono finiti tutti in Pisana e al Comune di Guidonia.

Continua a leggere

Metropoli

Concorsopoli, salta la testa di Mori al Comune di Allumiere: spunta il giallo delle firme

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Revocato l’incarico di responsabile del personale ad Andrea Mori presso il Comune di Allumiere. Oggi è stata pubblicata la determina di “rescissione per giusta causa” del contratto a tempo determinato di Mori, presidente della commissione dell’ormai famoso “concorsone” di Allumiere.

Nei giorni scorsi è stato già ascoltato dai Carabinieri come persona informata sui fatti.

Andrea Mori risulta il solo ad aver firmato il verbale del 16 luglio 2020 che riguarda la composizione della prima fortunatissima batteria di nomi che sono finiti tutti in Pisana e al Comune di Guidonia.

Come mai gli altri due componenti non hanno firmato proprio quel verbale che ha visto l’infornata di assunzioni di amici di… parenti di politici e portaborse, mentre hanno firmato tutti gli altri verbali? Forse non erano d’accordo?

Continua a leggere

Metropoli

Colleferro: picchia, insulta e minaccia la madre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

COLLEFERRO (RM) – I Carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno arrestato un 30enne originario di Colleferro, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di maltrattamenti in famiglia nei confronti della madre.

A seguito della richiesta di aiuto di una 58enne rimasta ferita dall’ennesima aggressione subita per futili motivi da parte del figlio, i Carabinieri della Stazione di Segni e del NORM della Compagnia di Colleferro sono intervenuti nell’abitazione dei due, bloccando l’aggressore che stava ancora colpendo la madre con calci e pugni, evitando il peggio, e soccorrendo la vittima.

I Carabinieri non solo hanno ricostruito l’accaduto ma hanno delineato come il 30enne aveva posto in essere nei confronti della madre convivente atteggiamenti provocatori fatti di insulti, minacce e aggressioni verbali al punto che la vittima non ha potuto fare altro che cambiare le proprie abitudini di vita.

Portata alla luce l’escalation di violenze commesse dal figlio violento, i Carabinieri lo hanno arrestato e tradotto presso il carcere di Velletri, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Continua a leggere

I più letti