Connect with us

Sport

Finali U19, F&D H2O battuta all’esordio da Orizzonte (11-18)

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Iniziate le finali scudetto under 19 a Firenze. L’F&D H2O Velletri, guidata da mister Daniele Di Zazzo e mister Cristian Di Zazzo, esordisce con una sconfitta al cospetto della quotata Ekipe Orizzonte. Veliterne in partita, ma costa caro il black out dei primi due tempi: è in questo frangente, infatti, che le siciliane prendono le distanze e a nulla serve il tentativo di rimonta dell’ultimo quarto. Nella prima frazione l’Ekipe chiude sul 6-0, mentre nel secondo tempo il parziale è di 7-3. Si va dunque a metà gara sul 13-3, con le marcature dell’F&D H2O siglate da Bertini (doppietta) e Colletta. Nel terzo tempo sono ancora le siciliane a tenere il campo, con la compagine di Di Zazzo che va a segno grazie a Magno. La situazione si ribalta nell’ultimo parziale, dove sono ben sette le marcature laziali: De Marchis (doppietta), Clementi (doppietta), Colletta (tris). Il finale, però, recita un netto 11-18 in favore delle avversarie. Per la compagine del presidente Perillo c’è molto da lavorare per restare nella competizione, e lo ha confermato anche Daniele Di Zazzo a fine partita: “Sicuramente in acqua l’Orizzonte si è dimostrata squadra dura da affrontare, ma non è possibile che una compagine così fallosa venga premiata nei primi due tempi con 13 espulsioni a favore contro le due per noi. Un nostro giocatore ha finito con un dente rotto… Dopo i primi due tempi e il danno subito le cose sono cambiate nel terzo e quarto tempo con la partita oramai compromessa. Non mi sembra un comportamento corretto da parte di chi dovrebbe tutelare gli atleti. Tolto questo, che non è poco, dopo che sono stato seduto per tutto il tempo accettando il verdetto del campo, sull’infortunio della nostra atleta mi sono alzato e civilmente ho fatto presente al direttore di gara che non si doveva arrivare a ciò e che doveva tutelarla prima visto che erano 5/6 azioni che cercavo di fagli notare il gioco falloso che si stava vedendo, ma egli invece di chiamare il medico e prendere in mano la situazione mi ha dato anche il giallo. Si guarda avanti e pensiamo alle altre, complimenti all’Orizzonte per il gioco espresso ed il risultato conseguito, noi ci rifaremo”.

F&D H2O: Meccariello, Aprea, Magno (1), De Marchis (2), Cappelluti, Carosi, Amedeo, Bertini (2), Piscopo, Clementi (2), Colletta (4), Baldo, Ramellini. Allenatore: Di Zazzo.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Grottaferrata calcio a 5, Moira Masi: “Un plauso a mister e ragazzi per la serietà del loro impegno”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Grottaferrata (Rm) – Secondo successo per il Grottaferrata calcio a 5 nel torneo “Provincia di Roma”. La squadra criptense ha piegato per 3-1 l’Us Cures grazie alle reti di Finiello, Fabi e Cicero e ha confermato di essere tra le formazioni più quotate della competizione, issandosi subito in vetta al suo girone. Al fianco dei ragazzi, come sempre da diversi mesi a questa parte, c’è stato il direttore generale e dirigente di campo Moira Masi, la sorella del presidente Manuel. “Già da qualche mese c’è stato bisogno del mio contributo per questa società e per questo gruppo, ad esempio nella applicazione dei protocolli Covid e nella gestione di alcune pratiche burocratiche, come anche per le questioni logistiche. Anzi approfitto per ringraziare il “Green House” di Santa Maria delle Mole per la squisita ospitalità che ci ha fornito in questa stagione. E’ ovvio che, stante il nome che portiamo, per la prossima stagione auspichiamo che si possa trovare uno spazio di un paio d’ore ogni due settimane presso il palazzetto dello sport di Grottaferrata per poter far giocare questa squadra nella sua città”. Nella sfida di sabato scorso ha messo la maglia da giocatore anche mister Simone Piscedda: “E’ un vero e proprio punto di riferimento per i ragazzi – dice la Masi – Gli dobbiamo molto sia come persona che come allenatore. Se ha giocato qualche scampolo di partita è solo per dare un “esempio pratico” ai ragazzi di come bisogna stare in campo”. Il direttore generale conclude con alcuni ringraziamenti: “A mio fratello Manuel che è davvero il presidente che vorrebbero tutti: con la sua trasparenza e correttezza ha tenuto in piedi questo gruppo e i ragazzi lo hanno apprezzato. E poi a tutto il gruppo che ha saputo creare uno spirito di squadra fortissimo e che si è sempre allenato con costanza, anche nei periodi più complicati delle restrizioni anti-Covid. E’ vero che come club abbiamo investito tantissimo già in quest’annata e purtroppo le problematiche della pandemia ci hanno frenato, ma siamo consci di aver gettato comunque una base importante in vista della prossima stagione”.

Continua a leggere

Calcio

Sporting Ariccia (calcio, Eccellenza), primo punto. Anastasio: “Ma qualche rammarico è rimasto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Ariccia (Rm) – Lo Sporting Ariccia ha conquistato il primo punto nel “nuovo” campionato di Eccellenza. E’ accaduto ieri, nel match interno contro il Gaeta terminato con un pirotecnico 3-3. “E’ stata una partita molto simile a quella di domenica scorsa sul campo dell’Anzio in cui eravamo in vantaggio per 2-0 e poi abbiamo perso 4-2 – racconta l’esterno classe 1995 Cristian Anastasio – Anche ieri siamo andati avanti con una doppietta di Longo, poi abbiamo subito due gol su tre da calcio piazzato, un aspetto su cui dobbiamo assolutamente migliorare. La cosa positiva è che la squadra non ha mollato, ha pareggiato i conti con Fortini nel finale e in extremis ha pure sfiorato il controsorpasso con Santini. Con l’Anzio (in cui erano andati a segno inizialmente De Angelis e lo stesso Anastasio per gli ariccini, ndr) la partita era stata caratterizzata da alcuni episodi non fortunati, come l’espulsione per doppio giallo a Sardilli sull’2-1 a nostro favore e poi quella del portiere Sciarra dopo il 2-2. Inoltre nel finale avevamo finito anche i cambi e così in porta è dovuto andare Casciotti, un giocatore di movimento, e l’Anzio ne aveva approfittato per segnare altre due reti e vincere per 4-2”. In ogni caso il gruppo di mister Eliano Trinca ha dimostrato di non essere già in vacanza: “Abbiamo riscattato nelle ultime due partite la brutta precedente sconfitta interna con l’Indomita Pomezia, ora con un morale sicuramente migliore prepariamo la partita di domenica prossima sul campo dell’Astrea, quarta forza del girone. Anche loro sono una squadra importante, hanno un attaccante molto valido come Di Curzio che conosco bene, ma noi vogliamo sbloccarci anche dal punto di vista delle vittorie. D’altronde non ci siamo praticamente mai fermati nel periodo del blocco dei campionati e quindi è difficile spiegare tutte le difficoltà di questa seconda fase, ma non ci arrendiamo sicuramente”.

Continua a leggere

Sport

Atletica Frascati, Pavoni col botto sugli 800: “Posso scendere ancora almeno di un secondo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Ha iniziato a fare atletica da tre anni, ma ha fatto immediatamente vedere tutte le sue qualità. E nello scorso fine settimana le ha confermate. Nicolas Pavoni, 23enne atleta della Rcf Roma Sud (la società che si occupa dei grandi, “consorella” dell’Atletica Frascati che dedica al settore giovanile), ha ottenuto il gran tempo di 1’50’’57 sugli 800 metri nella recente manifestazione regionale Assoluti andata di scena al “Paolo Rosi” di Roma. “Sabato ero sceso in pista per i 1500 che non erano andati benissimo e ho deciso di risparmiarmi l’ultima parte di gara per conservare energie in vista degli 800 di domenica – racconta Pavoni – La strategia ha funzionato e sono riuscito ad ottenere la quinta miglior prestazione stagionale italiana, ma sono convinto di poter scendere ancora almeno di un secondo nei prossimi appuntamenti”. Il primo di questi arriverà nel week-end del 22 e 23 maggio, poi Pavoni si cimenterà anche in qualche gara fuori regione: “Quale specialità preferisco? Mentalmente ritengo l’800 più spettacolare, ma forse fisicamente sono più portato per i 1500”. Papà italiano e mamma marocchina, Pavoni ha cominciato atletica quasi per caso: “E’ stato mio zio Lenisio a suggerirmi di provare con l’Atletica Frascati che lui conosceva per gli ottimi risultati da sempre ottenuti in questa disciplina. Quando ho conosciuto il presidente Sandro Di Paola non ho avuto più dubbi e a lui devo tanto della mia crescita tecnica perché è estremamente coinvolgente e stimolante. Anzi ho un po’ di rammarico per aver iniziato tardi, ma ora sono concentrare nel migliorarmi giorno dopo giorno”. Il 23enne mezzofondista della Rcf Roma Sud, che come miglior risultato in carriera ha ottenuto il titolo di vice campione italiano di staffetta di cross nel 2019, rivela il suo sogno nel cassetto: “Sarebbe bellissimo un giorno fare qualche gara con la pettorina della Nazionale”.
Nello scorso week-end vanno segnalati altri risultati importanti: Giulio Luciani è rientrato dopo due anni di assenza sulla specialità dei 400 ostacoli e ha ottenuto un eccellente secondo posto assoluto dietro un atleta delle Fiamme Azzurre, nonostante tanti errori. Il tempo finale di 54’70 è al momento nella top 5 delle liste nazionali stagionali Juniores. Nel settore giovanile la cadetta Ginevra Di Mugno ha corso in totale solitaria i 1000 metri a Lanuvio, sfiorando il limite dei 3 minuti (3’00’’51) e facendo segnare un tempo che è nella top cinque delle liste nazionali stagionali Under 16 (mentre sui 2000 metri ha il primo tempo nella sua categoria, fissato il 16 aprile scorso). Infine da segnalare lo show dei giovani Under 14 dell’Atletica Frascati che sabato a Velletri hanno portato a casa sei vittorie su sette triathlon differenti (con ciascun atleta che prendeva parte a tre gare). Di rilievo la prova di Sofia Iacoangeli che ha stabilito il nuovo record regionale nel triathlon ragazze sulle specialità dei 60 ostacoli, dell’alto e del vortex.

Continua a leggere

I più letti