1

Finlandia, governo: tempi duri per le televendite

Anche in Finlandia, come in Italia e tanti paesi del libero mercato, i consumatori sono quotidianamente assillati da venditori mediante telefonate per telepromozioni e televendite

Katri Väänänen

Una proposta di riforma legislativa, che si applica tra l’altro al telemarketing e alla vendita a domicilio, è arrivata all’esame del Parlamento (Eduskunta) dopo che il governo ha redatto una sua proposta in materia il 17 febbraio 2022. Modificando la proposta avanzata da un gruppo di lavoro che si è occupato della questione, quella governativa prevede l’introduzione della conferma scritta per le vendite effettuate tramite telemarketing. L’Autorità finlandese per la concorrenza e i consumatori (FCCA) la considera iniziativa molto importante dal punto di vista del consumatore.

La ricerca ha dimostrato che il telemarketing causa molti problemi ai consumatori e la FCCA aveva chiesto da tempo una regolamentazione più severa. La proposta di normativa sul telemarketing, in discussione contestualmente alla cd. Direttiva Omnibus, entrerà in vigore il 1° dicembre 2022 mentre alcune disposizioni della entrano in vigore già dal 28 maggio 2022. La normativa in questione apporterebbe molti miglioramenti alla tutela dei consumatori, il più importante dei quali è appunto la conferma scritta delle vendite tramite telemarketing.  La conferma scritta andrebbe a vantaggio soprattutto dei consumatori vulnerabili, offrendo loro sicurezza e tempo per considerare i loro acquisti; la conferma scritta delle vendite di telemarketing significherebbe che, dopo una chiamata di marketing, il venditore sarebbe tenuto a inviare al consumatore un’offerta scritta. Se il consumatore non conferma l’offerta per iscritto, l’accordo non sarebbe vincolante per il consumatore. La conferma scritta darebbe al consumatore il tempo di acquisire maggiore familiarità con il contenuto dell’accordo e ciò ridurrebbe il rischio di disguidi, incomprensioni e pressioni da parte del venditore e le decisioni di acquisto sarebbero meglio considerate. La conferma scritta migliora soprattutto la posizione dei consumatori la cui capacità di comprendere il contenuto di un accordo stipulato per telefono è ridotta da fattori quali età, malattia o competenze linguistiche limitate. Un ampio sondaggio (in finlandese) condotto dalla FCCA nel 2020 indica sia una chiara necessità di una regolamentazione più rigorosa del telemarketing, sia che tale iniziativa ha un forte sostegno tra i consumatori. Nel sondaggio, oltre l’80% dei consumatori non  considerava il telemarketing un modo piacevole o utile di acquistare. “Situazioni di telemarketing sorgono inaspettatamente e spesso è difficile capire il contenuto dell’accordo. Una conferma scritta eviterebbe molti problemi, e la proposta del Governo dimostra che le voci dei consumatori sono state ascoltate”, afferma il Difensore Civico dei Consumatori,(Ombudsman), Katri Väänänen. Oltre a sostenere la conferma scritta delle vendite di telemarketing, l’Ombudsman si è espresso a favore di misure tra cui il cosiddetto modello opt-in che tutelerebbe ancora meglio i consumatori. In tali casi, il telemarketing sarebbe consentito solo ai consumatori che hanno dato il consenso preventivo ad essere contattati. Poiché però il governo propone che la conferma scritta non sia necessaria per la vendita di contratti di servizi di comunicazione, come ad esempio abbonamenti telefonici, il difensore civico dei consumatori ritiene che questa esclusione non abbia alcuna giustificazione, poiché, sebbene i servizi di comunicazione siano coperti da una loro legislazione speciale, non offre ai consumatori la stessa protezione di una conferma scritta.

Modifiche significative per la vendita a domicilio

La proposta del Governo mira anche a trovare soluzioni ai problemi legati alla vendita a domicilio estendendo il diritto di annullare una vendita ai prodotti su misura qualora il venditore si sia avvicinato al domicilio del consumatore non invitato. Inoltre, se non esiste il diritto di annullare un contratto di vendita a domicilio e il venditore non ne fa menzione, il contratto non sarà vincolante per il consumatore. Il consumatore che voglia invocare la natura non vincolante di un accordo deve informarne il commerciante entro 12 mesi dalla firma del contratto. Il numero di problemi nelle vendite a domicilio è salito alle stelle dopo il 2014, quando sono state imposte restrizioni al diritto di recesso. Un diritto di recesso ampliato offre ai consumatori maggiore sicurezza e consente una considerazione più approfondita a seguito di una situazione di vendita imprevista, ed una maggiore chiarezza nelle regole di cancellazione faciliterebbe anche la situazione dei venditori. Tutte problematiche non dissimili da quelle che deve affrontare il consumatore italiano.