Connect with us

Esteri

Finnair a gonfie… ali: la compagnia finlandese recluta 100 piloti

Clicca e condividi l'articolo

Lo stipendio medio, non iniziale,di un pilota Finnair si attesta sugli 11mila euro mensili.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo


di Gianfranco Nitti

La compagnia di bandiera finlandese, Finnair, diversamente da tante sue consimili europee, che navigano in turbolenze finanziarie più o meno agitate, non se la passa male ed ha deciso, alla luce dei suoi recenti risultati di bilancio, di avviare il reclutamento di un centinaio di piloti, per sostenere la crescita della compagnia. Jari Paajanen, responsabile delle operazioni di volo di Finnair spiega che la stessa “sta sviluppandosi ad un ritmo sostenuto, e la flotta rinnovata nonchè il crescente numero di collegamenti stanno aprendo nuove opportunità per chi voglia scegliere la carriera di pilota da capitano ad istruttore di volo” Possono quindi far domanda di selezione ed ammissione alla scuola di volo sia piloti già operativi che aspiranti al brevetto. I programmi di formazione variano in durata tra i 18 ed i 24 mesi ed i costi vanno dai 15mila ai 29mila euro anche se sono previste possibilità di concessione crediti. Occorre far domanda entro il 31 agosto e la conoscenza anche della lingua finlandese non è più richiesta, essendo sufficiente l’inglese. Lo stipendio medio, non iniziale,di un pilota Finnair si attesta sugli 11mila euro mensili.

Lo scorso maggio, la compagnia aveva annunciato il reclutamento di circa 350 addetti di cabina ed assistenti di volo, reclutamento che partirà in settembre.
Candidature qui:

https://company.finnair.com/en/careers/pilots

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Esteri

Sale la paura: l’Isis rivendica l’attacco ai militari italiani in Iraq

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

L’Isis ha rivendicato su Site l’attacco ai militari italiani in Iraq. Nell’attentato esplosivo cinque i feriti, di cui tre in gravi condizioni.

“Abbiamo seguito con grande preoccupazione l’attacco ai militari italiani in Iraq e seguiamo da vicino gli sviluppi”. Così l’Alto rappresentante dell’Ue Federica Mogherini esprimendo vicinanza alle autorità italiane, al suo arrivo alla riunione dei ministri degli Esteri dell’Ue.

L’attentato, riferisce lo Stato maggiore della Difesa, è avvenuto la mattina di domenica 10 novembre quando un Ied, un ordigno esplosivo rudimentale, è detonato al passaggio di un team misto di Forze speciali italiane in Iraq. Il team stava svolgendo attività di addestramento (“mentoring and training”) in favore delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis. L’attentato è avvenuto intorno alle 11 locali, nella zona di Suleymania, nel Kurdistan iracheno. Ad essere coinvolti sono stati i commandos della task force presente in quell’area, che stava svolgendo un’attività di supporto ad una unità di forze speciali dei Peshmerga. I cinque feriti, sempre secondo quanto è stato possibile apprendere, sono tre incursori della Marina (appartenenti al Goi, il Gruppo operativo incursori) e due dell’Esercito (9/o Col Moschin). I cinque militari coinvolti dall’esplosione sono stati subito soccorsi, evacuati con elicotteri USA facenti parte della coalizione e trasportati in un ospedale “Role 3” dove stanno ricevendo le cure del caso.

Tre dei cinque militari sono in condizioni gravi, ma non sarebbero in pericolo di vita. I tre militari sono tutti in prognosi riservata ed attualmente ricoverati in un ospedale militare a Baghdad. Dei tre il più grave ha riportato un’emorragia interna; un altro ha perso alcune dita di un piede e il terzo ha gravissime lesioni a entrambe le gambe, che sono state parzialmente amputate. Gli altri due militari coinvolti nell’esplosione, invece, hanno riportato solo micro fratture e lesioni minori.

Attentato con finalità di terrorismo e lesioni gravissime, reati per i quali procede la Procura di Roma che ha aperto un fascicolo di indagine. Le indagini sono state affidate dal pm Sergio Colaiocco ai carabinieri del Ros.

L’attentato in Iraq ai militari italiani è “il rischio” che corre chi “opera sul campo”: perché l’addestramento “non si fa in una caserma ma sul terreno”. Lo dice il generale Marco Bartolini, ex comandante della Folgore e del contingente italiano in Afghanistan ma soprattutto ex capo delle forze speciali italiane. “I militari che operano sul campo sono persone preparate, che sanno quello che fanno e lo fanno con passione – dice il generale – Ma in quelle situazioni, e soprattutto contro gli Ied, non esiste una contromisura che garantisca la sicurezza assoluta”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Esteri

Attentato in Iraq: 5 militari italiani feriti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Attentato esplosivo contro militari italiani in Iraq: cinque i feriti, di cui tre in gravi condizioni. Lo apprende l’ANSA da fonti della Difesa. L’attentato, riferisce lo Stato maggiore della Difesa, è avvenuto in mattina quando un Ied, un ordigno esplosivo rudimentale, è detonato al passaggio di un team misto di Forze speciali italiane in Iraq.

Il team stava svolgendo attività di addestramento (“mentoring and training”) in favore delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis. L’attentato è avvenuto intorno alle 11 locali, nella zona di Suleymania, nel Kurdistan iracheno. Ad essere coinvolti sono stati i commandos della task force presente in quell’area, che stava svolgendo un’attività di supporto ad una unità di forze speciali dei Peshmerga. I cinque feriti, sempre secondo quanto è stato possibile apprendere, sono tre incursori della Marina (appartenenti al Goi, il Gruppo operativo incursori) e due dell’Esercito (9/o Col Moschin).

I cinque militari coinvolti dall’esplosione sono stati subito soccorsi, evacuati con elicotteri USA facenti parte della coalizione e trasportati in un ospedale “Role 3” dove stanno ricevendo le cure del caso.

Tre dei cinque militari sono in condizioni gravi, ma non sarebbero in pericolo di vita. I tre militari sono tutti in prognosi riservata ed attualmente ricoverati in un ospedale militare a Baghdad. Dei tre il più grave ha riportato un’emorragia interna; un altro ha perso alcune dita di un piede e il terzo ha gravissime lesioni a entrambe le gambe, che sono state parzialmente amputate. Gli altri due militari coinvolti nell’esplosione, invece, hanno riportato solo micro fratture e lesioni minori.

Attentato con finalità di terrorismo e lesioni gravissime, reati per i quali procede la Procura di Roma che ha aperto un fascicolo di indagine in relazione al ferimento di 5 soldati italiani avvenuto oggi in Iraq. Le indagini sono state affidate dal pm Sergio Colaiocco ai carabinieri del Ros.

Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini sta seguendo “con attenzione e apprensione” gli sviluppi dell’attentato avvenuto in Iraq. Il ministro, subito messo al corrente della situazione dal capo di Stato maggiore della Difesa, ha immediatamente informato il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente del Consiglio Conte. Anche il premier sta seguendo la vicenda.

“Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, appresa la notizia del gravissimo attentato contro il contingente militare italiano in Iraq, ha fatto pervenire al Ministro della Difesa, on. Lorenzo Guerini, e al capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen. Enzo Vecciarelli, un messaggio di solidarietà per i militari rimasti feriti”.

“Sto seguendo con dolore e apprensione quel che è accaduto in Iraq ai nostri militari, coinvolti in un attentato. I nostri ragazzi erano impiegati in attività di formazione delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis. In questi casi il primo pensiero va ai soldati colpiti, alle loro famiglie e a tutti i nostri uomini e donne in uniforme che ogni giorno rischiano la vita per garantire la nostra sicurezza. Seguiamo con attenzione ogni sviluppo”. Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Slovacchia, dalla Regione di Trnava la prima iniziativa antimafia internazionale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Nel nome del giornalista investigativo di Aktuality, Ján Kuciak e della sua compagna Martina Kusnirova, archeologa, assassinati a Velka Maca, il 21 febbraio 2018, è indetta la Prima Conferenza Internazionale contro tutte le mafie in Slovacchia.

Il Presidente della Regione di Trnava Viskupic, le famiglie Kuciak-Kusnirova con l’avvocato Roman Kvasnica, con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Bratislava, promuovono l’11 e il 12 novembre presso il Teatro di Trnava, due giorni di studio, impegno e riflessione sul tema delle mafie, argomento dell’ultima inchiesta mai conclusa di Ján Kuciak, pubblicata postuma. Dopo gli omicidi di Ján Kuciak e Martina Kusnirova, niente è più come prima in Slovacchia: sono state scoperchiate frodi, corruzione, e le pressioni sui piccoli agricoltori delle terre a Ovest della Slovacchia, uno di loro è stato assassinato.

Imputato come mandante degli omicidi di Ján e Martina è l’imprenditore Marian Kocner, oggi in carcere, già accusato di frode fiscale. Con Kocner, sono accusate altre quattro persone come gruppo di fuoco. La società civile è scesa in piazza reclamando pulizia da ogni corruzione e illegalità. I cittadini slovacchi chiedono trasparenza della gestione della vita pubblica. Il giornalismo libero è vaglio della democrazia e Jan ha svolto il ruolo principe di sentinella pagando con la sua vita e quella della sua compagna che avrebbe dovuto sposare. Erano due ragazzi di soli 27 anni che credevano in una Slovacchia europea.

Da molti anni la ndrangheta si è radicata indisturbata in Slovacchia dove Nino Vadalà ha costruito una rete di aziende e società, godendo di amicizie politiche. Oggi Vadalà è stato condannato a 9 anni e 4 mesi di carcere in Italia per essere un narcotrafficante internazionale. Anche su questo stava indagando Ján Kuciak quando è stato assassinato.

Al centro della Conferenza la partecipazione straordinaria del Procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo d’Italia, Federico Cafiero De Raho, per la prima volta in Slovacchia, con una lunga esperienza giudiziaria, in passato anche Procuratore di Reggio Calabria, coordinatore di tutte le inchieste delle Procure italiane. Sarà presente come relatore il fondatore nel 1994 dell’Associazione ‘Libera contro le mafie’ Don Luigi Ciotti, minacciato dalla mafie e scortato: leader della protesta civile contro la corruzione e l’illegalità in Italia e nel mondo. Libera coordina 1600 associazioni per diffondere la cultura della legalità opponendosi e denunciando ogni attività mafiosa. Don Ciotti è stato il primo in Italia a riutilizzare i beni confiscati alle mafie per destinarli a fini sociali e al servizio dei giovani.

L’avvocata Enza Rando Vice Presidente di Libera spiegherà come si tutelano le vittime di mafie e i familiari all’interno del processo giudiziario. L’inviata speciale del TG1 Maria Grazia Mazzola, che con le sue rivelazioni ha fatto luce sulle complicità di Vadalà in Slovacchia, la giornalista investigativa che ha pubblicato e denunciato le foto del pedinamento di Ján Kuciak, è tra le promotrici della Conferenza. Maria Grazia Mazzola, esperta di mafie da trent’anni, minacciata dalla mafia per le sue inchieste, modererà la Conferenza e sarà relatrice. Tra gli interventi gli eurodeputati slovacchi Lucia Nicholsonovà, Lukas Kyselica, il Caporedattore di Aktuality Peter Bardy, la giornalista investigativa di Dennik N, Monika Todova, il giornalista minacciato Adam Valcek del quotidiano SME. Saranno presenti e interverranno i piccoli agricoltori con Frantisek Oravec che testimonierà della mafia dei colletti bianchi sulle terre a ovest della Slovacchia. Saranno due giorni di dibattito e relazioni per rafforzare la democrazia in Slovacchia e onorare la memoria di Ján Kuciak e Martina Kusnirova.

Le mafie da anni si sono radicate in Europa: manca una legislazione comune agli Stati membri che renda efficace il contrasto globale. All’avanguardia è l’Italia che dopo numerosi omicidi e l’eliminazione del deputato del PCI Pio La Torre e del Prefetto di Palermo Carlo Alberto Dalla Chiesa, approvò la legge del 13 settembre 1982 che introdusse il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. L’articolo 416 bis del codice penale italiano ha scardinato numerose organizzazioni mafiose in Italia e in Europa ma necessita la collaborazione degli Stati dell’Unione. L’auspicio è che anche la Slovacchia abbia una legge antimafia.

Il programma:

#ALLFORJAN: Verità e Giustizia

Mária e Jozef Kuciak e  Zlata Kušnírová

NEL NOME DI JÁN E MARTINA

     “SLOVACCHIA CONTRO TUTTE LE MAFIE”

col sostegno delle testate giornalistiche

AKTUALITY.SK  SME  DENNÍK N  TÝŽDEŇ

organizza e promuove il Presidente della Regione di Trnava

JOZEF VISKUPIČ

 con la  Partecipazione speciale del

Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo

FEDERICO CAFIERO DE RAHO

e

Il Presidente e Fondatore dell‘Associazione ‘LIBERA CONTRO LE MAFIE’

DON LUIGI CIOTTI

Vincenza Rando

Vice Presidente di Libera contro le mafie

modera e promuove

l’inviata speciale del  TG1 RAIUNO

MARIA GRAZIA MAZZOLA

Comitato promotore e coordinamento: Eva Kempná

Luogo: Teatro di Ján Palárik di Trnava

L´11 E 12 NOVEMBRE 2019

13,30  Apertura della Conferenza

Introduzione delle famiglie Kuciak-Kušnírová

DOPO GLI OMICIDI DI JAN E MARTINA NIENTE E‘ STATO PIU‘ COME PRIMA IN SLOVACCHIA

Presidente della Regione Jozef Viskupič

Saluti dell’Ambasciatore d‘Italia in Slovacchia Gabriele Meucci

modera M.G. Mazzola

Avvocati dei familiari delle vittime

Daniel Lipšic

Roman Kvasnica

L’inchiesta sugli omicidi di Ján e Martina: due eroi per la verità contro le mafie.

FEDERICO CAFIERO DE RAHO: Come le mafie si sono radicate in Slovacchia e in  Europa. Urge una legislazione antimafia europea

DON LUIGI CIOTTI: Il ruolo della società civile contro la corruzione e le mafie

VINCENZA RANDO: La tutela dei familiari delle vittime di mafia e la costituzione di parte civile nel processo

MARIA GRAZIA MAZZOLA: L’ultima inchiesta di Ján Kuciak, chi ha coperto in Slovacchia l’impero del narcotrafficante Antonino Vadalà legato alla ndrangheta?

Dibattito e domande col Procuratore De Raho e Don Ciotti

E con relatori

CHIUSURA PRIMA SESSIONE appr. alle ore 19:00

 12 novembre 2019

9.00 Apertura seconda sessione Genitori Kuciak-Kušnírová

Presidente della Regione Jozef Viskupič

modera M.G. Mazzola

Piccoli agricoltori: František Oravec. Eurofond e mafie dei colletti bianchi sulle terre slovacche.

Lucia Ďuriš Nicholsonová: La Tutela dei giornalisti investigativi in Slovacchia e in Unione Europea.

Lukáš Kyselica: La Polizia deve aiutare e proteggere.

Interventi dei giornalisti: Peter Bárdy Aktuality.sk, Monika Tódová DENNÍK N, Adam Valček SME

IL GIORNALISMO INVESTIGATIVO IN SLOVACCHIA

La ricerca della verità sugli omicidi di Jan e Martina e il tentativo del bavaglio“

Dibattito e domande con relatori

Ore 13,30 chiusura conferenza: Genitori e Roman Kvasnica

Presidente della Regione Jozef Viskupič

M.G. Mazzola

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it