Connect with us

Senza categoria

Fiumicino, rapinatore evade dai domiciliari e prova a espatriare: arrestato all’aeroporto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FIUMICINO (RM) – Arrestato all’aeroporto intercontinentale “Leonardo da Vinci” di Fiumicino un 62enne italiano, già noto alle forze dell’ordine, con l’accusa di evasione dalla detenzione domiciliare.

In particolare, i Carabinieri dell’Aliquota Servizi Sicurezza di Fiumicino, impegnati nei servizi di vigilanza e controllo all’interno del Terminal 3 dell’aeroporto, hanno notato il 62enne aggirarsi con fare sospetto nei pressi di un bar-ristorante con una piccola valigia al seguito, in attesa di comprare un biglietto aereo, e lo hanno fermato per una verifica.

Ad esito degli accertamenti alla banca dati, i Carabinieri hanno scoperto che l’uomo si era allontanato dalla sua abitazione, dove doveva trovarsi agli arresti domiciliari per scontare la pena di 3 anni per rapina, senza alcun motivo e senza alcuna autorizzazione e lo hanno arrestato.

L’arresto è stato convalidato dal Tribunale di Civitavecchia che ha condannato il 62enne ad un’ulteriore pena detentiva di 8 mesi da espiare presso il suo domicilio.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Senza categoria

Football Club Frascati (calcio), Marcelli: “Per maggio pronti a fare tornei ed amichevoli”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Sta arrivando la primavera anche nel mondo del calcio dilettante. Almeno questo è quello che sperano i tantissimi club che fanno attività giovanili e tra questi c’è ovviamente il Football Club Frascati. Il responsabile del settore Scuola calcio Lorenzo Marcelli prova ad anticipare gli sviluppi dei prossimi giorni: “La data del 26 aprile potrebbe davvero essere molto importante. Nel decreto governativo si parla esplicitamente della possibilità di consentire gli sport da contatto all’aperto, ovviamente nelle regioni (almeno) gialle come dovrebbe essere il Lazio da lunedì prossimo. Questo vorrebbe dire poter ritornare a fare allenamenti collettivi e partitine interne e anche “esterne”. Come società non ci faremo cogliere impreparati qualora ci fosse un’opportunità simile: abbiamo già preso accordi con quattro club del territorio che stanno organizzando dei tornei per le categorie del settore di base e anche noi come Football Club Frascati vorremmo organizzare qualcosa nelle due strutture di cui disponiamo, vale a dire l’Otto Settembre di Frascati e il centro sportivo dei Colli Tuscolani (polo Morena, ndr). Ma non ci limitiamo solo alla Scuola calcio, visto che anche per l’agonistica abbiamo già pianificato tornei o anche solamente semplici amichevoli. Far tornare i ragazzi a giocare partite è un segnale davvero importante: da quasi un anno e mezzo non c’è questa opportunità e non è stato facile gestire tutti questi mesi di “solo” allenamento individuale né per lo staff tecnico-dirigenziale, né per i ragazzi”. Marcelli e il Football Club Frascati attendono un segnale da parte della Federazione: “Al momento non sono state fornite indicazioni, ma ad esempio abbiamo letto che il nuovo decreto governativo autorizzerebbe anche le partite di “calcetto amatoriale” tra amici quindi credo che ci possa essere il via libera anche per le attività come i tornei e le amichevoli tra club dilettanti. Se poi la Federazione dovesse organizzare qualche attività, saremo pronti a partecipare anche a quelle”. Allenamenti collettivi, partitine interne, amichevoli e tornei, ma non solo: “L’intero mese di giugno lo dedicheremo con ogni probabilità ai tradizionali “open day” per farci conoscere, poi sempre in quel periodo partirà anche il centro estivo nella struttura dei Colli Tuscolani su cui forniremo a breve maggiori dettagli”.



Continua a leggere

Senza categoria

Asd Casilina, Lo Borgo: “E’ stato davvero molto triste l’anno senza calcio al De Fonseca”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Rappresenta la continuità tra il “vecchio” Casilina e quello nuovo. Stefano Lo Borgo, a 70 anni suonati, ne ha viste davvero di tutti i colori al “De Fonseca”: quando il patron Enrico Gagliarducci ha rilevato il centro sportivo e lo ha chiamato per affidargli ancora una volta il ruolo di responsabile della logistica, per lui (che tra l’altro è proprio di Finocchio) è stato naturale dire subito di sì. “Sono in mezzo al mondo del calcio da quando ero ragazzino, poi qui al Casilina ho portato mio figlio Mauro a giocare e successivamente ho dato una mano sia come dirigente che in tante altre vesti, ad esempio facendo l’arbitro in partitine interne o amichevoli fino al ruolo di responsabile della logistica che ormai ricopro da circa sette anni. Ci sono stati momenti belli e altri meno, ma questo campo sportivo è un pezzo di cuore per me”. Oltre alle sue mansioni, Lo Borgo già si è messo a disposizione del nuovo Asd Casilina: “Quando c’è bisogno, sono di supporto agli allenatori in questo primo periodo di prove gratuite per i vari gruppi. In particolare, vedere brillare gli occhi dei bambini quando sono in mezzo al campo mi fa veramente emozionare”. Il responsabile della logistica parla dell’anno senza calcio al “De Fonseca”: “E’ stato un periodo molto triste. Tante persone mi chiedevano notizie per sapere se qualcosa sarebbe ripartita. Quando è arrivata la chiamata di Gagliarducci sono stato felicissimo in primis per questa borgata: la prima cosa che ho fatto quando ho rimesso piede al “De Fonseca” è stato mettere un pallone in mezzo al campo in attesa della ripresa degli allenamenti. Una sorta di segnale di speranza”. La chiusura è sull’impatto avuto con Gagliarducci: “Una persona seria con cui si può dialogare serenamente. Si vede che ha a cuore le sorti della borgata e mi auguro che la risposta della gente gli possa regalare le soddisfazioni che merita”.



Continua a leggere

Metropoli

Sant’Angelo Romano: non si ferma all’alt dei carabinieri e scappa con la droga in auto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sant’Angelo Romano (RM) – I Carabinieri della Stazione di Sant’Angelo romano hanno arrestato un cittadino bulgaro di 24 anni, per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacente.

Nel corso di un posto di controllo finalizzato alla verifica delle prescrizioni anti-covid e al controllo del territorio, i militari hanno intimato l’alt ad un’auto con il 24enne alla guida.

L’uomo, ha ignorato il segnale di arresto dei militari e si è dato alla fuga. Da qui ne è nato un inseguimento per le vie del paese. Solo il sangue freddo dei Carabinieri ha consentito di evitare il peggio fino a quando, con l’ausilio di altri equipaggi nel frattempo intervenuti, sono riusciti a bloccare il fuggitivo.

La conseguente perquisizione del veicolo ha spiegato il motivo della fuga: il giovane bulgaro aveva con sé un consistente quantitativo di marjuana e non voleva assolutamente che gli venisse sequestrato.

Il 24enne è stato ammanettato ed è stato contravvenzionato al codice della strada.

Messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Tivoli, il giovane bulgaro verrà giudicato nei prossimi giorni e, nel frattempo, rimarrà agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

Continua a leggere

I più letti