1

Flaminia Colella, quando il successo arriva a 22 anni scrive poesie, spera di fare il giudice e vive un sogno…

Se prima c’era la lettera, i lunghi tempi di riflessione per scriverla, le cancellature, i fogli appallottolati, passare ore a scrivere e riscrivere prima di arrivare a ciò che si voleva dire, oggi con il dominio degli smartphone le nuove forme di comunicazione introdotte grazie ai vari social e app, non danno più il tempo di ragionare, perché la risposta è immediata.

E in questo accellerarsi continuo della vita, dove può collocarsi la poesia, l’antica arte che esprime la comunicazione attraverso suoni, parole, melodie? C’è ancora spazio per essa, per i suoi tempi lenti, i suoi spazi che si tramutano in profondi silenzi, le sue parole soppesate ad una ad una? E in questo marasma comunicativo, dove le parole troppo spesso vengono messe una dietro l’altra a caso esiste ancora chi riflette invece sul valore che la parola ha nel momento in cui viene cercata, nel processo col quale viene collegata al pensiero ed al sentimento e pian piano esce e tira fuori quel che è nascosto dentro.

E’ il caso di Flaminia Colella, una giovane poetessa, che spera anche di fare il giudice da grande.

Il video servizio su Flaminia Colella trasmesso a Officina Stampa del 14/3/2019

Per lei la poesia è un mondo dal quale si sente accarezzare, un tempo migliore nel quale ha capito di essere davvero sé stessa. Ma è anche un imperativo che Flaminia non svolge con leggerezza, e come lei, la sua arte non è eterea e morbida ma frontale, diretta, viva.
Ultimamente Flaminia si è vista pubblicare ‘Sul crinale’ una raccolta di sue poesie edita da Aletti Editore una delle più importanti realtà letterarie italiane, guidata dalla passione del poeta e critico letterario Giuseppe Aletti.

Un incontro con la poesia avvenuto per caso

Una notte dopo un incubo spaventevole ha scritto di getto: “Questa notte ho più paura di morire dove ci immergiamo in un’atmosfera onirica e velleitaria da cui ci salvano solo delle mani e degli occhi, anche se per un breve istante perché la sensazione del vento nero, per dirla con Malaparte, rimane”.

‘Sul crinale’ nasce dalla fiducia della madre, a cui è dedicata la raccolta, e da quella della migliore amica che spingono Flaminia a partecipare a vari concorsi. Flaminia vince. Il telefono comincia a squillare: le persone le scrivono per ringraziarla delle sue poesie che sentono loro, gli organizzatori la vogliono nelle presentazioni nelle librerie, nelle radio, addirittura in un programma in Argentina.