Connect with us

Calcio

Football Club Frascati e Lupa Frascati, nasce un’unica Scuola calcio: “Un progetto forte”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Venerdì scorso il campo “Otto Settembre” di Frascati ha vissuto un autentico pomeriggio di festa. Le Scuole calcio di Football Club Frascati e Lupa Frascati, dirette rispettivamente dai responsabili Lorenzo Marcelli e Andrea Borsa, hanno festeggiato insieme la chiusura della martoriata stagione 2020-21: lo storico impianto tuscolano si è così riempito di tantissimi bambini che hanno disputato una serie di partitine prima di far volare in cielo tantissimi palloncini e degustare una ricca merenda (aperta anche ai genitori presenti all’appuntamento). Prima dell’evento hanno preso la parola Fabio Gentile (in rappresentanza della New Energy Gas e Luce che è proprietaria della Lupa) e Claudio Laureti (co-presidente del Football Club) che hanno presentato le grandi novità relative alla prossima stagione: “Nasce un fortissimo rapporto tra le due società, una cosa che raramente è accaduta a Frascati – hanno detto “in coro” – La Scuola calcio, le cui iscrizioni apriranno già a partire dal primo luglio, sarà unica per le due società e questo rappresenterà un grande passo in avanti sia in termini tecnici che organizzativi. Le matricole delle due società, però, continueranno a sopravvivere: la Lupa gestirà l’Eccellenza e le categorie giovanili agonistiche d’Elite, mentre il Football Club avrà ancora la Prima categoria e tutte le selezioni giovanili agonistiche provinciali». Un’offerta di amplissima gamma che rappresenta la nascita di un polo calcistico d’eccellenza all’ombra del Tuscolo, due strade parallele (ma estremamente vicine e collegate tra loro) che avranno l’obiettivo di rendere ancor più forte il calcio frascatano. Nei prossimi giorni saranno forniti ulteriori dettagli su questa strettissima collaborazione ed entrambe le società comunicheranno i componenti dello staff tecnico per una stagione 2021-22 che s’annuncia scoppiettante…

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Rocca Priora RDP (calcio, Promozione), Troisi all’ultimo respiro: “Una vittoria che fa morale”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Rocca Priora (Rm) – Il volo del Rocca Priora RDP continua. La squadra castellana ha piegato per 3-2 la Virtus Roma Club nel match disputato domenica sul manto (rimesso a nuovo) del “Montefiore”. A decidere la sfida è stato un gol allo scadere dell’esterno classe 1989 Paolo Troisi, al debutto in campionato dopo aver scontato una squalifica. “Una vittoria che fa morale e che ci farà lavorare con entusiasmo e serenità per preparare la prossima gara di lunedì 1 novembre. C’erano tanti scontri diretti in questo turno ed era importante vincere. Inoltre abbiamo ancora qualche assenza importante e nell’occasione Scacchetti ha potuto giocare solo uno scampolo di partita nel finale”. Troisi racconta nel dettaglio la gara con i capitolini: “Era la prima gara sul nostro campo e devo dire che la società ha fatto un buon lavoro sul terreno di gioco. Non abbiamo sottovalutato gli avversari e siamo entrati in campo nel modo giusto, ma purtroppo gli ospiti sono passati per primi in vantaggio. Abbiamo avuto una reazione da squadra vera e con una doppietta di Nuzzi a cavallo dell’intervallo siamo riusciti a ribaltare il risultato. A quel punto forse ci siamo un po’ adagiati e loro ci hanno messo in difficoltà, pareggiando i conti e sfiorando addirittura il gol del vantaggio. Poi nel finale ho sfruttato un assist perfetto di Filiberto Trinca e sono riuscito a bagnare nel migliore dei modi il mio debutto in campionato”. Il Rocca Priora RDP è ai vertici del girone D dopo quattro giornate di campionato: “L’inizio di stagione è stato sicuramente positivo nonostante le tante assenze che ci hanno condizionato. Ora siamo già con la testa a Torrenova: giocheremo contro una buonissima squadra che conosco bene essendo un ex. Hanno una società ambiziosa e tanti giocatori validi, ma andremo a giocarcela con le nostre carte, magari recuperando anche qualche altra pedina”. La chiusura è sul suo inserimento nell’ambiente del club castellano: “Conoscevo a livello personale e non calcistico i fratelli Guazzoli e ho scoperto due persone estremamente preparate, appassionate e professionali. Sono molto contento della scelta fatta in estate e dell’ambiente che ho trovato qui”.

Continua a leggere

Calcio

ULN Consalvo (calcio), i fratelli Aliberti e una famiglia a tutto campo. “Qui c’è un ambiente sano”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – Quando si dice “sposare una causa”. E’ quello che ha fatto la famiglia Aliberti che ha affidato i suoi tre ragazzi all’ULN Consalvo: Riccardo (classe 2008), Simone (2010) e il piccolo Damiano (2013) sono tutti tesserati nella società cara al professor Umberto Consalvo. E pensare che i genitori Lorenzo e Claudia non sono certo “malati” di calcio: “Non li abbiamo spinti noi a giocare a pallone – racconta la mamma dei tre ragazzi – Tutto è nato dal secondo dei nostri figli, Simone, che ha giocato un anno di calcio tramite la scuola e poi ha “scoperto” l’ULN Consalvo grazie al centro estivo circa quattro anni fa. Una volta entrato nel mondo sportivo del club capitolino, ne siamo immediatamente rimasti affascinati e così abbiamo deciso di portare anche Riccardo e Damiano che si sono appassionati al gioco del calcio grazie a loro fratello. La cosa che rende speciale l’ambiente dell’ULN Consalvo è la familiarità e la passione dei dirigenti ha fatto il resto: sono quotidianamente al campo e si tratta di persone squisite, per questo abbiamo deciso di affidare i nostri tre figli alla società capitolina”. Se si domanda a mamma Claudia chi è il più “malato” dei tre la risposta è immediata: “Indubbiamente il più piccolo, Damiano. Ma, come detto, tutto è partito da Simone, mentre quest’anno Riccardo lo sta vivendo con un’emozione speciale visto che è entrato nel mondo dell’agonistica”. Ad agevolare la famiglia Aliberti è anche la vicinanza della loro abitazione rispetto al campo Consalvo: “Riccardo va addirittura da solo agli allenamenti, mentre papà Lorenzo segue più di me gli allenamenti degli altri due figli”. Anche i week-end non sono di semplicissima gestione, ma la passione della famiglia Aliberti è più forte di tutto: “Quando giocano in trasferta ci dividiamo per accompagnarli e seguirli, mentre quando giocano in casa è tutto più semplice”.

Continua a leggere

Calcio

Colleferro (calcio, Eccellenza), Alessandri: “Felice per Ercoli, la squadra può crescere ancora”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – Il Colleferro ha calato il pokerissimo contro il Morolo. I rossoneri di mister Antonio Battistelli hanno sfoderato un’ottima prestazione contro i frusinati e il portiere classe 1986 Carlo Alessandri la analizza così: “Abbiamo fatto una gara concreta, gestendo al meglio le varie situazioni e capitalizzando le occasioni create. Credo, però, che a livello complessivo il miglior Colleferro si sia visto nel primo tempo con l’Audace oppure nelle gare con Sora e Gaeta. In ogni caso abbiamo archiviato il risultato già nel primo tempo con le reti di Casazza, Tornatore e Carlini, poi lo stesso Tornatore ha siglato altri due gol nella ripresa”. Alessandri (nella foto di Leonardo Pera) per la prima volta ha visto la partita dalla panchina, lasciando spazio al giovanissimo Nicholas Ercoli (classe 2004) tra i pali rossoneri: “Sono felicissimo per lui, lavoriamo a stretto contatto e ne vedo i miglioramenti quotidiani, anche grazie al lavoro fatto col preparatore dei portieri Guido Lanna. Se l’è cavata molto bene”. L’esperto estremo difensore ex Atletico Vescovio parla del suo approdo nel club rossonero: “E’ arrivato in concomitanza col ripescaggio. E’ stato il direttore sportivo Pino Di Cori a contattarmi e a volermi fortemente qui. Non mi sono fatto troppi calcoli pur non essendo logisticamente “comodo” nel venire a Colleferro: quando ti cerca una società così blasonata, è giusto dare la massima considerazione alla proposta. Devo dire che non c’è stata una cosa che mi abbia portato a dire di no e tra gli aspetti che mi hanno spinto qui c’è stata indubbiamente la capacità e la professionalità di mister Battistelli. Ho trovato un gruppo giovane che ogni settimana festeggia l’esordio o il primo gol di qualche ragazzo, ma questa linea verde è stata giustamente “bilanciata” dalla presenza di qualche elemento di esperienza”. E la partenza del Colleferro in campionato è stata di tutto rispetto: “Se dovessi dare un voto, direi tra il 6,5 e il 7, ma semplicemente perché non abbiamo ancora espresso in pieno il nostro potenziale potenziale. Ci sono la speranza e i buoni propositi di poterlo fare al più presto. E poi i nostri otto punti pesano perché abbiamo incontrato tanti club quotati. Che tipo di campionato possiamo fare? La squadra deve pensare a crescere col lavoro: questo è un campionato strano in cui tanti parametri tradizionali sono saltati, quindi dobbiamo rimanere ben ancorati alla realtà”.

Continua a leggere

I più letti