Connect with us

Latina

FORMIA, EDIFICI A BASSO CONSUMO: LA NUOVA SFIDA DEL COMUNE

Clicca e condividi l'articolo

Le serre solari bioclimatiche, considerate tra gli elementi fondamentali nella progettazione degli edifici nZ-EBs, saranno il tema principale della manifestazione.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Formia (LT) – Si è svolta questa mattina, presso la Sala Sicurezza del Comune di Formia, la conferenza stampa di presentazione della manifestazione “Edifici a basso consumo: le serre solari bioclimatiche”, organizzata dall’Associazione CasaClima Network Lazio.

Dopo “La sfida del cubo di ghiaccio” dedicata alla scoperta degli edifici a basso consumo energetico, tenutasi a Formia dal 14 al 28 settembre del 2013, l’Associazione CasaClima Network Lazio si ripropone con l’organizzazione di eventi pubblici per mostrare, questa volta, alcuni componenti edilizie delle costruzioni ad alta efficienza energetica.

Le serre solari bioclimatiche, considerate tra gli elementi fondamentali nella progettazione degli edifici nZ-EBs (nearly Zero Energy Buildings), saranno il tema principale della manifestazione.

Le serre solari, capaci di migliorare la fruizione e la trasparenza degli spazi, oltre che fornire un ambiente di elevato valore architettonico, sono delle “macchine termiche passive” in grado di produrre energia gratuita.

La nuova nostra sfida denominata “Edifici a basso consumo: le serre solari bioclimatiche” prevede iniziative a partire dal 20 settembre 2014 fino al 27 settembre 2014.

La manifestazione coinvolgerà docenti dell’Università degli studi di Roma “La Sapienza” e l’Università degli studi di Roma “Roma Tre”, gli Ordini professionali provinciali degli Ingegneri, degli Architetti, dei Geometri, dei Periti industriali della provincia di Latina e la partecipazione delle scuole superiori del sud pontino. Il Patrocinio del  Ministero dello Sviluppo Economico, del Consiglio Nazionale degli ingegneri, le comunità istituzionali della Regione Lazio, della provincia di Latina ed il Comune di Formia, della Camera di commercio di Latina, del Cna di Latina, dell’ANCE e del Consorzio industriale del sud pontino.

L’ing. Luca Pofi , Presidente di Casaclima Network Lazio nel presentare la nuova iniziativa ha definito la provincia di Latina ed in particolare Formia, come un ottimo laboratorio di ricerca, sperimentazione e divulgazione dei vantaggi espressi dalle costruzioni ad alta efficienza energetica. Un evento che, oltre a rinnovare l’importanza dell’involucro edilizio, quest’anno pone l’attenzione su uno strumento di captazione dell’energia solare come le serre solari bioclimatiche, capace di contribuire al riscaldamento delle nostre case.

 

Nella conferenza stampa è intervenuto anche l’assessore all’urbanistica del comune di Formia l’avv. Giuseppe Masiello, sottolineando  che l’evento oltre ad essere un momento di divulgazione e di sensibilizzazione è  soprattutto un evento che nella prossima settimana vedrà impegnati la sana imprenditoria, quella tesa a costruire in modo sostenibile e che incontra le aspirazioni dell’amministrazione comunale.

Cronaca

Formia – Cassino: al via lavori sulla super strada. Buche come crateri e sicurezza assente da anni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il tratto formiano della cosiddetta Super strada Formia – Cassino (variante S.S. 7 Appia Formia Garigliano) di proprietà dell’ANAS, la cui pavimentazione è divenuta accidentata e disconnessa da anni, finalmente avrà a breve una nuova pavimentazione.
L’Amministrazione Villa esprime con soddisfazione la risoluzione di un problema che si trascina da molto tempo. Infatti fin dal momento del suo insediamento quest’Amministrazione ha costantemente sollecitato l’ANAS nel porre rimedio a tale critica situazione, al limite della sicurezza.
La conferma dell’inizio delle attività è la consegna del cantiere avvenuta nei giorni scorsi, da parte dell’ANAS.
Vista l’ampiezza dell’intervento, durante l’esecuzione dei lavori la circolazione stradale sarà regolamentata con senso unico alternato.
Nei prossimi giorni, sarà diffuso il programma degli interventi e i tratti interessati.

Continua a leggere

Latina

Latina, rischio collasso ospedale con 2.122 positivi. Simeone a Zingaretti e D’Amato: “C’è una programmazione?”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“E’ emergenza Covid all’ospedale Goretti di Latina. La situazione rischia di diventare esplosiva e a tal proposito ho presentato un’interrogazione urgente al governatore Zingaretti e all’assessore D’Amato per chiedere come intendano affrontare questa emergenza.
Il quadro è diventato critico con il passare dei giorni. E’ bene ricordare come dall’inizio dell’epidemia siano state colpite dal Covid 3010 persone in provincia di Latina.
Attualmente invece risultato positive 2122 persone. Di queste 1992 si trovano in isolamento domiciliare, mentre 130 sono invece ricoverate.
In realtà il timore è che tutto il reparto destinato ai pazienti colpiti dal virus sia al completo. Ed anzi ci risulta che vi siano ulteriori malati in attesa di un posto.
Sappiamo infatti che al Pronto Soccorso del nosocomio di Latina stazionano da giorni diverse persone positive al Covid ed ancora in attesa di un ricovero.
L’ordinanza regionale del 21 ottobre (allegato 1) rimodula la rete ospedaliera Covid, ed è lecito domandarsi se i 106 letti ordinari a regime assegnati all’ospedale Goretti siano tutti occupati.
C’è forse bisogno che vi siano più posti letto? All’amministrazione regionale chiedo: C’è una programmazione? Quale sarebbe e che tempi prevederebbe?
Relativamente alle persone che stazionano in questi giorni al Pronto Soccorso del Goretti possiamo sapere quante sono numericamente? Da quanto tempo attendono di essere ricoverate? E soprattutto, sarà possibile per loro ottenere il ricovero in ospedale?
Credo che a queste domande occorra dare risposte precise ed in tempi brevissimi. Attraverso l’interrogazione urgente intendo chiedere in particolare all’assessore D’Amato se vi è un piano effettivo per affrontare questa emergenza in atto presso l’ospedale Goretti di Latina”.
Lo dichiara in una nota Giuseppe Simeone, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria e welfare

Continua a leggere

Ambiente

Frosinone e Latina, l’appello di Copagri su invasione di cinghiali: “Serve un patto tra agricoltori e cacciatori”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Occorre stipulare un patto tra agricoltori e cacciatori per affrontare con determinazione l’annoso problema delle scorribande notturne dei cinghiali ormai fuori controllo sull’intero nostro territorio”. E’ la proposta avanzata dal presidente della Copagri Frosinone-Latina Fabrizio Neglia all’indomani dei danneggiamenti ai danni dei campi gestiti dall’azienda agricola Oasi di Canterno di Trivigliano,
completamente distrutti dal passaggio impetuoso degli animali. Episodi ormai giornalieri che si verificano ovunque, mandando in fumo in pochi minuti il lavoro degli agricoltori senza che le istituzioni, fino ad oggi, si siano davvero occupati del fenomeno con risolutezza. L’organizzazione agricola, dopo gli appelli scorsi, lancia una seria proposta per porre rimedio ad un problema ormai annoso: Diciamo stop alle tensioni tra agricoltori e cacciatori. A mio avviso – sottolinea il presidente
Copagri Fr-Lt Neglia – le due categorie devono cooperare per il bene comune. Gli agricoltori devono riconoscere quello che è il ruolo importante dei cacciatori i quali, da parte loro, hanno l’obbligo di fare altrettanto. Chiediamo l’intervento anche da parte degli ATC e delle associazioni dei cacciatori per una strategia comune di difesa del territorio. È doveroso da parte di tutti recuperare un rapporto che le polemiche hanno incrinato da qualche anno, è necessario un dialogo aperto tra le parti ed una
strategia che possa vedere nei cacciatori strumento ed il braccio operativo degli agricoltori. Una proposta che speriamo le associazioni venatorie possano accogliere positivamente”. La Copagri Fr-Lt, al contempo, si rivolge anche alla Regione Lazio: “Chiediamo l’intervento fattivo della giunta regionale che, fino ad oggi, ha messo in campo delle soluzioni soft e non risolutive. I cinghiali sul nostro territorio sono troppi ed il loro numero va diminuito in maniera più decisa se si intendono salvaguardare gli sforzi degli agricoltori”.

Continua a leggere

I più letti