Connect with us

Sport

FORTITUDO MONTEPORZIO, IL SETTORE FITNESS E LA NOVITÀ PILATES AFFIDATI ALLA PEPI: «RISPOSTE GIÀ BUONE»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Monteporzio (Rm) – La Fortitudo Monteporzio, sin dal momento della sua nascita nell’estate del 2013, si è distinta come una polisportiva capace di dare spazio a diverse discipline. Tra quelle di quest’anno c’è anche la novità del pilates che è stato affidato alla neo istruttrice Silvia Pepi assieme al fitness, già presente nell’offerta sportiva della scorsa stagione. Da un mese e mezzo la Pepi è al lavoro presso la palestra del centro sportivo “Raniero Colucci” e sta riscuotendo un discreto successo. «Abbiamo già avuto delle risposte confortanti dalla gente del territorio che è venuta a provare le due discipline di cui mi occupo e ha avviato la partecipazione ai corsi». La Pepi spiega com’è nato il contatto con la Fortitudo Monteporzio. «Avevo deciso di cambiare società rispetto all’anno precedente e così mi sono proposta al club monteporziano del presidente Massimo Cesaroni che ha valutato la mia candidatura e mi ha inserito all’interno dello staff della polisportiva come responsabile dei settori fitness e pilates». L’istruttrice spiega nel dettaglio quali sono le differenze tra le due discipline e per quali motivi è consigliato provarle. «Sono due attività molto diverse tra loro anche se entrambe basate su un movimento fisico fatto su una base musicale. Quella del fitness, che da noi principalmente riguarda il “total body” – dice la Pepi -, è molto energica proprio perché si curano la mobilità, il potenziamento, la tonificazione e l’apparato cardiovascolare con un’intensa attività fisica. Il pilates, invece, utilizza una musica decisamente più soft perché i movimenti sono lenti e si cura molto l’impostazione del corpo, la postura, l’equilibrio abbinati con un’adeguata respirazione e con un preciso lavoro sul diaframma e le articolazioni. Una disciplina che è consigliabile per tutte le fasce d’età anche perché noi affronteremo per tutta la stagione un livello di base o al massimo uno intermedio». La Fortitudo Monteporzio, inoltre, ha presentato pacchetti molto convenienti per partecipare a entrambi i corsi (ma si può tranquillamente scegliere di praticare solamente una disciplina) e in ogni caso le lezioni con la Pepi si svolgono il lunedì e il giovedì dalle 18 alle 20 prima con l’ora di fitness e poi con quella di pilates.
 

Sport

Frascati, grande spettacolo nella cronoscalata del Tuscolo: Giorgia Sala si piazza seconda

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Nella prova casalinga che coincideva con la quarta prova del Trofeo autunnale di mezzofondo, l’Atletica Frascati ha applaudito le prestazioni e i buoni piazzamenti di diversi suoi ragazzi, anche se il maltempo ha costretto gli organizzatori del comitato provinciale di Roma Sud ad annullare le gare degli Esordienti. Regolarmente disputate le gare di Ragazzi, Cadetti, Allievi (valide anche come campionato regionale di corsa in montagna) e delle categorie superiori. Nella categoria Ragazze, sulla distanza dei 1000 metri in salita, si è messa in evidenza Giorgia Sala: la classe 2008 ha ottenuto un ottimo secondo posto, arrivando solo alle spalle della forte compagna di società Flaminia Caruso che si è laureata campionessa regionale di corsa in montagna. “Sono stata vicino a lei fino a una certa parte della gara, ma in ogni caso non mi aspettavo questo secondo posto. Non avevo mai fatto questa gara in salita, alla fine mi sono adattata anche se le gambe erano un po’ più pesanti del solito. In ogni caso è stata una bella esperienza”. La Sala è ai vertici anche della classifica generale del Trofeo autunnale di mezzofondo: “Finora ho ottenuto dei buoni piazzamenti e spero di raggiungere il podio finale”. La giovane tesserata dell’Atletica Frascati racconta la sua storia in questa disciplina: “Ho cominciato quattro anni fa: facevo nuoto e tramite alcune gare a scuola mi sono cominciata ad appassionare. Da circa tre anni faccio parte dell’Atletica Frascati: inizialmente mi seguiva Flavia Di Paola, da poco tempo sono passata ad allenarmi con Sandro e Giorgia Di Paola. Da quando sono qui sento di essere cresciuta molto, mi trovo molto bene con loro: sono tecnici presenti, competenti e comprensivi. Le mie specialità? Sono quasi tutte le gare di mezzofondo, 1500 oppure 1000. In questa stagione spero di poter arrivare ai campionati italiani Cadetti, in futuro sarebbe un sogno fare le Olimpiadi”.
Tra gli altri piazzamenti, sulla distanza dei 4,4 chilometri, vanno ricordati il terzo posto tra gli Assoluti di Flavia Ceracchi dell’Acsi Italia Atletica (società collegata con l’Atletica Frascati) e poi il podio interamente monopolizzato da atleti dello stesso club nella categoria Allieve con Aurora D’Amico prima, Sara Bocchino seconda e Clarissa Consalvi terza. Sempre tra gli Allievi, terzo posto pure per Mirko Picarelli della Rcf Roma Sud (la società maschile collegata al club tuscolano). Tornando alle categorie giovanili, bene Claudio Fanelli e Alessandro Saddi, rispettivamente secondo e terzo sui 1000 metri Ragazzi. Nei 2000 metri Cadetti Francesco De Santis ha conquistato un grande secondo posto, mentre stravince la prova al femminile Ginevra Di Mugno, dominando dall’inizio alla fine. Questi risultati confermano l’Atletica Frascati al comando nella classifica di società del Trofeo autunnale di mezzofondo. Inoltre il club tuscolano è primo sia nella combinata Ragazzi+Ragazze che nella combinata Cadetti+Cadette: risultati che confermano il primato della società nel mezzofondo regionale giovanile. Domenica prossima tutti a Colonna per la quinta ed ultima prova del Trofeo autunnale di mezzofondo nella specialità del cross.

Continua a leggere

Calcio

La Rustica RRdP (calcio, Eccellenza), Petrizza: “Dobbiamo migliorare nella lettura delle partite”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – Un’altra sconfitta di misura per il La Rustica RRdP contro una squadra di vertice del campionato di Eccellenza. Domenica la formazione di mister Nunzio Iardino ha ceduto 2-1 sul campo dell’Indomita Pomezia, ma anche stavolta è uscita dal campo a testa alta. “Abbiamo giocato i primi 35’ in modo molto positivo e siamo andati in vantaggio con Piccirilli – dice il difensore classe 1999 Andrea Petrizza – Inoltre ci è stato annullato anche un gol per un fuorigioco dubbio, poi nel finale di primo tempo l’Indomita ha pareggiato e a inizio ripresa ha siglato il gol del sorpasso. Subito dopo ci è stato annullato un altro gol per un fuorigioco inesistente, poi nell’ultima mezz’ora abbiamo spinto sfruttando anche la nostra condizione fisica che esce quasi sempre nei finali, ma purtroppo non siamo riusciti a trovare il gol del pareggio”. Gli episodi arbitrali non hanno certo aiutato il La Rustica RRdP fino a questo momento della stagione: “Personalmente non me la prendo mai con gli arbitri, anche se chiaramente certi episodi possono cambiare l’inerzia delle partite. Noi dobbiamo pensare a migliorare le nostre prestazioni, lavorando in particolare sulla mentalità e sulla lettura delle partite. E’ chiaro che, essendo un gruppo molto giovane, certi difetti possono essere normali, ma la classifica attuale non rispecchia l’impegno e le prestazioni della squadra e quindi dobbiamo fare di tutto per migliorarla”. Domenica il calendario offre al gruppo capitolino una ghiotta occasione: “Ospiteremo il Cantalice e sarà una gara fondamentale perché si tratta di uno scontro diretto. Vincendo toglieremmo punti a una concorrente oltre che guadagnarli noi, inoltre un successo aiuterebbe il morale e l’autostima del gruppo”. La chiusura di Petrizza, ex Almas, è sui motivi che l’hanno portato ad accettare il La Rustica RRdP: “Appena ho parlato col presidente Tonino D’Auria sono stato convinto dal suo modo di vedere il calcio. E’ una bravissima persona e un dirigente appassionato, ho legato tantissimo con tutto il gruppo e lo staff tecnico e dirigenziale: salvarci sarebbe come vincere un campionato”.

Continua a leggere

Calcio

ULN Consalvo (calcio, Under 16), Sconza e la vetta: “Il primato è un segnale per le concorrenti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – L’Under 16 provinciale dell’ULN Consalvo è da sola in vetta alla classifica del girone E della categoria. I ragazzi di mister Emanuele Aiuto sono reduci dal quarto successo (con un pareggio) nei primi cinque incontri di campionato: domenica i capitolini hanno battuto per 2-1 l’Atletico Capannelle al termine di una sfida tutt’altro che semplice come sottolinea anche l’ala destra classe 2006 Alessandro Sconza, autore della rete decisiva nel finale. “Nel primo tempo ci sono state poche occasioni da rete e per una squadra come la nostra è strano costruire così poco. Avevamo alcune assenze, ma in altre occasioni questo non ci ha frenato. Ad inizio secondo tempo abbiamo pure subito il gol del vantaggio degli avversari, ma ero fiducioso perché avevamo cambiato modulo e cominciato a giocare come sappiamo, ovvero cercando la profondità. Dopo la rete dell’1-1 di Trionfera, siamo riusciti a ribaltarla e a portare a casa i tre punti: devo ringraziare Abbondanza per l’assist davanti alla porta nato da un lancio di Perelli che non è stato intercettato dai difensori avversari”. L’Under 16 provinciale dell’ULN Consalvo è prima da sola: “Sapevamo già prima del nostro match che l’Ostiantica aveva pareggiato, ma non abbiamo avvertito la pressione anche perché comunque avremmo dovuto cercare la vittoria. Il primo posto dopo cinque partite? E’ un segnale per le concorrenti, anche se ovviamente chi ci incontra mette sempre in campo qualcosa in più”. A proposito di campo, al gruppo di mister Emanuele Aiuto non sembra pesare l’impossibilità momentanea di giocare in casa: “Un po’ ci manca, ma tecnicamente ci esprimiamo meglio su campi grandi”. Il prossimo turno metterà l’ULN Consalvo di fronte allo Giochiamola Sempre, nome curioso, ma squadra valida visto l’attuale terzo posto nel girone a tre lunghezze da Sconza e compagni: “Una prova importante, la più complicata finora sulla carta. Recupereremo qualche giocatore e cercheremo di fare il massimo”. Per lui sono già quattro (in tre presenze) i gol stagionali: “Un bel bottino, ma la cosa più importante è il risultato di squadra”.

Continua a leggere

I più letti