Connect with us

Primo piano

FORTUNA LOFFREDO: LA BIMBA CADUTA DAL SESTO PIANO AVEVA SUBITO VIOLENZE

Clicca e condividi l'articolo

La mamma ha raccontato come la figlia si lamentava di bruciori nelle parti intime, ne parlò con la pediatra che le prescrisse dei detergenti.

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Silvio Rossi

Caivano (NA) – Chicca è morta per un incidente o è stata uccisa da qualcuno? Questa è la domanda che risuona a “Parco Verde”, un quartiere di case popolari costruito a Caivano negli anni Ottanta, per ospitare i terremotati dell’Irpinia.
Fortuna Loffredo, per tutti Chicca, la bambina, sei anni, è precipitata il 24 giugno da un balcone del palazzo, dove abitava con la mamma e i nonni paterni (il padre è detenuto a Poggioreale per traffico di CD contraffatti). Inizialmente si è pensato a un incidente domestico, la bambina sarebbe stata lasciata da sola sul balcone al sesto piano, e per qualche motivo sarebbe caduta dallo stesso, morendo durante il trasporto all’ospedale.
Le indagini dei procuratori Federico Bisceglia e Claudia Maone hanno portato a scoprire alcuni aspetti inquietanti nella tragica vicenda. Gli accertamenti autoptici hanno confermato le ipotesi degli inquirenti. Chicca aveva subito violenze, probabilmente ripetute, e forse la caduta dal balcone potrebbe essere stata solo una montatura.
Anche la madre, nella trasmissione di Rete4 “Quarto Grado”, ha confermato la possibilità che le violenze fossero subite dalla bambina da qualche tempo. Ha raccontato come la figlia si lamentava di bruciori nelle parti intime, ne parlò con la pediatra che le prescrisse dei detergenti. Forse quando la cosa successe, non pensò che le lamentele di sua figlia potessero nascondere una verità così atroce, ma dopo ciò che è avvenuto il 24 giugno, non può certo essere escluso che i fastidi della piccola nascondessero una realtà così drammatica.
La storia
Il 24 giugno, verso le 11 del mattino, Chicca con la mamma Maddalena stanno tornando a casa dalla terapia che la bambina stava seguendo per un difetto all’udito. Quando sono arrivate al sesto piano del palazzo, dove si trova il loro appartamento, la bambina si separa dalla mamma per andare a giocare da Dora, la sua amichetta del cuore, che abita al piano superiore.
La mamma di Dora non ha fatto entrare la bambina, dicendole che stava lavando i pavimenti. Dopo pochi minuti le urla dei passanti hanno destato l’attenzione di tutti, il corpo di Chicca era a terra, a pancia in giù, agonizzante. Un vicino di casa ha preso la piccola, in un disperato tentativo di portarla all’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore, dove però giungerà morta.
In un primo momento si è pensato a una disgrazia, ma la mamma ha subito pensato che qualcuno le avesse fatto del male, chiedendo giustizia per la figlia.
I funerali
Il 5 luglio, nella parrocchia San Paolo Apostolo, alla presenza di circa seicento persone, Maurizio Patriciello, il prete conosciuto per le sue denunce contro il traffico di rifiuti tossici nell’area a nord di Napoli, ha celebrato i funerali di Chicca. E tra i primi il sacerdote ha parlato delle strane circostanze in cui si è svolta la vicenda. Le sue parole durante l’omelia, «Ci mettiamo nelle mani di Dio, ma si tratta di un caso molto strano, nel quale tante cose non tornano. Chi sa deve parlare, davanti a Dio e agli uomini. La madre di questa bambina chiede giustizia e la giustizia deve dare risposte», lasciavano intuire ciò che in seguito è stato confermato: Fortuna non è morta per un incidente.
Le indagini
Stabilire la verità nella vicenda non è semplice. Nessuno ha visto cadere il corpo di Chicca dall’alto, qualcuno ha sentito un tonfo, ma non è facile determinare da quale punto il corpo della bambina sia precipitato.
Le reticenze dei residenti non hanno certo aiutato le indagini nei primi giorni, ma qualche elemento poco chiaro (a terra nel punto dove è stata trovata Chicca non c’erano tracce di sangue) ha fatto in modo che i procuratori hanno iniziato a raccogliere gli elementi che hanno portato ad aprire un fascicolo per omicidio e per violenza sessuale, a carico di ignoti.
Il punto di svolta è rappresentato dai risultati dell’autopsia. La conferma della violenza sessuale subita dalla minore prima di morire ha convinto gli inquirenti ad approfondire le indagini, in seguito sono stati analizzati gli abiti della bambina, per trovare eventuali tracce dell’omicida. La famiglia ha chiesto che venissero utilizzati i moderni sistemi d’indagine che hanno portato a scoprire la verità (o perlomeno quella che a oggi viene ritenuta come la più probabile, in attesa del processo) nel caso di Yara Gambirasio.
Data l’assenza di testimoni, le tracce biologiche possono diventare determinanti per la possibile soluzione del caso, partendo proprio dagli appartamenti del terzo isolato del Parco Verde.
I precedenti
Sono altri due i casi di bambini precipitati nello stesso quartiere di Chicca. Lo scorso anno, il 27 aprile del 2013, un bambino di tre anni, fratello minore di Dora, proprio l’amichetta che Fortuna è andata a trovare prima di morire, è precipitato dallo stesso palazzo. Troppe coincidenze rendono i due casi legati tra loro.
Quando hanno trovato a terra Chicca aveva solo una scarpetta al piede, lo scorso anno anche il piccolo Antonio è stato trovato al suolo con una sola scarpetta. Si sospetta che l’eventuale serial killer le abbia trattenute come macabro trofeo.
Un terzo caso ha interessato lo stesso isolato nove anni fa. Anche in quel caso un bambino di otto anni, Andrea, perde la vita nel “palazzo maledetto”. Si cerca ora di acquisire maggiori informazioni sulle due morti precedenti, per verificare se fossero stato il risultato di incidenti, o se un orco abbia avuto nei loro confronti le stesse attenzioni riservate alla sfortunata bambina.
Il Parco Verde
Il complesso di palazzi dove è successa la tragedia di Chicca è una delle tante piccole “Scampia” che popolano la zona a nord di Napoli.
Così come per Casacelle a Giuliano, per il quartiere Chiaiano a Marano, per via Rossini a Frattamaggiore, i quartieri di case popolari dei centri che circondano il capoluogo campano sono territori frequentati da spacciatori, in cui la polizia ha difficoltà a entrare.
Negli anni scorsi il quartiere di Caivano è balzato agli onori della cronaca per la determinazione di due persone: Maurizio Patriciello, il prete che combatte da anni contro il traffico di rifiuti che ha devastato la “terra dei fuochi”, e la preside della scuola media, Eugenia Canfora, che per combattere l’evasione scolastica va a suonare a casa dei ragazzi più riottosi a seguire le lezioni.

Print Friendly, PDF & Email

Ambiente

Circeo, bando sui daini: di dimette il presidente del Parco Ricciardi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si è dimesso il presidente del Parco nazionale del Circeo, Antonio Ricciardi. Una decisione presa nell’infuriare delle polemiche sui bandi che mandano a morire i daini che abitano la Foresta demaniale del Circeo, dichiarata nel 1977 Riserva della Biosfera tutelata dall’Unesco. L’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), che contestò immediatamente la scelta dell’amministrazione del parco, torna a chiedere l’annullamento dei bandi ora che l’ente, già senza direttore, ora vede anche le dimissioni del presidente.

«Il Parco nazionale del Circeo con questi bandi, la cui scadenza è stata inoltre prorogata di un mese, non ha mantenuto gli impegni presi solo un anno fa, quando garantiva un piano di contenimento incruento da portare avanti con le sterilizzazioni», spiega il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto. «La scelta invece è stata quella di assegnare anche ad aziende venatorie e alimentari i daini che catturerà nella Foresta demaniale nell’ambito del Piano gestionale di controllo del daino».

In particolare, il Consiglio direttivo dell’ente un anno fa aveva ribadito che avrebbe attuato “tutte le possibilità, non cruente e senza sparo, iscritte a vario titolo nel Piano per raggiungere l’obiettivo della diminuzione della popolazione di questa specie per ridurre la pressione sul territorio: spostamenti interni ed esterni, verifica su efficacia di sperimentazione farmaci immunocontraccettivi condivisa con organi competenti”.

E invece sono stati pubblicati sul sito web del Parco tre bandi per la cessione degli esemplari che saranno catturati. Gli animali saranno ceduti rispettivamente ad aziende agri-turistico-venatorie dove si pratica la caccia, ad allevamenti a scopo alimentare, e a proprietari di recinti che abbiano le caratteristiche idonee a ospitare gli esemplari a “scopo ornamentale”.

Non solo. È stato reso noto che di recente il Parco ha pubblicato anche un avviso pubblico per la formazione del personale potrà sparare ai daini nella foresta demaniale. Nella premessa si legge: “L’Ente PNC intende formare, nell’ambito del Piano gestionale di controllo del daino, personale di supporto per le operazioni propedeutiche allo screening sanitario della popolazione, nonché quelle di rimozione attiva della popolazione di daino all’interno dell’Area protetta, ai sensi della vigente normativa, da effettuarsi sia tramite cattura in vivo degli animali mediante corral fissi o chiusini mobili, che con la tecnica dell’abbattimento diretto tramite arma da fuoco a canna rigata”.

Ora che il Parco del Circeo resta senza neppure il presidente, faccia un passo indietro e diventi amico degli animali.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Acilia, da “Serra Madre” l’idea per rilanciare il florovivaismo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il florovivaismo come settore strategico sul quale Coldiretti sta lavorando per la sua valorizzazione, attraverso una serie di azioni concrete, che vanno dalla semplificazione burocratica, al potenziamento del comparto fitosanitario, fino all’importanza strategica della corretta informazione ai consumatori sull’origine dei prodotti. Sono solo alcuni dei temi affrontati nel confronto “Dal verde privato alla foresta urbana”, che si è svolto nell’azienda agricola Serra Madre ad Acilia di Stefano Mangiante.

Presenti il presidente nazionale di Coldiretti, Ettore Prandini, con il suo vice e presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri. Al dibattito ha preso parte anche Romano Magrini, Capo Area Gestione del Personale, Lavoro e Relazioni Sindacali di Coldiretti, Nada Forbici, presidente di Assofloro, Andrea Pellegatta, presidente della Società Italiana di Arboricoltura, ma anche agronomi e tecnici del settore e Massimo Marzoni, presidente di Anaci Lazio.

Ad aprire i lavori è stata Sara Paraluppi, Direttore di Coldiretti Lazio. E proprio Coldiretti Lazio insieme ad Assofloro ha voluto questo confronto che ha tracciato una linea su quanto è stato fatto fino ad ora e fissato gli obiettivi per il futuro.

“L’iniziativa nasce dall’esigenza di Coldiretti Lazio – ha detto il presidente David Granieri – di occuparsi con particolare attenzione dell’attività vivaistica, che è e rimane un’attività agricola. Le esigenze del settore florovivaistico sono anche le nostre e crediamo fortemente nella sua evoluzione, che può vincere una serie di scommesse, come quella della manutenzione urbana. L’amministrazione comunale di Roma Capitale per la prima volta nel dipartimento di manutenzione del verde ha istituito l’albo della multifunzionalità. E dunque le aziende agricole possono lavorare senza bando, ma ad incarico diretto, fino alla soglia di 50 mila euro per le ditte individuali e 250 mila euro per le società. Non è una soluzione, ma è un buon inizio”.

Il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri, ricorda poi un altro risultato raggiunto. “Abbiamo lavorato affinché venisse attivata nel bilancio regionale una misura molto importante – prosegue – riferita principalmente alla grande distribuzione, ma anche ai commercianti, che varrà per tutti i vivaisti della regione che avranno un ristoro del 30% per l’acquisto di prodotti Made in Lazio”.

Una misura che segue il solco tracciato da Coldiretti come il bonus ristorazione fortemente voluto dal presidente nazionale, Ettore Prandini.

“Ci tenevo ad essere presente per sottolineare l’impegno che Coldiretti sta mettendo in un settore strategico come è quello florovivaistico – spiega il presidente Ettore Prandini – Abbiamo presentato un piano legato al Recovery Plan per quanto riguarda le piantumazioni di 50 milioni di piante, partendo dalle città metropolitane, fino ad arrivare alle città con un minor numero di residenti. Quello che stiamo chiedendo al ministero dell’Agricoltura e dell’Ambiente è di coltivare e produrre le piante in Italia, partendo dalla valorizzazione di quelle autoctone”.

La forma naturale per combattere l’inquinamento è utilizzare il verde come risorsa, ha ricordato il presidente nazionale di Coldiretti, che ha citato anche alcuni studi realizzati sui benefici che le piantumazioni possono apportare in termini positivi per l’abbattimento delle temperature nel periodo estivo, fino ad arrivare all’abbassamento di tre gradi e dunque ad un maggior risparmio energetico. Stessa cosa per il periodo invernale.

“Dobbiamo fare ancora tantissimo per il florovivaismo – ha aggiunto Prandini – siamo solo all’inizio di un percorso che comunque ci ha portato ad ottenere dei risultati notevoli che vanno dal bonus verde, alla defiscalizzazione, alla decontribuzione e a tutto quello che concerne le figure professionali o il lavoro che si sta facendo in Europa anche su temi più vasti. Una delle cose che vorremmo cercare di attuare è una maggior valorizzazione dei certificati sulle attività inquinanti”.

E sull’importanza delle figure professionali è intervenuta anche Nada Forbici, presidente di Assofloro. “Gli alberi cadono spesso a causa dell’incuria – spiega – ecco perché bisogna avere figure all’altezza di curarli. Qualche anno fa abbiamo intrapreso un lungo percorso per il riconoscimento giuridico del manutentore del verde. Questo ha fatto si che nel collegato agricolo 2016, fosse scritto l’art 12, che determina quali sono i parametri tecnici per ricoprire questo ruolo professionale. Da quel momento non ci si può improvvisare manutentore del verde”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Applausi per Mattarella e Zingaretti al centro vaccinale dell’EUR “Nuvola di Fuksas”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Visita in mattinata del presidente della Repubblica Sergio Mattarella al centro vaccinale allestito alla Nuvola di Fuksas all’Eur. Ad accompagnare il Capo dello Stato nella visita di circa mezz’ora è stato il governatore del Lazio Nicola Zingaretti. 

Mattarella ha visitato la sala d’attesa, la sala del Triage, quella per la somministrazione dei vaccini, per l’attesa post-vaccinale e, infine, lo spazio dedicato al rilascio del certificato vaccinale.

Presenti oltre a Zingaretti, a Fuksas e alla moglie Doriana, anche l’ad di Eur Spa Antonio Rosati, l’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato, il dg dell’As Rm2 Fori Degrassi. Il presidente Mattarella si è complimentato per l’organizzazione e l’efficienza del centro.

Mattarella, al termine della visita all’hub vaccinale, mentre si stavano effettuando alcune vaccinazioni è stato applaudito da lavoratori e cittadini presenti. Il capo dello Stato, a quanto riferisce chi era presente, ha rivolto diverse domande sul funzionamento della struttura e ha salutato da lontano i presenti rivolgendo un messaggio di speranza: “Teniamo duro, ce la faremo”.

“Oggi abbiamo accolto il Presidente Mattarella alla Nuvola di Fuksas che ospita uno dei più grandi centri per somministrare i vaccini anti Covid in Italia. Lo ringrazio per questo atto di sensibilità e vicinanza verso le operatrici e gli operatrici della sanità del Lazio impegnati nella grande campagna vaccinale in questo luogo simbolo dell’Italia, dove si può arrivare fino a 4 mila somministrazioni al giorno. Con gli altri centri vaccinali è una vera fabbrica della speranza”. Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

“Il Lazio è rimasto in zona gialla e questo è importante per la nostra economia, ma continuiamo a tenera alta la guardia e a rispettare le regole. La campagna vaccinale va avanti, liberiamo l’Italia dal Covid per tornare a vivere”. Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

Zingaretti questo pomeriggio inaugurerà un altro centro vaccinale con il ministro della Salute Roberto Speranza alla stazione Termini di Roma.

Scotti: ‘Solo 10 vaccini per medico a settimana. Ritardi regioni’  – Solo 10 dosi di vaccino anti-Covid a settimana: sono quelle al momento disponibili per ogni medico di famiglia nelle regioni in cui si è avviato il coinvolgimento dei camici bianchi nella campagna di vaccinazione. Lo spiega all’ANSA il segretario della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg) Silvestro Scotti, precisando che sono ancora poche le regioni partite con la vaccinazione negli studi o asl sulla base di accordi territoriali. In questa prima settimana, “stimiamo in circa 100mila le dosi arrivate ai medici nelle regioni partite. Un numero ancora scarso, mentre va sottolineato il ritardo di varie regioni”, afferma.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti