Connect with us

Castelli Romani

Frascati, erogati 375 buoni spesa per un totale di 124 mila euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sono 623 le richieste di Buoni Spesa per i nuclei familiari più esposti agli effetti
economici dell’emergenza da Covid-19, arrivate finora al Comune di Frascati.

Ne sono state lavorate 573 e i buoni erogati sono stati 375, per un importo complessivo di
124.575,00 euro. Questi sono i dati che attestano il lavoro svolto dagli Uffici Comunali
per assicurare ai cittadini che ne hanno diritto il sostegno economico e finanziario
stabilito dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.
Le procedure per l’assegnazione dei Buoni Spesa sono ancora in corso, anche perché
era possibile presentare le domande fino al 24 aprile scorso. Pertanto, i dati definitivi,
al netto di nuovi interventi del Governo, saranno aggiornati quando saranno chiuse le
procedure. Tenuto anche conto che al Comune di Frascati sono stati assegnati fondi
per il rilascio di Buoni spesa pari a 120.633,00 euro con l’Ordinanza della Protezione
Civile n. 658 del 29.02.2020, ai quali si sono aggiunti gli 89.940,00 euro stanziati per
le stesse finalità dalla Regione Lazio n. 138 del 31.03.2020. Nella prima fase, i buoni
sono stati rilasciati a nuclei che non percepiscono altri sostegni reddituali.
Parallelamente è stato stilato un elenco di domande di chi percepisce altro contributo
(per esempio reddito di cittadinanza). Tra queste domande – solo in casi eccezionali e
previa verifica dello stato di evidente necessità – sarà riconosciuto l’accesso ai buoni
spesa.
«L’impegno profuso in queste settimane dagli Uffici dei Servizi Sociali è stato ed è
ancora enorme – dichiara l’Assessore alle Politiche Sociali Alessia De Carli -. La
professionalità, l’esperienza e la sensibilità dei nostri Assistenti Sociali e dell’intero
gruppo di lavoro hanno trasformato un momento drammatico per molte famiglie in un
momento di accoglienza e di supporto. Li ringrazio per la loro dedizione e per il
continuo confronto, finalizzato a trovare le soluzioni migliori. Abbiamo fatto un grande
sforzo per soddisfare due necessità: un’azione amministrativa il più possibile agile e la
garanzia dei controlli sulla legittimità delle domande ricevute. Molte sono state
giustamente respinte, altre ritirate dagli stessi richiedenti: ciò dimostra l’efficacia di un
lavoro profondo di intervista e di verifica».
«L’elevato numero di domande arrivate al Comune di Frascati ha reso necessario
effettuare delle verifiche puntuali prima di procedere con l’assegnazione delle
domande – dichiara il Sindaco di Frascati Roberto Mastrosanti -. Inoltre, come
Amministrazione, abbiamo deciso di introdurre delle modifiche al modello, per sveltire
l’erogazione dei Buoni Spesa ai cittadini e il rimborso agli esercenti, cercando anche di
facilitare la fase di rendicontazione alla Regione Lazio. È un periodo davvero molto
difficile per tutti, e insieme agli uffici comunali ringrazio anche i cittadini che si sono
comportati e si stanno comportando in modo esemplare».

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Albano Laziale, Borelli-Orciuoli: è confronto… a distanza [VIDEO]

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Confronto a distanza tra Massimiliano Borelli candidato sindaco di centrosinistra e Matteo Mauro Orciuoli candidato sindaco di centrodestra.

L’intervista di Massimiliano Borelli a Officina Stampa del 17/09/2020
Matteo Mauro Orciuoli commenta le dichiarazioni di Massimilano Borelli

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, scuola. Genitori preoccupati per l’impianto di areazione dei bagni: scattano le prime due interrogazioni comunali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – La scuola di Nemi al centro di alcune interrogazioni comunali presentate da tutti gli esponenti consiliari di opposizione, dopo che alcuni genitori, al termine del primo giorno di scuola, hanno segnalato problemi inerenti l’impianto di aerazione nei bagni del plesso e la presenza di persone all’interno dell’edificio scolastico della scuola primaria e della scuola secondaria durante la tarda serata di lunedì.  

Lo scorso 15 settembre è scattata la prima richiesta di chiarimenti presentata dai consiglieri di “Ricomincio da Nemi” Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri per chiedere al Responsabile dell’ufficio Tecnico e al Segretario comunale chi fossero le persone presenti nell’edificio scolastico durante la notte di lunedì 14 settembre 2020 (dalle 22 in poi), che tipo di intervento stessero effettuando e chi ha autorizzato il loro ingresso nella scuola, oltre a chiedere se si è provveduto, prima dell’inizio delle lezioni, alla pulizia e sanificazione da parte di personale adeguato come da protocollo INAIL e MIUR.

Altra interrogazione, quella protocollata oggi dal consigliere comunale Stefano Tersigni di “Insieme per Nemi”, diretta al Sindaco, per sapere quale è il reale stato del sistema di aerazione dei servizi igienici della scuola e come viene gestita la turnazione degli studenti per recarsi in bagno.

Intanto è stato fissato un incontro per il prossimo lunedì tra la Dirigente scolastica e i rappresentanti di istituto e di classe dove si tireranno le prime somme riguardo la gestione scolastica anche alla luce di questa prima settimana di lezioni in presenza nell’era del post lockdown.

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, annullata la 96 esima edizione della Sagra dell’Uva

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MARINO (RM) – Annullata la 96 esima edizione della Sagra dell’Uva di Marino.

La decisione è stata presa lo scorso 16 settembre dalla Giunta comunale “per ottemperare ai Decreti emanati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID.19”. Dal Comune fanno sapere che ci sono altre importanti motivazioni che saranno approfondite in seguito che hanno portato a rinviare al 2021 la storica Sagra. Sulla decisione ha pesato anche l’evoluzione della situazione sanitaria che non consente di ridurre il livello di allerta e che richiede la massima attenzione all’applicazione delle misure di prevenzione individuate.

Continua a leggere

I più letti