1

FRASCATI SCHERMA CONQUISTA I GIOCHI DEL MEDITERRANEO: STAGNI D'ARGENTO, ERBA E ASPROMONTE BRONZO

Redazione

Frascati (Rm) – L'Europeo di Zagabria era ancora negli occhi. Ma gli atleti di punta del Frascati Scherma hanno dimostrato, una volta di più, che la loro “fame” è sempre notevole. Così ai Giochi del Mediterraneo andati in scena a Mersin (in Turchia) il club del presidente Paolo Molinari ha potuto festeggiare altri importantissimi allori. Il più pregiato porta la firma della sciabolatrice Livia Stagni (nella foto di Augusto Bizzi) che si è arresa solo in finale alla francese Berder dopo un'ottima prestazione complessiva. Due bronzi per i fiorettisti Carolina Erba e Valerio Aspromonte. La prima ha confermato una stagione davvero eccellente conquistando il terzo posto, dovuto soprattutto all'incrocio in semifinale con la connazionale Di Francisca (che ha poi conquistato l'oro). Sfortunato Aspromonte che in semifinale ha battagliato col francese Lefort, ma poi si è dovuto arrendere col punteggio di 15-13 che gli è valso comunque il bronzo. Per tutti loro ora c'è l'evento clou della stagione da preparare: il mondiale che si disputerà a Budapest dal 6 al 14 agosto dove (scelte dei ct permettendo) potranno di nuovo essere protagonisti.
Tornando in Italia, proprio nella “tana” del Frascati Scherma (vale a dire la palestra “Simoncelli”) si è disputata una tappa della Coppa Italia, la kermesse che vede impegnate tutte le società non militari del nostro Paese. La gara era decisiva per l'accesso alla finale che si disputerà a Roma nel prossimo mese di ottobre. All'ultimo atto ci sarà la squadra del fioretto femminile che ha usufruito del ritiro della Pro Patria: la finale sarà contro la Mangiarotti Milano. Non altrettanto fortunate il fioretto maschile (con Riccardo Cinti, Luca Papale, Tommaso Fabrizi e Guillaume Bianchi) che ha perso al termine di una equilibratissima sfida contro il Cs Roma e la sciabola maschile (con Marco Tricarico, Zsolt Nemcsik, Federico Riccardi e Emanuele Germoni) che è stata sconfitta addirittura all'assalto di spareggio dal Club Scherma Ariccia.