Connect with us

Sport

Frascati Scherma: è ufficiale il 14esimo scudetto, il settimo consecutivo. Molinari: “Che orgoglio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – La notizia era nell’aria da qualche settimana, ma adesso c’è anche l’ufficialità da parte della Federazione Italiana Scherma. Il Frascati Scherma è campione d’Italia per club (sia civili che militari) per la 14esima volta nella sua storia, la settima consecutiva per un dominio nazionale che ormai sembra avere poche discussioni. Nelle graduatorie rese note dalla Federazione, che mettono assieme i punteggi ottenuti grazie ai piazzamenti degli atleti nelle varie competizioni nazionali della stagione appena messa alle spalle, il Frascati Scherma ha ottenuto la bellezza di 19749,442 punti, precedendo le Fiamme Oro seconde della classe di quasi duemila lunghezze (17872,973). Staccatissimo sul terzo gradino del podio il Club Scherma Roma con 14126,922 punti. Visto l’alto punteggio complessivo ottenuto, il club tuscolano è in testa quasi ovunque anche nelle classifiche dei singoli settori: mostruoso il punteggio complessivo nel settore Assoluti (11425,077 punti) con le sole Fiamme Oro a reggere botta (10788,494 punti) e tutte le altre relegate ad almeno 3500 punti di distacco. Spicca il risultato ottenuto nel Gpg, ovvero le categorie Under 14 che sono il cuore pulsante di una qualsiasi società: il Frascati Scherma ha ottenuto 2584 punti contro i 1843 del Club Scherma Roma e i 1207 della Ss Lazio Scherma Ariccia. Dominio totale anche nella categoria Giovani (Under 20 e Under 17) con 3433 punti contro i 2672 del Club Scherma Roma e i 2110 delle Fiamme Oro. Ma al 14esimo scudetto hanno contribuito pure i settori Under 23 e paralimpico. “C’è grande orgoglio per questo ennesimo titolo, il settimo consecutivo – dice Paolo Molinari che nei suoi 16 anni da presidente ha così eguagliato il “bottino” di scudetti del resto della storia del Frascati Scherma, nata nel 1954 – Abbiamo consolidato la nostra posizione in classifica facendo registrare il punteggio complessivo più alto della nostra storia e siamo riusciti a vincere nei settori specifici degli Assoluti, ma anche di Under 20 e Under 14: questo è il segno che abbiamo i ricambi giusti, ovviamente da far crescere nel tempo. E’ stato importante, in questo senso, anche il contributo dei ragazzi del “Pio XII”, la sede romana del nostro club che ormai è diventata una realtà affermata”. Come sempre, lo scudetto per il Frascati Scherma non è un punto d’arrivo: “Da qui possiamo ripartire per fare un percorso ancor più di qualità perché dei margini di miglioramento ci sono ancora. Sarà importante curare non solo l’aspetto agonistico, ma anche quello ludico e questo dovrebbe valere per tutto il movimento. La festa? La faremo a ottobre, assieme a quella dei medagliati mondiali quando annunceremo alcune iniziative come la produzione di un fumetto o altre idee nell’ambito medico-scientifico” conclude Molinari.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Atletico Roma VI (calcio), il neo ds Toti: “Mi ha convinto la programmazione pluriennale del club”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – E’ indubbiamente la novità più rilevante dell’organigramma dirigenziale dell’Atletico Roma VI per la stagione 2022-23. Una figura di altissimo profilo e dalla enorme esperienza quella di Eugenio Toti che fungerà da direttore sportivo. Prima della stagione appena messa alle spalle al San Lorenzo Bettini, il ds ha lavorato nelle principali società di Roma come la Vigor Perconti, la Nuova Tor Tre Teste e il Savio (complessivamente per venti anni come responsabile della Scuola calcio prima e come direttore sportivo e direttore generale in seguito) muovendo i primi passi agli inizi degli anni Ottanta nel Centro Calcio Federale assieme a personaggi del calibro di Sergio Roticiani e Stefano D’Ottavio. “Non ho mai fatto scelte a seconda del blasone delle società, ma guardando alla programmazione – dice Toti – Qui si sta impostando un discorso che guarda ai prossimi tre o anche cinque anni con l’obiettivo di crescita in modo costante. C’è tanta voglia di far bene: il presidente Luigi Paoletti è una persona seria, trasparente e di cultura e questa è una cosa rara, con lui c’è stata subito sintonia. L’Atletico Roma VI è un club con un’organizzazione snella e con le persone giuste al posto giusto, l’impianto è sicuramente bello e ben tenuto, il “bacino d’utenza” è rappresentato da una zona popolosa anche se c’è tanta concorrenza nel circondario quindi bisogna puntare alla qualità per convincere i ragazzi”. Toti è arrivato da pochi giorni e quindi solo prossimamente si inizieranno a vedere i “frutti” del suo lavoro: “Devo conoscere bene la realtà di questa società e le potenzialità dei vari gruppi e dello staff. Col direttore tecnico Roberto Petricone ci conosciamo da tempo avendo collaborato quando lui era al Tor Sapienza e io alla Nuova Tor Tre Teste. Oltre all’agonistica, il presidente mi ha chiesto di dare un’occhiata anche alla Scuola calcio avendo esperienza specifica pure in quel settore”. L’agonistica dell’Atletico Roma VI ripartirà da tre categorie regionali (l’Under 18 di Cristian Silvestri, l’Under 17 di Amedeo Mastrogiacomo e l’Under 16 di Gianluca Balletti) e da due provinciali (l’Under 15 di Antonello Tavoletta e l’Under 14 di Federico Fagotti). “In un solo anno di vita questa società ha già fatto un percorso importante. Al presidente ho detto di non avere la bacchetta magica, ma qui ci sono tutte le potenzialità per fare davvero un buon lavoro nel corso del tempo” conclude Toti.

Continua a leggere

Calcio

Vis Casilina (calcio, Under 17 reg.), Savo: “Ci saranno difficoltà, ma questo gruppo vale”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – L’ufficialità è arrivata da poche ore. Al primo anno di “vita sportiva”, la Vis Casilina ha già conquistato un titolo regionale. L’Under 17 del club del presidente Enrico Gagliarducci, giustamente orgoglioso per questo primo traguardo (al pari del direttore sportivo Tonino Rovere), giocherà dunque nella categoria superiore. Il gruppo è stato affidato alla guida esperta di mister Marco Savo che parla così della ghiotta novità: “Se avessimo giocato il campionato provinciale, avremmo provato a fare un torneo di vertice. Nel regionale sappiamo che ci saranno maggiori difficoltà, ma questo gruppo ha delle buone qualità e può competere”. L’ex allenatore del Savio (con cui ha militato anche da calciatore per diversi anni), del La Rustica in Promozione (da secondo allenatore) e l’anno scorso nella Scuola calcio dell’Atletico Lodigiani entra più nello specifico nella descrizione dei suoi ragazzi: “Lavoriamo assieme da un mese e stiamo calibrando la preparazione per arrivare nella miglior condizione possibile all’esordio del prossimo 23 ottobre: è chiaro che, come per tutti i ragazzi di questa categoria, i due anni “cancellati” dal Covid pesano molto. Ma questo organico può contare su buoni elementi che già l’anno scorso hanno fatto delle buone cose qui alla Vis Casilina. Forse manca un elemento di spessore davanti, ma lavoriamo anche per trovare soluzioni alternative. Anche le prime amichevoli contro i regionali dell’Atletico Morena e contro il Colonna sabato scorso mi hanno fornito indicazioni confortanti. I ragazzi lavorano con una buona predisposizione”. L’allenatore chiarisce come è nato l’accordo con la Vis Casilina: “Ci conoscevamo da tempo con il ds Rovere, visto che ci siamo spesso incrociati sui campi. Quando mi ha prospettato la possibilità di prendere questo gruppo ci ho messo poco per accettare. Poi ho conosciuto il presidente Gagliarducci, persona di grande passione e competenza. Qui c’è un club che ha voglia di crescere, ma facendo il passo secondo la lunghezza della gamba e questa è la ricetta migliore” conclude Savo.

Continua a leggere

Calcio

ULN Consalvo (calcio), Garzina e la nuova Under 15: “Un gruppo più omogeneo e consapevole”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – L’ULN Consalvo ha puntato ancora una volta su di lui. Fabio Garzina, presenza fissa nel club capitolino dal lontano 2013, continuerà il suo percorso con quello che era il “vecchio” gruppo Under 14 e che quest’anno giocherà nell’Under 15 provinciale. “Sono stato molto felice di aver visto la permanenza di quasi tutti i ragazzi che c’erano nella passata stagione, fatta eccezione del bomber Nuccitelli che ha preso un’altra strada – dice Garzina – Questi ragazzi sono rimasti compatti e battaglieri nonostante le difficoltà vissute soprattutto nella prima parte della scorsa stagione. Nel finale di campionato la squadra è cresciuta in modo evidente e ora ripartiamo da quella base. Inoltre sono arrivati anche diversi ragazzi nuovi, validi dal punto di vista tecnico e caratteriale. Per completare la rosa, che quest’anno è decisamente abbondante tanto che a malincuore abbiamo dovuto rinunciare a qualche nuovo arrivato, ci sono solo tre ragazzi del 2009 (che invece l’anno scorso erano più numerosi, ndr). La cosa che mi ha colpito di queste prime settimane di lavoro è la coesione tra vecchi e nuovi: c’è un gruppo più omogeneo e anche per me sarà più complicato scegliere, visto che è aumentata la concorrenza e questo incide anche sulla qualità degli allenamenti”. L’Under 15 ha iniziato la preparazione lo scorso 5 settembre e ora è già entrata “a regime” coi tre allenamenti settimanali: “Al momento abbiamo fatto qualche test amichevole in famiglia, ma ora inizieremo a farne pure con altre società. Il primo di questi è in programma il prossimo 9 ottobre a Frascati contro il Football Club. Obiettivi? In primis sempre la crescita di squadra e anche quella individuale dei vari ragazzi. Sono convinto che si possa puntare ad arrivare almeno a metà classifica, poi vedremo strada facendo se possiamo ambire a qualcosa di più”. Garzina avrà anche un gruppo di Scuola calcio: “La società mi ha chiesto di guidare pure i Pulcini 2012 che sono un gruppo molto numeroso e io mi sono messo a disposizione molto volentieri”.

Continua a leggere

I più letti