Connect with us

Sport

Frascati Scherma, ecco il 12esimo scudetto: “Dedicato a Gaetano Frezza e Roberto D’Alessio”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – Il Frascati Scherma è ancora una volta campione d’Italia. Nelle scorse ore la Federazione Italiana Scherma ha reso note le classifiche dei punteggi acquisiti nelle gare di tutte le categorie (dagli Assoluti alle categorie giovanili, dai Master ai paralimpici) e ha assegnato lo scudetto per club (militari e civili) riferito alla tormentata stagione 2019-20, “mozzata” sul più bello dal blocco per il Coronavirus. Per il club tuscolano è stato il dodicesimo trionfo della storia, il quinto consecutivo di un ultimo periodo di “vita” davvero eccezionale.
«Ci tenevo molto a questa vittoria per dedicarla a Gaetano Frezza – dice il presidente Paolo Molinari – Questa è una nuova stellina da abbinare al percorso fatto con lui. Mi hanno fatto piacere i commenti del sindaco Mastrosanti e dell’assessore allo sport Marziale che hanno sottolineato il lato umano che è un punto di forza del nostro club. Obiettivi per il futuro? Vorrei centrare un record personale e cioè mi piacerebbe battere il mio predecessore Roberto Buccione che ha vinto sette scudetti sotto la sua gestione e quindi ne vorrei vincere almeno otto per diventare il presidente più titolato della storia del Frascati Scherma – dice con un sorriso Molinari – Ora, mentre stiamo studiando una grafica celebrativa per il 12esimo titolo, aspettiamo con ansia il ritorno alle attività ufficiali: la nuova stagione avrà un inizio monco, le gare internazionali partiranno solo dal 2021 e ora sono state messe in discussione anche le gare regionali, vedremo se il Comitato regionale deciderà di farci fare almeno dei mini allenamenti congiunti”.
Felice anche il vice presidente Massimo Tocci: “Non era scontato la vittoria di questo dodicesimo titolo tricolore per club, c’è stata la variabile “impazzita” del Coronovirus che ha mutilato la stagione, comunque abbiamo vinto con merito anche se solo di 170 punti e sarebbe stato un peccato non riuscire ad acciuffare questo scudetto. Speriamo che la striscia continui per lo sforzo che stiamo producendo e ci auguriamo che il presidente faccia un atto di grande generosità così da festeggiare al meglio questo titolo – sorride Tocci che poi ricorda la figura di Frezza – Gaetano l’avrebbe commentato con una smorfia da burlone e da vero frascatano com’era, facendoci sorridere per il suo modo scanzonato di vivere i momenti belli e quelli più complicati”.
Anche il responsabile marketing Marco Capodicasa ha sottolineato un curioso dato statistico: “Per me è la quinta stagione da dirigente, quindi non conosco la non vittoria e lo stesso identico discorso lo può fare anche lo sponsor tecnico Macron – sorride – E’ molto più semplice gestire il marketing quando c’è un così corposo numero di atleti di grande livello, ma anche tanti giovani e giovanissimi che hanno conquistato dei risultati di rilievo, oltre a tecnici di altissimo spessore. La festa più importante l’abbiamo fatta per il titolo della “stella” (il decimo, ndr), poi comunque anche la situazione generale ci consiglia di non fare cose eclatanti in questo momento. Oltre alla partnership con Macron, consolidata con la vendita di abbigliamento “dedicato” e firmato Frascati Scherma, dal punto di vista delle aziende che ci sostengono abbiamo registrato recentemente l’ingresso di Decathlon tra i nostri partner Gold: grazie a questo accordo tutti gli atleti e i soci potranno avere scontistiche particolari e prodotti dedicati presso la nota azienda”.
Tutte queste vittorie potrebbero rendere il Frascati Scherma meno simpatico… “Nei nostri confronti non c’è invidia, ma apprezzamento” risponde Capodicasa. “Siamo sempre ospitali ed estremamente sportivi anche in situazioni negative, non siamo antipatici e non credo che lo diventeremo” aggiunge Tocci. La chiosa di Molinari guarda al futuro: “Probabilmente se continueremo a vincere, diventeremo antipatici ed esserlo un po’ per questi motivi sinceramente non ci dispiacerà…”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Panaioli: “Con l’Agnonese due punti persi, ora il Campobasso”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Genzano (Rm) – Ha segnato il suo terzo gol stagionale (il secondo in campionato dopo quello in Coppa Italia a inizio stagione con la maglia della Sambenedettese), ma non è servito alla Cynthialbalonga per conquistare il bottino pieno. Lorenzo Panaioli, centrocampista (o trequartista) classe 1999, si rammarica ancora per l’1-1 nell’anticipo di sabato sul campo dell’Olympia Agnonese (ex ultima della classe). «Sicuramente sono due punti persi: dovevamo dimostrare la nostra superiorità nei confronti degli avversari, ma abbiamo sciupato troppe occasioni e abbiamo pagato a carissimo prezzo una disattenzione difensiva in avvio di ripresa. Peccato perché eravamo riusciti a indirizzare la partita nel verso giusto, non possiamo perdere queste occasioni e soprattutto fuori casa bisogna migliorare il rendimento attuale». L’unica consolazione è stato proprio il suo gol: «Merito di Di Cairano che ha messo un ottimo pallone al centro su cui mi sono inserito e di testa sono riuscito a beffare il portiere avversario. Nel secondo tempo, evidentemente, non siamo rientrati in campo con la giusta concentrazione e abbiamo subito l’1-1 finale su una disattenzione difensiva generale». La Cynthialbalonga non ha tempo per rammaricarsi perché mercoledì al “Bruno Abbatini” di Genzano c’è il big match col Città di Campobasso: «Affronteremo una grossa squadra che ha individualità importanti e che da molti viene indicata come una delle favorite. Ma in casa noi sembriamo avere quasi un atteggiamento diverso e poi quando affrontiamo le squadre più forti gli stimoli e la concentrazione sono altissimi in maniera naturale. Il nostro obiettivo? Conosciamo il valore dell’organico, dobbiamo limare i dettagli e guardare avanti perché tutto è possibile». Il giovane atleta (che arriva dalle esperienze con la Primavera del Perugia, con cui fece anche qualche panchina in B, e Torino e anche dai due anni di serie C con la Sambenedettese) spiega i motivi che lo hanno portato alla corte del club del presidente Bruno Camerini: «Sono venuto qui perché avevo voglia di giocare e crescere, sperando di risalire al più presto di categoria. Ringrazio il presidente, ma anche il direttore sportivo Giorgio Tomei e mister Mauro Venturi per la fiducia che mi hanno sempre dimostrato».

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Sport

A Montefiascone, sfida al vertice tra Maury’s Com Cavi Tuscania e Videx Grottazzolina

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Maury’s Com Cavi Tuscania alla ricerca della decima vittoria di fila domani sul taraflex di Montefiascone dove alle 18 è in programma lo scontro al vertice con l’altra delle quattro capolista del girone blu la Videx Grottazzolina. L’incontro è valido per la terza giornata di ritorno della serie A3 Credem Banca.

Le due squadre si sono affrontate non più tardi di tre settimane fa nel recupero della terza di andata; nell’occasione i ragazzi di Tofoli si imposero nettamente per 1/3. Entrambe provengono da due convincenti vittorie: i padroni di casa ai vantaggi sull’altra capolista Galatina, gli ospiti per 3/1 in casa con Aci Castello.


“Affrontiamo una squadra che negli ultimi anni ha sempre fatto bene -presenta l’incontro capitan De Paola – nonostante si sia rinnovata mantenendo però delle pedine fondamentali quali Vecchi, Marchiani e il libero Romiti. Noi siamo fortemente determinati a continuare la striscia di vittorie mantenendo la nostra mentalità positiva: è un’altra sfida al vertice per cui gli stimoli si trovano da soli. Il loro attaccanti migliori potrebbero essere appunto Vecchi, nei momenti più importanti, insieme a Calarco. Da tener d’occhio anche Starace che ha ottime potenzialità. Noi dobbiamo fare una bella partita, se continueremo a giocare di squadra come stiamo facendo sono sicuro che potremo toglierci delle belle soddisfazioni”.


Probabile formazione degli ospiti: Marchiani in palleggio con Calarco opposto, Vecchi e Starace laterali, Romagnoli e Cubito centrali, Romiti libero. All. Ortenzi.
Si gioca alle 18 al Palazzetto dello Sport di Montefiascone (VT) agli ordini dei signori Beatrice Cruccolini e Maurizio Merli. Diretta Legavolley.tv

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Calcio

Polisportiva Borghesiana (calcio), il presidente Gagliarducci: “Il comitato restituisca le iscrizioni”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Roma – L’attività “in forma individuale” continua in casa Polisportiva Borghesiana. La società del presidente Enrico Gagliarducci sta consentendo di allenersi a tutti i gruppi dalla Scuola calcio agli Allievi (che si sono aggiunti al resto delle categorie da qualche tempo). “Abbiamo fatto sforzi notevoli sia a livello economico che organizzativo per adeguarci ai protocolli proposti dalla Federazione – dice il massimo dirigente della Polisportiva Borghesiana – Ma evidentemente non sono bastati visto che, ormai da tempo, l’unica forma consentita è quella degli allenamenti in forma individuale. Inoltre il divieto di utilizzare gli spogliatoi per fare la doccia, ma anche solo per utilizzare il phone e asciugare i capelli prima di tornare a casa, ha creato ulteriori notevoli difficoltà in un periodo di basse temperature come questo. Ringrazio comunque le famiglie dei nostri ragazzi che ci hanno testimonianza vicinanza e fiducia più volte, non a caso sono pochi coloro che hanno deciso di interrompere l’attività sportiva”. Più passa il tempo, però, e più l’ipotesi di una ripresa dei campionati diventa debole: “Dopo l’ultimo decreto governativo, credo che oggettivamente le speranze siano davvero al lumicino – rimarca Gagliarducci – Inoltre finora non è trapelata nessuna ipotesi concreta sulle nostre categorie e si è sentito parlare soprattutto dell’Eccellenza: penso non sia giusto fare distinzioni. In ogni caso faccio anche pubblicamente una richiesta al comitato: abbiamo pagato le iscrizioni dei nostri gruppi giovanili e della prima squadra e praticamente non abbiamo cominciato a giocare. Dopo aver saltato gli ultimi tre mesi della passata annata, credo sia giusto rimborsare alle società almeno le quote di questa stagione. Il comitato regionale dovrebbe dare un segnale forte e mettere in campo delle iniziative concrete a sostegno delle società, ma vedo un ente “stanco”, fermo, che avrebbe bisogno di nuove energie e invece è guidato da anni dalle stesse persone”.



Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti