Connect with us

Sport

Frascati Scherma, la Di Russo: “Il raduno con la Nazionale Cadetti? Sarà una grande opportunità”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – E’ una degli otto convocati del Frascati Scherma ai raduni degli “azzurrini” (Cadetti e Giovani) che si terranno nelle prossime due settimane. Guia Di Russo compirà 16 anni il prossimo 9 settembre (un giorno dopo Mattia Raimondi, anche lui tra i convocati del club tuscolano) e si è fatto decisamente un bel “regalo anticipato”: il nome della giovane fiorettista, allieva di Fabio Galli, è nella lista di coloro che parteciperanno al ritiro in programma da domenica prossima a sabato 5 settembre in quel di Piani di Luzza, paese friulano della provincia di Udine. “Due anni fa ero già stata convocata per un raduno “azzurrini”, quando dovevo iniziare il primo anno Cadetti e arrivavo dalla vittoria al campionato italiano Gpg. Sicuramente è sempre una grande emozione, sono certa che sarà una bellissima esperienza e una grande opportunità per potersi confrontare con le migliori della categoria” spiega la Di Russo che sta per iniziare il terzo anno Cadetti e che si è innamorata di questo sport osservando le gesta del papà Fabio. “A sei anni ero già in palestra a Spoleto (in Umbria, ndr) dove vivevo, poi la mia famiglia si è spostata a Roma e ho tirato per un po’ di tempo col Club Scherma Roma, mentre questo che inizia sarà il mio terzo anno a Frascati. Mi sono trovata subito benissimo: la particolarità è che qui c’è veramente una grande famiglia e sono tutti molto accoglienti, anche gli atleti più affermati. Sono sempre pronti a darti un consiglio”. A proposito di consigli, a Guia ne arrivano ovviamente tanti dal maestro Fabio Galli: “Lavoro molto bene con lui, è una persona molto disposta al dialogo e assieme siamo una bella squadra anche se ovviamente ci possono essere dei normali alti e bassi tra noi in qualche momento. Stiamo lavorando su un particolare aspetto tecnico che devo correggere e sull’approccio alla gara: sono abbastanza ansiosa e a seconda di come mi sveglio la gara può andare bene o male, devo trovare maggiore continuità”. La Di Russo fa un passo indietro per parlare della stagione “mozzata” dal Covid: “Le gare più importanti sarebbero arrivate da marzo in avanti, comunque qualcuna ne ho fatta e quella che è andata meglio è stata certamente la prima prova nazionale Cadetti (a Bari) in cui mi sono classificata quinta, poi ho fatto anche qualche esperienza internazionale non brillante a livello di risultato ma comunque formativa. L’anno che sta per cominciare sarà importante per me, considerando che è il mio ultimo anno tra i Cadetti: non sento tanto la pressione, ma ho tanta voglia di raggiungere risultati importanti, è il momento di togliersi qualche soddisfazione”. Inevitabile un passaggio dedicato al particolarissimo nome che si porta dietro: “Guia è la versione femminile di Guido, non a caso in spagnolo significa “guida”. L’hanno scelto i miei genitori insieme e a me piace”. Il Frascati Scherma conta anche su un altro Di Russo: “Mio fratello Manfredi ha 11 anni e tira nel Gpg. Probabilmente alla sua età non ero così brava, ma non glielo dico mai altrimenti si monta la testa…”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sport

Quarto Municipio (calcio, Eccellenza), Settembre: “Vogliamo arrivare il più in alto possibile”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – Il Quarto Municipio è tornato alla vittoria. Dopo cinque turni di astinenza, la squadra di mister Daniele Lo Monaco ha sbancato il difficile campo della Vis Sezze con un prezioso 2-1 e si è arrampicata al sesto posto in classifica. “Sapevamo che sarebbe stata una gara durissima – spiega l’ala sinistra classe 2001 Edoardo Settembre – Inoltre abbiamo giocato su un campo molto largo rispetto al nostro e siamo partiti con un po’ di paura, andando sotto nella fase iniziale. Ma la squadra ha reagito benissimo e ha trovato la rete dell’1-1 con Mortaroli, poi però poco prima dell’intervallo siamo rimasti in dieci per l’espulsione di Leonardi. Ma nel secondo tempo sembrava che fossimo noi ad avere l’uomo in più: abbiamo sfoderato una grande prestazione e siamo andati in vantaggio col guizzo di Giordano a metà frazione. Nel finale la Vis Sezze ha provato a riversarsi nella nostra metà campo, ma noi abbiamo fatto un’ottima fase difensiva e alla fine abbiamo portato a casa una bella vittoria”. Settembre è uno dei rinforzi del mercato “di riparazione” del Quarto Municipio: “Avevo cominciato la stagione alla Romulea, in Promozione, ma una brutta distorsione mi ha condizionato. Siccome l’anno scorso ero al Tor Sapienza, volevo ritornare a giocare in Eccellenza. Tre amici mi hanno parlato bene del Quarto Municipio sia a livello di ambiente che di staff tecnico e quando è capitata questa opportunità, l’ho colta al volo”. Anche se domenica scorsa non ha giocato, Settembre lavora per farsi trovare pronto da mister Lo Monaco: “Sento la sua fiducia e considerazione e qualche presenza da quando sono arrivato l’ho già fatta. Mi alleno per dare il mio contributo a questo gruppo”. L’esterno offensivo fissa gli obiettivi del club capitolino: “Dobbiamo fare i punti necessari per raggiungere la salvezza, ma questa squadra ha dimostrato di essere in grado di puntare a qualcosa di più. Penso che i primi due posti siano un discorso blindato, ma vogliamo arrivare il più in alto possibile”. Nel prossimo turno c’è l’incrocio con la Boreale: “So poco degli avversari, al di là del fatto che sono quinti in classifica. Se stanno lì, comunque, avranno sicuramente valori importanti, ma sul nostro campo sappiamo dare sempre il massimo”.

Continua a leggere

Sport

Colleferro (calcio, Eccellenza), l’analisi di Renelli: “Ci siamo guardati in faccia e abbiamo reagito”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Colleferro (Rm) – Dopo tre sconfitte consecutive, il Colleferro ha rialzato la testa. I rossoneri di mister Stefano Scaricamazza hanno superato l’Audace in campo esterno per 2-1, dando una risposta importante in un momento complicato. “Nelle ultime gare non erano arrivati i risultati e nemmeno le prestazioni, in qualche caso – spiega il difensore classe 1991 Edoardo Renelli – Ci siamo guardati in faccia e abbiamo cercato di affrontare le problematiche principali. L’unica risposta possibile era quella di restare uniti e grazie a questa compattezza abbiamo sfoggiato una prestazione importante su un campo non semplice, facendo un primo piccolo passo per ripartire. I primi dispiaciuti per la situazione siamo noi giocatori: qui ci sono una piazza appassionata e una società ambiziosa che meritano soddisfazioni. E’ pur vero che a dicembre praticamente è nato un gruppo nuovo che aveva bisogno di lavorare e di conoscersi per rendere al meglio”. Renelli, ritratto nella foto di Leonardo Pera, entra più nello specifico della sfida con l’Audace: “Abbiamo giocato un grosso primo tempo andando sul doppio vantaggio con le reti di Laghigna e Casazza e concedendo pochissimo agli avversari. Nel secondo tempo sapevamo che l’Audace avrebbe messo qualcosa in più, ma siamo rimasti concentrati e tutto sommato abbiamo controllato bene la partita. Il gol avversario nei minuti finali non ci ha provocato particolari paure, siamo rimasti concentrati e sicuri e abbiamo portato a casa i tre punti”. Il Colleferro è a sette punti dal secondo posto che vale i play off: “Ma non dobbiamo interessarci dei risultati o dell’andamento degli altri. Dobbiamo fare la corsa su noi stessi, poi si tireranno le somme a fine stagione. Qui c’è un organico di qualità con gente che farebbe il titolare in qualsiasi squadra del Lazio. Io stesso non giocavo da sei partite prima di domenica, ma quando sono arrivato a Colleferro sapevo a cosa andavo incontro: il gruppo è composto da diversi giocatori di livello e quindi bisogna farsi trovare pronti quando si viene chiamati in causa”. Nel prossimo turno c’è la sfida interna col Villalba: “Una finale, come tutte le gare che mancano da qui alla fine della stagione. Affronteremo un avversario ostico che ha solo due punti in meno di noi, ma ci teniamo a tornare alla vittoria sul nostro campo” conclude Renelli.

Continua a leggere

Sport

ULN Consalvo (Under 17), un intero girone di vittorie. Centrone: “Una cavalcata straordinaria”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – L’Under 17 provinciale dell’ULN Consalvo ha completato il girone d’andata con tredici vittorie in altrettante partite. La cavalcata dei capitolini di mister Giuseppe Centrone è culminata nel match casalingo di domenica scorsa contro la Borghesiana seconda della classe, sconfitta con un eloquente 5-0 firmato dalla doppietta di Trionfera e dai gol di Camba, Sconza e De Lucia. “Non mi aspettavo questo risultato nello scontro diretto – dice Centrone – Ma a dire il vero non avrei immaginato nemmeno che questa squadra potesse compiere un fantastico filotto di vittorie nel girone d’andata: un dato davvero straordinario. Tornando all’ultima partita, siamo entrati in campo con grande aggressività perché sapevamo di avere un’occasione di classifica importante per poterci portare a dodici punti di vantaggio sulla seconda. Anche nella ripresa la squadra è rimasta sul pezzo, continuando sullo stesso ritmo”. A fine partita è scattato un brindisi e mister Centrone spiega i motivi: “Era una scommessa fatta con alcuni ragazzi su chi avrebbe segnato più gol alla fine del girone d’andata. L’ho persa e ho pagato da bere” sorride l’allenatore che torna serio quando gli si chiede se il campionato è già finito. “Assolutamente no, c’è tanto da giocare e non abbiamo vinto nulla. Abbiamo un bel vantaggio, ma vogliamo continuare così per trasformare questa annata in qualcosa di storico”. Qualcuno pensava che questo gruppo potesse avere la “pancia piena” dopo la conquista del titolo regionale Under 16 nella scorsa stagione: “Questa poteva essere un’incognita, ma i ragazzi hanno lavorato in maniera perfetta: è tutto merito loro. E’ anche vero che la qualità della rosa è importante, alcuni di loro potrebbero tranquillamente fare un campionato d’Elite”. Nel prossimo turno (il primo del girone di ritorno) i capitolini ospiteranno la Polisportiva Ciampino: “All’andata chiudemmo i conti già nel primo tempo, ma ultimamente i ciampinesi hanno fatto alcuni buoni risultati, tra cui anche il successo con la stessa Borghesiana. Ogni partita fa storia a sé, bisogna rimanere concentrati”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti