Connect with us

Sport

Frascati Scherma, Tocci: “Speriamo di tornare presto a fare gare. Gaetano Frezza ci mancherà tanto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Il Frascati Scherma ha presentato l’attività ufficiale per la nuova stagione. Domenica scorsa lo ha fatto in un incontro sulla piattaforma Zoom dedicato a tutti i genitori, mentre martedì sera il vice presidente Massimo Tocci ha partecipato a una diretta sulla pagina Facebook ufficiale del club tuscolano per spiegare a grandi linee cosa c’è da aspettarsi da questa prima annata post-lockdown. “La Federazione sta facendo di tutto per far ripartire la stagione e questo si è visto anche con i ritiri organizzati per gli azzurrini. Un esperimento che verrò ripetuto anche per cercare di compensare il numero inferiore di gare che per ovvi motivi saranno effettuate. C’è una bozza di calendario con eventi inizialmente interregionali che dovrebbero partire nel periodo tra novembre e dicembre, alla fine non molto più tardi del solito. Per le gare internazionali bisognerà vedere la situazione in nazioni come Stati Uniti, Francia e Spagna, ma anche in quel caso si sta facendo un grosso sforzo per pianificare qualche appuntamento nell’anno che dovrebbe portare alle Olimpiadi di Tokyo. Servirà cambiare un po’ le nostre abitudini e avere un pizzico di incoscienza unita alle doverose accortezze di questo periodo: ci saranno delle criticità, ma bisogna essere ottimisti e il nostro club cercherà di farsi trovare pronto”. Il Frascati Scherma ha già dimostrato di essere estremamente meticoloso nel seguire il protocollo anti-Covid, come sottolinea Tocci: “Abbiamo sfruttato l’esperienza fatta a inizio estate con gli atleti di interesse nazionale, quello è stato un banco di prova importante. Ora sono alcuni giorni che la palestra è aperta, il responsabile di sala Andrea Aquili (in condivisione con i tre capisettore di fioretto, sciabola e spada, ndr) ha strutturato bene gli orari “sfalsati” della settimana di allenamenti per tutte le categorie, anche quelle dei più piccoli, sfruttando al meglio l’ampiezza della nostra palestra. Il clima è sereno da parte di atleti e famiglie che frequentano la palestra, d’altronde il Frascati Scherma sta cercando di fare le cose con massimo rigore e rispetto delle regole. Ci sono nuove richieste da parte di ragazzi che vogliono cominciare a fare scherma e anche i vecchi tesserati hanno risposto bene, insomma un normale “turnover” come avvenuto sempre nel corso degli anni: da genitore sprono le famiglie a non chiudere i ragazzi in casa, ma a tornare a farli socializzare tramite l’attività sportiva oltre che con l’impegno scolastico”. Non solo i tesserati: anche le aziende amiche del Frascati Scherma hanno confermato la fiducia verso il club tuscolano e tra queste lo sponsor tecnico Macron: “Presto, assieme al consigliere Marco Capodicasa, andremo ad un incontro con l’azienda con sede a Bologna che già dall’anno scorso ha introdotto un discorso di merchandising specifico per il nostro club. Adesso hanno ideato un portale dove sarà possibile acquistare tute sociali e altri prodotti in maniera diretta da parte delle famiglie dei nostri tesserati e da chiunque altro vorrà”.
Tra tante note liete, ce n’è una amara: il Frascati Scherma non potrà contare sulla fondamentale presenza dirigenziale di Gaetano Frezza, scomparso qualche settimana fa. “Ancora non ho metabolizzato quello che è successo, la malattia che lo ha colpito ha portato via Gaetano in modo repentino. Non era solo un dirigente, ma una vera e propria memoria storica della società a cui ha dato un pesante contributo per tanti anni. Gaetano aveva una dote rara: dava il giusto valore alle situazioni e sapeva sempre smorzare le tensioni che potevano nascere nel consiglio direttivo. E’ una figura difficile da sostituire e ci mancherà tanto in palestra: avevo un rapporto molto stretto con lui perché c’era una sintonia particolare e ci sentivamo quotidianamente. Cercheremo di regalargli nuove soddisfazioni, ovunque lui sia in questo momento”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sport

Valmontone 1921 (calcio, Eccellenza femm.), Coladarce: “Il nostro inizio? Sapevamo di essere forti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Valmontone (Rm) – Sesta vittoria su altrettante partite di campionato per l’Eccellenza femminile del Valmontone 1921 che continua a dominare il girone B della categoria. Le giallorosse hanno travolto con un rotondo 5-0 esterno anche la Vis Alatri (doppiette di Bertini e Cisneros e gol di Di Federico), confermando il loro dominio incontrastato. “Avevamo un po’ sofferto nel precedente match con la Lupa Frascati e siamo entrate in campo ad Alatri con grande determinazione – dice il difensore centrale classe 2004 Francesca Coladarce, ritratta nella foto di Roberto Benedetti – Nel primo tempo potevamo fare anche meglio, pur chiudendo sul 4-0. Nella ripresa abbiamo giocato meglio, anche se abbiamo segnato un gol solo. Comunque era importante vincere e ci siamo riuscite senza grandi problemi”. Per il Valmontone 1921 sono 18 punti con 39 gol fatti e 3 subiti: “Mi aspettavo di poter avere grandi soddisfazioni con questo gruppo – dice la Coladarce – Sapevamo di essere una squadra molto forte, già dalle amichevoli si era capito che potessimo dominare il campionato. Dietro di noi tiene botta la Jem’s Soccer Academy che ha cinque punti di distacco con una gara giocata in meno: sembra l’avversario più pericoloso, ma se lavoriamo duro come stiamo facendo siamo convinte di poter conquistare il primo posto”. Che in ogni caso non regalerà la promozione diretta: “Il fatto di dover fare i play off è un pensiero in più, vogliamo arrivare prime e poi pensare alle partite decisive di fine stagione” dice Coladarce, una delle tante ragazze del Valmontone 1921 che arriva dal futsal: “L’anno scorso mi mancava un po’ il calcio a 5, ma adesso sono completamente calata nel mondo del calcio. Inoltre qui c’è un gruppo molto unito e uno staff molto competente che ci aiuta costantemente”. Nel prossimo turno a Valmontone arriverà lo Sporting Latina: “Sarà l’ultima partita di campionato del 2022 e il nostro obiettivo è quello di chiudere con un altro successo. Prima della pausa, comunque, ci sarà un’altra gara di Coppa, un’altra competizione a cui teniamo tanto” conclude la Coladarce.

Continua a leggere

Sport

Donghia e il centro dei Colli Tuscolani: “Col Football Club Frascati il rapporto va a gonfie vele”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Frascati (Rm) – Un punto di riferimento importante per l’attività del Football Club Frascati. Questo, ormai, rappresenta per il sodalizio tuscolano il centro sportivo dei Colli Tuscolani. Il circolo di via dell’Acqua Acetosa è ormai da tre anni uno dei due poli dell’attività del club del neo presidente Alessandro Rocca e del direttore generale Claudio Laureti. “Proprio conoscendoci con il dg è nata la nostra collaborazione – spiega Vitalberto Donghia che assieme a papà Stefano è il proprietario del centro sportivo dei Colli Tuscolani – Si è subito instaurato un rapporto di grande sintonia e rispetto con lui e col responsabile della Scuola calcio Lorenzo Marcelli, cosa che sta proseguendo anche col referente tecnico attuale del settore di base Michel Fabiani, persona di grande competenza e passione. Ospitiamo qui tutti i gruppi della Scuola calcio dal 2011 al 2017 e la sinergia tra Lupa Frascati e Football Club Frascati ha dato un ulteriore impulso anche alla nostra collaborazione che procede a gonfie vele”. Donghia, che sabato scorso ha festeggiato 27 anni attorniato dall’affetto della sua famiglia (in primis la compagna Simona e la primogenita Maria Letizia) e dei suoi amici e collaboratori, parla dei progetti che coinvolgeranno il circolo nei prossimi mesi. “Faremo importanti lavori di ristrutturazione, a partire dalla copertura di due dei sei campi di padel entro il mese di febbraio. Da gennaio, poi, partiranno altri interventi che riguarderanno il totale restyling degli spogliatoi, ma anche la nascita di un’area fitness e di una sala pesi che potranno essere utili anche agli atleti, oltre all’apertura di una tavola calda-pizzeria che impreziosirà ulteriormente il ventaglio dei servizi che già offriamo all’interno del nostro centro sportivo. Ci tengo a dire, però, che i lavori non inficeranno minimamente sull’attività della Scuola calcio che proseguirà regolarmente fino a fine stagione” conclude Donghia.

Continua a leggere

Sport

Vis Casilina (calcio, Under 17 reg.), Abbafati: “Il primo successo? Dovevamo capire le idee del mister”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – L’Under 17 regionale della Vis Casilina ha battuto il primo colpo. I ragazzi di mister Marco Savo hanno ottenuto il primo successo stagionale superando in uno scontro diretto casalingo l’Atletico Roma VI per 4-2. A parlare del match è il difensore classe 2006 Cristian Abbafati: “Abbiamo iniziato bene la sfida andando avanti col gol di Angeli, poi loro hanno pareggiato e così si è arrivati all’intervallo, ma il punteggio ci stava stretto perché abbiamo sciupato qualche buona occasione. Nella ripresa siamo tornati in vantaggio con Ciciou, ma loro hanno di nuovo pareggiato su un calcio di punizione. La partita in quel frangente era molto combattuta, ma su un mio assist Pepaj ha siglato la rete del 3-2. Poi ho realizzato il quarto gol con una punizione tirata quasi dalla metà campo: ho visto che il portiere non era pronto, ci ho provato ed è andata bene. E’ stato il mio secondo gol stagionale, c’erano i miei genitori Antonio e Bocena in tribuna e la dedica è per loro”. Il primo successo in campionato può dare slancio alla Vis Casilina: “Abbiamo dovuto conoscere i sistemi e le idee di calcio del mister, inoltre per molti di noi è la prima volta in un campionato regionale e quindi qualche difficoltà era preventivabile. Ovviamente l’obiettivo è quello della salvezza: se continuiamo a impegnarci come stiamo facendo, possiamo raggiungere questo traguardo. I tre punti dello scorso week-end possono darci fiducia ed entusiasmo”. Abbafati, che era alla Vis Casilina già nella passata stagione, parla del rapporto con mister Savo: “L’ho conosciuto quest’anno: si tratta di una persona alla mano con cui si può parlare anche di cose extra-calcio, mi trovo bene con lui”. La chiusura del difensore è sul prossimo turno, sulla carta proibitivo: “Faremo visita all’Atletico Lodigiani prima della classe: sarà una gara tosta, ma andiamo a giocarcela senza paura perché non abbiamo nulla da perdere”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti