Connect with us

Sport

Frascati Scherma, Zanzot e Papale: “Si può iniziare scherma ad ogni età grazie al settore Master”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Alto agonismo (come dimostrano i plurimi titoli nazionali e internazionali), “cura” dei più giovani, spazi per gli atleti con disabilità, ma non solo. Il Frascati Scherma ha da tempo organizzato anche un settore Master che è riuscito a ritagliarsi un suo spazio all’interno della palestra “Simoncelli” e che è ripartito da qualche giorno. A guidarlo, come sempre, c’è il maestro Gianluca Zanzot che dallo scorso mese di febbraio è stato affiancato da Luca Papale prima che il Covid interrompesse tutte le attività sportive. I due tecnici hanno parlato del settore nell’ultima diretta sulla pagina Facebook ufficiale del club tuscolano: “Abbiamo un gruppo che è diventato discretamente numeroso nel corso del tempo e alcuni sono già venuti a chiedere informazioni per questa nuova stagione – hanno detto in coro – La fascia d’età parte dai 23 anni in su, ma non è escluso che si accolgano anche ragazzi più giovani a cui non interessa l’attività agonistica pura. Ci sono persone che per svariati motivi non hanno potuto fare scherma in età “più verde” e quindi si avvicinano ora alla nostra disciplina o altri che l’hanno fatta per un breve periodo e poi l’hanno lasciata. Quello che li unisce è l’inizio di un percorso e ognuno trascina l’altro nella conoscenza della disciplina. A livello di insegnamento non cambia molto rispetto alle lezioni coi nostri ragazzi più giovani, anche se nel caso dei Master magari c’è una facoltà cognitiva maggiore e una minore capacità fisica”. Gli allenamenti Master, al momento, sono programmati il martedì e il giovedì dalle 20,30 alle 22: “A quell’ora c’è maggiore tranquillità e in pratica la sala è totalmente a disposizione dei nostri atleti. Comunque per tutte le informazioni ci si può rivolgere alla nostra segreteria, cercare sul nostro sito internet o i social o anche venire direttamente da noi in palestra” dicono Zanzot e Papale che poi parlano del forte spirito di gruppo che si riesce a creare nel corso Master: “Pur essendoci persone di età diverse, spesso si crea una bella sintonia. Inoltre le gare (che ovviamente sono meno numerose rispetto a quelle dell’agonistica, ndr) vengono fatte tutte nello stesso luogo e nello stesso giorno e questo favorisce la compattezza della “squadra”, ma principalmente fare attività Master è un modo per stare insieme, fare nuove amicizie, divertirsi e soprattutto organizzare cene”. Zanzot, tra l’altro, si diletta anche come atleta, mentre Papale da quell’orecchio non ci sente: “Io devo dare l’esempio al gruppo” sorride il primo. “Io partecipo solo alle cene, in pedana ormai vado solo da maestro – scherza il secondo – Devo dire che Gianluca, che in pedana strilla tantissimo, si è riprestato in un ottimo stato di forma”. Per le prime gare Master nella stagione 2020-21 ci sarà ancora da attendere: “A breve scadenza non ce ne sono – rimarca Zanzot – Forse potrebbe esserne organizzata qualcuna tra novembre e dicembre o più facilmente nel 2021, ma c’è da aspettare. E’ un periodo complicato per gli agonisti, figuriamoci per i Master”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sport

Vis Casilina (calcio, Under 17 reg.), Abbafati: “Il primo successo? Dovevamo capire le idee del mister”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – L’Under 17 regionale della Vis Casilina ha battuto il primo colpo. I ragazzi di mister Marco Savo hanno ottenuto il primo successo stagionale superando in uno scontro diretto casalingo l’Atletico Roma VI per 4-2. A parlare del match è il difensore classe 2006 Cristian Abbafati: “Abbiamo iniziato bene la sfida andando avanti col gol di Angeli, poi loro hanno pareggiato e così si è arrivati all’intervallo, ma il punteggio ci stava stretto perché abbiamo sciupato qualche buona occasione. Nella ripresa siamo tornati in vantaggio con Ciciou, ma loro hanno di nuovo pareggiato su un calcio di punizione. La partita in quel frangente era molto combattuta, ma su un mio assist Pepaj ha siglato la rete del 3-2. Poi ho realizzato il quarto gol con una punizione tirata quasi dalla metà campo: ho visto che il portiere non era pronto, ci ho provato ed è andata bene. E’ stato il mio secondo gol stagionale, c’erano i miei genitori Antonio e Bocena in tribuna e la dedica è per loro”. Il primo successo in campionato può dare slancio alla Vis Casilina: “Abbiamo dovuto conoscere i sistemi e le idee di calcio del mister, inoltre per molti di noi è la prima volta in un campionato regionale e quindi qualche difficoltà era preventivabile. Ovviamente l’obiettivo è quello della salvezza: se continuiamo a impegnarci come stiamo facendo, possiamo raggiungere questo traguardo. I tre punti dello scorso week-end possono darci fiducia ed entusiasmo”. Abbafati, che era alla Vis Casilina già nella passata stagione, parla del rapporto con mister Savo: “L’ho conosciuto quest’anno: si tratta di una persona alla mano con cui si può parlare anche di cose extra-calcio, mi trovo bene con lui”. La chiusura del difensore è sul prossimo turno, sulla carta proibitivo: “Faremo visita all’Atletico Lodigiani prima della classe: sarà una gara tosta, ma andiamo a giocarcela senza paura perché non abbiamo nulla da perdere”.

Continua a leggere

Sport

Vis Casilina (calcio, Under 17 reg.), Abbafati: “Il primo successo? Dovevamo capire le idee del mister”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – L’Under 17 regionale della Vis Casilina ha battuto il primo colpo. I ragazzi di mister Marco Savo hanno ottenuto il primo successo stagionale superando in uno scontro diretto casalingo l’Atletico Roma VI per 4-2. A parlare del match è il difensore classe 2006 Cristian Abbafati: “Abbiamo iniziato bene la sfida andando avanti col gol di Angeli, poi loro hanno pareggiato e così si è arrivati all’intervallo, ma il punteggio ci stava stretto perché abbiamo sciupato qualche buona occasione. Nella ripresa siamo tornati in vantaggio con Ciciou, ma loro hanno di nuovo pareggiato su un calcio di punizione. La partita in quel frangente era molto combattuta, ma su un mio assist Pepaj ha siglato la rete del 3-2. Poi ho realizzato il quarto gol con una punizione tirata quasi dalla metà campo: ho visto che il portiere non era pronto, ci ho provato ed è andata bene. E’ stato il mio secondo gol stagionale, c’erano i miei genitori Antonio e Bocena in tribuna e la dedica è per loro”. Il primo successo in campionato può dare slancio alla Vis Casilina: “Abbiamo dovuto conoscere i sistemi e le idee di calcio del mister, inoltre per molti di noi è la prima volta in un campionato regionale e quindi qualche difficoltà era preventivabile. Ovviamente l’obiettivo è quello della salvezza: se continuiamo a impegnarci come stiamo facendo, possiamo raggiungere questo traguardo. I tre punti dello scorso week-end possono darci fiducia ed entusiasmo”. Abbafati, che era alla Vis Casilina già nella passata stagione, parla del rapporto con mister Savo: “L’ho conosciuto quest’anno: si tratta di una persona alla mano con cui si può parlare anche di cose extra-calcio, mi trovo bene con lui”. La chiusura del difensore è sul prossimo turno, sulla carta proibitivo: “Faremo visita all’Atletico Lodigiani prima della classe: sarà una gara tosta, ma andiamo a giocarcela senza paura perché non abbiamo nulla da perdere”.

Continua a leggere

Sport

Vis Casilina (calcio, Under 17 reg.), Abbafati: “Il primo successo? Dovevamo capire le idee del mister”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – L’Under 17 regionale della Vis Casilina ha battuto il primo colpo. I ragazzi di mister Marco Savo hanno ottenuto il primo successo stagionale superando in uno scontro diretto casalingo l’Atletico Roma VI per 4-2. A parlare del match è il difensore classe 2006 Cristian Abbafati: “Abbiamo iniziato bene la sfida andando avanti col gol di Angeli, poi loro hanno pareggiato e così si è arrivati all’intervallo, ma il punteggio ci stava stretto perché abbiamo sciupato qualche buona occasione. Nella ripresa siamo tornati in vantaggio con Ciciou, ma loro hanno di nuovo pareggiato su un calcio di punizione. La partita in quel frangente era molto combattuta, ma su un mio assist Pepaj ha siglato la rete del 3-2. Poi ho realizzato il quarto gol con una punizione tirata quasi dalla metà campo: ho visto che il portiere non era pronto, ci ho provato ed è andata bene. E’ stato il mio secondo gol stagionale, c’erano i miei genitori Antonio e Bocena in tribuna e la dedica è per loro”. Il primo successo in campionato può dare slancio alla Vis Casilina: “Abbiamo dovuto conoscere i sistemi e le idee di calcio del mister, inoltre per molti di noi è la prima volta in un campionato regionale e quindi qualche difficoltà era preventivabile. Ovviamente l’obiettivo è quello della salvezza: se continuiamo a impegnarci come stiamo facendo, possiamo raggiungere questo traguardo. I tre punti dello scorso week-end possono darci fiducia ed entusiasmo”. Abbafati, che era alla Vis Casilina già nella passata stagione, parla del rapporto con mister Savo: “L’ho conosciuto quest’anno: si tratta di una persona alla mano con cui si può parlare anche di cose extra-calcio, mi trovo bene con lui”. La chiusura del difensore è sul prossimo turno, sulla carta proibitivo: “Faremo visita all’Atletico Lodigiani prima della classe: sarà una gara tosta, ma andiamo a giocarcela senza paura perché non abbiamo nulla da perdere”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti