Connect with us

Roma

FRASCATI: SITUAZIONE DIFFICILE PER L'AMPLIAMENTO DEL CIMITERO

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

 

Cappello: "Per quanto concerne gli allarmismi, sollevati in Aula da alcuni Consiglieri di Opposizione, sul pericolo igienico-sanitario all’interno della cappella cimiteriale, si precisa che i feretri che sostano nella Cappella non causano nocumento alla salute pubblica".

 

Redazione

Frascati (RM) – Per quanto concerne l’ampliamento del Cimitero, la Città di Frascati e la Maggioranza di Governo si trovano oggi di fronte ad una situazione difficile ereditata dal passato. Non va dimenticato, infatti, che l’Amministrazione Spalletta ha ereditato sia l’attuale progetto di ampliamento del Cimitero Comunale, sia la gestione del Bando di Gara sia, infine,  il contratto di affidamento alla Ditta aggiudicatrice dei Lavori.

"Appena nominata, nel costatare lo stato della situazione dei lavori, mi sono fatta carico del disagio subìto dai familiari, i quali sono ancora in attesa di trovare la giusta collocazione ai congiunti, – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Milca Cappello in riferimento al Cimitero di Frascati – causato dai continui ritardi e dalle proroghe nella consegna dei loculi, le cui motivazioni sono agli atti. Si è cercato – prosegue l'assessore – di capire dove fosse la falla del meccanismo e a chi facessero capo le responsabilità. Dall’analisi effettuata si evince che il difetto è intrinseco allo stesso sistema di strutturazione dei lavori: “si realizza, si vende, e con l’incasso del venduto si realizza e si vende ancora”. Il meccanismo si è bloccato quando i cittadini, che si pensava avrebbero acquistato i nuovi loculi, forse anche a causa della crisi, non hanno proceduto all’acquisto nelle modalità previste. La soluzione a tale problematica si è rivelata di non facile elaborazione e si è tentato di individuare il percorso migliore da intraprendere. Innanzitutto, l’applicazione delle penali non segue la volontà dell’amministrazione ma risponde agli obblighi di legge. Si è deciso, in seconda istanza, di dare assoluta priorità all’esigenza di terminare il primo lotto, scongiurando il rischio di causare il blocco totale dei lavori presso il cimitero. Si sottolinea, quindi, che i lavori stanno proseguendo e sia l’Ufficio Tecnico sia l’Amministrazione Comunale sono in costante contatto con la Ditta appaltatrice, al fine di monitorarne lo stato dell’opera. Per quanto concerne gli allarmismi, sollevati in Aula da alcuni Consiglieri di Opposizione, sul pericolo igienico-sanitario all’interno della cappella cimiteriale, si precisa che i feretri che sostano nella Cappella non causano nocumento alla salute pubblica. Infatti, nessun feretro senza zinco permane tanto tempo nella Cappella: quelli destinati a cremazione vi sostano per un massimo di due giorni; quelli destinati ad inumazione, in base alle condizioni meteorologiche, vengono spostati nel deposito dopo pochi giorni. Infine, quando le esequie vengono celebrate di pomeriggio è uso che la salma del defunto sosti nella Cappella per permettere ai cari di vegliare il feretro del congiunto, gesto di attenzione verso le famiglie, consolidato ormai da tempo.
È  bene precisare, – conclude Milca Cappello – per ultimo, che se anche il disagio per la lunga attesa è emotivamente sconfortante, i depositi, che sono tre in tutto, non sono pieni e al collasso, come si vorrebbe far credere; pertanto, nessuna scelta delle famiglie in merito al tipo di sepoltura da dare ai propri congiunti è condizionata dalla saturazione dei depositi".
 

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti