Connect with us

Castelli Romani

Frascati: sventati due furti nelle aziende vinicole. Tre incappucciati sono entrati nella Tenuta di Pietra Porzia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Tentano il furto in due aziende del Frascati Doc, proprio mentre il Presidente del Consorzio di Tutela
Felice Gasperini è dai Carabinieri. Il fatto è accaduto ieri sera intorno alle 20,20. Tre individui
incappucciati sono entrati nella Tenuta di Pietra Porzia, rilevati dalle telecamere dell’agriturismo. Scoperti sono scappati, recandosi nell’azienda confinante di Luigi De Sanctis, dove hanno tentato di rubare un trattore. Scoperti dal proprietario si sono dati alla fuga. Solo due ore prima, il Presidente Felice Gasperini, accompagnato dal Consigliere Oreste Molinari, usciva dalla caserma dell’Arma dei
Carabinieri, dove aveva incontrato il Tenente Col. Salvatore Sauco proprio per sensibilizzare l’Arma sui
ripetuti tentativi di intrusione, danneggiamento e furto che stanno subendo le aziende vitivinicole in
questo periodo.
«La risposta dei Carabinieri è stata immediata e massiccia. Sono intervenuti con grande prontezza con 6
pattuglie e hanno cercato i tre nei campi e nei fossi per oltre un’ora. Sebbene non abbiano potuto
rintracciarli, hanno fatto capire che il territorio è presidiato – afferma il Presidente Gasperini -. Li ringrazio a nome del Consorzio. Nei giorni scorsi avevamo incontrato anche la dott.ssa Alison Arcoraci, Capo Commissario della Polizia di Stato di Frascati, che ha assicurato uguale attenzione e supporto per
interrompere la sequenza di furti che da alcuni mesi subiscono le aziende. Episodi che si sono
intensificati con l’arrivo della pandemia e del lockdown, facendo registrare un incremento significativo in queste ultime settimane».
Oltre a i responsabili territoriali della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, il Presidente Gasperini e il Consigliere Molinari, il 18 novembre scorso alle 12, in video conferenza, hanno incontrato le
Amministrazioni comunali di Frascati, Grottaferrata e Monte Porzio Catone. Erano presenti alla call il
delegato del Sindaco di Grottaferrata Gianluca Paolucci, il Delegato all’Agricoltura di Frascati Basilio
Ventura e la Consigliera con delega al Turismo di Monte Porzio Catone Francesca Valdambrini. Al
termine della riunione, ha portato un saluto il Sindaco Luciano Andreotti, proponendo di realizzare un
coordinamento tra gli enti del Frascati Doc, con capofila il Consorzio di Tutela Denominazioni Vini, per
mettere in sicurezza i territori anche sul fronte del decoro urbano, impedendo la formazione di discariche abusive, in modo da valorizzare gli areali del Frascati.
«È fondamentale aiutare le Forze dell’Ordine nelle operazioni di indagine denunciando ogni violazione,
anche se minima – conclude il Presidente Felice Gasperini -. Su questo come Consorzio
sensibilizzeremo tutti i produttori, piccoli e grandi. Sono convinto infatti che si possa smantellare questo fenomeno, affidandoci alle indicazioni che ci hanno fornito Polizia e Carabinieri. Una delle quali è appunto quella di denunciare sempre ogni intrusione in modo da mettere in luce i comportamenti, le
abitudini e gli orari, quando possibile, di questi “signori”. Più dati avranno e più facilmente potranno
elaborare strategie di risposta. Ringrazio i Sindaci di Frascati, Grottaferrata e Monte Porzio Catone, la
dott.ssa Alison Arcoraci e il Tenente Col. Salvatore Sauco per aver preso in seria considerazione il
problema».
Dalle riunioni di questi giorni è emersa la necessità di avviare un percorso comune per il reperimento di
fondi e contributi per l’installazione di fototrappole, che consentirebbero di presidiare meglio i punti critici e di risalire agli autori dei furti. Anche perché ogni furto, piccolo o grande che sia, danneggia
doppiamente chi lo subisce: oltre alla sottrazione del materiale, ritarda il lavoro programmato nei vigneti o in cantina, producendo così una perdita economica aggiuntiva. Importante sarebbe anche dotare di allarmi satellitari e di Gps i macchinari agricoli più costosi; mentre le aziende dovrebbero installare sistemi di allarme sonori, che hanno un forte impatto deterrente sulla microcriminalità.

Castelli Romani

Rocca Priora, trekking delle tre fonti: un percorso alla scoperta dei tre gioielli dell’ingegneria idraulica preromana

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuti

image_pdfimage_print
ROCCA PRIORA (RM) – Il 28 gennaio, alle ore 9.00, si partirà da Via Monte Ceraso a Rocca Priora, altezza civico n. 5, per una sessione di trekking in cui si seguirà un percorso ad anello e si scopriranno diverse curiosità riguardanti il territorio circostante.
 
Geologia, idrogeologia, morfologia del territorio ed ecosistema bosco saranno i temi principali che verranno sondati durante questa esperienza in cui si visiteranno tre fonti importanti per Rocca Priora: fonte La Tegola e fonte Piscaro che hanno origini molto antiche e ancora oggi conservano i loro cunicoli scavati nella roccia vulcanica risalenti al periodo preromano. Queste fonti erano e sono ancora dei veri e propri gioielli dell’ingegneria idraulica del passato: attraverso pendenze e canali di percolazione, portavano l’acqua in diverse zone del paese. L’ultima che si visiterà sarà fonte Ceraso.
 
L’escursione avrà una durata di circa 4 ore e il rientro è previsto per le 13.00. Si percorreranno 7 chilometri, con un dislivello assoluto di 260 metri. L’escursione presenta una difficoltà media ed è adatta a chi è ha una buona propensione a camminare nei boschi e nella natura. L’esperienza sarà tenuta dall’Associazione Latium Volcano, socia della DMO Castelli Romani. La guida è disponibile anche in lingua inglese.
 
Gli organizzatori consigliano di portare una bottiglietta d’acqua, scarpe da trekking e di indossare abbigliamento comodo e adatto al clima invernale. E infine che sarebbe opportuno portare con sé anche un kway.
 
 
 
 



Continua a leggere

Castelli Romani

Ciampino, Sport e disabilità: nella sala consiliare del Comune un primo incontro con le associazioni del territorio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuti

image_pdfimage_print
Bilancio positivo per l’incontro svoltosi ieri pomeriggio in sala consiliare in tema di inclusività. All’iniziativa organizzata dall’Amministrazione comunale hanno partecipato i referenti delle associazioni sportive del territorio, il CIP – Comitato Italiano Paralimpico del Lazio e la FISDIR – Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali.

“Il tavolo di confronto svoltosi ieri – hanno spiegato l’Assessora alle Politiche sociali Alessandra Mantuano e il Consigliere Delegato allo Sport Emilio Biondi – rappresenta un primo passo importante nella giusta direzione. Come Amministrazione vogliamo pianificare e sviluppare l’attività sportiva per gli atleti con disabilità intellettiva e relazionale. Vedere la partecipazione di così tante società sportive del territorio è il segnale concreto della bontà della nostra iniziativa”.



 

Soddisfatta la Sindaca Emanuela Colella: “Un incontro importante – ha dichiarato la Prima Cittadina – È la prima volta che nell’area della Città Metropolitana di Roma Capitale viene organizzato un tavolo tematico che sviluppa percorsi sportivi con caratteristiche inclusive coinvolgendo tutte le realtà interessate, dalle associazioni sportive agli Enti sovracomunali. A questo incontro ne seguiranno altri che coinvolgeranno le scuole del territorio e i Comuni limitrofi”.

 

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca Priora, a Colle di Fuori nasce “Argento Vivo”: il laboratorio di contaminazione artistica ad alto impatto sociale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Il percorso prevede seminari di: Musica – Teatro Narrazione – Giocoleria & Clowning – Alfabetizzazione digitale


In seguito al grande successo riscontrato lo scorso anno con il progetto Librinmenti, nato dalla collaborazione tra DOC Educational, l’I.C. Cambellotti , La Biblioteca L. Porcari ed il Museo M. B. Robazza di Rocca Priora, quest’anno nasce il Argento Vivo.

Sabato 21 gennaio ore 16:30 presso la Biblioteca di Colle di Fuori sarà presentata la nuova proposta la quale prevede una innovativa formula di didattica allargata: il laboratorio teatrale curato dal socio Doc Edu Alberto Ferraro viene arricchito da un appuntamento mensile con esperti nazionali e internazionali nell’uso della pedagogia artistica in contesti di alto rischio sociale.

Il laboratorio è pensato per due fasce d’età distinte (8-11 e 12-17) e si svolgerà da febbraio a giugno.

Gli interventi mensili offrono seminari intensivi della durata dell’intero weekend, sono aperti a tutte le fasce di età e puntano al dialogo con i professionisti del settore dell’educazione scolastica, con l’obiettivo di garantire un ulteriore complemento dell’offerta formativa.

Il percorso prevede seminari di: Musica – Teatro Narrazione – Giocoleria & Clowning – Alfabetizzazione digitale.

Il progetto Argento Vivo punta a dar vita e voce ad un presidio di strumenti culturali al servizio della comunità di Colle di Fuori.

La creazione di Argento Vivo è finalizzata ad un lavoro di cruciale importanza intorno alla memoria storica locale: la cittadinanza è invitata a coinvolgersi in prima persona, per riportare alla luce testimonianze e proverbi del vivissimo archivio storico orale!

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti