Connect with us

Roma

FRASCATI: “TORNO A CASA, UCCIDO TE E I NOSTRI FIGLI E MI TOLGO LA VITA, COSI’ STAREMO PER SEMPRE INSIEME”.

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuto Lo stalker è stato portato nel carcere di Regina Coeli dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Redazione
Frascati (RM)
– Una brutta storia fatta di pesantissime minacce e mesi di paure è stata risolta dai Carabinieri della Compagnia di Frascati. Si tratta dell’ennesima vicenda di stalking che i militari si sono trovati a dover fronteggiare già dal mese di ottobre dello scorso anno, quando una donna romena di 46 anni si presentò in caserma per denunciare le minacce ricevute dal suo ex marito, anch’egli romeno di 39 anni, in quel periodo in Germania per motivi di lavoro. Proprio quel distacco consentì alla donna, già decisa a interrompere la relazione con il marito, da cui aveva avuto due figli, a formalizzare il tutto avviando le pratiche per il divorzio. In totale disaccordo con tale decisione, il 39enne scatenò la sua ira tempestando di messaggi la donna, dapprima velatamente minacciosi, poi con la più terribile delle promesse: “tornerò dalla Germania, ti troverò e ti ucciderò insieme ai nostri figli, poi mi toglierò la vita, così potremo stare insieme nell’aldilà”. La donna, inoltre, raccontò ai Carabinieri che già 13 anni era stata vittima del comportamento vessatorio del marito, che al culmine di una lite la cosparse di benzina minacciando di darle fuoco. Quando il Tribunale di Roma, accogliendo le richieste dei Carabinieri di Frascati, nel novembre 2013 ha emesso il provvedimento di carcerazione, l’uomo si è reso irreperibile riuscendo ad eludere tutti i tentativi di ricerche attivati sia in territorio nazionale che estero, facendo piombare ancor più nel terrore la donna, preoccupata per un eventuale improvviso ritorno dell’uomo. Nella notte, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Frascati sono riusciti ad intercettare l’uomo e ad ammanettarlo, mettendo la parola fine alla vicenda. Lo stalker è stato portato nel carcere di Regina Coeli dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
 

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti