Connect with us

Redazione Lazio

GALLICANO NEL LAZIO, MINACCIA ECOMOSTRO CIMITERIALE: SU QUESTE TERRE IL COMUNE "SCOPRE" LA VIA FRANCHIGENA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 6 minuti Prima si organizzano incontri su queste preziose terre e poi giù con il mega cimitero da 120 mila loculi proprio lì a due passi dalla via Franchigena

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 6 minuti
image_pdfimage_print

Il Comune di Gallicano nel Lazio in collaborazione con la Regione Lazio e l’Università la Sapienza, invita il 30 maggio al Castello di Passerano, presso Il Granaio del castello che ospiterà le conferenze e gli incontri, per una giornata dedicata alla scoperta della via Francigena del Sud, la strada percorsa dai pellegrini e dai crociati per andare o tornare dalla terra santa, mentre il 30 aprile 2014 la giunta comunale approvava la delibera per la realizzazione nella splendida tenuta di Passerano un megacimitero da 120 mila loculi…. Stiamo su “Scherzi a Parte”?

di Cinzia Marcjegiani

Gallicano nel Lazio (RM)– Con una lunga lista di parterre di relatori il Comune di Gallicano nel Lazio ha organizzato un evento bellissimo e forse alquanto singolare. In collaborazione con la Regione Lazio e l’Università la Sapienza da appuntamento per domani, venerdi 30 maggio 2014, al Castello di Passerano, presso Il Granaio del castello che ospiterà le conferenze e gli incontri, per una giornata dedicata alla scoperta della via “Francigena del Sud”, la strada percorsa dai pellegrini e dai crociati per andare o tornare dalla terra santa. Nella locandina che pubblicizza l’evento si legge: “Le Vie Francigene uniscono l’Occidente all’Oriente, il cristianesimo al paganesimo, sono una sorta di porta magica che racconta come questo paese sia cresciuto culturalmente. Le vie di connessione con gli altri, che siano il mare o la terra hanno arricchito la nostra civiltà portando ed esportando idee, cultura, abitudini, sapori e colori. Sono state una sorta di corridoio delle idee.
Oggi possiamo scoprire questa ricchezza grazie ad esperti del settore, provenienti dal mondo universitario e dalle istituzioni di tutela dei tesori archeologici del Lazio, che ci guideranno in un percorso nel tempo, fino a condurci ai nostri giorni per riflettere sulle modalità di una fruizione in chiave moderna della strada battuta per decenni dai nostri avi.” Il programma si annuncia ricco di contributi autorevoli. Gli interventi iniziano alla 9:30 con la presentazione della Dott.ssa Fabiola Salvati Assessore alla Cultura del Comune di Gallicano nel Lazio, seguiranno i saluti istituzionali del Prof. Marcello Accordino, Sindaco del Comune Gallicano nel Lazio, e il Direttore Miriam Cipriani, Direzione Regionale Cultura e Politiche Giovanili. Gli interventi accademici prenderanno il via con il Prof. Francesco Gui, docente di Storia moderna–Sapienza Università di Roma che illustrerà “Valorizzare la storia e i beni culturali del Lazio” e termina la prima parte, prima del Coffe Break, l’intervento del Prof. Stefano Pifferi, docente di Letteratura Italiana–Università della Tuscia con “Scritture odeporiche e Francigena. Qualche appunto per una riscoperta.” L’evento che permetterà anche di visitare questi posti magici quasi incontaminati dall’impatto antropologico, la seconda parte prosegue con la relazione della Prof.ssa Ester Capuzzo, docente Storia Contemporanea–Sapienza Università di Roma dal titolo “Una viaggiatrice inglese nella Campagna romana”. Altri due interventi preziosi arricchiranno il programma, il Prof. Alessandro Saggioro docente di Storia delle Religioni – Sapienza Università di Roma che parlerà di “Divinità del territorio sulle vie dei pellegrini”, e il Dott. Zaccaria Mari Funzionario Archeologo della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio, con “Interventi di scavo e valorizzazione lungo la Via Prenestina antica (Comuni di Gallicano e Zagarolo) nell’ambito del programma di riscoperta della “Via Francigena del Sud”.
L’Osservatore d’Italia sarà presente all’evento, dove il luogo di storia, cultura e patrimonio ambientale suscita sicuramente un interesse curioso a queste bellezze disincantate, ma soprattutto valutare con gli esperti accademici e illustri che interverranno, come possono esistere due linee che si fronteggiano antagoniste, che stanno esacerbando soprattutto le stesse associazioni che si sono impegnate finora a lottare affinché questi luoghi siano ancora patrimoni intoccabili, mentre l’organizzatore dell’evento sta mettendo basi per lo sfruttamento di posti che richiamano la tutela ambientale. Il comune di Gallicano nel Lazio, criticato per il progetto industriale con cui voleva depredare queste terra con la Centrale a Biogas, ora con una delibera di giunta datata 30 aprile 2014, approvava una delibera con la quale si conferma la “meritevolezza” dell’interesse pubblico circa la realizzazione di un megacimitero da circa 120mila loculi che dovrebbe sorgere nella splendida tenuta di Passerano, in località Pian dei Quadri, dove sia i cittadini che i comitati, si sono sentiti traditi in questa scelta che viene etichettata irresponsabile. Tra di loro anche Urbano Barberini, Presidente del comitato “Salviamo Villa Adriana e consigliere di Italia Nostra. Il Comitato di Gallicano pubblicizza questo evento che se da un lato darà l’opportunità di visitare questi luoghi, lascia imbarazzo e sconcerto per la dualità in forte contrapposizione dello stesso, dove enfatizza i luoghi di elevato valore ambientale e storico, mentre dall’altro lo stesso Sindaco Accordino, diventa lo spadaccino che proietta in queste terre, progetti industriali di forte impatto altamente ambientale. Claudio Auriemma traccia la propria riflessione:” Il programma è ricco di eventi e di relatori autorevoli. Chi vive in questi luoghi è abituato a vedere l’antica Via Prenestina con i suoi lastroni in basalto, Ponte Amato con la sua arcata superba, i percorsi delle acque accompagnate nel loro corso dall’opera dei maestri scalpellini di epoca Romana. L’abitudine però distrae. Di conseguenza è importantissimo creare occasioni di approfondimento che possano riportare l’attenzione sui tesori dell’agro romano. Il Gallo Parlante però dà sempre una lettura critica di quello che viene proposto, è la sua caratteristica, una criticità innata che speriamo sia da stimolo e consiglio. Viene narrato, descritto e suggerito un territorio che nello stesso tempo si vuole fare oggetto di progetti di cementificazione. La giornata del 30 maggio è un occasione per vedere, annusare, vivere e capire l’importanza di una parte dell’ agro romano che va protetta e non sfruttata. Vi invitiamo a visitarla proprio per stimolarvi a difenderla.”

Una lettura condivisa che chiede trasparenza su queste illogiche e paradossali visioni di un territorio che si vuole tutelare a parole, ma nella pratica si cercano affannosamente progetti industriali che ne depauperano il valore…se non stiamo su Scherzi a Parte presto lo scopriremo. Sarà interessante consultare i docenti come lo stesso Dr Zaccaria, Funzionario Archeologo della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio che interverranno all’evento, in merito a questi 120 mila loculi su cui il Comune di Gallicano ci tiene a costruire. Questa è la domanda che un cittadino rivolge al comune di Gallicano nel Lazio: "Come si fa a fare una manifestazione del genere, se gran parte della bellezza di quella zona verrà distrutta irrimediabilmente? La faccia tosta non vi manca?”

LEGGI ANCHE: 

 21/05/2014 GALLICANO MEGA CIMITERO DA 120 MILA LOCULI: APPROVATO L'ECO (MOSTRO) PROGETTO, E' POLEMICA

 30/04/2014 GALLICANO NEL LAZIO: E' ALLARME DISCARICA CON AMIANTO

 29/04/2014 GALLICANO NEL LAZIO – ZAGAROLO, CENTRALI BIOGAS A 400 METRI DALLE ABITAZIONI: PARTE L'INCHIESTA DE L'OSSERVATORE D'ITALIA

Metropoli

Bracciano, trovato un uomo impiccato sul lungo lago: è giallo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Giallo sul lago di Bracciano, dove questa mattina è stato trovato un uomo impiccato. A fare la macabra scoperta una signora mentre passeggiava sul lungo lago Argenti.

L’uomo era legato ad una corda, esanime, sul patio di un ristorante all’altezza del civico 20.
Ancora ignota l’identità del cadavere, apparentemente sembra una persona del Nord-Est Europa. La salma si trova al momento presso l’ospedale Padre Pio di Bracciano. Con tutta probabilità l’autorità giudiziaria disporrà l’autopsia. Sul caso indagano i Carabinieri della Compagnia di Bracciano comandati dal Capitano Simone Anelli.

Continua a leggere

Metropoli

Canale Monterano, antiche ricette e tradizione: dopo due anni di fermo torna “La Sagra delle Fettuccine Paesane”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

24-25-26 giugno 2022

CANALE MONTERANO (RM) – Torna la Sagra delle Fettuccine a Canale Monterano, il borgo situato a nord della Capitale a pochi chilometri dal lago di Bracciano. Dal 24 al 26 giugno si potrà degustare questa pasta all’uovo “de na vorta”, rigorosamente lavorata a mano dalle nonne del paese portatrici delle antiche ricette della tradizione e dando vita ad uno dei piatti più celebri e gustosi della cucina del borgo e dell’intera regione Lazio.

Dopo due anni di fermo, a causa dell’emergenza pandemica – le donne delle varie contrade di Canale Monterano torneranno a creare diversi tipi di fettuccine in abbinamento a diversi tipi di sughi che faranno immergere i visitatori nei sapori di una volta.


Un appuntamento che con La sagra delle Fettuccine Paesane che sarà anche l’occasione per visitare il borgo di Canale Monterano e la suggestiva Monterano Antica, una delle città fantasma più note del Lazio.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, a fuoco il muro della chiesa della Misericordia. Il sindaco confuso sull’accaduto?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – In fiamme nella notte il muro della chiesa della Misericordia a Bracciano, un simbolo per la comunità. Sul lato della chiesa erano posizionati dei cartoni che hanno preso fuoco. Nessuno ha visto o capito cosa sia successo, con tutta probabilità si tratta di un gesto sconsiderato di qualcuno rimasto ad oggi ignoto. Le fiamme non si sono propagate nel circondario. A dare notizia del gesto il parroco Don Piero Rongoni: “Forse un mozzicone di sigaretta “accidentalmente caduto”….. o forse un raro fenomeno di autocombustione, oppure qualche persona annoiata dalla monotonia della quotidianità…. O peggio ancora un atteggiamento irresponsabile verso la chiesa della Misericordia, luogo importante e significativo della nostra comunità braccianese.

Fatto sta che ieri sera del fuoco si è sprigionato bruciando i cartoni appoggiati sulla parete della chiesa, luogo in cui oltre 30 volontari cercano di sostenere oltre 80 famiglie attraverso la consegna di derrate alimentari con il nostro Banco.

Non nego la tristezza e la delusione per questo gesto irresponsabile….. ma non ci arresteremo: puliremo, tinteggeremo, sistemeremo e continueremo la nostra opera sociale e caritativa”.

Non ha forse ben compreso cosa sia successo il sindaco Marco Crocicchi il quale nel dare la solidarietà ha scritto di un terribile incidente che avrebbe mandato in fumo il lavoro di oltre 30 volontari: “Voglio esprimere a nome di tutta l’amministrazione e, ne sono certo, di tutta la comunità di Bracciano, la massima solidarietà per il terribile incidente che stanotte ha mandato letteralmente in fumo il preziosissimo lavoro di raccolta di oltre 30 volontari che stanno cercando di sostenere oltre 80 famiglie attraverso la consegna di derrate alimentari con il Banco organizzato dalla chiesa della Misericordia. Al coraggio e all’impegno dei volontari, della parrocchia e del suo parroco, Don Piero Rongoni l’amministrazione non resterà indifferente e offrirà tutto l’aiuto perchè il loro lavoro è una bellissima pagina della storia della nostra città e va supportato e rilanciato”

Per fortuna il loro lavoro, o meglio le opere e impegno dei volontari sono salvi. Il parroco ha spiegato che l’incendio ha colpito un luogo dove sono impegnati ogni giorno oltre 30 persone.

Continua a leggere

I più letti