Connect with us

Costume e Società

Gaslight, esiste veramente: ti fanno perdere l’autostima fino a farti sentire sbagliato!

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Se qualcuno ha visto il film “Angoscia” (titolo originale “Gaslight”), con una strepitosa Ingrid Bergman e un altrettanto eccezionale Charles Boyer, ha chiaro di cosa stiamo parlando.

Nel 1946 andò in concorso a Cannes ma ancora oggi questo fenomeno sembra essere sconosciuto ai più.


Il gaslighting è la tecnica con la quale qualcuno, persona fisica o gruppo, individua una vittima alla quale fa in modo di far perdere le certezze che aveva avuto fino ad un momento prima.


Come? Insinuando differenti visioni della realtà, volutamente alterate, che finiscono per diventare “ovvie” e reali, a scapito della vittima, complice il sostegno di prove fallaci o persone conniventi.
Spy story? Purtroppo no.


Il gaslight è molto più subdolo e presente di quanto possa sembrare.
Bauman e la Arendt lo sapevano bene quando descrivevano come il nazismo e le sue intollerabili assunzioni si fossero insinuate man mano, modificando e modellando i parametri di verità e giustizia della società tedesca di quegli anni attraverso l’instillazione progressiva e letale di
assurdità che man mano diventavano vere e condivisibili.
La vittima di gaslight viene portata a riconoscere progressivamente la sbagliatezza – o la patologia delle sue convinzioni, pensieri, idee, fino al punto di abbandonarle in virtù delle “nuove verità” propinate come vere, a volte in modo molto sofisticato, altre in modo molto becero ma altrettanto efficace alla lunga.


Ecco alcuni dei segnali d’allarme per riconoscere quando questa strategia sta entrando in azione contro di noi:
1 le bugie eclatanti passate per vere. È una tecnica di comunicazione efficacissima. Se qualcuno mente in modo spudorato non sarò più sicuro che nulla di ciò che dice è vero. È uno dei modi con i
quali chi fa gaslight instilla il dubbio su cose vere.
2 negare di aver detto qualcosa. Il gaslighter per eccellenza è colui che nega l’evidenza in modo sfacciato, finchè a te non venga il dubbio che se nega con tanta veemenza in effetti stia dicendo la
verità
3 attacco alle fondamenta dell’identità. Il gaslightin prevede che chi lo agisce attacchi le cose che ti sono più care fino al punto di farti sorgere dei dubbi sui tuoi parametri di riferimento
4 Minare lentamente l’autostima della vittima. Con piccoli, costanti, commenti negativi. Fino a che tu stesso non sarai convinto della giustezza di quelle critiche
5 Parole e azioni non coincidono. Se vuoi accorgerti di chi sta facendo gaslight guarda a quello che fa e non lasciarti distogliere da quello che dice: spesso noterai una grande differenza
6 mentre stanno demolendoti fanno o dicono qualcosa di molto carino, perché tu vada in confusione e non possa pensare davvero male di loro che “sono stati tanto gentili in quella circostanza”

7 conoscono e usano molto bene la confusione come tecnica per indebolire le difese delle persone.
8 Ti accusano costantemente di ciò che stanno facendo loro. Attacco preventivo. Saranno stati i primi ad accusare di qualcosa e potranno con meno efficacia venirne accusati.
9 Ti portano le persone contro. Non sempre direttamente. A volte sono mezze parole, ma il risultato nel tempo sarà portare le persone a dubitare o allontanarsi da te
10 dicono di te o a te direttamente che forse sei matto o hai qualcosa che non va. Per quanto possa essere assurdo, prima o poi il dubbio che sia vero verrà sia a te che agli altri
11 ti dicono che “tutti là fuori ti mentono e non ti devi fidare”, in modo da toglierti nel tempo riferimenti esterni che ti aiuterebbero a riacquistare lucidità.
Ci sono diversi studi clinici che indagano questa modalità e le sue conseguenze. Al di là di teorie complottiste, al di là del voler sempre vedere un’intenzionalità negativa, ma rimanendo ben presenti a noi stessi, quante delle cose alle quali oggi sembriamo essere abituati (dal razzismo, alla
mancanza di coesione sociale, al mal costume; dalla tv spazzatura, alla cultura della violenza, alla promiscuità sessuale patologica, alle dipendenze, all’incapacità relazionale, all’analfabetismo funzionale) fino a un certo punto ci sembravano folli e orribili?
Come sarebbe iniziare ad avere più presenza e poter guardare a ciò che ci dicono i cosiddetti esperti o i tuttologi che vagano per il mondo o i media con uno sguardo un po’ più consistente? Io, come al solito, me lo auguro.

Valeria De Luca

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Costume e Società

Anguillara Sabazia, la Sagra del Pesce compie 59 anni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – 59ima Sagra del Pesce per la città di Anguillara Sabazia. L’appuntamento con il tradizionale evento è stato fissato per il 15 e 16 giugno 2019.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

“Ci vediamo a via Veneto”. In diretta dalle ore 18: ospiti di Chiara Rai il prefetto Francesco Tagliente e sua moglie Mariateresa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Ci vediamo a via Veneto” oggi la diretta dalle ore 18. al via la seconda puntata della trasmissione giornalistica ideata e condotta da Chiara Rai.

Ospiti della puntata il prefetto Francesco Tagliente insieme a sua moglie Mariateresa che hanno accettato, per la prima volta, di farsi intervistare insieme.

Il programma potrà essere seguito in diretta

Su Facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/civediamoaviaveneto/ e sul canale Youtube dedicato (Ci vediamo a via Veneto) o direttamente su questa pagina dove è stato predisposto il riquadro per seguire la trasmissione che resterà poi disponibile per le visioni in differita.

Con il nuovo format web tv, Chiara Rai ci offre l’opportunità di vedere nuove pagine di cultura e attualità segnate da grandi personaggi, dal mondo delle istituzioni a quello dello spettacolo, che hanno contribuito scrivere la storia del nostro Paese.

Sono interviste che solleticheranno la curiosità e la voglia di conoscere episodi ancora inesplorati dei personaggi che siedono nel salotto esclusivo romano. Una chiacchierata informale che prova ad apre nuovi scenari in tema di attualità.

La location è sicuramente esclusiva: il prestigioso salotto dell’Harry’s Bar di Pietro Lepore, nel cuore di Roma. Il locale più famoso della via della Dolce Vita, strada conosciuta in tutto il mondo per essere diventata espressione dei grandi film d’autore e red carpet di attori, registi italiani e celebrità che, anche grazie agli scatti del King dei Paparazzi Rino Barillari, si sono affermati nel panorama internazionale nonché centro di attività legate al cinema e alla cronaca rosa d’eccellenza.

La ricetta delle interviste è semplice ma virale: ospiti variegati che provengono da diverse realtà. La parola d’ordine è conoscere e curiosare per acquisire notizie dietro l’angolo. Ci vediamo a via Veneto è nata dall’idea di un gruppo di giornalisti che intendono far parlare con maggiore intensità una strada che ha regalato a Roma e al mondo tante emozioni.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

“Ruggine” il quinto album di Alberto Donatelli: 20 anni passati all’insegna del Rock… e si continua

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Alberto Donatelli, cantautore e chitarrista, attivo soprattutto nella Capitale, dove è nato e cresciuto, si definisce un ”Rocker artigiano”. Gestisce infatti, in forma indipendente, autonoma ed auto-prodotta tutto quello che riguarda la realizzazione, pubblicazione, distribuzione e promozione della sue canzoni, partendo naturalmente dalla composizione delle musiche e dei testi.

Il video servizio su Alberto Donatelli trasmesso a Officina Stampa del 16/5/2019

Un percorso musicale all’insegna del Rock, senza vincoli nè compromessi, iniziato nel 2001 che da pochi giorni ha visto Donatelli pubblicare il suo nuovo album intitolato “Ruggine” contenente 10 tracce tra cui il singolo, che ne ha anticipato l’uscita lo scorso 12 aprile, e attualmente in promozione radio “La foto che non puoi scattare” per il quale è stato realizzato anche il videoclip. 

Il rocker si è recentemente laureato in “Disciplina delle Arti, della Musica e dello Spettacolo all’Università di Roma Tre dove ha presentato uno studio incentrato sulla “musica e discografia in Italia”.
La video intervista al rocker Alberto Donatelli

Spesso in Italia ci si lamenta di ascoltare sempre “i soliti nomi”. Quelli che dominano le classifiche, o quelli che riempiono i club per intenderci e si fa fatica a trovare degli spazi in cui poter esplorare nuovi suoni e nuove facce. Ebbene, Alberto Donatelli in questo ultimo ventennio è riuscito a creare i suoi spazi dove poter divulgare la sua musica che rappresenta la sua vocazione principale e quella alla quale terrà sempre fede.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Maggio: 2019
L M M G V S D
« Apr    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it